Se non filosofi, non vivi…

FILOSOFARE


Se non filosofi, non vivi. Ti limiti a respirare, mangiare, altre funzioni meramente biologiche. Ma non vivi. Perché la condizione umana necessita del filosofare, come il corpo dell’aria da respirare. Sempre e comunque. Anche per dimostrare che filosofare è… inutile.

Il che può sembrare un paradosso. E in parte lo è. Ma è un paradosso che viene da fonte illustre. Aristotele. Il Maestro di color che sanno, lo chiama Dante… e se lo dice lui…

Intendiamoci. Aristotele non parla di avere una precisa filosofia. Un sistema, più o meno complesso, che spieghi l’universo mondo. Questa, l’esigenza sistematica o di una gabbia ferrea che tutto racchiuda, tutto spieghi, è esigenza tutta moderna. Figlia del razionalismo illuminista, Kant e discendenza. I greci non ragionavano così. La filosofia, per loro, non era una conoscenza stabile ed acquisita. Piuttosto un filosofare. Una continua ricerca e un inesauribile interrogarsi. Come tornerà, poi, ad essere con Nietzsche. E come era per il nostro Leopardi. Come dimostra il fatto che Benedetto Croce non lo comprese. E ridusse tutto il suo “pessimismo” al fatto che era gobbo. Certo, don Benedetto lo dice in modo più raffinato. Ma la sostanza resta questa.

Giorgio Colli, cui dobbiamo la riscoperta della sapienza frammentaria, e folgorante, dei pre-socratici, ha scritto un agile libretto. “Dopo Nietzsche. Come si diventa filosofi”(1). Oggi, per lo più dimenticato. E, invece, andrebbe riletto, e soprattutto letto, con estrema attenzione. Ma non per diventare filosofi. Piuttosto per comprendere cosa implichi essere uomini…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Filosofare. Quindi… pensare. Attività – sempre che così si possa definirla – che diamo, in genere, per scontata. E che, invece, scontata non è proprio per niente.

Perché più che pensare, noi rimuginiamo “pensati”. Ovvero pensieri già preconfezionati che ci vengono dall’esterno. Massimo Scaligero ha incentrato tutta la sua vastissima opera proprio su questa distinzione. Tra pensare e “pensati”.

Ed è un dato di fatto che l’uomo odierno dovrebbe avere molti più stimoli al “pensare”. O, se vogliamo, al filosofare. Una sorta di cammino senza fine. Che dovrebbe stimolarlo per tutta la vita.

E invece sembra sempre più… passivo.

Incapace non dico di abissali profondità o di cristallina lucidità di pensieri, ma anche solo della minima autonomia. Di pensare qualcosa di “originale”, nel senso etimologico, e non volgarmente comune, del termine.

O, per lo meno, di esercitare una minima facoltà critica nei confronti dei “pensati” (da altri) che gli vengono quotidianamente inoculati. E sui quali fonda tutto il suo dialogo interiore. L’incessante chiacchiericcio fra sé e sé che non ha mai posa. E che, alla fin fine, ottiene solo di ottundere le facoltà autentiche. Di pensiero e percezione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Filosofiamo sempre meno. Sempre più ingurgitiamo nozioni, sorta di insapore pappone per carcerati, che ci vengono propinate da fuori.

Crediamo di pensare… ma, in realtà, utilizziamo ormai ben poco anche le facoltà razionali. Che sono la base del pensare, ancorché legate ad una visione materiale, a pesare e misurare. Ma che, comunque, richiedono uno sforzo. Al quale ci stiamo, progressivamente, disabituando.

Perché dovremmo pensare? Perché fare fatica? C’è chi lo fa per noi. E ci solleva da ogni problema.

Abbiamo cominciato a delegare a macchine la fatica fisica. Ora stiamo appaltando anche quella mentale. E morale.

Il problema non è, come alcuni sostengono, il relativismo morale che domina il nostro tempo. Quello è, semmai, solo un portato di una, ben più radicale, debolezza. Del pensare. E non è mia intenzione, qui, scomodare Vattimo e la sua teoria del “pensiero debole”.

