Al-Khwarizmi – Il genio dimenticato che ha plasmato la matematica, l’astronomia e la geografia

Al-Khwarizmi

ALGORITMI – ABU-JAʽFAR MOHAMMED IBN-MŪSA AL-KHUWĀRIZMI


Era tardi nel gioco quando mi sono reso conto di aver dimenticato di guardare l’ultima pioggia di meteoriti. È qualcosa che mi piace sempre fare per ricordare a me stesso quanto piccoli e insignificanti siamo noi esseri umani nello schema delle cose… o forse sono solo io…

Comunque, sono uscito a vedere le stelle e i lampi di luce che spaventavano il cielo, solo che era nuvoloso e nevicava un po’ con il vento. Ma sotto il lampione, il rapido lampo dei fiocchi avrebbe potuto quasi essere quello delle meteore, a ben immaginare.

E mentre stavo lì a guardare l’universo della mia immaginazione ho iniziato a pensare agli algoritmi.

Oh, so che era completamente fuori contesto e cose del genere quando avrei dovuto pensare con perspicacia, ma è in qualche modo così che il mio cervello decide di funzionare quando meno me lo aspetto. Stavo guardando i vecchi servizi sugli Dei del Monte Davos e sull’agenda verde solo per far infuriare ulteriormente la mia sensibilità per la giornata e non sono sicuro di come il mio cervello abbia deciso di fare questa svolta.

Suppongo che stessi pensando a ciò che sappiamo e non sappiamo e a come invecchiando a volte ciò che sai non è realmente qualcosa che sai perché in realtà hai dimenticato i dettagli: algoritmi ad es.

Un ritratto del missionario gesuita tedesco Johann Adam Schall von Bell (1592–1666), in Cina (dinastie Ming e Qing) dal 1622 alla sua morte nel 1666.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da qualche parte nella vasta portata della mia storia sono assolutamente certo che qualcuno o qualche libro mi abbia insegnato l’esatta definizione di cosa fosse un algoritmo e così è stato. Ho vagato per tutta la mia vita finora sapendo di sapere cos’è un algoritmo. Ma non essendo un ingegnere, un informatico o un matematico, raramente ho avuto motivo di usare la parola algoritmo a grandi linee. Ma sapevo di sapere di cosa si trattasse.

Poi è arrivato il giorno in cui le persone hanno iniziato a dire regolarmente: “oh, è l’algoritmo!” e pensi “oh sì, certo che è l’algoritmo!” L’algoritmo è stato incolpato di ogni singola cosa sbagliata nel mondo in questi giorni, sicuramente su Internet. E il coro di colpe continua ad aumentare.

Non abbiamo libertà di parola ora a causa dell’algoritmo. Abbiamo infinite pubblicità ripetitive a causa degli algoritmi. Siamo vittime della propaganda a causa degli algoritmi. Finiremo in un incubo totalitario infernale orwelliano a causa degli algoritmi.

Siamo alla mercé definitiva non di Dio o della scienza, ma dell’Onnipotente Algoritmo.

E poi, stando lì vicino al lampione a tarda notte a fissare cupamente il vento umido, ti rendi conto che non sai veramente cosa sia un algoritmo e non hai idea di come sei finito a pensare agli algoritmi.

Quindi ho cercato.

Convertitore di Data in Numeri Romani

La parola è stata formata dall’algoritmo “il sistema di numeri arabi”, una parola che risale all’inglese medio e in ultima analisi deriva dal nome di un matematico persiano del IX secolo, abu-Jaʽfar Mohammed ibn-Mūsa al-Khuwārizmi . Significa una procedura per risolvere un problema matematico in un numero finito di passaggi che spesso comporta la ripetizione di un’operazione.

Questo mi ha dato il “ahah!” Ha risolto un grosso problema che ho sempre avuto, uno di quei misteri risolti che posso finalmente mettere da parte con grande soddisfazione per dimenticarlo finché non mi ricorderò di averlo dimenticato, cosa che non accadrà finché non sarò molto vecchio e non accadrà. Non ha importanza a quel punto perché probabilmente starò mangiando pappa sdentata e guarderò le repliche di MASH con gli altri detenuti e penserò a dove avrò messo le mie pantofole a quel punto, che è così che alla fine va la vita. Ma sto divagando.

Arriva Davos, e i servizi escort svizzeri vanno in tutto esaurito

Lassù sulle montagne dove gli Dei del Monte Davos si divertivano con i loro colleghi e le loro prostitute da 4.400 dollari a notte, lo stesso Mr. Green Agenda probabilmente vagava per le strade tutto vecchio, curvo e pronto ad andare in pensione. Se fosse stato avvicinato dai giornalisti probabilmente, come tutti loro, non avrebbe avuto nulla da dire. Né avrebbe proclamato la sua intenzione di ritirarsi, come si dice. Il volto per eccellenza del movimento verde e dell’allarmismo planetario ci dice da decenni che moriremo tutti a meno che non rinunciamo a tutto ciò di cui godiamo (e per cui per lo più abbiamo lavorato) o almeno lo trasferiamo ai coniugi in modo da non poterlo fare. Essere incolpato quando tutto ciò accade.

Mr. Green pants è uno degli Dei minori del Monte Davos, ma pur sempre un Dio. Il proprio status di minore o maggiore è semplicemente determinato da quanti soldi si hanno, come sappiamo. La domanda che ho sempre avuto riguardo al signor Gore è perché non ha cambiato nome? Chi mai vuole vivere la vita con un soprannome che ricorda loro i film slasher degli anni Settanta o giochi di guerra e cose “sanguinose” schizzate di sangue? E perché “Al”? Perché non Alan o Alphonse? Cosa stavano pensando i suoi genitori! Portare avanti il ​​cognome è una cosa, ma mandare un bambino nel mondo pronto a subire ferite psicologiche, voglio dire… Davvero!

Ma ora lo sappiamo, no? Al Gore è un algoritmo. L’Al-Gore-itmo. Tutte queste sciocchezze su “abu-Jaʽfar Mohammed ibn-Mūsa al-Khuwārizmi” sono storia antica. L’Algoritmo Onnipotente è stato ridefinito. Al Gore è un algoritmo e il suo nome prefigurava la nostra fine. Ora siamo tutti alla mercé di Al Gore, anche con il suo status di Dio minore. Ecco perché la parola è così popolare adesso.

Ovviamente Al Gore è semplicemente uno di una serie di passaggi matematici finiti che si ripetono. È uno strumento ripetitivo per smantellare il mondo per salvare il mondo. Non è nemmeno reale, vero? È un’idea inventata per un problema. Forse non aveva nemmeno i genitori? Forse è la prima versione dell’intelligenza artificiale robotica? Potrebbe succedere. Sto solo dicendo. Avremmo dovuto capirlo allora. Idioti siamo.

Ma non importa tutto questo. Il WEF ha deciso di infondere loro fiducia nelle mandrie che muggiscono utilizzando senza dubbio algoritmi e le mandrie che muggiscono si stanno confondendo. Eravamo abituati a fidarci di Dio, poi della “Scienza” e ora del WEF, ma adesso che dire di Al Gore? Per l’amor del cielo! Decidetevi! Non abbiamo tutto il giorno e la fine è vicina, come si suol dire. Chiunque siano. A nessuno di noi importa più. Li odiamo tutti. Andate via.

50 anni di fallimenti, previsioni eco-apocalittiche

Ecco una canzone per la giornata:

Ecco una citazione:

 

Silvia Shawcross Visita il mio  Substack  se ne hai voglia.

 

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Silvia Shawcross
Carica altro CULTURA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«NELLA CAVITÀ DELLA ROCCIA»

Di notte fa di nuovo freddo e i procioni allungano le loro manine fino alla ciotola del ci…