L’attacco alle libertà civili è destinato ad aumentare

CLIMA, IL PROSSIMO PASSO DEL

GRANDE RESET

 

Do Black, la carta di credito che ti dice quanto inquini (e ti blocca le spese se esageri)

Si chiama “Do Black” ed è la nuova carta di credito che controlla ‘l’impronta di carbonio’ della spesa appena fatta ed emette l’implacabile verdetto: transazione approvata o rifiutata non più in base al portafoglio del cliente ma alle emissioni di CO2 coinvolta nella produzione dell’oggetto desiderato. La carta è già operativa in Svezia. Promossa dal World Economic Forum, è una ‘soluzione’ che serve a inaugurare rapidamente un sistema di credito sociale sotto la maschera dell’ambientalismo che vorrebbe soddisfare le richieste di azioni per il clima. Do Black è dunque solo una delle tante azioni quotidiane necessarie per affrontare l’emergenza planetaria climatica (prevista) duratura. Il coronavirus cede il trono alla CO2. Anche e soprattutto dopo la fine dello stato di emergenza per ora decretata al 31 dicembre prossimo. Quando ci sarà improvvisamente bisogno di proseguire nel sistema di punteggio del credito sociale, inaugurato con il Green Pass, la cosiddetta certificazione verde, dove è il colore a fare la differenza. Entrambe le carte, infatti, tracciano e segnalano i comportamenti delle persone e li correggono, attraverso restrizioni, dove e quando gli standard decretati non venissero rispettati.

Dicono che la Green Economy ti darà tutto questo.

È evidente che c’è un piano per ri-finanziare l’intera economia mondiale attraverso la cosiddetta Green Economy. A dimostralo c’è anche la task force che lancia la “finanza verde” promossa da Mark Carney (uomo vicino ai Rothschild(Tre secoli di soldi e potere. La leggenda dei Rothschild)(ed ex governatore della Banca d’Inghilterra) e da MichaeBloomberg. Il progetto è condiviso da istituzioni finanziarie che rappresentano 118 trilioni di $. È da questi centri, tentacoli del Leviathano mondiale, che sta partendo l’ondata cosiddetta green. Uno scenario da “fine del mondo”, che ha dirottato l’attenzione dei popoli al fine di moltiplicare la rapina dell’intero pianeta da parte dei pochi, è già stato costruito. Miliardi di persone sono state impaurite e intimidite, affinché non possano più reagire. Dopo avere fermato ogni dissenso con la censura e la formattazione delle menti innescata qualche decennio fa, ora la manipolazione dell’ignoranza raggiunge però vette abissali. Senza nemmeno sapere cos’è il riscaldamento globale – ammesso che esista – le masse disperate, minacciate, schiacciate, senza più una guida, saranno nuovamente spinte dal cosiddetto Pifferaio Magico in direzioni ingannevoli, portatevi lì da quegli stessi padroni universali che hanno devastato il Pianeta e che ora ci incolpano di colpe che non abbiamo; che ci tolgono tutte le libertà mentre noi pensiamo di fare del bene come se stessimo andando a una festa.

Cop26 e G20 sono solo una farsa: abbiamo idea di quanto carbonio hanno prodotto?

L’attacco alle libertà civili è destinato ad aumentare. Stiamo già sperimentando le conseguenze di questa logica e di queste misure. La pressione sociale per rispettare l’ambiente secondo standard prestabiliti, questo tipo di “vergogna del carbonio” (attualmente la vergogna di non essere vaccinati) non servirà a cambiare effettivamente l’ambiente in modo positivo e certamente non servirà all’evoluzione umana. Coloro che controllano questo sistema tecnocratico e totalitario non saranno in alcun modo soggetti agli stessi standard che dovrebbero applicarsi alla gente comune. La realtà è che il Superclan resta al comando, mentre il popolo non serve più, è di troppo. Svegliarsi completamente, unire coscientemente i puntini è ora necessario, in quest’epoca di transizione forzata, prima di fare la fine degli antichi dinosauri che i pochi hanno deciso per i molti.

Margherita Furlan

 

Potrebbe Interessarti…

«L’EFFETTO FLYNN E IL GRAN RESET»

Fonte: Il Pensiero Forte del 17 Novembre 2021

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Margherita Furlan
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *