Hai mai fatto una previsione e vorresti averla registrata?

COLTIVARE LE PROPRIE VERDURE FA MALE AL PIANETA

Un altro passo evidente nel piano di controllo del nostro cibo


Hai mai fatto una previsione e vorresti averla registrata?

La settimana scorsa, in una conversazione telefonica con un membro della famiglia, mi è capitato di menzionare la coltivazione delle proprie verdure, e io ho risposto: “Goditela finché puoi, presto inizieranno a sostenere che sta causando il cambiamento climatico”.

Letteralmente quattro giorni dopo …

A quanto pare, un nuovo studio dell’Università del Michigan ha scoperto che il “giardinaggio urbano” è 5 (o forse 6 , non ne sono sicuri) volte peggio per l’ambiente rispetto alle “colture convenzionali”.

Non so come l’abbiano calcolato e non ha molta importanza. Se leggi il corpo degli articoli dicono addirittura che si applica solo ad alcune verdure in alcuni luoghi e tutto dipende da come è messa insieme l’“infrastruttura”.

I dettagli non sono il punto. Il punto è un’altra arma nella guerra al cibo. Più regolamentazione, più commercializzazione, meno libertà, tutto nel nome della “lotta al cambiamento climatico”.

E se dubiti che questo sia l’obiettivo qui, controlla l’enorme numero di agenzie di ricerca governative che hanno “supportato” il progetto di ricerca:

È un caso abbastanza ovvio di aver bisogno di uno studio per supportare una posizione, uscire e acquistarne uno.

Questa è una di quelle storie che esistono semplicemente per essere un titolo, così qualche esperto può citarla in qualche panel politico in prima serata televisiva e avviare una conversazione sulla “regolamentazione”.

Dato che abbiamo iniziato con una previsione, terminiamo con un’altra: questo è solo il primo passo e non è necessario prestare particolare attenzione per vedere dove andrà da qui.

Non renderanno mai illegale la coltivazione delle proprie verdure, lo renderanno solo sempre più difficile.

Inizierà con le licenze, per motivi di sicurezza alimentare o qualcosa del genere. Forse lo scoppio di una malattia sarà collegato alla condivisione del cibo da parte delle persone provenienti dai loro orti.

Le licenze saranno sempre più costose e comportano restrizioni. Ti sarà consentito utilizzare solo semi provenienti da specifici fornitori approvati, semi di piante OGM che “mitigano l’impatto del cambiamento climatico” . Questi semi saranno probabilmente “semi terminator” , nel senso che saranno sterili nella seconda generazione.

L’aumento dei rendimenti agricoli diminuisce la conversione dei terreni necessaria per la produzione agricola.

E, in questo modo, coltivare i propri ortaggi non sarà più un’esperienza individuale e indipendente, ma solo un altro servizio di abbonamento aziendale.

Kit cavalleresco

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Kit Cavalleresco
Carica altro CLIMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«2024: L’ANNO IN CUI PRENDE FORMA IL GOVERNO GLOBALE»

Il governo globale è la fine del gioco. Lo sappiamo …