Il mondo non è stato creato una volta, ma tutte le volte che è sopravvenuto un artista originale.

(Marcel Proust)

Il 16 settembre, a Berlino, nel quartiere di Schöneberg, verrà inaugurato il primo museo dedicato alla Street Art, l’arte urbana per eccellenza, che dalle strade, dai muri e dai vicoli della città, passerà alle sale dell’Urban Nation for Urban Contemporary Art. Il museo sorgerà in un edificio a due piani dalla facciata beige ricoperta di graffiti, ristrutturato in modo da accogliere al meglio i lavori monumentali degli artisti di strada.

Berlino non è solo uno dei maggiori hotspot dell’arte in Europa, ma è da tempo indicata come la mecca della Urban Art. Tratti del famigerato Berliner Mauer che ha diviso in due la città per 28 anni (dal 1961 all’89) sono definiti la più grande galleria di pittura a cielo aperto per via dei graffiti e dei murales che li ricoprono. Certo, il rischio di snaturare il concetto stesso della Street Art inserendola all’interno di un museo è forte, essendo una forma di espressione artistica nata dalla rabbia, dal bisogno di protesta e di contestazione, dalla volontà di infrangere i Muri con il colore e il segno. Pensare la Street Art chiusa dentro un museo può far nasce qualche perplessità, sorte anche tra gli artisti come Blu ed altri in Italia un anno fa a Bologna in occasione della mostra “Street Art Banksy & Co. L’arte allo stato urbano” inaugurata a Palazzo Pepoli da Genus Bononiae.

Artisti provenienti da tutto il mondo sono già stati coinvolti e lo saranno ancor più in futuro in mostre e nei progetti sociali di URBAN NATION. L’obiettivo del museo è quello di creare uno spazio per incontrarsi, sperimentare e comprendere l’arte.

 

Saranno mostrate anche lavori di artisti italiani come NEMO, NEVER 2501, Pixel Pancho o Alessio-B.

 

 

 

Il museo ospiterà anche la biblioteca di Martha Cooper che sarà il cuore pulsante del museo. Una biblioteca dedicata alla Street Art il cui nucleo centrale della collezione è stato donato dalla celebre fotografa americana che ha documentato tra gli anni Settanta e Ottanta del Novecento la generazione degli street artist americani, raccontando la Street Art di New York degli albori, illustrandone i graffiti in un libro ormai di culto intitolato Subway Art, ritenuto fondamentale per la conoscere il mondo underground newyorkese.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

ORARIO DI APERTURA DEL MUSEO

Martedì e Domenica dalle 10.00 alle 18.00

Bülowstraße 7, 10783 Berlino, Germania

CONTATTO

+49 30 32 29 59 89

office@urban-nation.com

 

  • BANKSY UN MITO DELLE STREET-ARTIST.

    ” Attorno a Banksy si nasconde da sempre un alone di mistero. E’ stato in grado di f…
Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
  • GENERAZIONE “FIOCCHI DI NEVE”

    ”Prede perfette? Le masse giovanili transumanti e la generazione “fiocchi di neve”: freddi…
  • GRETA: “LA PISTA DEI SOLDI”

    ”Effetto Greta? Quando le volpi occupano il pollaio! Una buona causa in mano ai peggiori p…
  • Biopotere. L’uomo OGM.

    ”L’uomo geneticamente modificato non è che il corpus vilis su cui si sperimenta o si scari…
Carica altro Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«Company Parade»

”È molto difficile rendere omaggio ad un romanzo, pubblicato per la prima volta nel 1934 e…