Numerose pubblicazioni descrivono gli effetti negativi della cosiddetta geoingegneria solare (SAI) sull’ambiente e sulla salute umana

COSA DIAVOLO STANNO FACENDO AL CIELO?

E questo è ciò che (pochi) chiedono da 20 anni, in vista dei cieli imbrattati. Alle nostre latitudini questo scenario ha preso il via 20 anni fa, altrove il cielo era già cambiato prima e in altri luoghi questi decori del cielo sono iniziati più tardi. Sì, e qualche anno dopo hanno annunciato di dover forse spargere sostanze lassù, con gli aerei, per oscurare il sole, per salvare il clima, naturalmente per il nostro bene. Si tratta del cosiddetto management solare, nel senso che non possono gestire il sole, ma possono intervenire sull’atmosfera celeste per ostacolare il passaggio delle radiazioni.

Numerose pubblicazioni descrivono gli effetti negativi della cosiddetta geoingegneria solare (SAI) sull’ambiente e sulla salute umana. Parlano sempre di procedimenti ipotetici, mostrando però immagini di un cielo che possiamo ‘apprezzare’ già ora, quindi paradossalmente preso dalla realtà.

Tutti questi processi ipotetici e gli effetti ben descritti negli studi ufficiali sono stati osservati, misurati e dimostrati da molti anni. Ma chi riporta queste osservazioni è considerato folle.

È davvero una situazione folle. Il colmo di tutto questo è che certi autori fotografano il nostro cielo e dicono che potrebbe essere così in futuro.

Nel seguente articolo, il ricercatore Fabien Deruelle esamina le spiegazioni ufficiali e dei media mainstream relative alle scie persistenti mediante una serie di documenti (pubblicazioni, brevetti, politiche, leggi) e osservazioni, proponendo così nuove direzioni di investigazione su questa crescente minaccia globale.

20 anni di osservazioni personali su questo tema della manipolazione atmosferica e 10 anni di approfondimenti trasmessi in questo blog trovano in questo scritto una sintesi davvero eccellente. Consiglio di stampare e leggere con attenzione il documento. E diffondetelo a persone interessate. Maria Heibel, curatrice di Nogeoingegneria

Le scie persistenti degli aerei sono una minaccia per l’ambiente e la salute?

  • Fabien Deruelle
  • Dalla rivista Reviews on Environmental Health
  • traduzione a cura di Nogeoingegneria

Abstract
Secondo la maggior parte degli studi scientifici, dei media e dei governi, le scie bianche che si vedono dietro gli aerei in volo, corrispondenti alla condensazione mista alle emissioni di particolato dei motori, persistono solo in particolari condizioni atmosferiche. Vengono chiamate scie di condensazione e scie di cirri quando rimangono per ore e raggiungono diversi chilometri di larghezza. Il fatto che negli ultimi vent’anni abbiano gradualmente riempito i cieli sarebbe dovuto all’aumento del traffico aereo. Tuttavia, altri documenti ufficiali collegano queste scie persistenti a una tecnologia di modificazione meteorologica chiamata geoingegneria solare mediante iniezione di aerosol stratosferico (SAI). Questi spray sarebbero composti principalmente da particelle metalliche (Al, Ba, Sr, Fe, nanoparticelle) e zolfo, che aumenterebbero notevolmente l’inquinamento di aria, suolo e acqua. Molti degli attuali problemi ambientali e sanitari corrispondono a quelli descritti nella letteratura sulla geoingegneria solare mediante SAI, qualora venisse impiegato questo metodo. Ad esempio, le particelle metalliche utilizzate sono noti contaminanti ambientali, l’esaurimento dello strato di ozono, le malattie cardiorespiratorie, le malattie neurodegenerative, le scottature solari. Le osservazioni (cieli più bianchi, meno energia fotovoltaica) corrispondono anche agli stessi rischi descritti nelle opere di geoingegneria solare. Inoltre, numerosi brevetti dimostrano che la tecnologia di modificazione del clima è nota e consolidata da molto tempo. In aggiunta, alcuni documenti scientifici e politici suggeriscono che la geoingegneria solare con il SAI è stata utilizzata per molti anni. La quantità di informazioni ufficiali presentate in questa rassegna intende aprire nuove vie di indagine, prive di conflitti di interesse, sul crescente inquinamento globale delle scie persistenti degli aerei e sui loro possibili legami con la geoingegneria solare SAI.

Introduzione
Cosa sono quelle lunghe scie bianche nel cielo lasciate dagli aerei, che persistono e si estendono formando un velo nuvoloso per dare un cielo lattiginoso che oscura fortemente la luce del sole per tutto il giorno?

Secondo le informazioni fornite al pubblico, si tratta di “scie di condensazione degli aerei”, composte da acqua ed emissioni di combustione, che si formano solo in particolari condizioni atmosferiche. L’Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM), un’agenzia specializzata delle Nazioni Unite (ONU), ha dato a queste nuove nubi il nome di Cirrus homogenitus (Figura 1) [1].

Figura 1: Le scie di condensazione degli aerei che persistono per almeno 10 minuti sono denominate Cirrus homogenitus dalla WMO [1].
Molti scienziati attribuiscono il crescente numero di scie persistenti agli aerei al semplice aumento del traffico aereo [2, 3]. Tuttavia, ci sono pubblicazioni, questioni politiche, brevetti e osservazioni che indicano che queste scie persistenti sono irrorazioni di composti chimici, note come geoingegneria solare mediante iniezione di aerosol stratosferico (SAI), finalizzate a modificare il clima. Queste sostanze chimiche sarebbero composte principalmente da particelle metalliche, nanoparticelle, zolfo e black carbon, causando inquinamento dell’aria, del suolo e dell’acqua e quindi con un forte impatto sulla salute [4], [5], [6]. L’interesse (soprattutto da parte dei militari) per il controllo del clima non è recente. Infatti, una tecnologia elettromagnetica, con effetti collaterali ambientali e sanitari molto forti, sembrerebbe essere stata dispiegata e attivata fin dagli anni ’90 senza che il pubblico ne fosse informato, ma a conoscenza ufficiale dei governi [7]. Inoltre, un documento militare mostra che questa tecnologia elettromagnetica richiede l’irrorazione chimica per manipolare il tempo atmosferico [8]. Di conseguenza, poiché gli aerosol stratosferici avrebbero chiaramente un impatto sulla salute [9], diventa importante analizzare le scie persistenti degli aerei con una prospettiva diversa per diversi motivi: (1) / È noto che le emissioni dell’aviazione e le scie persistenti degli aerei aumentano l’inquinamento atmosferico e hanno un impatto sul clima e sulla salute [10, 11].

L’inquinamento atmosferico è un fattore importante per le malattie cardiorespiratorie, che sono in costante aumento [12, 13], e induce anche un effetto negativo sul sistema nervoso centrale (SNC) [14]; (2) / Le particelle metalliche (come alluminio, bario) che sarebbero contenute in questi aerosol sono tra le cause di malattie neurodegenerative come l’Alzheimer, il Parkinson, l’autismo, le encefalopatie spongiformi trasmissibili, la sclerosi laterale amiotrofica, la sclerosi multipla [15]. Ad esempio, l’alluminio è neurotossico ed è fortemente associato a malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Inoltre, un numero crescente di studi dimostra la presenza di alluminio nel tessuto cerebrale umano e i dati sostengono che alti livelli di alluminio nel cervello non sono una fatalità dell’invecchiamento [16]; (3) / Molte malattie sono legate alla carenza di vitamina D, la cui sintesi è compromessa dalla ridotta esposizione al sole dovuta all’inquinamento atmosferico [17]. È importante notare che questa carenza è globale [18]. Uno degli obiettivi noti di questo programma di modificazione meteorologica corrisponde proprio alla riduzione della radiazione solare (4) / Diversi articoli menzionano gli effetti negativi sull’ambiente e sulla salute in caso di impiego della geoingegneria solare da parte del SAI [9, 19], [20], [21]. Si può notare che tutti questi impatti ambientali e sanitari sono stati osservati, misurati, dimostrati e sono in costante aumento da molti anni.

Lo scopo di questo articolo è quello di confrontare la spiegazione ufficiale e dei media mainstream delle scie persistenti degli aerei con altri documenti (pubblicazioni, brevetti, politiche, leggi) e con le osservazioni, al fine di fornire ai lettori nuove direzioni di ricerca su questo crescente inquinamento globale.

Spiegazione ufficiale delle scie persistenti degli aerei
Le scie di condensazione (contrails) hanno vita breve quando l’aria ambiente è secca, con un’umidità relativa inferiore alla saturazione su una superficie ghiacciata, in modo che le particelle di ghiaccio che si formano nella scia evaporino. Le scie persistono ed evolvono in cirri più estesi se l’aria ambiente è sufficientemente umida [22].

Queste scie sono costituite dalla condensazione del vapore acqueo mescolato a particelle di fuliggine e solfato provenienti dalle emissioni della combustione dei carburanti. Dipendono dall’umidità, dalla temperatura dell’aria, dall’altitudine, dall’abbondanza di nuclei di ghiaccio e possono rimanere in cielo per diverse ore. Quando persistono e si diffondono, queste scie di aeromobili sono chiamate contrails di cirri e diventano indistinguibili dai cirri naturali [11, 23, 24].

Le particelle di fuliggine sono composte principalmente da carbonio in cui sono mescolati anche vari metalli: cromo (Cr), ferro (Fe), molibdeno (Mo), sodio (Na), calcio (Ca), alluminio (Al), vanadio (V), bario (Ba), cobalto (Co), rame (Cu), nichel (Ni), piombo (Pb), magnesio (Mg), manganese (Mn), silicio (Si), titanio (Ti), zirconio (Zr) [25].

Le emissioni dei motori degli aerei possono portare a un aumento della concentrazione di particelle che nucleano il ghiaccio, influenzando in tal modo le nubi cirro naturali, anche in assenza di scie, con conseguente impatto sul clima [25], [26], [27].

Le scie persistenti causano un cambiamento nel bilancio radiativo della Terra, influenzano il clima e contribuiscono al riscaldamento globale inducendo un forcing radiativo positivo (bilancio dell’energia solare ricevuta e riemessa dalla Terra nello spazio. Se è positivo, la Terra si riscalda; se è negativo, si raffredda). In effetti, queste lunghe scie riflettono poco la radiazione solare incidente verso lo spazio, ma assorbono la radiazione infrarossa della Terra. Hanno un impatto sul clima, sulla qualità dell’aria, sull’ambiente e sulla salute umana [11, 25, 28].

