Francoforte Grand Hotel Abisso è la definizione coniata da Lukacs per definire la scuola filosofica di Adorno, Marcuse, Horkheimer e Habermas che fu un tentativo di rifondare il marxismo sfociato in un sterile anarchismo parolaio.

   La scuola di Francoforte(1), con i suoi esponenti più importanti, Theodor W. Adorno(2), Herbert Marcuse(3)  e Max Horkheimer(4), è stato il tentativo, coronato da successo, di rifondare il marxismo in Occidente, dove pure era sorto, declinandolo in senso individualista, anzi soggettivista e libertario. La libertà collettiva per Marx ed Engels si poteva realizzare solo nel superamento dei rapporti di produzione dominati dalla proprietà privata attraverso la lotta di una classe destinata a diventare levatrice della storia, il proletariato, contrapposta alla borghesia.

La libertà di Francoforte sfumò in liberazione individuale, la dimensione collettiva si sfarinò nel soggettivismo più estremo e la critica alla società capitalistica divenne censura implacabile dell’intera civiltà europea e occidentale. Tutto ciò da ben retribuite cattedre tedesche e, dopo l’esilio, americane, prima del ritorno in Europa. Meglio di Lukács hanno inserito nel pensiero rivoluzionario occidentale Sigmund Freud e la psicoanalisi, con la mediazione di Fromm, comprendendone la portata distruttiva, e hanno interpretato in modo politicamente orientato la sociologia di Max Weber, il disincanto del mondo analizzato dall’autore dello Spirito del capitalismo. Sociologia, psicanalisi più marxismo declinato in chiave individualistico-emancipatoria: il neo illuminismo della famosa Dialettica di Adorno e Horkheimer è soprattutto qui, sfrondato del materialismo più pesante e con qualche spruzzata di irrazionalismo.

Herbert Marcuse nel 1955.

L’operaio aspira innanzitutto a farsi borghese, è una classe paradossalmente conservatrice.

   Il fallimento del marxismo era, per i francofortesi, provato dallo scarso interesse del proletariato per la rivoluzione. L’operaio aspira innanzitutto a farsi borghese, è una classe paradossalmente conservatrice. Occorreva rintracciare nuove leve rivoluzionarie, poiché l’orizzonte restò sempre marxista, tranne per l’ultimo Horkheimer. A Francoforte compirono una specie di gioco di prestigio, sostituire la lotta sociale con quella generazionale attraverso la contestazione globale della civiltà occidentale. La chiave fu nel concetto di liberazione, sulle piste delle intuizioni pansessualiste accompagnate da robuste dosi di follia di un Wilhelm Reich(5) e della lettura “sociale” della psicanalisi operata da Fromm.

La rivoluzione raggiunse la sfera dell’intimo, passando dal materialismo dialettico di una società rinnovata attraverso l’abolizione della proprietà privata ad una categoria nuova, l’emancipazione dai vincoli. Quelli religiosi, poi quelli della famiglia, di cui Marcuse descrisse la “desolazione”, gli usi e costumi, le appartenenze, i legami sociali non meno che quelli comunitari. Con l’aiuto di Freud, organizzò l’omicidio perfetto, la morte del Padre, quello celeste e quello biologico, il pater familias; soggettivismo assoluto, nel senso di sciolto, liberato, emancipato. In questo senso ci sembra più importante il peso a lungo termine della Personalità Autoritaria di Adorno rispetto al celeberrimo Uomo a una dimensione di Marcuse.

Wilhelm Reich.

   L’elemento centrale dei Francofortesi per frantumare il “mondo di ieri” è stata la critica durissima a ogni principio di autorità. Da quella spirituale a quella paterna, passando per la politica, la filosofia e l’arte. Sono note le “scale” con cui Adorno ha posto dinamite sotto ogni principio precedente: la scala F, ovvero il fascismo potenziale che dorme in ciascuno di noi, la scala A-S per l’antisemitismo, E per l’etnocentrismo, PEC per bollare i tratti del conservatorismo politico economico. Una partizione arbitraria, ideologica, utilizzata poi come modello da Ken Rokeach per descrivere il dogmatismo.

Theodor W. Adorno.

Con l’aiuto di Freud, organizzò l’omicidio perfetto, la morte del Padre, quello celeste e quello biologico, il pater familias.

Il fatto è che, smascherata, demistificata e affondata ogni autorità, restano due possibilità estreme: l’individualismo senza confini e il suo contrario, il totalitarismo sottile di chi amministra l’ultima verità rimasta, l’assenza di verità al di fuori del soggetto. Dal relativismo a un nichilismo nutrito di sé che diventa pregiudizio universale. Negata validità alla civiltà, non resta che un presente puntinista, la mens instans di Leibniz. Con L’abolizione del passato, sottoposto non solo all’impietoso tribunale della ragione illuminista, ma al regno dei mezzi scambiati per fini del sedicente progresso, termina anche la tensione verso lo spirito, come sapeva Simone Weil e come lo stesso Adorno sembra paventare nella sua critica alla pratica dell’occultismo da parte di tanti occidentali.

