Non stai distruggendo il pianeta

Covid

COLPA ILLUSORIA


Non stai distruggendo il pianeta. Non sei un cancro per la terra che deve essere spazzato via. Non stai uccidendo il tuo vicino, o i figli del tuo vicino, se non indossi una maschera. Non sei responsabile della morte di innumerevoli milioni di persone perché non hai ricevuto il vaccino.

Sì, sei un pagano se getti la spazzatura dal finestrino della tua macchina. Sì, forse potresti fare di meglio come amministratore di questo pianeta e come partecipante al godimento della natura e delle risorse che sostengono la vita che offre.

Sì, voi (e tutti questi “voi” includono certamente me, gente) a volte siete sopraffatti dal male e impazzite con le vostre stronzate egoistiche e alcuni di voi finiscono per ferire, o aiutare a ferire, anche un sacco di brava gente come rovinare il pianeta.

Ma supera te stesso. Non distruggerai il pianeta. Questa è tutta propaganda. Ciò che finirai per distruggere sei te stesso! Non ci sono dubbi su questo.

Ma non sei abbastanza grande, abbastanza potente, abbastanza brutto o abbastanza malvagio da distruggere qualsiasi cosa tranne te stesso e forse i tuoi figli. Non distruggerai nemmeno l’umanità. Alcuni di voi potrebbero contribuire a distruggere la razza umana e, per giunta, molte creature innocenti, ma l’umanità sopravvivrà. O, più precisamente, l’umanità sopravviverà se Dio lo vorrà. Non lo biasimerei, tuttavia, se rinunciasse a noi dopo l’attuale fiasco.

Quindi, torniamo al pianeta. Sì, gran parte del danno che stiamo facendo è reale, ma siamo lontani dal distruggere questa magnifica palla blu (oops, intendo “magnifico disco blu” – fai la tua scelta, sono un Terrestre con pari opportunità).

La percezione del tempo della Terra è espressa in milioni di anni: un milione di anni equivale, nella percezione della Terra, a quanto un giorno lo è per noi (se questo è). La terra sopravvivrà sicuramente: come accennato in precedenza, siamo NOI che non lo faremo. Ancora una volta ci è stato fatto il lavaggio del cervello per farci credere che dobbiamo “cambiare i nostri modi” – tutto per le ragioni sbagliate – cioè perché stiamo distruggendo il mondo. Indossiamo maschere perché se non lo facciamo, stiamo distruggendo i nostri simili.

(Un altro esempio su cui mi concentrerò tra poco.) Strano che questo strano e contorto senso di altruismo sia stato trasformato in un’arma. Ma la questione è più profonda: non è perché ci preoccupiamo del pianeta o dei nostri simili, è perché ci sentiamo colpevoli e ci è stato fatto il lavaggio del cervello per sentirci in quel modo.

Quindi, pensi che io stia dicendo che non dovremmo fregarcene del pianeta e continuare a distruggerlo come se non ci fosse un domani? No, non sto dicendo questo, quello che sto dicendo è che dovremmo essere più responsabili per le giuste ragioni, non per qualche schifezza che ci viene ficcata in gola come la piaga del pianeta e che non meritiamo di esserlo. vivo.

Quali sono le giuste ragioni? Amore, carattere, responsabilità, amministrazione, decenza, rispetto, Dio, fiducia in noi stessi, empatia, compassione: devo elencare altro?

Ci sono più motivi per citare. Tu, ne sono sicuro, puoi pensarci. Tuttavia, la colpa non è nella lista.

Il senso di colpa è un’emozione egoistica (o come vuoi chiamarla). Il senso di colpa si verifica quando ti senti male con te stesso e il senso di colpa ti convince a fare qualcosa per non sentirti più male con te stesso. Dovremmo fare le cose perché sappiamo che sono le cose giuste da fare, non per “sentirci meglio”. Ma non è questo il mantra della nostra cultura attuale? “Sentirsi meglio”? “Siate felici”? “Stai attento”? Ancora e ancora.

Ricordi, in una galassia lontana, lontana, parole come “carattere”, “morale”, “coraggio” e “virtù”? Probabilmente no.