Uno studio recente ha dimostrato che il forcing radiativo globale dei cirri delle scie sarà triplicato entro il 2050. I miglioramenti nella qualità del carburante e nell’efficienza dei propulsori, che comportano minori emissioni di fuliggine e vapore acqueo, non compenseranno l’aumento del traffico aereo e le nuove tecnologie che consentono agli aeromobili di raggiungere quote di volo più elevate, favorevoli alle scie [2]. Ciò contribuirà al riscaldamento globale nelle regioni interessate. L’impatto climatico delle scie richiede ricerche urgenti [29].

Le scie persistenti degli aerei sembrano essere una conseguenza “naturale” e inevitabile dell’aviazione. Tuttavia, altri documenti che fanno riferimento a una tecnologia di modificazione meteorologica devono essere presi in considerazione per comprendere meglio il problema nel suo complesso.

Geoingegneria solare mediante iniezione di aerosol stratosferico: definizione e metodo

Sono state proposte diverse tecnologie di geoingegneria solare. Tra queste, lo sbiancamento delle nubi marine, l’assottigliamento dei cirri, le tecniche spaziali e la diffusione di aerosol stratosferici. 

La diffusione degli aerosol stratosferici introdurrebbe piccole particelle riflettenti nell’alta atmosfera, in grado di riflettere una piccola frazione della luce solare nello spazio [30] (Figure 2 e 3).

Figura 2: Strategie di geoingegneria, tra cui l’iniezione di aerosol riflettenti nell’atmosfera.
Figura 3: SAI (iniezione di aerosol stratosferico): Iniezione di particelle inorganiche, come il biossido di zolfo, nella stratosfera per bloccare la luce solare in arrivo.

Nel 2013, l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) presenta la geoingegneria solare come un metodo potenzialmente utilizzabile, anche se molto controverso [31].

Nel 2016, il discorso annuale del direttore della CIA fa riferimento alla geoingegneria, e più specificamente alla SAI, come una tecnica di alterazione del clima praticamente inevitabile, poco costosa e totalmente priva di normative [32].

Il primo documento ufficiale che mostra la possibilità di utilizzare programmi di geoingegneria è stato presentato nel 1992 [33]. Aggiungendo polvere alla stratosfera attraverso l’uso di aerei, si potrebbe creare uno schermo per aumentare la riflessione della luce solare (pp. 59, 449). Tale polvere avrebbe un effetto visibile, soprattutto sui tramonti e sulle albe, e riscalderebbe la stratosfera causando una modifica dello strato di ozono a questa altitudine (pp. 459-60). La diminuzione dell’efficienza di combustione dei motori consentirebbe inoltre la persistenza di una sottile nube di fuliggine in grado di intercettare la luce solare (pag. 59).

L’iniezione stratosferica di composti di zolfo è un metodo di geoingegneria solare ampiamente studiato [34]. Questi composti di zolfo vengono aggiunti direttamente al carburante dell’aereo [35]. Tuttavia, altri autori suggeriscono che sarebbe preferibile collegare un ugello per rilasciare lo zolfo da un serbatoio all’interno dell’aereo, piuttosto che mescolarlo al carburante. Essi sostengono l’uso esclusivo di aerei militari (F-15C Eagles, KC-135 Stratotankers e KC-10 Extenders) perché le forze armate hanno già prodotto un numero di aerei superiore a quello necessario per questo scenario di geoingegneria, riducendo potenzialmente i costi di questo metodo, e perché il cambiamento climatico è un importante problema di sicurezza nazionale [19]. Tuttavia, queste irrorazioni di aerosol di zolfo comportano molti rischi: aumento dei tassi di distruzione dell’ozono stratosferico; incremento delle scottature solari; riduzione dell’energia solare; acidificazione degli oceani; provocazione della siccità; effetti sulle proprietà elettriche dell’atmosfera; cambiamento del colore del cielo da blu a bianco; degrado dell’astronomia ottica terrestre; sfruttamento militare della tecnologia [19], [20], [21].

L’allumina (Al2O3) sembra essere un composto migliore del solfato per la geoingegneria solare. Tuttavia, le sostanze chimiche meno comuni in natura rispetto al solfato presentano potenzialmente rischi aggiuntivi, siano essi noti o sconosciuti [34]. In totale, possono essere utilizzate molte sostanze, come: iniezione di particelle di solfato o di acido solforico (H2SO4), che si condensa in particelle, o di gas precursori come l’anidride solforosa (SO2), il solfuro di idrogeno (H2S) o il solfuro di carbonile (COS), che verrebbero poi ossidati in H2SO4; calcite (CaCO3, il componente principale del calcare); forme cristalline di biossido di titanio (TiO2), biossido di zirconio (ZrO2) e ossido di alluminio (Al2O3); carburo di silicio (Sic); diamante sintetico; fuliggine; e nanoparticelle che si autoalimentano [36].

Per ridurre la copertura nuvolosa dei cirri, Mitchell e Finnegan [20] raccomandano di utilizzare “una miscela composita pressata di triioduro di bismuto (BiI3), perclorato di potassio (KClO4), alluminio e gilsonite (un idrocarburo naturale)”, per poi rilasciarla nell’atmosfera utilizzando l’industria dell’aviazione civile. Sebbene questo metodo non sia considerato equivalente alla SAI, l’obiettivo è comunque quello di spruzzare aerosol ad alta quota. “Il materiale di semina potrebbe essere (1) disciolto o sospeso nel carburante del jet e successivamente bruciato con il carburante per creare degli aerosol di semina, oppure (2) iniettato nello scarico caldo del motore, il quale dovrebbe vaporizzare il materiale di semina, permettendogli di condensare come aerosol”.

Nel quotidiano britannico “The Guardian”, la geoingegneria viene presentata in modo futuristico.

La geoingegneria solare è stravagante e inquietante. Invoca tecnologie che ricordano la fantascienza – jet che riempiono la stratosfera di particelle che bloccano la luce solare… [37]. 

Nonostante i documenti che citano il SAI come una tecnologia studiata solo in laboratorio, le osservazioni che si possono fare all’esterno quasi ogni giorno (Figure 1 e 5) corrispondono esattamente a quanto descritto da alcuni autori precedenti in caso di utilizzo di questa geoingegneria solare.

Autorità internazionali e geoingegneria solare del SAI
L’ingegneria climatica, e quindi la geoingegneria solare, rimane uno spazio in gran parte non governato, con norme condivise, accordi istituzionali e regole formali per regolare l’ingegneria climatica che ancora non esistono. Tuttavia, una governance de facto è emersa grazie alle valutazioni autorevoli della Royal Society britannica e della National Academy of Science statunitense (NAS). Ciò significa che: “La direzione che comporta la governance de facto non è esplicitamente riconosciuta come un atto di governo da parte di altri, anche se indirizza il campo di indagine in direzioni specifiche, configurando così anche il contesto per la governance de jure”. È importante notare che: “il rapporto della NAS respinge la posizione secondo cui ogni sperimentazione all’aperto su piccola scala dovrebbe essere regolamentata e che le preoccupazioni sociali associate a questa tecnologia renderebbero inadeguata l’autogoverno da parte della comunità scientifica” [38].

Nel 2013, al Parlamento europeo, la geoingegneria solare del SAI viene descritta come una scienza militare attiva da diversi anni. Si afferma che i media, così come i governi, non dicono la verità su questa tecnologia, che viene praticata al di fuori di qualsiasi quadro giuridico nazionale o internazionale [4].

Per diversi anni, i membri del Parlamento europeo hanno sollevato ricorrenti interrogativi sull’irrorazione illegale di sostanze chimiche ad alta quota in tutto il mondo. Tanto che queste scie persistenti vengono chiamate chemtrails (scie chimiche) [39]. Di seguito è riportata una sintesi delle domande poste alla Commissione del Parlamento europeo dal 2007 al 2017:

Nel 2007 viene chiesto se la Commissione è a conoscenza del fatto che, dal 1999, i cittadini statunitensi e canadesi denunciano sempre più spesso la presenza di scie aeree persistenti che a volte possono rimanere in sospensione per diverse ore e si estendono in veli lattiginosi che prendono il nome di “oscuramento aereo”. Negli Stati Uniti, le indagini condotte dai denuncianti, le osservazioni dei piloti e le dichiarazioni degli enti governativi portano sempre più a ipotizzare che gli aerei emettano piccole particelle composte da bario, alluminio e ferro, note come scie chimiche (E-2455/07).

Nel 2009, un deputato ha voluto sapere se la Commissione ha preso o prenderà provvedimenti per garantire che le emissioni delle scie chimiche di alcuni aerei e il conseguente inquinamento atmosferico siano vietati (E-3730/09).

Nel 2011 è stato chiesto se le sostanze chimiche diffuse dagli aerei per la geoingegneria negli Stati Uniti si possono trovare nello spazio aereo europeo (E-006621/2011).

Nel 2012, le analisi delle scie chimiche hanno verificato la presenza di bario radioattivo, alluminio, torio e cesio radioattivi, rame, titanio, silicio, litio, cobalto, piombo, dibromuro di etilene e diversi agenti patogeni. La domanda era se la Commissione fosse a conoscenza degli effetti sulla salute di questi spray chimici (E-002906/2012).

Nel 2013, alla Commissione è stato chiesto di spiegare come, da un punto di vista scientifico, la continua inalazione di metalli pesanti e il loro deposito al suolo (contaminando acqua e cibo) non influiscano negativamente sugli sforzi dei 500 milioni di cittadini europei per mantenere un’alta qualità della vita. Molti nella comunità scientifica internazionale ritengono che le scie persistenti degli aerei disperdano nell’aria sostanze tossiche come l’alluminio, il bario e il ferro e siano quindi estremamente pericolose. Si chiede inoltre perché la Commissione e la maggior parte degli Stati membri tengano nascoste le informazioni sulle scie chimiche e sulla geoingegneria invece di renderle disponibili al pubblico (E-008804/2013).

