I primi siti di occupazione dell’uomo del Pleistocene scoperti nell’Europa centrale e orientale

BRAVE MEN IN UKRAINE IN THE ICE AGE:

CACCIATORI DI MAMMUT DURANTE IL PLEISTOCENE

«Brave men in Ukraine in the Ice Age: gli impavidi cacciatori di mammut durante il Pleistocene. Essi accumulavano le ossa di questi giganteschi animali per costruire rifugi, nell’odierna Ucraina.


Nell’intervallo compreso tra 75.000 e 10.000 anni fa gli uomini cacciavano altri mammiferi nel rigoroso ambiente dell’Europa orientale. In alcuni siti, specie in Ucraina, essi hanno accumulavano ossa di mammut per costruire rifugi.

I primi siti di occupazione dell’uomo del Pleistocene scoperti nell’Europa centrale e orientale, molti dei quali straordinariamente ricchi, furono portati alla luce quasi quanto i primi ritrovamenti in Francia negli anni ’60. Le barriere linguistiche hanno portato questi siti a essere poco conosciuti altrove, ma le informazioni che contengono sono vitali per comprendere come l’uomo primitivo sia sopravvissuto e forse anche prosperato nelle condizioni climatiche dell’era glaciale in Europa.

Fiume Dnieper 

Il punto è forse meglio dimostrato da ciò che gli archeologi hanno appreso nel secolo scorso da un gruppo di quasi 100 siti del Pleistocene dentro e intorno all’Ucraina. I primi siti di occupazione del Pleistocene trovati ovunque nell’Europa orientale hanno all’incirca tra 80.000 e 75.000 anni. Sono state scoperte tracce di uomini primitivi che risalgono a centinaia di migliaia di anni. In alternativa è possibile che solo alla fine dell’ultimo interglaciale l’uomo primitivo abbia raggiunto la capacità culturale di sopravvivere al clima rigido dell’Ucraina.

il fiume Dnepr  

Ancora oggi gli inverni dell’Ucraina sono notevolmente più freddi di quelli dei suoi vicini occidentali. In ogni caso, la stragrande maggioranza dei siti di occupazione dell’era glaciale ucraina è lunga fino all’ultimo glaciale; hanno un’età compresa tra 75.000 e 10.000 anni.

Molti dei siti includono livelli di occupazione separati e gli intervalli tra le occupazioni successive a volte ammontano a migliaia di anni. 1\10° dei siti ucraini si trova nelle principali valli fluviali della regione. Il motivo non è solo che gli uomini dell’era glaciale frequentavano le valli fluviali, ma anche che le valli sono luoghi in cui le condizioni favoriscono l’accumulo di sedimenti e quindi la sepoltura e la conservazione di antichi siti di occupazione.

Può sembrare sorprendente che gli uomini dell’era glaciale abbiano potuto trovare una regione con un clima così rigoroso del tutto ospitale. Il fatto è che la steppa periglaciale ospitava una fauna ricca e varia. Le estati ucraine, sebbene brevi, sono state abbastanza calde da consentire una crescita abbondante per gli animali da pascolo. Gli inverni, sebbene lunghi e freddi, erano asciutti; la crescita estiva non era sepolta sotto la neve alta e gli animali potevano nutrirsi tutto l’anno.

Le ossa di mammut sono praticamente il segno distintivo dei siti dell’era glaciale in Ucraina. In più di un caso è stato il rinvenimento di questi resti grandi e caratteristici che per la prima volta ha fatto capire ai ricercatori inconsapevoli, di aver scoperto un sito dell’era glaciale.

Esemplare di Mammut

Le ossa di mammut sono presenti in gran numero. Ad esempio, quelli scavati in otto siti nel bacino del Dnepr-Desna rappresentano un minimo di 500 singoli mammut. Eppure, nessun sito ucraino contiene prove chiare che un mammut sia stato effettivamente ucciso lì. In effetti, ci sono prove del contrario: i test chimici delle ossa di mammut trovate in un sito del Dnepr indicano che gli animali probabilmente vissero e morirono in diversi millenni. Ancora una volta, molte di queste stesse ossa, e le ossa di un altro sito del Dnepr, erano state rosicchiate dai carnivori.

