Ancora una volta la programmazione è cambiata

 

COME CONTROLLARE LA POPOLAZIONE

ATTRAVERSO LE DISTRAZIONI DELLA REALITY TV


di John W. Whitehead, Rutherford Institute.

“Quando una popolazione viene distratta da banalità, quando la vita culturale viene ridefinita come un divertimento perpetuo, quando una conversazione pubblica seria diventa una forma di chiacchierata, quando, in breve, un popolo diventa un pubblico e i loro affari pubblici una commedia, allora una nazione è a rischio; la morte della cultura è una chiara possibilità” (Prof. Neil Postman) 

Ancora una volta la programmazione è cambiata. Come un meccanismo a orologeria, la copertura giornalistica onnipresente dell’ultima crisi ha cambiato marcia.

Siamo passati dal blocco del COVID-19 al dramma elettorale Trump-Biden alla crisi Russia-Ucraina alle audizioni di conferma di Ketanji Brown Jackson all’assalto alla telecamera di Will Smith del comico Chris Rock alla cerimonia degli Academy Awards.

Le distrazioni, le distorsioni e il teatro politico continuano ad arrivare.

Il reality show in corso che è la vita nello stato di polizia americano alimenta il vorace appetito dei cittadini per il stuzzicante dramma da soap opera .

Proprio come l’universo inventato nel film di Peter Weir del 1998 The Truman Show, in cui la vita di un uomo è la base per uno spettacolo televisivo elaborato volto alla vendita di prodotti e all’acquisizione di ascolti, la scena politica negli Stati Uniti si è trasformata nel corso degli anni in un esercizio attentamente calibrato su come manipolare, polarizzare, propagandare e controllare una popolazione.

Questa è la magia del reality che oggi passa per politica: finché siamo distratti, divertiti, ogni tanto indignati, sempre polarizzati ma in gran parte distaccati e accontentandoci di restare al posto dello spettatore, non riusciremo mai a presentare una visione unitaria per fronteggiare la tirannia (o la corruzione e l’inettitudine del governo) in qualsiasi forma.

Più ci viene irradiato, più siamo propensi a sederci nelle nostre comode poltrone reclinabili e diventare spettatori passivi piuttosto che partecipanti attivi mentre si svolgono eventi inquietanti e spaventosi.

Non dobbiamo nemmeno cambiare canale quando l’argomento diventa troppo monotono. Di questo ci pensano i programmatori (i media aziendali).

“Vivere è facile con gli occhi chiusi”, ha osservato John Lennon, ed è esattamente ciò che i cittadini devono fare con i reality TV, travestiti da programmi politici americani: navigare nel mondo con gli occhi chiusi.

Finché siamo spettatori, non saremo mai attori.

Gli studi suggeriscono che più le persone guardano i reality TV – e direi che si tratta solo di reality TV, comprese le notizie di intrattenimento – più diventa difficile distinguere tra ciò che è reale e ciò che è una farsa accuratamente realizzata.

“Noi persone” guardiamo molta TV.

In media, gli americani trascorrono cinque ore al giorno a guardare la televisione. Quando raggiungiamo i 65 anni, guardiamo più di 50 ore di televisione a settimana e quel numero aumenta con l’avanzare dell’età. E la programmazione della reality TV cattura costantemente la più grande percentuale di spettatori TV ogni stagione con un rapporto di quasi 2-1.

Questo non fa ben sperare per una cittadinanza in grado di vagliare la propaganda magistralmente prodotta per pensare in modo critico alle questioni del giorno, che si tratti di notizie false spacciate da agenzie governative o entità straniere.

Coloro che guardano i reality tendono a vedere ciò che vedono come la “norma“. Pertanto, coloro che guardano spettacoli caratterizzati da menzogna, aggressività e meschinità non solo arrivano a vedere tale comportamento come accettabile e divertente, ma sono anche propensi all’imitazione .

Benvenuto nella mia non-realtà

Ciò vale sia che la programmazione del reality riguardi le buffonate delle celebrità alla Casa Bianca, nella sala del consiglio o in camera da letto.