Nel 2014 si chiede se la NATO o l’esercito siano coinvolti in operazioni di geoingegneria attraverso l’irrorazione di aerosol nell’atmosfera, dal momento che sono state avvistate sempre più scie chimiche sopra una contea dell’Inghilterra (Bedfordshire) (E-003690/2014).

Nel 2015, la questione riguarda i rischi ambientali e sanitari della geoingegneria, in quanto quattro dipendenti dell’Agenzia meteorologica spagnola hanno confessato che gli aerei diffondono nell’atmosfera biossido di piombo, ioduro d’argento e diatomite in tutto il Paese, al fine di allontanare le piogge e consentire l’aumento delle temperature. Il problema è che questa geoingegneria genera tempeste e malattie respiratorie (E-007937-15).

Nel 2017 è stato chiesto alla Commissione se sono state adottate misure per analizzare e valutare gli effetti delle scie chimiche sull’ambiente e come intende proteggere la popolazione europea (E-005130-17).

L’ultima risposta della Commissione europea è stata:

In conseguenza della mancanza delle prove necessarie per avviare una risposta politica, non sono state intraprese azioni né previste ulteriori analisi [39]. 

Da diversi anni, anche i parlamentari di vari Paesi chiedono ai loro governi informazioni sulle scie chimiche. Dal 2003 al 2011 sono state presentate 13 interrogazioni al governo italiano. In seguito alle denunce di molti cittadini e associazioni, al governo sono state spesso chieste informazioni e indagini sui metalli (Al, Ba, Ti) misurati in alte concentrazioni nel suolo e nell’acqua come risultato del passaggio delle scie chimiche, nonché sull’altissimo numero di casi di cancro nelle regioni in cui le scie aeree persistenti sono regolari. Secondo i parlamentari, le risposte del governo sono inesistenti o poco convincenti [40]. In Francia, le scie persistenti degli aerei sono state osservate da migliaia di persone per anni. La geoingegneria militare attraverso lo spargimento di sostanze chimiche è stata oggetto di interrogazioni da parte dei membri del Parlamento francese [41]. Nel Regno Unito, l’interrogazione riguardava la ricerca intrapresa dal Dipartimento dell’Ambiente sugli effetti inquinanti delle scie chimiche [42].

In ogni occasione, il Parlamento europeo e i governi rispondono sempre con lo stesso stile molto sintetico: non ci sono informazioni sul rilascio di sostanze chimiche da parte degli aerei; si tratta di una condensazione dell’acqua dovuta alle normali emissioni degli aerei; non ci sono prove di effetti negativi sulla salute umana.

Tuttavia, non sarebbe la prima volta che un governo effettua azioni militari che prevedono l’irrorazione di sostanze chimiche sui propri cittadini. Infatti, dal 1955 al 1963, un rapporto rivela che il Ministero della Difesa britannico ha spruzzato “solfuro di zinco e cadmio” sulla popolazione del Regno Unito senza il suo consenso [43].

I brevetti
I brevetti non provano in alcun modo l’utilizzo della geoingegneria solare da parte del SAI, ma dimostrano che le tecniche per spruzzare particelle nell’atmosfera sono note da molto tempo.

Già nel 1971 l’alluminio era il metallo più indicato per i cambiamenti climatici [44].

Nel 1975 è stato inventato un meccanismo per creare scie di polvere (diverse da quelle di condensa) o schermi riflettenti, per qualsiasi scopo desiderato. Il composto principale è il biossido di titanio, ma il brevetto specifica che:

Con l’apparecchio qui descritto possono essere utilizzate anche composizioni di polvere di altro tipo. Per esempio, varie particelle di polvere che riflettono le radiazioni elettromagnetiche possono essere erogate come chaff o simili dal generatore di contrail [45]. 

Nel 1976 è stato sviluppato un dispositivo per distribuire con precisione piccole quantità di sostanze chimiche biologicamente attive su ampie aree, ad esempio partendo da un aereo [46].

Nel 1983 è stato realizzato un miglioramento nella nebulizzazione di un liquido dall’ala di un aereo [47].

Nel 1990 è stato prodotto un dispositivo di atomizzazione di liquidi per l’irrorazione aerea, abbinato a un controllo elettrico per regolare la portata del liquido [48].

Il brevetto più importante è stato rilasciato nel 1991. Per ridurre il riscaldamento globale, questo metodo consiste nel seminare la stratosfera terrestre con materiali del tipo Welsbach nella zona che intrappola i gas serra, e che assorbono fortemente le radiazioni della lunghezza d’onda vicina all’infrarosso. Questi materiali sono particelle metalliche, ossido di alluminio e ossido di torio, che hanno la caratteristica di emissività (o riflettività) termica basata sulla lunghezza d’onda.

Le particelle sono sospese all’interno dello strato di gas serra e forniscono un mezzo per convertire l’energia radiativa a lunghezze d’onda vicine all’infrarosso in radiazioni a lunghezze d’onda lontane dall’infrarosso, permettendo ad una parte della radiazione convertita di sfuggire nello spazio… La semina delle particelle dovrebbe essere effettuata a un’altitudine dell’ordine di 10 km (tra 7 e 13 km). Le particelle possono essere introdotte disperdendole da velivoli di semina; una tecnica esemplare può essere quella del carburante per jet, come suggerito da lavori precedenti riguardanti le particelle metalliche [49]. 

Nel 2008 è stato concesso un brevetto per un sistema di distribuzione aerea. I serbatoi, distribuiti nell’aereo, possono diffondere prodotti di diverso tipo: acqua, gel, polvere, composto per la decontaminazione, composto per la modifica delle condizioni atmosferiche, composto per il trattamento delle fuoriuscite di petrolio e composto antincendio [50] (Figura 4). Questo sistema sarà potenziato nel 2010 [51].

Figura 4: Un esempio di sistema di somministrazione aerea [50].
Letteratura e osservazioni
Alcuni ricercatori, che si sono occupati dei legami tra le scie persistenti degli aerei e la geoingegneria solare tramite SAI, citano le ceneri volanti di carbone (CFA), un rifiuto industriale, tra le particelle utilizzate [6, 52], [53], [54]. Nel CFA sono contenuti diversi elementi: silicio, alluminio, ferro, bario, stronzio (Sr), arsenico (As), mercurio (Hg), manganese, nanoparticelle, uranio (U), torio (Th) e nanoparticelle di magnetite (ossido di ferro) [55], [56], [57], [58], [59].

In generale, le pubblicazioni hanno mostrato che le scie chimiche sembrerebbero molto ricche di alluminio, bario e stronzio, sotto forma di nanoparticelle, con una forte predominanza di alluminio [5, 60], [61], [62], [63]. Si noti anche che le forze armate utilizzano già l’irrorazione atmosferica di bario per migliorare/riflettere le comunicazioni radar e i segnali radio [64, 65].

Le scie persistenti degli aerei sono state analizzate con un radiometro spettrale. I risultati indicano che non si tratta di scie di condensazione ma di scie chimiche [66]. In seguito all’irrorazione di questi aerosol, appaiono linee biancastre che non si attenuano, poi si estendono gradualmente, lasciando il cielo completamente velato (Figura 5).

Le fotografie sono state scattate dall’autore stesso nella città di Lille, nel nord della Francia, con una fotocamera Nikon Coolpix L16, e mostrano scie di aerei persistenti di varie forme a seconda della fase di diffusione. (a) 17 febbraio 2019, 13h45; (b) 13 febbraio 2021, 14h51; (c) 4 agosto 2020, 18h02; (d) 29 luglio 2020, 17h40. Altre fotografie o testimonianze rivelano che scie di aerei persistenti, che danno un cielo velato, si trovano in molte regioni della Terra [4, 5, 39, 53, 62, 66], [67], [68].
Le particelle per la geoingegneria solare che si diffondono sono riscaldate dalla radiazione solare e terrestre e trasferiscono questo calore all’atmosfera attraverso collisioni molecolari, riducendo così la convezione atmosferica e quindi la perdita di calore. Ciò si traduce in un riscaldamento locale o globale dell’atmosfera [6].

Sebbene queste scie persistenti siano presenti ovunque nel cielo a seconda dei casi, le osservazioni regolari mostrano che molto spesso sono più concentrate nella direzione del sole. Ciò rafforza l’ipotesi dell’uso della geoingegneria solare da parte del SAI, poiché il suo scopo è quello di ridurre la luce solare.

Secondo uno studio, la geoingegneria solare basata sull’irrorazione stratosferica di aerosol di solfato a 20 km di altitudine non potrebbe essere realizzata in segreto a causa del grande volume logistico da gestire [69]. Tuttavia, gli autori non parlano della ricerca militare statunitense sul controllo del clima a partire dagli anni Sessanta. Inoltre, un brevetto ha dimostrato che la geoingegneria solare tramite SAI può essere utilizzata ad altitudini molto più basse di quelle menzionate [49]. Inoltre, gli elementi chimici studiati non si limitano alla diffusione dello zolfo [9, 20, 36].

Leggi
Nell’ottobre 2001 è stata presentata al Congresso degli Stati Uniti una proposta di legge (che è stata respinta) per controllare armi specifiche, comprese le cosiddette armi “esotiche”. Tra queste ci sono le “chemtrails”.

Il termine “sistemi di armi esotiche” include armi progettate per danneggiare lo spazio o gli ecosistemi naturali (come la ionosfera e l’atmosfera superiore) o i sistemi climatici, meteorologici e tettonici allo scopo di indurre danni o distruzione nei confronti di una popolazione o regione bersaglio sulla Terra o nello spazio” [70].

Nel 2017, nello Stato dell’Isola di Rodi è stato proposto un disegno di legge per regolamentare la geoingegneria.

“Geoingegneria” significa manipolazione intenzionale dell’ambiente… L’assemblea generale del Rhode Island ritiene che la geoingegneria comprenda molte tecnologie e metodi che comportano attività pericolose che possono danneggiare la salute e la sicurezza umana, l’ambiente e l’economia…

Tra tutti i metodi di geoingegneria elencati in questo documento, viene menzionata l’applicazione di particelle riflettenti come l’ossido di alluminio, il biossido di zolfo, il bario, che impediscono alla luce solare di raggiungere la superficie terrestre e poi ricadono come inquinamento. Ma anche il rilascio deliberato di carbonio nero nell’atmosfera per produrre fenomeni meteorologici artificiali. Inoltre, il documento sottolinea gli effetti devastanti di questa geoingegneria sull’ambiente e sulla salute umana [71].