La debolezza di cui parlo è la rinuncia al minimo filosofare. Quello di Aristotele. Ovvero l’interrogarsi sulle cose. Il non accettare tutto in modo supino.

Siamo nella stagione in cui si preferiscono della sorta di omogenizzati, di pappe predigerite, al dover masticare una bistecca alla fiorentina. Mancano i denti. E le dentiere.

Coloro che ancora oggi circolano con la mascherina, o cercano disperatamente una farmacia che pratichi ancora i, mitici, tamponi, ne sono solo l’esempio più evidente.

Copia romana in Palazzo Altemps del busto di Aristotele di Lisippo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vi è una crescente corsa verso l’instupidimento. Che, etimologicamente, significa proprio il restare attoniti. Intontiti. Incapaci di arrivare a un minimo pensiero. Non dico un ragionamento.

E questo vale, in primo luogo, per i, cosiddetti, intellettuali. Che, altro gioco di etimologie, dovrebbero essere coloro che lavorano con l’intelletto. Ma questo costa fatica. Lavoro, appunto. Meglio, molto più comodo ripetere come merli indiani frasi fatte. Luoghi comuni. Meglio trangugiare e fare proprie le verità precostituite. In forma di insapori, e disgustosi, omogenizzati. Per poi rivomitarli inondando media, giornali e web.

Adele Piazza
Andrea Marcigliano

 

 

 

Approfondimenti del Blog

(1)

 

 

 

 

Descrizione

Giorgio Colli è stato un filosofo di radicale ‘inattualità’, uno dei rarissimi che abbiano avuto la capacità, eminentemente nietzscheana, di parlare al presente «con vera durezza»: in questo libro egli risolleva, in tutto il loro peso, molte delle domande che Nietzsche aveva posto, e a cui spesso aveva risposto solo per enigmi, inclusa quella sul significato dell’enigma, decisiva per avvicinarsi a qualsiasi questione filosofica e, in particolare, al modo che Nietzsche aveva di vivere il pensiero. Sono problemi che, almeno nella loro originaria e vitale immediatezza, negli ultimi cento anni ci si è preoccupati per lo più di eludere, sia non percependoli sia sottoponendoli al mortale filtraggio della ‘prospettiva storica’. Per Colli, invece, il presupposto è che Nietzsche sia stato l’ultima grande figura del pensiero occidentale, e che perciò la filosofia non abbia altra scelta se non quella di porsi le stesse questioni che Nietzsche individuò e sulle quali, alla fine, il suo destino si infranse. Ciò lo costringe a una sorta di guerra su due fronti: da una parte, la ripresa e reinterpretazione di tutti i temi greci di Nietzsche (dalla sapienza misterica a Socrate, dal significato di Apollo al nesso fra dialettica e violenza, alle origini e alle peripezie del logos), qui illuminati con sovrana lucidità, tale da delineare tutta una nuova visione, compatta e sorprendente, delle origini del pensiero occidentale; dall’altra, una sorta di analisi serrata delle conquiste del pensiero di Nietzsche, ma anche delle sue grandiose sconfitte, che pure Colli esamina con quella peculiare ‘mancanza di riguardi’ che – come Nietzsche stesso ha insegnato – è l’unico modo ammesso dall’etichetta del pensiero se si vuole avvicinare un grande filosofo. E ognuno di questi due fronti nutre direttamente un terzo tema del libro, cioè l’attacco devastante a molti idoli del pensiero moderno: dalla storia giustificatrice di ciò che comunque le sfugge, alla ragione ormai scissa dal logos da cui è nata, al superstizioso attaccamento alla scienza, ai fatti, all’azione. Il risultato è un libro singolarissimo, articolato in brevi sezioni aforistiche, continuamente appuntito e provocante, duro ed esigente nelle sue tesi, felicemente distaccato nella maniera, un libro dove in ogni parola si sente presente, e come ripercosso direttamente dalle sue origini greche, il rischio mortale che il pensiero accetta, a ogni suo passo, di fronte alla Sfinge.

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Andrea Marcigliano
Carica altro FILOSOFIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«CRONACHE DI ORDINARIA FOLLIA»

Il termine follia o pazzia indica genericamente una condizione psichica che identifica una…