Il ricordo fiorito di un giorno di maggio…

E L’AMORE SBOCCIÒ IN UN GIORNO DI MAGGIO

Martin Heidegger e Hannah Arendt

Il ricordo fiorito di un giorno di maggio. Il professor Martin Heidegger, di anni 36, scrive alla studentessa Hannah Arendt di anni 20 per rammemorarle il profumo di un incontro. Si rivolge a lei come a una donna invisibile che a un certo punto si è palesata. “A partire dal giorno che mi ha portato tuttotu – … mentre avevi tra i capelli un sogno fioritolo slancio e il profilo delle montagne sulla fronte, e il tremito del freddo della sera nella tua cara mano. E il tuo grande momento in cui diventi una santa, in cui diventi visibile… Nei tuoi grandi sguardi, tra la felicità e l’addio serale, nel tuo volto ultraterreno”. Poi l’amore intenso e proibito, tra incontri, paesaggi e pensieri. Corpi e letture si alternano nei loro incontri. Un amore sul filo della lontananza forzata tra gli amanti accresce la passione

Günther Anders e Hannah Arendt (1929)

della prossimità; quindi la prova iniziatica del distacco, sotto il profilo creativo è “l’esperienza più grandiosa che io conosca tra tutte quelle umanamente possibili”, ma dal punto di vista umano, nota Heidegger, “è come se ti strappassero via il cuore dal petto mentre sei perfettamente cosciente”. Poi il legame si spezza, “la fanciulla che viene da lontano”, “straniera della lontananza”, “maliziosa ninfa dei boschi”, torna invisibile. S’incontrano una volta in stazione, ma Martin, in compagnia del futuro sposo di Hannah, Gunther Stern, non la vede nemmeno. Eppure, protesta la Arendt in una lettera disperata, ero lì davanti a te, avresti potuto vedermi, mi hai guardato di sfuggita, senza riconoscermi. “Quando ero piccola – gli scrive Hannah – mia madre una volta mi ha spaventata follemente con un gioco di questo genereRicordo ancora la paura cieca che provavo mentre continuavo a gridare: ma io sono la tua bambina, sono davvero Hannah. Oggi mi sono sentita così. Poi il treno si è allontanato rapidamente. E allora è successo esattamente quel che avevo immaginato e voluto, voi due in alto sopra di me e io da sola completamente inerme. Come sempre, non c’era nulla che potessi fare se non lasciare che ciò accadesse, e aspettare aspettare aspettare”.

Venticinque anni dopo si riapre “l’abisso della nostalgia”, come scrive in una lettera l’anziano professor Heidegger alla sua collega Arendt, dopo la tragedia bellica: “Tutto doveva riposare per un quarto di secolo come un chicco di grano nel solco profondo di un campo, riposare in una maturazione dell’assoluto; perché tutto il dolore e le molteplici esperienze si sono raccolte nel tuo sguardo, la cui luce si riflette sul tuo volto e fa apparire la donna. Nell’immagine della dea greca c’è questo di misterioso: nella fanciulla è nascosta la donna, nella donna, la fanciulla… questo occultarsi nel diradarsi”. Il chicco di grano restò promessa inespressa nel solco profondo del campo. La vita che poteva essere e non era stata.

La sposa invisibile

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: MV, del 6 maggio 2021

  • «IL TEMPO DELLA NOIA»

    ”Siamo forse attanagliati dalla paura e dall’angoscia per il rischio a cui ci sentiamo esp…
  • «COME NACQUE L’AMORE PER DANTE»

    ”Prima di studiare Dante lo respirai in casa. Mio padre con i suoi studi filosofici e mia …
  • «L’AMORE: MA È ANCORA AMORE?»

    ”Non lo conosco, ci sono solo andata a letto. Cos’è oggi l’amore? Relazioni momentan…
Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Marcello Veneziani
  • «IL SUBDOLO “FILTRO MASSONICO”»

    ”Il 95% di ciò che sappiamo è “filtrato dalla massoneria”. Quello che sappiamo…
  • «ELOGIO DELL’IMBECILLE»

    ”La Follia si proclama figlia di Pluto, dio della giovinezza… …
  • «LA MALEDIZIONE»

    ”«Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono, né ammassano nei granai… Osser…
Carica altro CULTURA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«LA SINISTRA PERMISSIVA E INTOLLERANTE»

”Da un verso la sinistra marcia al fianco della società neoborghese e neocapitalistica, el…