Allora è facile pensare che le persone che si impiccano con senso di colpa all’albero che sentono di aver abbandonato, siano persone virtuose. Queste sono le persone a cui importa davvero, sono quelle che faranno di tutto per salvare il nostro pianeta.

No. Non credo.

Si sentono colpevoli.

E sono stati costretti a sentirsi colpevoli dal governo, dal WEF, dall’ONU e dall’OMS, da persone come Greta Thunberg e da un mucchio di altri che operano all’interno dell’agenda. Colpa, colpa, colpa. Ancora una volta, non sto dicendo che dovremmo ignorare questi problemi, e alcuni di essi sono effettivamente molto reali, ma dobbiamo affrontarli per le giuste ragioni, non perché ci sentiamo in colpa per questo.

La frenesia per il cambiamento climatico è probabilmente l’esempio più evidente di ciò di cui sto parlando qui. C’è sicuramente un problema con l’inquinamento umano. Ma gli esseri umani sono davvero responsabili di ciò che ci viene detto essere cambiamenti radicali nelle temperature e nel livello globale del mare?

Non entrerò in questo argomento qui, poiché sono sicuro che molti di voi hanno abbastanza familiarità con l’hype (“montatura” o “gonfiamento”) che viene spalato riguardo al clima. Ma di chi è la colpa di tutto questo caos se tutto fosse come sostiene l’agenda? Noi, ovviamente.

È quel sacchetto di plastica che non abbiamo riciclato, o l’auto ad alto consumo di benzina che guidiamo ogni giorno per andare al nostro misero lavoro, o le mucche scoreggione che ci piace mangiare.

È interessante notare come così poca attenzione venga prestata ai milioni di tonnellate di rifiuti industriali scaricati nei nostri fiumi e oceani dalle mega multinazionali là fuori, o ai fanghi radioattivi scaricati nel Pacifico da chissà chi, o ai jet del jet set che volano alle riunioni qui e lì a discutere su quale altra colpa si possa scaricare sui miliardi di inutili mangiatori che sono tutti, sicuramente, responsabili di questo pasticcio.

E poi, ovviamente, abbiamo il senso di colpa per aver potenzialmente ucciso la nonna (e tutti gli altri) con i nostri cattivi germi Covid. Quindi mascheriamoci perché ci sentiamo così in colpa. Poiché siamo colpevoli di uccidere il pianeta con la nostra umanità, siamo certamente colpevoli di diffondere un brutto contagio dai nostri corpi sporchi e colpevoli.

Anche se siamo certi di non avere alcuna malattia, o anche certi che le maschere non fanno nulla per bloccare la sporcizia che fuoriesce dai nostri orifizi aperti, risponderemo comunque al nostro senso di colpa per essere così disgustosi. Indossa quella maschera, paria, è il minimo che puoi fare in risposta al tuo orribile senso di colpa.

E quando sono usciti i colpi? Stessa storia. Liberati della tua riprovevole ripugnanza attraverso la purificazione del vaccino. Paga il tuo debito con i tuoi simili e con il mondo sterilizzando la tua umanità e trasformandoti in un nano-bot, DNA sintetico, transumano.

Questo è davvero l’unico modo in cui puoi dissipare l’orribile senso di colpa che provi per essere vivo. Verme. Tu spregevole, deplorevole, inutile mangiatore.

Quindi, se ci credi, torna al punto di partenza e inizia di nuovo a realizzare chi sei veramente: un essere umano creato a immagine di Dio, l’incarnazione dell’amore.

Todd Hayen

Todd Hayen è uno psicoterapeuta registrato che esercita a Toronto, Ontario, Canada. Ha conseguito un dottorato di ricerca in psicoterapia del profondo e un master in studi sulla coscienza. È specializzato in psicologia junghiana, archetipica. Todd scrive anche per il suo substack, che puoi leggere qui

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Todd Hayen
Carica altro CLIMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«INTELLIGENZA ARTIFICIALE E MUSICA COMMERCIALE»

Dalle piattaforme che sfornano canzoni con due righe di testo a voci artificiali sempre pi…