A Roma, sul tetto di casa mia, abita una coppia di gabbiani. Ha fatto il nido tra le tegole, lei ha partorito e svezzato il piccolo

ANCHE PER I GABBIANI VALE LO IUS SOLI?

A Roma, sul tetto di casa mia, abita una coppia di gabbiani. Ha fatto il nido tra le tegole, lei ha partorito e svezzato il piccolo. L’ho visto crescere, nascono brutti e grigi, poi migliorano. Ho visto arredare la loro casa, lei che covava la sua maternità, lui che andava fuori per lavoro e poi rientrava. Una famiglia normale, rarità di questi tempi, anzi rara avis, come dicevano i latini alludendo agli uccelli (un mio compagno di scuola confuse avis con aviae e tradusse come in un quadro di Magritte “le nonne volano nel cielo”). Un gabbiano in pieno centro non è più una rarità, soprattutto se c’è una pescheria che li fa sfama e li fa sentire nel loro habitat naturale, tra odori di pesce. I gabbiani scendono a mensa in pescheria, dialogano col pescivendolo in gergo ittico-aviario; lui parla agli uccelli e moltiplica i pesci ma non è un santo.

Però col tempo i gabbiani sono diventati isterici, strillano in continuazione, si beccano, si fanno scenate. Soprattutto il pischello, è venuto su nevrastenico. Vivere in città li ha stressati. Conosco gabbiani che vivono sul mare, sono sereni e leggiadri, si godono la vita, a sud si fanno pure la controra dopo pranzo. A Roma invece sembrano femministe inacidite, beppegrilli in comizio. Roma corrompe anche loro, li rende sgarbatelli. Aggressivi. Erano il simbolo della libertà, invece stanno sempre qui, ai domiciliari, a litigare. Fanno rumori pazzeschi anche di notte, come se spostassero mobili e camminassero con gli zoccoli. In città sono contronatura, che dite se li sfrattiamo? Non provarci sennò passi per zoofobo. Vedrete, in virtù dello ius soli, o ius tetti, i gabbiani saranno prima regolarizzati e poi riconosciuti come coppia di fatto. Se ti danno fastidio, smamma tu, vedi d’annatte, mi suggerisce col becco il gabbiano, forte dell’appoggio sindacale e delle ong pro gabbiani.

 

 

Fonte: MV del 23 marzo 2021

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Marcello Veneziani
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«A SUD IL PIANTO DEL COCCODRILLO»

”Una sera d’estate ero con quattro amici del mio paese e tutti raccontavano dei loro figli…