La proposta di legge originale è stata sostituita da una proposta di legge alternativa che prevede l’istituzione di una commissione che studi e fornisca raccomandazioni per la regolamentazione statale e la concessione di licenze per tutte le tecnologie di geoingegneria [72].

Manipolazione del clima
Gli archivi governativi dimostrano che esiste una chiara e consolidata volontà di modificare il tempo e il clima [73], [74], [75], [76], [77], [78]. Questo proposito di controllare il clima rimane principalmente militare [7]. Nel 1996, è stato presentato un documento di ricerca all’Aeronautica militare statunitense con l’obiettivo di delineare una strategia per l’utilizzo di un futuro sistema di modificazione del tempo per raggiungere obiettivi militari nel 2025 con applicazioni nazionali e internazionali attraverso la NATO e le Nazioni Unite [8]:

Nel 2025, le forze aerospaziali statunitensi possono “possedere il tempo” capitalizzando le tecnologie emergenti e concentrandone lo sviluppo su applicazioni belliche… Le attuali tecnologie che matureranno nei prossimi 30 anni offriranno a chiunque disponga delle risorse necessarie la capacità di modificare i modelli meteorologici e gli effetti corrispondenti, almeno su scala locale…

Il numero di specifiche metodologie di intervento è limitato solo dall’immaginazione, ma con poche eccezioni, esse comportano l’infusione di energia o di sostanze chimiche nel processo meteorologico nel modo e nel momento giusto. L’intervento potrebbe essere progettato per modificare il tempo in vari modi, ad esempio influenzando le nuvole e le precipitazioni, l’intensità dei temporali, il clima, lo spazio o la nebbia. 

Questo documento ha presentato una tecnica per disperdere il black carbon nell’atmosfera iniettando idrocarburi liquidi nei gas di scarico post-combustione [79]. È stato suggerito che questa tecnologia potrebbe essere utile per disperdere altri modificatori. I veicoli aerospaziali non abitati (UAV), dotati di tecnologia stealth, potrebbero essere utilizzati di routine per le operazioni di modificazione meteorologica [8]. Tuttavia, trattandosi di molti territori planetari, i velivoli dovrebbero essere specificamente destinati a questo tipo di irrorazione [80].

Il manoscritto militare mostra anche l’intenzione di creare nuvole intelligenti a basso costo utilizzando la nanotecnologia, generando così l’illusione di fenomeni meteorologici naturali.

“Una nuvola, o più nuvole, di microscopiche particelle informatiche, tutte comunicanti tra loro… progettate per avere una vasta gamma di proprietà…” [8]. 

La parte chimica (CHEM), che sarebbe iniziata negli anni ’90, è accompagnata da una crescita esponenziale degli impulsi di onde elettromagnetiche nella ionosfera (AIM) (Figura 6). Il dispositivo a onde elettromagnetiche descritto nel documento presentato all’Aeronautica militare statunitense è molto simile al sistema HAARP (High-frequency Active Auroral Research Program), fortemente sospettato di causare disturbi meteorologici globali ed effetti negativi sulla salute [7].

 

Figura 6: Una road map per la modificazione del tempo nel 2025 [8]. ADV: Aerospace Delivery Vehicles; AIM: Artificial Ionospheric Mirrors; CHEM: sostanze chimiche; CBD: carbon black dust; COMM: comunicazioni; COMP MOD: modellazione al computer; DE: directed energy; GWN: Global Weather Network; SC: Smart Clouds (nanotecnologie); SENSORS: sensori; VR WX: Virtual Weather; WFSE: Weather Force Support Element.
Effetti sull’ambiente e sulla salute in caso di utilizzo effettivo della geoingegneria solare tramite SAI

Nel 2016, uno studio ha valutato i rischi per la salute umana in caso di utilizzo della geoingegneria solare con aerosol stratosferici. Sono stati analizzati i materiali più raccomandati: biossido di zolfo, solfuro di idrogeno, solfuro di carbonile, black carbon e dischi appositamente ingegnerizzati (nanoparticelle) composti da alluminio metallico, ossido di alluminio e titanato di bario. Gli effetti sulla salute di una potenziale esposizione a questi aerosol sono: respiratorio, cardiovascolare, gastrointestinale, ematologico, muscoloscheletrico, epatico, renale, endocrino, cutaneo, oculare, metabolico, immunologico, neurologico, riproduttivo, dello sviluppo, genotossico, cancro, morte. Inoltre, non si conosce la tossicità, e quindi non esistono standard di esposizione, per il titanato di bario. Per le esposizioni pubbliche, l’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente, l’Agenzia Europea per l’Ambiente e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) specificano gli standard normativi per la qualità dell’aria ambiente. Attualmente non esistono limiti fissati da nessuna di queste agenzie per la maggior parte delle sostanze che possono essere utilizzate per la SAI, e le infrastrutture per valutare i potenziali impatti sulla salute pubblica dei dispiegamenti di aerosol stratosferici sono scarse [9].

La maggior parte delle sostanze tossiche menzionate nella geoingegneria solare da SAI sono sorprendentemente legate a molti problemi ambientali e sanitari attuali.

La presenza di grandi quantità di nanoparticelle metalliche nell’atmosfera può contribuire ad aumentare il rischio per la salute. Nell’aria, queste nanoparticelle possono avere forti proprietà magnetiche, tossiche, cancerogene, ossidanti e un’ampia superficie di adsorbimento. Inoltre, attualmente non esistono standard di qualità dell’aria ambiente per le concentrazioni di nanoparticelle. Di conseguenza, l’aria sta diventando sempre più inquinata e quindi pericolosa per gli organismi viventi [81].

I metalli pesanti e le nanoparticelle, presenti nella geoingegneria solare mediante SAI, colpirebbero l’aria, il suolo, l’acqua e si trovano indubbiamente in agricoltura, inquinando gran parte dell’approvvigionamento alimentare [5, 6, 52, 53, 61, 62].

Ambiente
Il riscaldamento locale o globale dell’atmosfera sembra essere l’effetto più evidente del SAI, che porta allo scioglimento locale di neve e ghiaccio [6]. Ma anche una riduzione dell’ozono quando le particelle di zolfo vengono rilasciate nella stratosfera [19].

La siccità causata dallo zolfo [20], combinata con la capacità piroforica delle nanoparticelle di alluminio (meno di 68 nm) che aumentano il rischio di esplosioni o incendi [81], potrebbe spiegare la gravità degli incendi selvaggi in tutto il mondo negli ultimi anni [62, 82].

L’inquinamento magnetico dovuto alla magnetite presente negli CFA (proveniente dalle centrali elettriche a carbone o da qualsiasi altro uso industriale del carbone per generare alte temperature) potrebbe disturbare l’orientamento dei cetacei e causarne lo spiaggiamento [59]. La stessa ipotesi è stata avanzata a causa dell’uso militare delle onde elettromagnetiche [7]. Più alto è il livello delle onde elettromagnetiche, più la magnetite accumulata nei cetacei verrà stimolata, disturbando ovviamente il loro orientamento, come del resto avviene per qualsiasi altro animale dipendente dalla navigazione magnetica.

L’alluminio è il contaminante ambientale più significativo degli ultimi tempi. È stato riscontrato che le pupe di bombo sono altamente contaminate dall’alluminio. Poiché le api dipendono fortemente dalle funzioni cognitive, l’elevato contenuto di alluminio misurato nelle pupe di bombo potrebbe interferire con lo sviluppo o il funzionamento delle prestazioni cognitive delle api adulte, svolgendo un ruolo nel declino della loro popolazione [83].

Sistema polmonare
Le emissioni di particolato (PM) degli aerei di linea, classificate come PM0,1 ultrafine, penetrano in profondità nel tratto respiratorio e possono raggiungere il flusso sanguigno [25]. L’inquinamento atmosferico provoca malattie cardiovascolari, respiratorie, metaboliche, tumori, effetti neurologici e ossidativi, in particolare a causa delle polveri sottili, ed è la principale causa ambientale di malattie e morti premature a livello globale [14]. Nei bambini, l’esposizione all’inquinamento atmosferico composto da SO2, Si, S, Ti e black carbon porta a malattie respiratorie [84]. Si noti che questi componenti sono presenti nella geoingegneria solare mediante SAI. Secondo Kapadia et al. [35]:

la maggiore riduzione della mortalità indotta dall’aviazione è stata simulata per la completa desolforazione del carburante per l’aviazione. 

Le ceneri volanti del carbone sono composte da PM2,5, PM1 e nanoparticelle, che causano una lieve infiammazione neutrofila nel tessuto polmonare e nel sangue, danni al DNA, effetti citotossici (apoptosi e necrosi) e stress ossidativo [58, 85]. Le ceneri volanti di carbone, che farebbero anch’esse parte della geoingegneria solare del SAI, presentano sostanze tossiche come alluminosilicati, ossido di ferro, silice, arsenico, cadmio, cromo esavalente, elementi radioattivi, oltre a particelle di dimensioni molto piccole, che aumenterebbero in modo significativo l’inquinamento atmosferico, con conseguenti rischi potenziali di cancro ai polmoni e gravi malattie respiratorie [54].

Le particelle possono entrare in circolo attraverso la respirazione e raggiungere la regione alveolare. A questo punto, possono traslocare nella circolazione sistemica e poi attraversare la barriera emato-encefalica (BBB), attraverso la formazione di specie reattive dell’ossigeno (ROS) che alterano la permeabilità della BBB, fino al parenchima cerebrale [14]. Le particelle con dimensioni di 10-100 nm possono raggiungere l’area dei bronchioli e degli alveoli con un’efficienza del 20-60%. Inoltre, i lenti meccanismi di eliminazione delle nanoparticelle incorporate ne favoriscono il tempo di ritenzione e quindi la penetrazione nelle cellule epiteliali delle vie aeree, nel sangue o nel sistema linfatico [81].

L’esposizione al ferro e ad altri metalli di transizione può generare ROS sulla superficie delle cellule polmonari, che possono causare lesioni e portare alla formazione di tessuto cicatriziale [86].