   Francoforte è anche responsabile del tramonto della forma nell’arte, Scrive Adorno: “l’arte moderna produce verità solo attraverso la negazione della forma estetica tradizionale e delle norme tradizionali di bellezza”. Abbiamo visto decadere l’arte da intuizione compiutamente espressa (B. Croce) a semplice creatività, bizzarria, ricerca dello stupore, pugno nello stomaco, gesto ad effetto per épater, stupire quel che resta del bourgeois. Una performance tra le tante, nonostante l’alto là di Marcuse alla società “performativa”. Esauriti i canoni dell’arte e della bellezza, soggettivi come tutti gli altri, si finisce nell’ happening, l’attimo liberatorio fine a se stesso.

Tutto sfociò in anarchismo parolaio, nella decostruzione come unico fine, nei paradisi artificiali, le droghe destinate a estendere e trasportare I’ Io oltre le normali potenzialità.

I francofortesi hanno forgiato, sulle ceneri del comunismo plumbeo e burocratico d’Oriente e le macerie vetero borghesi, l’Occidente contemporaneo da cui Dio è fuggito dopo aver perso la “D” e anche il Noi sfuma in milioni di atomi diversamente identici. La liberazione individualizzata ha creato una società decomposta e avvizzita – il contratto è sempre revocabile, a piacere e capriccio – che sopravvive a se stessa per trascinarci in un totalitarismo di tipo inedito, fondato sull’adesione a parole d’ordine apparentemente emancipatrici, ma in realtà obbligate, pena l’esclusione sociale e l’allontanamento dal tempo presente, nuovo idolo dell’uomo a una dimensione, il cui orizzonte da oltrepassare è Eros.

Max Horkheimer.

   Assume importanza decisiva l’immaginazione, per Marcuse unico strumento capace di comprendere le cose alla luce della loro potenzialità. Confessiamo di non aver mai compreso fino in fondo il concetto, diventato uno degli slogan fondamentali del Sessantotto. Herbert Marcuse ne fu uno dei simboli e ispiratori per il suo richiamo alla liberazione sessuale, all’abbandono della famiglia, per la denuncia della società repressiva, per quell’idea di “grande rifiuto” (great refusal) che tanto ha affascinato milioni di giovani. Rifiutare è il primo passo di ogni idea nuova, ma quello successivo è il progetto, l’alternativa. Immaginazione abortita per eccesso?

A quel mondo mancò del tutto la pars construens, per questo è giusta la definizione di Grand Hotel Abisso. Tutto sfociò in anarchismo parolaio, nella decostruzione come unico fine, nei paradisi artificiali, le droghe destinate a estendere e trasportare I’ Io oltre le normali potenzialità, vedere con occhi più penetranti la realtà. Sappiamo bene che non è così, e conosciamo il ruolo decisivo degli apparati riservati americani nel diffondere le droghe per indebolire le generazioni e plasmare, rovesciandolo, quello stesso uomo a una dimensione denunciato da Marcuse nella sua opera più letta.

   Non tutto è da gettare, tuttavia. Marcuse denunciò per primo la “tolleranza repressiva” del potere nelle società politiche occidentali e smascherò la tendenza a far coincidere progresso tecnologico e emancipazione umana. Affermò l’impostura delle società democratiche che rendono impossibile ogni forma di opposizione. Celebre è l’incipitdell’Uomo a una dimensione “una confortevole, levigata, ragionevole, democratica non libertà prevale nella civiltà industriale avanzata, segno del progresso tecnico”. La dimensione unica è oggi pienamente realizzata nella società neoliberale, ultra libertaria nell’esteriorità visibile, repressiva e totalitaria verso ogni modello non conforme all’ideale del consumo e dell’immediato.

György Lukács.

Francoforte Grand Hotel Abisso è la definizione coniata da Lukács per definire la scuola filosofica di Adorno, Marcuse, Horkheimer e Habermas che fu un tentativo di rifondare il marxismo sfociato in un sterile anarchismo parolaio!

La soluzione francofortese alla “società amministrata” (Horkheimer) è tuttavia peggiore del male: la liberazione attraverso l’Eros, la negazione generale del principio di autorità, i paradisi artificiali, infine la chiusura nella dimensione soggettiva. Esattamente ciò che serve al nemico capitalista per perpetuare il suo dominio. Eterogenesi dei fini, o forse no, dal momento che i quattro cavalieri dell’Apocalisse francofortese, Adorno, Marcuse, Horkheimer, da ultimo Habermas, non avrebbero avuto onori, prebende e prestigiose carriere dal sistema se davvero ne fossero stati avversari.