È un fenomeno chiamato “humilitainment

Termine coniato dagli studiosi dei media Brad Waite e Sara Booker, “humilitainment” si riferisce alla tendenza degli spettatori a provare piacere per l’umiliazione, la sofferenza e il dolore di qualcun altro.

” L’ “humilitainment” spiega in gran parte non solo il motivo per cui gli spettatori della TV americana sono così fissati sulla programmazione della reality TV, ma come i cittadini americani, in gran parte isolati da ciò che sta realmente accadendo nel mondo che li circonda da strati di tecnologia, intrattenimento e altre distrazioni, sono programmati per accettare la brutalità, la sorveglianza e il trattamento disumanizzante del governo come cose che accadono ad altre persone.

Le ramificazioni per il futuro dell’impegno civico, del discorso politico e dell’autogoverno sono incredibilmente deprimenti e demoralizzanti.

Questo spiega come continuiamo ad essere gravati da leader di governo che sono all’oscuro della Costituzione e non in contatto con i bisogni delle persone che sono stati nominati per rappresentare.

Questo è anche ciò che accade quando un’intera nazione, bombardata da programmi televisivi di propaganda governativa e notizie di intrattenimento, diventa sistematicamente desensibilizzata e si abitua alle trappole di un governo che opera per legge e parla in un linguaggio di forza.

In definitiva, i reality show, le notizie di intrattenimento, la società di sorveglianza, la polizia militarizzata e gli spettacoli politici hanno un obiettivo comune: tenerci divisi, distratti, imprigionati e incapaci di assumere un ruolo attivo negli affari dell’autogoverno.

Guardate dietro gli spettacoli politici, le rappresentazioni teatrali dei reality, le distrazioni, gli inganni e scoprirete che c’è un metodo in questa follia.

Siamo diventati cavie in un esperimento a sangue freddo spietatamente calcolato, accuratamente orchestrato e agghiacciante su come controllare una popolazione e portare avanti un’agenda politica senza molta opposizione da parte dei cittadini.

Questo è il controllo mentale nella sua forma più sinistra.

Come si cambia il modo di pensare delle persone? Inizi cambiando le parole che usano.

Nei regimi totalitari in cui la conformità e l’obbedienza sono imposte dalla canna di una pistola carica, il governo detta quali parole possono e non possono essere usate.

Nei paesi in cui la tirannia si nasconde dietro una maschera benevola e si traveste da tolleranza, i cittadini si autocensurano, controllando le loro parole e pensieri per conformarsi ai dettami della mentalità di massa.

Anche quando i motivi alla base di questo riorientamento rigidamente calibrato del linguaggio sociale appaiono ben intenzionati – scoraggiare il razzismo, condannare la violenza, denunciare discriminazione e odio – inevitabilmente, il risultato finale è lo stesso: intolleranza, indottrinamento, infantilismo, agghiacciamento della libertà di parola e demonizzazione dei punti di vista contrari all’élite culturale.

Come ha riconosciuto George Orwell, “In tempi di inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario”.

Orwell comprendeva fin troppo bene il potere del linguaggio per manipolare le masse.

In 1984 di Orwell , il Grande Fratello elimina tutte le parole e i significati indesiderati e non necessari, arrivando persino a riscrivere regolarmente la storia e punire gli “psicoreati”. In questa visione distopica del futuro, la Polizia del Pensiero funge da occhi e orecchie del Grande Fratello, mentre il Ministero della Pace si occupa di guerra e difesa, il Ministero dell’Abbondanza si occupa degli affari economici (razionamento e fame), il Ministero dell’Amore si occupa di ordine pubblico (tortura e lavaggio del cervello) e il Ministero della Verità si occupa di notizie, intrattenimento, istruzione e arte (propaganda). I motti di Oceania:

LA GUERRA È PACE, LA LIBERTÀ È SCHIAVITÙ E L’IGNORANZA È FORZA. 

Il Grande Fratello di Orwell si affidava alla neolingua per eliminare le parole indesiderabili, spogliare quelle parole rimaste di significati non ortodossi e rendere del tutto superfluo il pensiero indipendente e non approvato dal governo.

Il punto in cui ci troviamo ora è all’incrocio tra Oldspeak (dove le parole hanno significati e le idee possono essere pericolose) e Newspeak (dove è consentito solo ciò che è “sicuro” e “accettato” dalla maggioranza).

La verità è spesso persa quando non riusciamo a distinguere tra opinione e fatto, e questo è il pericolo che ora affrontiamo come società. Chiunque si affidi esclusivamente a conduttori di notizie televisive/via cavo e commentatori politici per la conoscenza effettiva del mondo sta commettendo un grave errore.

Sfortunatamente, dal momento che gli americani sono diventati in larga maggioranza non-lettori, la televisione è diventata la loro principale fonte di cosiddette “notizie”. Questa dipendenza dai notiziari televisivi ha dato origine a personaggi dei notiziari così popolari che attirano un vasto pubblico che praticamente crede ad ogni loro parola.

Nella nostra era dei media, questi sono i nuovi poteri che comandano.

Tuttavia, mentre queste personalità spesso dispensano le notizie come i predicatori abituati a dispensare la religione, con potere e certezza, sono poco più che canali di propaganda e pubblicità consegnati sotto forma di intrattenimento e notizie.

Data la preponderanza della programmazione delle notizie come intrattenimento, non sorprende che gli spettatori abbiano in gran parte perso la capacità di pensare in modo critico e analitico e di distinguere tra verità e propaganda, specialmente se le notizie vengono recapitate tramite falsi giornalisti e politici.

Come guardare i telegiornali

Sebbene i notiziari televisivi non possano, e non debbano, essere completamente evitati, i seguenti suggerimenti ti aiuteranno a comprendere meglio la loro natura.

  1. Il telegiornale non è quello che è successo. Piuttosto, è ciò che qualcuno pensa vale la pena segnalare. Sebbene ci siano ancora dei bravi giornalisti televisivi, l’antica arte del giornalismo investigativo è andata in gran parte perduta. Mentre gli spettatori sono spesso inclini a prendere per oro colato ciò che viene riportato dai conduttori di “notizie” televisive, è vostra responsabilità giudicare e analizzare ciò che viene riportato.
  2. Il telegiornale è intrattenimento. C’è un motivo per cui i programmi che guardi sono chiamati “spettacoli” di notizie (n.d.t. News Show). È un segnale che le cosiddette notizie vengono trasmesse come forma di intrattenimento. “Nel caso della maggior parte dei telegiornali”, scrivono Neil Postman e Steve Powers nel loro acuto libro, How to Watch TV News (1992), “l’offerta include attraenti ancore, un tema musicale emozionante, fumetti, storie ambientate per tenere incollato il pubblico, la creazione dell’illusione dell’intimità e così via.

Naturalmente, lo scopo di tutto questo sfarzo e glamour è tenerti incollato al set in modo che un prodotto possa essere venduto a te. (Anche i conduttori dei notiziari televisivi entrano in azione per venderti i propri prodotti, dai loro ultimi libri alle tazze e agli accappatoi.) Sebbene le notizie che ti vengono imboccate possano avere un certo valore, sono principalmente una merce per raccogliere un pubblico, che a sua volta sarà venduto agli inserzionisti.

  1. Non sottovalutare mai il potere degli spot pubblicitari, in particolare per il pubblico delle notizie. In una famiglia media, il televisore è acceso più di sette ore al giorno. La maggior parte delle persone, credendo di avere il controllo del proprio consumo di media, non è davvero infastidita da questo. Ma la TV è un attacco a doppio senso: non solo fornisce la programmazione a casa tua, ma consegna anche te (il consumatore) a uno sponsor.

Le persone che guardano le notizie tendono ad essere più attente, istruite e hanno più soldi da spendere. Sono, quindi, un mercato privilegiato per gli inserzionisti. E gli sponsor spendono milioni per spot pubblicitari ben prodotti. Tali spot sono spesso più lunghi della maggior parte delle notizie e costano di più per la produzione rispetto alle notizie stesse. Inoltre, il contenuto di molti spot pubblicitari, che spesso contraddice i messaggi delle notizie, non può essere ignorato. La maggior parte degli spot pubblicitari sono rivolti a interessi pruriginosi nel sostenere il sesso, l’eccessiva indulgenza, la droga, ecc., Il che ha un effetto demoralizzante sugli spettatori, in particolare sui bambini.