Il composto principale dell’iniezione di aerosol stratosferico sembra essere l’alluminio. La letteratura mostra che gli organi bersaglio dell’avvelenamento da alluminio sono i polmoni, il sistema nervoso centrale e le ossa. Le piccole particelle di alluminio inalate possono essere trasportate dagli alveoli al flusso sanguigno per dissoluzione o per fagocitosi dei macrofagi [87]. L’inalazione di alluminio può causare danni polmonari come polmonite granulomatosa, granulomatosi polmonare, fibrosi polmonare, proteinosi alveolare polmonare, polmonite interstiziale desquamativa e asma [88]. In Pakistan, il 15% della popolazione soffre di asma, con un aumento del numero di casi dovuto agli ossidi di alluminio irrorati tramite la SAI della geoingegneria solare [5].

Sistema cardiovascolare
Il passaggio di particelle fini e ultrafini nel sangue può innescare un processo infiammatorio sistemico attraverso l’induzione della produzione di ROS e il rilascio di citochine pro-infiammatorie [86]. L’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico può portare alla formazione di placche aterosclerotiche e, nel tempo, successivamente a vari fenotipi di malattie cerebro-cardiovascolari come ictus, ipertensione arteriosa, coronaropatia, infarto miocardico, insufficienza cardiaca e aritmia [14]. Nanoparticelle di magnetite/maghemite sono state trovate nel cuore di abitanti di Città del Messico, un fattore di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari [89].

Sistema nervoso centrale
È stata stabilita una chiara relazione tra l’inquinamento atmosferico e le malattie neurodegenerative [90, 91]. I fini e le nanoparticelle di magnetite contenuti nelle ceneri volanti di carbone hanno la capacità di penetrare e danneggiare la BBB, portando a un accumulo di questi elementi magnetici nel cervello, che può scatenare disturbi neurologici come il morbo di Alzheimer [59].

Secondo Pakrashi et al. [60], a causa delle nanoparticelle di ossido di alluminio che contengono, le scie chimiche sollevano preoccupazioni sul loro ruolo nell’aumentare l’incidenza del morbo di Alzheimer, ma anche dell’autismo [16, 92, 93]. Oltre ai polmoni, esiste un’altra via attraverso la quale le piccolissime particelle presenti nell’aria possono penetrare nel sistema nervoso centrale e raggiungere il cervello, i neuroni del recettore olfattivo o il nervo trigemino [14]. L’assorbimento di Al è molto più facile nel tratto respiratorio che in quello digestivo. Pertanto, le nanoparticelle di alluminio possono essere traslocate lungo i nervi olfattivi e depositarsi principalmente nel cervello e nel midollo spinale [81].

I ricercatori hanno dimostrato che l’inquinamento atmosferico composto da nanoparticelle di alluminio, ferro e titanio mette le persone a rischio di potenziali disturbi neurologici come l’Alzheimer, il Parkinson e la malattia del motoneurone. Queste nanoparticelle si trovano nel tronco encefalico, in particolare nella substantia nigra e nel cervelletto. Le particelle di titanio raggiungono il cervello dopo essere state ingerite e trasferite dall’intestino alle cellule nervose che collegano il tronco encefalico all’apparato digerente. Le nanoparticelle ricche di metalli provenienti dall’inquinamento possono quindi raggiungere il tronco encefalico per inalazione o ingestione. Queste particelle possono causare infiammazioni e fungere da catalizzatore per la formazione eccessiva di specie reattive dell’ossigeno. Gli autori sottolineano che il controllo delle fonti nanoparticellari di inquinamento atmosferico diventa critico e urgente [94, 95].

Il lavoro di Purdey ha dimostrato che un ambiente con alti livelli di cationi di alluminio, bario, stronzio, ferro e manganese, provenienti da fonti inquinanti naturali geochimiche e artificiali (soprattutto militari), favorisce lo sviluppo di malattie neurodegenerative come l’Alzheimer, il Parkinson, le encefalopatie spongiformi trasmissibili, la sclerosi laterale amiotrofica e la sclerosi multipla, soprattutto se gli individui cronicamente esposti in queste aree sono impoveriti di Mg/Ca. Gli individui possono assorbire queste nanoparticelle metalliche direttamente nel cervello attraverso la via nasale-olfattiva dell’inalazione, o attraverso catene alimentari contaminate che le assorbono attraverso la barriera intestinale-sangue e sangue-cervello. Quando la permeabilità della barriera emato-encefalica è compromessa, nel cervello impoverito di Mg/Ca, l’assorbimento di Al, Fe, Sr, Ba o Mn porta a sostituzioni anomale del metallo nei domini di legame Mg/Ca rilasciati su vari gruppi enzimatici/proteoglicani, causando un’ampia alterazione dei sistemi dipendenti da Mg/Ca. Inoltre, questi metalli tossici celano il solfato libero privando le molecole di proteoglicani solfatati endogeni (eparan solfati) del loro partner solfato. Queste reazioni consentono la proliferazione e l’accumulo di matrici cristalline metallo-proteiche nel cervello prive di proteoglicani, che potrebbero rappresentare, associate a una carenza alimentare di Mg/Ca, una caratteristica chiave comune alle malattie neurodegenerative [15, 64, 65, 96].

Questi risultati dovrebbero essere correlati al fatto che i campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) inducono un’apertura della barriera emato-encefalica [97], il che può aumentare l’assorbimento di Al, Fe, Sr, Ba o Mn [15]. Di conseguenza, esiste una minaccia molto elevata per la salute quando i campi elettromagnetici a radiofrequenza e la geoingegneria solare mediante SAI vengono utilizzati contemporaneamente. Inoltre, un elevato contenuto di metalli pesanti nell’organismo aumenta il rischio di diventare iperelettrosensibili, una patologia nuova e in crescita a causa del costante aumento del livello delle onde elettromagnetiche [97, 98].

Vitamina D e UV-B
L’ingestione di alluminio inibisce la funzione biologica della vitamina D nell’intestino legata all’assorbimento del calcio, con conseguente alterazione della mineralizzazione ossea [88]. Inoltre, l’integrazione orale di vitamina D sembra aumentare l’assorbimento dell’alluminio [87, 99]. Inoltre, l’alluminio può legarsi al fosforo alimentare e diminuirne l’assorbimento nel tratto gastrointestinale, causando osteomalacia e rachitismo [87]. Inoltre, lo stronzio interferisce con il normale metabolismo della vitamina D bloccando la sintesi renale di 1,25-diidrossivitamina D, la forma attiva della vitamina D, e sembra essere più facilmente assorbito da un integratore di vitamina D [100, 101].

La principale fonte di vitamina D (90%) proviene dal sole. L’inquinamento atmosferico è stato segnalato come uno dei fattori più significativi in grado di causare la carenza di vitamina D, riducendo l’esposizione al sole, in particolare alle radiazioni UV-B [17]. Il disegno di legge del 2017 afferma che se gli aerosol della geoingegneria solare venissero irrorati, la radiazione solare diminuirebbe, implicando una diminuzione della sintesi di vitamina D [71]. In letteratura, una carenza globale di vitamina D può essere riscontrata a qualsiasi latitudine. Si tratta di un problema di salute pubblica globale, tanto che si parla di “pandemia” soprattutto in Europa, tranne che in alcuni Paesi ad alta latitudine (ad esempio Norvegia, Finlandia, Svezia, Danimarca e Paesi Bassi), il che può essere attribuito a un’elevata integrazione di vitamina D [18, 102, 103]. Inoltre, la 1,25-diidrossivitamina D potenzia il sistema immunitario innato (induce peptidi antimicrobici, come la catelicidina, che agisce contro batteri e funghi e presenta attività antivirali dirette contro molti virus respiratori; modula la differenziazione e le funzioni delle cellule presentanti l’antigene; la vitamina D e i suoi metaboliti modulano la funzione endoteliale e la permeabilità vascolare; svolge un ruolo nel mantenimento dell’integrità intestinale e dell’omeostasi intestinale tra ospite e microbiota intestinale) e promuove il sistema immunitario adattativo producendo risposte delle cellule T e B. La carenza di vitamina D aumenta il rischio di sviluppare diverse malattie e disturbi legati al sistema immunitario, tra cui psoriasi, diabete di tipo 1, sclerosi multipla, artrite reumatoide, tubercolosi, sepsi, infezioni respiratorie, influenza [104]. Va notato che l’esposizione all’alluminio induce anche un aumento dello stress ossidativo che porta all’immunosoppressione (apoptosi dei linfociti) [88].

L’inquinamento atmosferico diminuisce la radiazione solare e quindi la radiazione UV-B [17]. Inoltre, con il tempo, la geoingegneria SAI causerà l’assottigliamento dello strato di ozono [6, 19, 20, 21], aumentando così il rischio di scottature e tumori della pelle dovuti alla sovraesposizione ai raggi UV-B [21, 105, 106]. Questo aumento dei raggi UV avverrà in luoghi meno colpiti dall’inquinamento atmosferico (ad esempio fuori dalle città e dalle aree industriali), nonché in condizioni di tempo sereno, cioè senza nuvole o spray. Di conseguenza, se la geoingegneria di SAI è davvero legata alle scie persistenti degli aerei, non solo riduce l’esposizione alla radiazione solare, con conseguente calo della sintesi di vitamina D, ma degrada anche la qualità degli UV solari, con conseguente maggiore aggressività delle radiazioni.

Sebbene le scie persistenti degli aerei aggravino l’inquinamento atmosferico e quindi compromettano la salute pubblica, non va dimenticato che anche diversi meccanismi naturali contribuiscono in larga misura all’aumento dell’inquinamento atmosferico, aumentando la concentrazione di gas di zolfo, particolato (carbonio, cenere) e aerosol nell’atmosfera a causa di eruzioni vulcaniche [107], incendi boschivi [108], tempeste di sabbia e polvere [109], [110], [111] e altri disastri naturali [112]. Pertanto, una tecnica di manipolazione e controllo del tempo atmosferico, come la geoingegneria solare del SAI, aggiunge un ulteriore inquinamento a un valore critico naturale già esistente.

Conclusione
A dispetto delle pubblicazioni che espongono i rischi dell’eventuale geoingegneria solare SAI e del fatto che tutti questi effetti sull’ambiente e sulla salute sono stati osservati da diversi anni, nessuna università si è interessata ai possibili legami tra le scie persistenti degli aerei e la geoingegneria solare SAI. Solo pochi autori hanno condotto questo lavoro, ma senza quantificare direttamente le conseguenze sulla salute.

La relazione tra il possibile uso non dichiarato di questa tecnologia e l’aumento catastrofico del livello di inquinamento ambientale (in particolare delle nanoparticelle metalliche), con un impatto diretto sulla salute, dovrebbe essere rigorosamente preso in considerazione in studi futuri. In particolare, l’ipotesi di un nesso causale con la forte crescita delle malattie respiratorie e neurodegenerative.

Considerato il livello di conflitto di interessi tra le scienze della salute e la sfera finanziaria e politica [113], [114], [115], [116], nonché gli enormi interessi militari che si sono aggiunti a decenni di ricerca sulle tecniche di modificazione meteorologica, è possibile che anche la geoingegneria solare della SAI, in grado di modificare il clima e di innescare gravi effetti ambientali e sanitari, sia contaminata?

Verdiana Siddi per ComeDonChisciotte.org

 

 

 

Potrebbe Interessarti

«BILL GATES VUOLE OSCURARE IL SOLE»

 

  • Autore corrispondente: Fabien Deruelle, PhD, Ricercatore indipendente, 144 Rue Anatole France, Ronchin 59790, Francia, E-mail: fderuelle@hotmail.com
  • Finanziamento della ricerca: Questa ricerca non ha ricevuto alcun finanziamento specifico da agenzie di finanziamento pubbliche, commerciali o no-profit.
  • Conflitti d’interesse: L’autore dichiara di non avere interessi finanziari concorrenti o relazioni personali che possano influenzare il lavoro presentato in questo articolo.
  • Consenso informato: Non applicabile.
  • Approvazione etica: Non applicabile.
  • Maria Heibel Nogeoingegneria.com
  • Note:
           1. World Meteorological Organization. Aircraft condensation trails; 2017. Available from: https://cloudatlas.wmo.int/en/aircraft-condensation-trails.html. [Accessed 12 January 2020]. Google Scholar;
  1. Bock, L, Burkhardt, U. Contrail cirrus radiative forcing for future air traffic. Atmos Chem Phys2019. EGUGoogle Scholar;
  2. Shearer, C, West, M, Caldeira, K, Davis, SJ. Quantifying expert consensus against the existence of a secret, large-scale atmospheric spraying program. Environ Res Lett2016. IOPGoogle Scholar;
  3. Presentation on solar geoengineering by SAI at the European Parliament, 2013. [Accessed February 6, 2020].a) Hall, W. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=ZTlZpmxYoVw.b) Johnson, A. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=nR_vT8S3ZoE. c) Fraile, J. Available from: https://www.youtube.com/watch?v=k0hsiXdipjYGoogle Scholar;
  4. Masood, HB, Jenali, S. Increase of aluminum particles in the environment due to chemtrails during the period of autumn 2012 to summer 2015 within Lahore, Pakistan. Int J Eng Res Gen Sci2015. Google Scholar;
  5. Herndon, JM, Whiteside, M, Baldwin, I. The ENMOD treaty and the sanctioned assault on agriculture and human and environmental health. Agrotechnology2020. DOIGoogle Scholar;
  6. Deruelle, F. The different sources of electromagnetic fields: dangers are not limited to physical health. Electromagn Biol Med2020;39:166–75. https://doi.org/10.1080/15368378.2020.1737811Google ScholarPubMed;
  7. House, TJ, Near Jr, JB, Shields, WB, Celentano, RJ, Husband, DM, Mercer, A, et al.. Weather as a force multiplier : owning the weather in 2025. 1996. Available from: https://www.semanticscholar.org/paper/Weather-as-a-Force-Multiplier%3A-Owning-the-Weather-House-Near/Google Scholar;
  8. Effiong, U, Neitzel, R. Assessing the direct occupational and public health impacts of solar radiation management with stratospheric aerosols. Environ Health2016;15:7. BioMedCentralGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  9. Barrett, SRH, Britter, RE, Waitz, IA. Global mortality attributable to aircraft cruise emissions. Environ Sci Technol2010;44:7736–42. ACSGoogle ScholarPubMed;
  10. Lee, DS, Fahey, DW, Forster, PM, Newtond, PJ, Wit, RCN, Lim, LL, et al.. Aviation and global climate change in the 21st century. Atmos Environ2009;43:3520–37.Science DirectGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  11. Li, X, Cao, X, Guo, M, Xie, M, Liu, X. Trends and risk factors of mortality and disability adjusted life years for chronic respiratory diseases from 1990 to 2017: systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2017. BMJ2020;368:m234. BMJGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  12. Roth, GA, Mensah, GA, Johnson, CO, Addolorato, G, Ammirati, E, Baddour, LM, et al.. Global burden of cardiovascular diseases and risk factors, 1990–2019 : update from the GBD 2019 study. J Am Coll Cardiol2020. Science DirectGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  13. Hahad, O, Lelieveld, J, Birklein, F, Lieb, K, Daiber, A, Münzel, T. Ambient air pollution increases the risk of cerebrovascular and neuropsychiatric disorders through induction of inflammation and oxidative stress. Int J Mol Sci2020. MDPIGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  14. Purdey, M. Elevated levels of ferrimagnetic metals in foodchains supporting the Guam cluster of neurodegeneration: do metal nucleated crystal contaminents evoke magnetic fields that initiate the progressive pathogenesis of neurodegeneration? Med Hypotheses2004. Science DirectGoogle ScholarPubMed;
  15. Exley, C, Clarkson, E. Aluminum in human brain tissue from donors without neurodegenerative disease: a comparison with Alzheimer’s disease, multiple sclerosis and autism. Sci Rep2020. Scientific ReportsGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  16. Hoseinzadeh, E, Taha, P, Wei, C, Godini, H, Ashraf, GM, Taghavi, M, et al.. The impact of air pollutants, UV exposure and geographic location on vitamin D deficiency. Food Chem Toxicol2018. Science DirectGoogle ScholarPubMed;
  17. Kara, M, Ekiz, T, Ricci, V, Kara, Ö, Chang, KV, Özçakar, L. Scientific Strabismus’ or two related pandemics: Coronavirus disease and vitamin D deficiency. Br J Nutr2020. Cambridge University PressGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  18. Robock, A, Marquardt, AB, Kravitz, B, Stenchikov, G. The benefits, risks, and costs of stratospheric geoengineering. Geophys Res Lett2009. AGUGoogle Scholar;
  19. Mitchell, D, Finnegan, W. Modification of cirrus clouds to reduce global warming. Environ Res Lett2009. IOPGoogle Scholar;
  20. Robock, A. Albedo enhancement by stratospheric sulfur injections: more research needed. Earth’s Future2016. AGUGoogle Scholar;
  21. Schumann, U. Formation, properties and climatic effects of contrails. C R Phys2005. Science DirectGoogle Scholar;
  22. Minnis, P, Young, DF, Garber, DP, Nguyen, L, Smith Jr, WL, Palikonda, R. Geophys Res Lett1998. AGUGoogle Scholar;
  23. Kärcher, B. Formation and radiative forcing of contrail cirrus. Nat Commun2018. NatureGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  24. Abegglen, M, Brem, BT, Ellenrieder, M, Durdina, L, Rindlisbacher, T, Wang, J. Chemical characterization of freshly emitted particulate matter from aircraft exhaust using single particle mass spectrometry. Atmos Environ2016. Science DirectGoogle Scholar;
  25. Kärcher, B, Möhler, O, DeMott, PJ, Pechtl, S, Yu, F. Insights into the role of soot aerosols in cirrus cloud formation. Atmos Chem Phys2007. EGUGoogle Scholar;
  26. Cziczo, DJ, Froyd, KD, Hoose, C, Jensen, EJ, Diao, M, Zondlo, MA, et al.. Clarifying the dominant sources and mechanisms of cirrus cloud formation. Science2013. Science.org; Google ScholarPubMed;
  27. Lee, DS, Fahey, DW, Skowron, A, Allen, MR, Burkhardt, U, Chen, Q, et al.. The contribution of global aviation to anthropogenic climate forcing for 2000 to 2018. Atmos Environ 1994Science DirectGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  28. Boucher, O. Atmospheric science: seeing through contrails. Nat Clim Change2011. NatureGoogle Scholar;
  29. Harvard’s solar geoengineering research program. Available from: https://geoengineering.environment.harvard.edu/geoengineering. [Accessed 21 May 2020]. Google Scholar;
  30. Stilgoe, J. Why has geoengineering been legitimised by the IPCC?The Guardian; 2013. September 27 Available from: https://www.theguardian.com/science/political-science/2013/sep/27/science-policy1. [Accessed 16 June 2020]. Google Scholar;
  31. Brennan, JO. John Brennan on transnational threats to global security. Washington, DC: Council on Foreign Relations; 2016. Available from: https://www.cfr.org/event/john-brennan-transnational-threats-global-security. [Accessed 17 April 2020]. Google Scholar;
  32. Panel on Policy Implications of Greenhouse Warming, Committee on Science Engineering and Public Policy, National Academy of Sciences, National Academy of Engineering, Institute of Medicine. Policy Implications of Greenhouse Warming: Mitigation, Adaptation, and the Science Base; Washington, D.C: National Acamedy Press; 1992. Google Scholar;
  33. Pierce, JR, Weisenstein, DK, Heckendorn, P, Peter, T, Keith, DW. Efficient formation of stratospheric aerosol for climate engineering by emission of condensible vapor from aircraft. Geophys Res Lett2010. AGUGoogle Scholar;
  34. Kapadia, ZZ, Spracklen, DV, Arnold, SR, Borman, DJ, Mann, GW, Pringle, KJ, et al.. Impacts of aviation fuel sulfur content on climate and human health. Atmos Chem Phys2016. https://doi.org/10.5194/acp-16-10521-2016Google Scholar;
  35. Lawrence, MG, Schäfer, S, Muri, H, Scott, V, Oschlies, A, Vaughan, NE, et al.. Evaluating climate geoengineering proposals in the context of the Paris Agreement temperature goals. Nat Commun2018. NatureGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  36. Beaumont, P. Scientists suggest a giant sunshade in the sky could solve global warming. The Guardian; 2018. Available from: https://www.theguardian.com/global-development/2018/apr/05/scientists-suggest-giant-sunshade-in-sky-could-solve-global-warming. [Accessed 11 May 2020]. Google Scholar;
  37. Gupta, A, Möller, I. De facto governance: how authoritative assessments construct climate engineering as an object of governance. Environ Polit2019. Google Scholar;
  38. Parliamentary Questions. References of questions (from 2007 to 2017) asked to the European Parliament on high altitude spraying of chemicals; 2017. Available from: https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/E-8-2017-005130-ASW_EN.html. [Accessed 17 April 2020]. Question reference : E-2455/07 https://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+WQ+E-2007-2455+0+DOC+XML+V0//EN. Question reference : E-3730/09 https://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+WQ+E-2009-3730+0+DOC+XML+V0//EN. Question reference : E-006621/2011 https://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+WQ+E-2011-006621+0+DOC+XML+V0//EN. Question reference : E-002906/2012 https://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+WQ+E-2012-002906+0+DOC+XML+V0//EN. Question reference : E-008804/2013 https://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?type=WQ&reference=E-2013-008804&format=XML&language=EN. Question reference : E-003690/2014 https://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?type=WQ&reference=E-2014-003690&language=EN. Question reference : E-007937-15 https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/E-8-2015-007937_EN.html. Question reference : E-005130-17 https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/E-8-2017-005130_EN.htmlGoogle Scholar;
  39. Italian Government. Questions on aircraft chemical trails asked to the Council of Ministers of the Italian Government; 2003–2011. [Accessed 26 January 2020]. Question 4-05922. 2003 Available from: https://www.camera.it/_dati/leg14/lavori/stenografici/btestiatti/4-05922.htm, Question 3-02792. 2003 https://www.camera.it/_dati/leg14/lavori/stenografici/btestiatti/3-02792.htm, Question 4-12711. 2005 https://www.camera.it/_dati/leg14/lavori/stenografici/btestiatti/4-12711.htm, Question 4-00053. 2006 http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_15/showXhtml.Asp?idAtto=241&stile=6, Question 4-02585. 2007 http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_15/showXhtml.Asp?idAtto=15645&stile=6, Question 4-05994. 2008 http://legxv.camera.it/resoconti/resoconto_allegato.asp?idSeduta=262&resoconto=bt41&param=bt41, Question 4-00280. 2008 http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_16/showXhtml.Asp?idAtto=658&stile=6, Question 4-00367. 2008 http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_16/showXhtml.Asp?idAtto=943&stile=6, Question 4-01044. 2008 http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_16/showXhtml.Asp?idAtto=3573&stile=6, Question 4-01193. 2008 http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_16/showXhtml.Asp?idAtto=3977&stile=6, Question 4-02154. 2009 http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_16/showXhtml.Asp?idAtto=8851&stile=6, Question 4-02216. 2009 http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Resaula&leg=16&id=00442409&part=doc_dc&parse=no. Question 4-10970 2011 https://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=4-10970&ramo=CAMERA&leg=16Google Scholar;
  40. French National Assembly. Question 42050 on chemical trails asked to the French National Assembly; 2013. Available from: http://questions.assemblee-nationale.fr/q14/14-7016QE.htm. Available from: http://questions.assemblee-nationale.fr/q14/14-42050QE.htm. [Accessed 27 January 2020]. Google Scholar;
  41. UK Parliament. Question N°124 on chemical trails asked to the UK Parliament; 2005. Available from: https://publications.parliament.uk/pa/cm200506/cmordbk1/51102w01.htm. [Accessed 27 January 2020]. Google Scholar;
  42. Barnett, A. Millions were in germ war tests : Much of Britain was exposed to bacteria sprayed in secret trials. The Guardian; 2002. Available from: https://www.theguardian.com/politics/2002/apr/21/uk.medicalscience. [Accessed 27 March 2021]. Google Scholar;
  43. Papee, HM, Montefinale, AC, Petriconi, GL, Zawidzki, TW. Combustible compositions for generating aerosols particularly suitable for cloud modification and weather control and aerosolization process; 1971. Available from: https://patents.google.com/patent/US3630950A/en. [Accessed 15 April 2021]. Google Scholar;
  44. Werle, D, Kasparas, R, Katz, S. Powder contrail generation; 1975. https://patents.google.com/patent/US3899144A/en. [Accessed 10 March 2020]. Google Scholar;
  45. Kitterman, RL. Broadcast dissemination of trace quantities of biologically active chemicals; 1976. Available from: https://patents.google.com/patent/US3994437?oq=3994437. [Accessed 10 March 2020]. Google Scholar;
  46. Yates, WE, Cowden, RE, Akesson, NB, Horgan, PM. Laminar microjet atomizer and method of aerial spraying of liquids; 1983. Available from: https://patents.google.com/patent/US4412654A/en. [Accessed 15 March 2020]. Google Scholar;
  47. Picot, JJC. Liquid atomizing apparatus for aerial spraying; 1990. Available from: https://patents.google.com/patent/US4948050A/en. [Accessed 12 March 2020]. Google Scholar;
  48. Chang, DB, Shih, IF. Stratospheric Welsbach seeding for reduction of global warming; 1991. Available from: https://patents.google.com/patent/US5003186A/en. [Accessed 10 March 2020]. Google Scholar;
  49. Hale, JC, Harris, CB, Kottman, DA. Aerial delivery system; 2008. Available from: https://patents.google.com/patent/US7413145B2/en. [Accessed 17 April 2021]. Google Scholar;
  50. Hale, JC, Harris, CB, McCune, WD. Enhanced aerial delivery system; 2010. Available from: https://patents.google.com/patent/US7819362B2/en. [Accessed 17 April 2021]. Google Scholar;
  51. Herndon, JM. Aluminum poisoning of humanity and Earth’s biota by clandestine geoengineering activity: implications for India. Curr Sci2015. Google Scholar;
  52. Herndon, JM. Adverse agricultural consequences of weather modification. Agrivita2016;38:213–21. AgrivitaGoogle Scholar;
  53. Whiteside, M, Herndon, JM. Coal fly ash aerosol : risk factor for lung cancer. J Adv Med Med Res2018;25:1–10. JAMMRGoogle Scholar;
  54. Jones, T, Brown, P, BéruBé, K, Wlodarczyk, A, Longyi, S. The physicochemistry and toxicology of CFA particles. J Toxicol Environ Health2010. TandfonlineGoogle ScholarPubMed;
  55. Moe, B, Yuan, C, Li, J, Du, H, Gabos, S, Le, XC, et al.. Real-time cell-electronic sensing of coal fly ash particulate matter for toxicity-based air quality monitoring. Chem Res Toxicol2016. ACSGoogle ScholarPubMed;
  56. Moreno, N, Querol, X, Andrés, JM, Stanton, KT, Towler, M, Nugteren, H, et al.. Physico-chemical characteristics of European pulverized coal combustion fly ashes. Fuel2005. Science DirectGoogle Scholar;
  57. León-Mejía, G, Silva, LF, Civeira, MS, Oliveira, ML, Machado, M, Villela, IV, et al.. Cytotoxicity and genotoxicity induced by coal and coal fly ash particles samples in V79 cells. Environ Sci Pollut Res Int2016. Springer LinkGoogle ScholarPubMed;
  58. Sutto, TE. Magnetite fine particle and nanoparticle environmental contamination from industrial uses of coal. Environ Pollut2018. Science DirectGoogle ScholarPubMed;
  59. Pakrashi, S, Dalai, S, Humayun, A, Chakravarty, S, Chandrasekaran, N, Mukherjee, A. Ceriodaphnia dubia as a potential bio-indicator for assessing acute aluminum oxide nanoparticle toxicity in fresh water environment. PloS One2013. Journal PLoS One ; Google ScholarPubMedPubMed Central;
  60. El-Husseini, MM. Impact of climate change induced by global weather engineering technology of “chemtrails” on plant protection. Arab J Plant Protect2018. Google Scholar;
  61. El-Husseini, MM. Weather engineering and its undesirable side effects on the environment, natural resources, agriculture and human health. Acta Sci Agric2019. ASAGGoogle Scholar;
  62. Kirby, PA. Chemtrails exposed: A new Manhattan project. CreateSpace Independent Publishing Platform; 2016. Google Scholar;
  63. Purdey, M. Chronic barium intoxication disrupts sulphated proteoglycan synthesis: a hypothesis for the origins of multiple sclerosis. Med Hypotheses2004. Science DirectGoogle Scholar;
  64. Purdey, M. Elevated silver, barium and strontium in antlers, vegetation and soils sourced from CWD cluster areas: do Ag/Ba/Sr piezoelectric crystals represent the transmissible pathogenic agent in TSEs? Med Hypotheses2004. Science DirectGoogle Scholar;
  65. Herndon, JM, Hoisington, RD, Whiteside, M. Chemtrails are not contrails: radiometric evidence. J Geog Environ Earth Sci Intn2020. JGEESIGoogle Scholar;
  66. Herndon, JM, Whiteside, M. Global envionment warfare. Adv Soc Sci Res J2020. ASSRJGoogle Scholar;
  67. Web sites dedicated to illegal geoengineering[Accessed March 19, 2020]. Available from: http://www.nuclearplanet.com/websites.pdfhttp://www.endgeoengineering.com/http://www.guardacielos.org/https://www.geoengineeringwatch.org/https://carnicominstitute.org/https://climateviewer.com/http://stopsprayingcalifornia.com/http://www.acseipica.fr/Google Scholar;
  68. Smith, W, Wagner, G. Stratospheric aerosol injection tactics and costs in the first 15 years of deployment. Environ Res Lett2018. IOP ScienceGoogle Scholar;
  69. Space preservation Act. 2001. H.R. 2977. October 2nd, Sec 7 Available from: https://www.congress.gov/107/bills/hr2977/BILLS-107hr2977ih.pdf. [Accessed 21 February 2020]. Google Scholar;
  70. Geoengineering Act. Rhode Island House Bill H6011; 2017. Available from: http://webserver.rilin.state.ri.us/BillText/BillText17/HouseText17/H6011.pdf. [Accessed 21 February 2020]. Google Scholar;
