«La nave rollò come se si fosse liberata di un peso ingiusto; le vele schioccarono nel vento, la brezza giunse con il suono di un sospiro maestoso e possente. Le vele si gonfiarono, la nave prese velocità, e il mare ridestato incominciò a mormorare sonnacchioso».

«All’uomo, nella sua fragile barchetta, è dato il remo in mano proprio perché segua non il capriccio delle onde ma la volontà della sua intelligenza».
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833.

«Se vuoi costruire una barca, non radunare uomini per tagliare legna, dividere i compiti e impartire ordini, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito».
Antoine de Saint-Exupéry, Cittadella, 1948.

«Non so perché i patiti della vela passano la vita sognando di essere in mare, e poi cercano di arrivare in porto il più presto possibile».
David Hays e Daniel Hays, Il mio vecchio e il mare, 1996.

  • Mare della distruzione, o del paradosso della vita

    «Ecco come bisogna essere! Bisogna essere come l’acqua. Niente ostacoli – essa scorre. Tro…
  • Aforisticamente Il mare

    Il mare ci sdrucciola addosso e ci nutre di infinito, scordi l’aria natia: è acqua che nut…
  • Abissi

    Un sommergibile oceanico, Classe Marconi della 2° Seconda Guerra Mondiale, era capace di p…
Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
  • Aforisticamente… i treni.

    “Il viaggio più affascinante è un viaggio antico, graduale, privato e sociale insieme: il …
  • Aforisticamente… la pioggia.

    “Un giorno cominciò a piovere e non la smise più per quattro mesi. Siamo stati sotto le pi…
  • Aforisticamente… tango

    “E mentre tutti saranno agitati a cercar di restar vivi sotto un diluvio di acida pioggia …
Carica altro Aforisticamente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

Tamara de Lempicka, la regina dell’Art Déco.

“Vivo la vita ai margini della società, e le regole della società normale non si applicano…