  1. È di vitale importanza conoscere gli interessi economici e politici di coloro che possiedono i media “aziendali”. Ci sono ormai poche fonti di notizie indipendenti. Le principali testate giornalistiche sono di proprietà di imperi aziendali.
  2. Prestare particolare attenzione al linguaggio dei telegiornali. Poiché le riprese di film e altre immagini visive sono così coinvolgenti nei telegiornali, gli spettatori sono inclini a lasciare che il linguaggio, ciò che il giornalista dice sulle immagini, non venga esaminato. Il linguaggio di un conduttore televisivo incornicia le immagini e, quindi, il significato che deriviamo dall’immagine è spesso determinato dal commento dell’ospite. La TV per sua stessa natura manipola gli spettatori. Non bisogna mai dimenticare che ogni minuto televisivo è stato modificato. Lo spettatore non vede l’evento reale ma la forma modificata dell’evento. Ad esempio, presentare un segmento di uno o due minuti da un discorso politico di due ore e avere una critica al presentatore di un talk show televisivo può essere falso, ma tale filmato modificato è un punto fermo nei notiziari.
  3. Riduci di almeno la metà la quantità di notizie TV che guardi. I telegiornali generalmente consistono in “cattive” notizie: guerre, torture, omicidi, scandali e così via. Non può assolutamente farti del male scusarti ogni settimana per gran parte del caos proiettato su di te dalle notizie. Non formare il tuo concetto di realtà basato sulla televisione. Il telegiornale, va ricordato, non rispecchia la normale quotidianità. Gli studi indicano che un’intensa visione dei notiziari televisivi fa pensare alle persone che il mondo sia molto più pericoloso di quanto non sia in realtà.
  4. Uno dei motivi per cui molte persone sono dipendenti dal guardare i telegiornali è che sentono di dover avere un’opinione su quasi tutto, il che dà l’illusione di partecipare alla vita americana. Ma un “parere” è tutto ciò che possiamo ottenere dal telegiornale perché presenta solo le informazioni più rudimentali e frammentate su qualsiasi cosa. Pertanto, sulla maggior parte delle questioni non sappiamo molto di ciò che sta effettivamente accadendo. E, naturalmente, ci si aspetta che prendiamo ciò che il conduttore televisivo dice su una questione come verità del Vangelo. Ma non è meglio pensare da soli? Aggiungi a questo che dobbiamo renderci conto che spesso non abbiamo abbastanza informazioni della fonte della “notizia” per formarci un’opinione vera. Come può essere fatto? Studia un’ampia varietà di fonti, analizza attentamente i problemi per essere meglio informato e metti in discussione tutto.

La conclusione è semplicemente questa: gli americani dovrebbero stare attenti a lasciare che gli altri, siano essi conduttori di telegiornali, commentatori politici o società di media, pensino per loro.

Come chiarisco nel mio libro Battlefield America: The War on the American People e nella sua controparte immaginaria The Erik Blair Diaries , un popolo che non riesce a pensare da solo è un popolo con le spalle al muro: muto di fronte ai funzionari eletti che si rifiutano di rappresentarci, indifesi di fronte alla brutalità della polizia, impotenti di fronte a tattiche e tecnologie militarizzate che ci trattano come combattenti nemici su un campo di battaglia e nudi di fronte alla sorveglianza del governo che vede e sente tutto.

È ora di cambiare canale, disattivare il reality show e respingere la vera minaccia dello stato di polizia.

In caso contrario, se continuiamo a sederci e perderci nella programmazione politica, rimarremo un pubblico prigioniero di una farsa che diventa sempre più assurda minuto dopo minuto.

 

 

John W. Whitehead

Illustrazione di copertina: Elia Colombo

 

Fonte: TheUnconditionalBlog del 1 aprile 2022

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro ATTUALITÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«IL SENSO DELLA GUERRA NEL XXI SECOLO»

”In Europa, eccetto che in Jugoslavia, la pace regna dalla fine della seconda guerra mondi…