  71. Rhode Island House Resolution 6011; 2017. H6011 SUBSTITUTE A. https://legiscan.com/RI/text/H6011/2017. [Accessed February 24, 2020]. Google Scholar;
  72. Newell, HE. A recommended national program in weather modification. A report to the interdepartmental committee for atmospheric sciences, National Aeronautics and Space Administration NASA; 1966. Available from: https://www.semanticscholar.org/paper/A-recommended-national-program-in-weather-A-report-Newell/c94660d87fb99cab93075e402a75745348c93375. [Accessed 15 February 2020]. Google Scholar;
  73. Congressional Research Service. Weather modification : programs, problems, policy, and potential. Washington: U.S. Govt; 1978. Available from: https://archive.org/details/weatificat00unit. [Accessed 7 February 2020]. Google Scholar;
  74. Weather modification research and development policy authorization Act, 2005. S.517. Available from: https://www.congress.gov/bill/109th-congress/senate-bill/517. [Accessed April 3, 2020]. Google Scholar;
  75. Weather modification research and technology transfer authorization Act, 2005. H.R.2995. Available from: https://www.congress.gov/bill/109th-congress/house-bill/2995. [Accessed April 3, 2020]. Google Scholar;
  76. Weather mitigation research and development policy authorization Act, 2007. S.1807. Available from: https://www.congress.gov/bill/110th-congress/senate-bill/1807. [Accessed April 3, 2020]. Google Scholar;
  77. Weather mitigation research and technology transfer authorization Act, 2007. H.R.3445. Available from: https://www.congress.gov/bill/110th-congress/house-bill/3445. [Accessed April 3, 2020]. Google Scholar;
  78. Gray, WM, Frank, WM, Corrin, ML, Stokes, CA. Weather modification by carbon dust absorption of solar energy. J Appl Meteorol1976. AmetsocGoogle Scholar;
  79. Kirby, PA. Chemtrails exposed: A new Manhattan project. Great Britain: CreateSpace Independent Publishing Platform; 2016. Google Scholar;
  80. Rabajczyk, A, Zielecka, M, Porowski, R, Hopke, PK. Metal nanoparticles in the air: state of the art and future perspectives. Environ Sci: Nano2020. PublishingGoogle Scholar;
  81. Herndon, JM, Whiteside, M. California wildfires : role of undisclosed atmospheric manipulation and geoengineering. J Geog Environ Earth Sci Intn2018. JGEESIGoogle Scholar;
  82. Exley, C, Rotheray, E, Goulson, D. Bumblebee pupae contain high levels of aluminium. PLoS One2015. Journal PLoS OneGoogle Scholar;
  83. Nascimento, AP, Santos, JM, Mill, JG, Toledo de Almeida Albuquerque, T, Reis Júnior, NC, Reisen, VA, et al.. Association between the incidence of acute Respiratory diseases in children and ambient concentrations of SO2, PM10 and chemical elements in fine particles. Environ Res2020. Science DirectGoogle Scholar;
  84. Smith, KR, Veranth, JM, Kodavanti, UP, Aust, AE, Pinkerton, KE. Acute pulmonary and systemic effects of inhaled coal fly ash in rats: comparison to ambient environmental particles. Toxicol Sci2006. Oxford AcademicGoogle ScholarPubMed;
  85. Gawda, A, Majka, G, Nowak, B, Marcinkiewicz, J. Air pollution, oxidative stress, and exacerbation of autoimmune diseases. Cent Eur J Immunol2017. TermediaGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  86. Briffa, J, Sinagra, E, Blundell, R. Heavy metal pollution in the environment and their toxicological effects on humans. Heliyon2020. HeliyonGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  87. Igbokwe, IO, Igwenagu, E, Igbokwe, NA. Aluminium toxicosis: a review of toxic actions and effects. Interdiscipl Toxicol2019. SciendoGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  88. Calderón-Garcidueñas, L, González-Maciel, A, Mukherjee, PS, Reynoso-Robles, R, Pérez-Guillé, B, Gayosso-Chávez, C, et al.. Combustion- and friction-derived magnetic air pollution nanoparticles in human hearts. Environ Res2019. Science DirectGoogle ScholarPubMed;
  89. Genc, S, Zadeoglulari, Z, Fuss, SH, Genc, K. The adverse effects of air pollution on the nervous system. J Toxicol2012. HindawiGoogle ScholarPubMed PubMed Central;
  90. Costa, LG, Cole, TB, Dao, K, Chang, YC, Coburn, J, Garrick, JM. Effects of air pollution on the nervous system and its possible role in neurodevelopmental and neurodegenerative disorders. Pharmacol Ther2020. Science DirectGoogle ScholarPubMed PubMed Central;
  91. Exley, C. Aluminum should now be considered a primary etiological factor in Alzheimer’s disease. J Alzheimers Dis Rep2017. IospressGoogle ScholarPubMed PubMed Central;
  92. Mirza, A, King, A, Troakes, C, Exley, C. Aluminum in brain tissue in familial Alzheimer’s disease. J Trace Elem Med Biol2017. Science DirectGoogle ScholarPubMed;
  93. Calderón-Garcidueñas, L, González-Maciel, A, Reynoso-Robles, R, Hammond, J, Kulesza, R, Lachmann, I, et al.. Quadruple abnormal protein aggregates in brainstem pathology and exogenous metal-rich magnetic nanoparticles (and engineered Ti-rich nanorods). The substantia nigrae is a very early target in young urbanites and the gastrointestinal tract a key brainstem portal. Environ Res2020. Science DirectGoogle ScholarPubMed;
  94. Lancaster University. Evidence of Alzheimer’s, Parkinson’s and motor neurone disease found in brains of young people exposed to air pollution; 2020. Available from: https://www.lancaster.ac.uk/news/evidence-of-alzheimers-parkinsons-and-motor-neurone-disease-found-in-brains-of-young-people-exposed-to-air-pollution. [Accessed 21 April 2021]. Google Scholar
  95. Purdey, M. Metal microcrystal pollutants; the heat resistant, transmissible nucleating agents that initiate the pathogenesis of TSEs? Med Hypotheses2005. Science DirectGoogle ScholarPubMed;
  96. Belpomme, D, Hardell, L, Belyaev, I, Ernesto, B, Carpenter, DO. Thermal and non-thermal health effects of low intensity non-ionizing radiation: an international perspective. Environ Pollut2018. Science DirectGoogle ScholarPubMed;
  97. Belpomme, D, Campagnac, C, Irigaray, P. Reliable disease biomarkers characterizing and identifying electrohypersensitivity and multiple chemical sensitivity as two etiopathogenic aspects of a unique pathological disorder. Rev Environ Health2015. REH REH De GruyterGoogle ScholarPubMed;
  98. Moon, J, Davison, A, Bandy, B. Vitamin D and aluminum absorption. CMAJ (Can Med Assoc J)1992. Google Scholar;
  99. Moon, J. The role of vitamin D in toxic metal absorption: a review. J Am Coll Nutr1994. TandfonlineGoogle ScholarPubMed;
  100. Schwalfenberg, GK, Genuis, SJ. Vitamin D, essential minerals, and toxic elements: exploring interactions between nutrients and toxicants in clinical medicine. Sci World J2015. HindawiGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  101. Cashman, KD, Dowling, KG, Škrabáková, Z, Gonzalez-Gross, M, Valtueña, J, De Henauw, S, et al.. Vitamin D deficiency in Europe: pandemic? Am J Clin Nutr2016. Oxford AcademicGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  102. Holick, MF. The vitamin D deficiency pandemic: approaches for diagnosis, treatment and prevention. Rev Endocr Metab Disord2017. Springer LinkGoogle ScholarPubMed;
  103. Charoenngam, N, Holick, MF. Immunologic Effects of vitamin D on human health and disease. Nutrients2020. MDPIGoogle ScholarPubMed PubMed Central;
  104. Watson, M, Holman, DM, Maguire-Eisen, M. Ultraviolet radiation exposure and its impact on skin cancer risk. Semin Oncol Nurs2016. Science DirectGoogle ScholarPubMed PubMed Central;
  105. Norval, M, Lucas, RM, Cullen, AP, de Gruijl, FR, Longstreth, J, Takizawa, Y, et al. The human health effects of ozone depletion and interactions with climate change. Photochem Photobiol Sci2011. PublishingGoogle ScholarPubMed;
  106. Trejos, EM, Silva, L, Hower, J, Flores, EM, González, CM, Pachon, J, et al.. Volcanic emissions and atmospheric pollution: a study of nanoparticles. Geosci Front2021. Science DirectGoogle Scholar;
  107. Cascio, WE. Wildland fire smoke and human health. Sci Total Environ2018. Science DirectGoogle Scholar;
  108. Bell, ML, Levy, JK, Lin, Z. The effect of sandstorms and air pollution on cause-specific hospital admissions in Taipei, Taiwan. Occup Environ Med2008. BMJGoogle Scholar;
  109. Wu, Y, Wen, B, Li, S, Guo, Y. Sand and dust storms in Asia: a call for global cooperation on climate change. Lancet Planet Health2021. The LancetGoogle Scholar;
  110. Ardon-Dryer, K, Mock, C, Reyes, J, Lahav, G. The effect of dust storm particles on single human lung cancer cells. Environ Res2020. Science DirectGoogle ScholarPubMedPubMed Central;
  111. Chandrappa, R, Kulshrestha, UC. Air pollution and disasters. In: Sustainable Air Pollution Management. Environmental Science and Engineering. Springer, Cham. 2016. Springer LinkGoogle Scholar;
  112. Angell, M. Excess in the pharmaceutical industry. CMAJ (Can Med Assoc J)2004. CMAJGoogle ScholarPubMedPub Med Central;
  113. Starkey, SJ. Inaccurate official assessment of radiofrequency safety by the Advisory Group on Non-ionising radiation. Rev Environ Health2016. REH De GruyterGoogle ScholarPubMed;
  114. Hardell, L. World Health Organization, radiofrequency radiation and health – a hard nut to crack (Review). Int J Oncol2017; 51:405–13. Search in Google ScholarPub MedPub Med Central;
  115. Abbasi, K. Covid-19: politicisation, “corruption,” and suppression of science. BMJ2020; 371:m4425. BMJGoogle ScholarPubMed;

Articolo originale: https://www.nogeoingegneria.com/tecnologie/sunradiation-management/cosa-diavolo-stanno-facendo-al-cielo/

16.10.2022

Fonte: https://www.degruyter.com/document/doi/10.1515/reveh-2021-0060/html

 

 

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Verdiana Siddi
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *