Tutti ormai conoscono la metafora che viene spesso usata di questi tempi e che descrive una rana in una pentola d’acqua su un fornello

BOLLITI A FUOCO LENTO

Illustrazione di Igor Cicconcelli

Tutti ormai conoscono la metafora che viene spesso usata di questi tempi e che descrive una rana in una pentola d’acqua su un fornello.

Il calore viene aumentato così lentamente che la rana non si rende conto che se non salta fuori sarà bollita viva.

Sembra che la maggior parte delle pecore, i normies (conformisti), siano come le rane.
Il resto di noi (per semplicità li chiamerò shrews, (topi) – ne riparleremo più avanti!) fa la maggior parte dei salti – o almeno ci prova.

Non so se il TPTB (The Powers That Be, i poteri esistenti, – c’è bisogno di chiarire?) si preoccupi davvero di qualche rana che salta, anche se il nostro numero di topi sta aumentando ogni giorno e potrebbe presto superare il numero delle pecore! Quello che sembra essere chiaro è che alcune delle pecore si stanno svegliando e stanno tentando di saltare fuori dalla pentola.

Sembra decisamente necessario che la maggior parte delle rane rimanga nella pentola, perché se la maggior parte di loro salta fuori, non ci sarà cena per chi le sta cucinando.

Le rane topi sono ben consapevoli del fatto che il calore che si sta alzando sta portando alla loro morte, le rane pecora non sono ancora del tutto sicure di cosa diavolo stia succedendo.

Per conoscere appieno il livello di gravità della situazione della pentola e dell’acqua, bisogna, per cominciare, capire che il motivo per cui ci si trova nella pentola è quello di essere bolliti-a-morte.

Forse possiamo ancora usare una metafora qui, ma forse no – il senso della pentola bollente potrebbe letteralmente essere quella di uccidere le rane addormentate in essa contenute. O, come minimo, averle completamente sotto il controllo del TPTB.

Devono rimanere addormentate per sempre?

In realtà non posso rispondere a questa domanda, forse no, ma forse sì.

Direi che sarebbe meglio che siano più o meno addormentate per la maggior parte del tempo. Se si svegliassero troppo, potrebbero fare troppo baccano. Guardate tutti i regimi totalitari nel corso della storia, sia quelli reali che quelli inventati (come in 1984 di Orwell). Essere parzialmente addormentati, se non totalmente addormentati, sembra essere un criterio piuttosto importante in questi regimi.

Storicamente la maggior parte delle persone che vivono sotto un regime totalitario non sono così consapevoli delle libertà che hanno perso, o del potere disumanizzante sotto cui vivono. Questo controllo su una vasta popolazione è stato ovviamente ottenuto attraverso le bugie del governo, le confusioni, le deviazioni dalla realtà attuate dai media predominanti, la censura e la messa a tacere delle voci contrarie, e così via.

Noi topi conosciamo bene queste tattiche. Le pecore non credono che esistano, anche quando i loro piccoli nasi ci vengono sbattuti contro. Queste tattiche hanno funzionato brillantemente per secoli in vari contesti. Sì, ci sono sempre stati topi pensanti e svegli, ma sono tipicamente messi a tacere, o eliminati, molto rapidamente.

Le pecore fanno di tutto per evitare di vedere la verità. Ovviamente pensano di vederla, e fanno un sacco di rumore su ciò che credono sia vero e perché sia vero. In questa situazione di Covid, tipicamente il rumore che fanno è su quanto i topi siano “non scientifici” ma, in una discussione, raramente si sentono le pecore parlare di scienza vera e propria.

A loro piace solo farneticare su come questo e quello sia stupido, un no vax, o un negazionista della scienza, o sia stato screditato pubblicamente in vari modi, o, essendo stato cacciato da YouTube DEVE essere un idiota. Non ho mai sentito una pecora parlare di vera scienza. Forse lo fanno, e forse l’ho sentito, ma certamente non spesso.

 

Una pecora nera, una pecora pensante.

Così le pecore continuano ad essere cotte. Naturalmente anche i topi si stanno cuocendo. Finora, i topi saltellanti si stanno cuocendo proprio come le pecore, ma sono svegli, e sentono il dolore dell’acqua bollente. E, naturalmente, per quanto saltino, non possono uscire dall’acqua. Nemmeno le pecore, ma a loro non sembra importare, non ancora almeno.

Il TPTB è un po’ preoccupato che ci siano così tanti salti nella pentola. È possibile che tutti i topi e alcune pecore saltino così tanto che il coperchio salti e molte rane escano, il che potrebbe rallentare le cose – non fermarle, ma rallentarle –.

