Credo che il titolo vero di questo pezzo sarebbe…

CLAMOROSO: LA FDA ORA DICE DI AVER SBAGLIATO

SULL’IVERMECTINA

Questo stampone è comparso a suo tempo sul sito della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, che in realtà è un organo dello Stato, dunque più sensibile ai dettami politici dei governi che non alla scienza


Credo che il titolo vero di questo pezzo sarebbe: facce da culo. Ma siccome questa frase potrebbe presuppore una sorta di odio verso qualcuno e sappiamo quanto Facebook ci tenga che l’odio verso l’umanità vada in una sola direzione, dirò svergognati assassini. Come espressione è ancora più forte, ma chissenefrega di fronte a ciò a cui assistiamo: pensate che la Fda ha cambiato totalmente il suo pare sull’ivermectina:

“La Fda riconosce esplicitamente che i medici hanno l’autorità di prescrivere l’ivermectina per curare il Covid” ha detto Ashley Cheung Honold, un avvocato del Dipartimento di Giustizia che rappresenta la Fda la quale dunque gode dell’appoggio del governo, durante le discussioni dell’8 agosto presso la sesta Corte d’Appello degli Stati Uniti. Senza entrare nei particolari di questa causa legale viene fuori che la Fda ha agito in modo scorretto sconsigliando nel modo più assoluto l’uso dell’ivermectina contro il Covid, svolgendo una funzione” medica” che non le compete, una volta che ha autorizzato il farmaco. E l’ivermectina era stata già approvata da decenni e inserita dall’Oms nell’elenco delle 100 medicine assolutamente necessarie.

Poi con l’arrivo del covid che potremmo tranquillamente considerare la prima malattia artificiale della storia, occorreva a tutti i costi vietare i farmaci che potevano ridurre il problema e salvare vite, affinché fosse possibile creare il clima di paura necessario a rendere obbligatori de facto i sieri a NRNA contro la malattia (che invece hanno contribuito a diffondere). La posta era enorme non si trattava solo di realizzare colossali guadagni ma anche, anzi soprattutto, permettere di imporre, grazie alla paura, i sistemi di controllo di una tirannia che da sanitaria sta passando ad essere totale. Sebbene decine di studi (ora riconosciuti dalla Fda) indicassero l’efficacia dell’ivermectina contro i virus questo assieme ad altri  famaci è stata immediatamente demonizzate  e sono state trovate reazioni avverse mai segnalate prima in un farmaco che in numerose aree del globo è di uso intensivo,  mentre i medici che hanno osato utilizzarla tra l’altro con notevolissimo successo, sono stati colpiti da scomunica da parte degli ordini dei medici, ormai diventati niente più che la squallida Gestapo di Big Pharma, Bisogna ricordare questa vergogna. Quanta gente che poteva essere salvata è morta soffocata dall’ossigeno sparato nei polmoni mentre il problema era altro o semplicemente ha pazientemente atteso la morte fidandosi della formula tachipirina e vigile attesa? Uno sarebbe anche troppo, ma qui siano di fronte a una strage. E poi perché un farmaco totalmente inutile in questo frangente quando invece, tanto per dire, l’aspirina sarebbe stata più efficace in quanto antinfiammatorio?  Va a sapere … però la tachipirina che gira nella sanità è davvero anomala così come quella che gira anche in altri settori pubblici, come per esempio le carceri per comprende come questo sia stato un affaruccio dentro un grande affare.

Adesso che anche i più idioti dentro la specie umana occidentale hanno mangiato la foglia riguardo ai cosiddetti vaccini, che la propensione a iniettarsi nuove dosi è crollata, che le azioni di Moderna e BioNTech  stanno calando a vista d’occhio, che gli enormi danni fatti contro la salute umana stanno emergendo con prepotenza nonostante i tentativi di mettere tutto sotto il tappeto,  gli ignobili complici della strage quelli che dovevano controllare e non l’hanno fatto, innestano la marcia indietro  e ammettono  che l’ ivermectina è  utile o quanto meno i medici hanno tutto il diritto di prescriverla  E non basta perché la Fda vorrebbe – o almeno sta tentando di farlo nel contesto di questa vicenda giudiziaria  da cui sono partite le clamorose dichiarazioni citate – sostenere che il bando dell’ivermectina lanciato nel 2020 sia sostanzialmente il frutto di un equivoco. Ma in realtà se qualcosa di equivoco c’è è proprio la Fda uno degli esempi delle porte girevoli che impediscono la creazione di meccanismi di controllo reali e dunque di difesa dei cittadini, In queste burocrazie sanitarie basta mettere un po’ di soldi che approverebbero anche l’arsenico.

Redazione

 

 

12 agosto 2023

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Redazione Inchiostronero
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«SOLARPUNK: IMMAGINARE UN FUTURO LUMINOSO»

Chiudi gli occhi e prova ad immaginare la Terra tra 100 anni. Cosa vedi? …