NEL SEGNO DI MANARA. ANTOLOGICA DI MILO MANARA

Il 22 settembre fino al 21 gennaio 2018 ci sarà l’importante riapertura dello storico Palazzo Pallavicini di Bologna, dove si terrà una mostra retrospettiva dedicata al grande maestro Milo Manara.

Milo Manara, è un famoso per le sue raffigurazioni femminili provocanti, seducenti e sinuosi che lo hanno confermato il maestro dell’erotismo italiano. Ma qual è la distinzione tra un soggetto erotico ed uno porno? Qual è il limite tra donne soggetto della storia e donne oggetto del piacere? Milo Manara lavora su questa linea di confine, un limite che varia a seconda delle impressioni del pubblico e dei media.

L’esposizione, curata dal Direttore di COMICON Claudio Curcio e promossa dal gruppo Pallavicini S.r.l, proporrà un percorso espositivo di ben 130 opere, suddiviso in sette sezioni, che andrà ad abbracciare sia la produzione a fumetti di Manara, che il suo lavoro d’illustratore per la stampa, il cinema e la pubblicità.

Dalle tavole quasi mai viste di Un fascio di bombe fino all’assoluta anteprima delle tavole del secondo volume dedicato a Caravaggio, di prossima pubblicazione. 

 

Spazio anche ai primi importanti lavori: saranno esposte le tavole da Il gioco e Il profumo dell’invisibile e le pagine dei fumetti nati dalla collaborazione con Hugo Pratt (El GauchoEstate indiana) e quelle de I Borgia, in collaborazione con Alejandro Jodorowsky.

 

 

 

 

 

 

Non mancheranno le tavole di Viaggio a Tulum e Il viaggio di G. Mastorna detto Fernet, nate dalla collaborazione con Federico Fellini e, in via esclusiva, una serie di disegni autografati dal regista riminese, insieme a degli storyboard e delle indicazioni che Fellini mandava al giovane Manara come canovacci per le sue storie.

 

Orari di apertura
Aperto da mercoledì a lunedì dalle 10.00 alle 19.00
Aperture festività: 4 ottobre (Bologna), 1 novembre, 8, 25 e 26 dicembre, 1 e 6 gennaio. Chiuso il martedì

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Attualità

Un commento

  1. Giuseppina DIEGOLI

    12 settembre 2017 a 22:03

    Bellissimi deve essere molto interessante la mostra a Bologna sarebbe un occasione per visitare anche la città vedremo se possibile

    rispondere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

Incipit famosi… Se una notte d’inverno un viaggiatore.

“Se il buongiorno si vede dal mattino, un buon libro lo si vede dal suo inizio. Siamo appe…