L’implicazione è chiara. Gli uomini dell’era glaciale in Ucraina raccolsero le ossa di mammut morti da tempo e probabilmente ne cacciarono ed uccisero loro stessi. Ma perché avrebbero voluto le ossa? La risposta è chiara e sorprendente. Praticamente in tutti i siti ucraini in cui sono comuni ossa di mammut, la maggior parte di esse si trova in disposizioni modellate che sembrano le rovine di rifugi, molti dei quali piuttosto ambiziosi. L’uso di ossa di mammut come materiale da costruzione è ulteriormente indicato dalla presenza in numero sproporzionato di ossa particolari: crani, zanne, mandibole, scapole e alcune ossa degli arti.

In sintesi, quindi, i resti di animali nei siti dell’era glaciale ucraini, sembrano essere stati accumulati da cacciatori del Pleistocene di successo la cui dieta era ricca di proteine e grassi, che apprezzavano le pellicce e che costruivano rifugi sostanziali. Anche i rifugi erano riscaldati; ci sono quantità di carbone, indicative di focolari, e anche frammenti di ossa bruciate. Tutto ciò avrebbe dovuto rendere più facili da sopportare gli inverni dell’era glaciale.

Rappresentazione artistica di un’abitazione a Mezhirich, in Ucraina, fatta di ossa di mammut. Fonte- Museo Dolní Věstonice.

Trovato lungo la valle del fiume Dnepr in Ucraina e in località vicino a Černihiv , in Moravia, Repubblica Ceca e nella Polonia meridionale, che risalgono tra il 23.000 a.C. e il 12.000 a.C., potrebbero essere le prime strutture costruite dall’uomo preistorico, e quindi i primi esempi di architettura. Alcune delle più notevoli di queste capanne di ossa di mammut sono state trovate a Mezhyrich (Межиріч, Mezhirich), un villaggio nell’Ucraina centrale situato nel Kaniv Raion (distretto) dell’Oblast’ di Cherkasy.

Sono composti da diverse centinaia di ossa e zanne disposte in un cerchio approssimativo, di diametro compreso tra 6 e 10 m. Un focolare si trova tipicamente vicino al centro dell’ex abitazione e strumenti di pietra e altri detriti sono sparsi all’interno e all’esterno della struttura. Vicino alle case sono state trovate grandi fosse piene di utensili in pietra, frammenti ossei e cenere.

Scavi di ossa di Mammut, a Mezhyrich (Ucraina), nel 1965                                                         

“Sono stati descritti come i primi esempi di ‘architettura monumentale’ come prova di una maggiore complessità sociale e differenziazione di status durante la fase finale dell’era glaciale” (Paul G. Bahn)

Devono essere stati necessari sforzi considerevoli per assemblare queste strutture. Anche allo stato secco, le grandi ossa di mammut pesano centinaia di kg. È stato suggerito che le ossa e le zanne siano state recuperate da episodi di caccia in cui furono massacrate intere mandrie di mammut adulti e i loro piccoli. Una spiegazione più probabile è che siano stati raccolti da accumuli naturali di ossa forse alla foce di ruscelli e canaloni in prossimità dei siti.

Lo scopo principale delle abitazioni in osso di mammut, presumibilmente ricoperte da pelli di animali, era, come già detto, probabilmente un riparo dal freddo estremo e dai venti forti. Alcuni archeologi, colpiti dalle dimensioni e dall’aspetto delle strutture, hanno affermato che possiedono anche un significato religioso o sociale.

Redazione

 

 

 

 

 

Raion (distretto) dell’Oblast di Cherkasy, a circa 22 km dal centro amministrativo della regione, Kaniv, vicino il punto in cui il fiume Rosava sfocia nel Ros’. Dal 1966 a Mezhirich sono state scoperte almeno quattro strutture di ossa di mammut crollate.

Fonte

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro CULTURA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«CHI CONDANNA PUTIN? MATTARELLA E IL 16% DEL MONDO. UN PO’ POCO PER SPAVENTARE LO ZAR..»

Sta accadendo una cosa semplice ma non percepita …