Se la maggior parte delle pecore e dei topi uscissero dalla pentola perché sono tutti svegli, allora questo potrebbe causare una vera interruzione nell’agenda mainstream. Ma la maggior parte delle pecore che saltano non sono veramente sveglie. Sembrano voler tornare a ciò che, nel loro precedente stato di sonno, sembrava normale.

Sono stanchi di Covid – stanchi di averne paura, stanchi dei blocchi, delle restrizioni, degli inconvenienti. Non sono svegli al quadro generale come lo sono i topi. Per essere completamente sveglio, una pecora o un topo deve credere in alcune cose piuttosto radicali.

  •  1 – Il governo di qualsiasi Paese in cui vivi è corrotto, e non gli importa molto di te, se non del tutto.
  • 2 – Big Pharma è corrotta, e anche se, qualora gli convenga, possa inventare alcune cose che effettivamente aiutano le persone, per la maggior parte ti uccideranno se possono fare un po’ di soldi e tenere la maggior parte delle persone addormentate in modo da poter continuare a farlo (alzare il fuoco sotto alla pentola).
  • 3 – La maggior parte dei medici è come un soldato semplice in un enorme e potente esercito. Seguono gli ordini dei loro generali e “comandanti in capo” e in genere non li mettono in discussione. Ottengono tutte le loro informazioni da fonti specifiche che potrebbero, per le ragioni 1 e 2 di cui sopra, essere sbagliate. NON sono, di solito, scienziati o ricercatori (anche se alcuni, dalla parte dei topi, sicuramente lo sono, ma non ne sentiamo parlare molto perché sono tipicamente messi a tacere (vedi sopra).
  • 4 – Istituzioni come gli ospedali e le università dipendono così tanto dai finanziamenti del governo corrotto e delle case farmaceutiche corrotte che sono completamente inaffidabili, se non criminali.
  • 5 – Anche i media tradizionali sono per la maggior parte “fake”. I media sono per lo più di proprietà o comunque finanziati dalle corrotte aziende farmaceutiche, dal corrotto governo e da chiunque altro sostenga l’agenda del potere e del denaro.

Questo è un grosso boccone da mandar giù per le pecore… per chiunque, ma per qualche misteriosa ragione i topi – e aspiranti tali – inghiottono quella pillola senza nemmeno pensarci.

Perché? Non lo so, e questo articolo non cercherà di capirlo. Lo facciamo e basta, e che Dio ci benedica per questo.

Ci sono pillole ancora più grosse da ingoiare delle cinque elencate sopra: il Grande Reset, che include la centralizzazione del governo e dell’economia, la possibile eugenetica/riduzione della popolazione, ecc.

Non mi addentrerò in tutto questo. La maggior parte dei topi sono a bordo, alcuni non lo sono ancora, ma una qualche forma di “agenda più grande” è in gioco qui, al di là dei ricchi assetati di potere.

Quindi, dove rimane la pentola delle rane in ebollizione? Molti dicono che il calore è stato abbassato. Perché? Alcuni dicono perché le TPTB credono che tutte le rane usciranno e chiuderanno l’intera pentola. Alcuni dicono che le TPTB temono per la loro stessa sicurezza, che potrebbero essere ritenuti responsabili, processati da un tribunale e puniti, forse appesi a una corda.

Certo, il TPTB ha un grande incentivo a tenere la maggior parte delle rane addormentate in modo da poter continuare a bollirle. Ma, a mio modesto parere, sono lontani da qualsiasi preoccupazione immediata che ci siano troppe rane saltellanti e sconclusionate. Magari abbassano il calore, ma solo in modi tali da esser certi di calmare un po’ le rane, mentre lo alzano in altri modi che le rane non notano.

Abbiamo bisogno di continuare a saltellare, e di buttare giù quel coperchio.

Todd Hayen

 

 

 

 

 

 

 

Todd Hayen è uno psicoterapeuta registrato che esercita a Toronto, Ontario, Canada. Ha un dottorato di ricerca in psicoterapia profonda e un master in studi sulla coscienza. È specializzato in psicologia junghiana e archetipica.

Tradotto dall’inglese da Piero Cammerinesi per LiberoPensare

Fonte: LiberoPensare del 13 febbraio 2022

Copertina: per gentile concessione Igor Cicconcelli

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro SOCIETÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«“COLORO CHE NON RICORDANO IL PASSATO SONO CONDANNATI A RIPETERLO”»

”Questa massima di George Santayana, conosciuta per la prima volta nel 1905 …