   La chiave sta fin una frase di Walter Benjamin che Marcuse pose a suggello del suo testo fondamentale: “è solo per merito dei disperati se ci è data una speranza”. Le idee di Francoforte sono divenute potere, senso comune, persino obblighi. Li abbiamo definiti pregiudizi universali d’Occidente. Le pagine di quei libri, le teorizzazioni vergate nel lussuoso Hotel Abisso a cinque stelle tra camerieri in livrea e amabili conversari, vanno richiuse affinché diventino impolverati documenti del nulla. La parola vada ai veri disperati, ai perdenti di un tempo bastardo. Se c’è una speranza, è nella sconfitta di un mondo di cui i francofortesi sono divenuti un paradossale puntello.

Liberati di tutto, davvero ci è rimasta un’unica dimensione, la contemplazione sterile del nostro ombelico. Gli stessi continuano a comandare. Al potere non è andata l’immaginazione, ma sono rimasti, più saldi di prima, quelli di sempre. Hanno solo cambiato vestito, è simbolico che Francoforte sia oggi la centrale europea dei banchieri, gli uomini a una dimensione dalla personalità autoritaria, indifferenti a qualunque Minima Moralia.          

 NOTE

  •  (1) La Scuola di Francoforteè una scuola sociologico-filosofica di orientamento neo-marxista. Il nucleo originario di tale scuola, formato per lo più da filosofi e sociologi tedeschi di origine ebraica, emerse nel 1923 nell’ambiente del neonato “Istituto per la Ricerca Sociale” (Institut für Sozialforschung) dell’Università Johann Wolfgang Goethe di Francoforte sul Meno, in Germania, sotto la guida dello storico marxista Karl Grünberg. Il nucleo successivamente si ampliò per numero di studiosi ed ambiti di ricerca. Il primo periodo di attività della scuola si inquadra nel primo dopoguerra, tra gli anni venti e gli anni trenta; all’avvento del nazismo il gruppo lasciò la Germania e si trasferì dapprima a Ginevra, poi a Parigi e infine a New York, dove continuò la sua attività. Dopo la seconda guerra mondiale alcuni esponenti (tra cui Adorno, Horkheimer e Pollock) tornarono in Germania per fondare un nuovo Istituto per la ricerca sociale.
  •  (2) Theodor Ludwig Wiesengrund Adorno (1903-1969). È stato un filosofo, sociologo, musicologo ed accademico tedesco. Fu esponente della Scuola di Francoforte e si distinse per una critica radicale alla società e al capitalismo avanzato. Oltre ai testi di carattere sociologico, nella sua opera sono presenti scritti inerenti alla morale e all’estetica, nonché studi critici sulla filosofia di Hegel, Husserl e Heidegger. Alla riflessione filosofico-sociologica affiancò per tutta la sua esistenza un’imponente attività musicologica.
  • (3) Herbert Marcuse (1898-1979). È stato un filosofo, sociologo, politologo ed accademico tedesco naturalizzato statunitense.«Il mondo non è stato fatto per amore degli esseri umani e non è diventato più umano.» (Herbert Marcuse)
  • (4) Max Horkheimer (1895-1973). È stato un filosofo, sociologo, storico della filosofia ed accademico tedesco, tra i più importanti esponenti della Scuola di Francoforte.«La teoria critica, che è una teoria pessimistica, ha sempre seguito una regola fondamentale: attendersi il peggio, e annunciarlo francamente, ma nello stesso tempo contribuire alla realizzazione del meglio.» (Max Horkheimer, Mondo amministrato?).
  • (5) Wilhelm Reich (1897-1957). È stato un medico, psichiatra e psicoanalista austriaco naturalizzato statunitense. Allievo di Sigmund Freud, divenne noto per le sue ricerche sul ruolo sociale della sessualità, per i suoi studi sul rapporto fra autoritarismo e repressione sessuale. Arrestato dall’FBI per aver violato il divieto federale di propagandare le proprie teorie, fu assolto da queste accuse ma fu condannato lo stesso per oltraggio alla corte a due anni di carcere senza condizionale; morì per un malore in prigione nel 1957, una settimana prima della prevista libertà sulla parola.

Fonte: Wikipedia. 

 

         

Carica ulteriori articoli correlati
  • MANGIARE UOVA È DA FASCISTI

    ”Greta e le lobby travestite di verde: fascista è chi mangia uova, assassino chi si gusta …
  • IL TRAMONTO DELL’ONORE

    ”Una delle vittime della modernità è “l’Onore” ed è impopolare in quanto asseg…
  • INDIFFERENZA E NICHILISMO

    ”L’indifferenza al tempo di Tinder. Ignara di ogni tenerezza, l’indifferenza a…
Carica altro Roberto Pecchioli
  • MANGIARE UOVA È DA FASCISTI

    ”Greta e le lobby travestite di verde: fascista è chi mangia uova, assassino chi si gusta …
  • IL TRAMONTO DELL’ONORE

    ”Una delle vittime della modernità è “l’Onore” ed è impopolare in quanto asseg…
  • INDIFFERENZA E NICHILISMO

    ”L’indifferenza al tempo di Tinder. Ignara di ogni tenerezza, l’indifferenza a…
Carica altro Attualità

4 Commenti

  1. Daniel

    2 Maggio 2019 a 21:33

    Ormai roberto pecchioli e diventato il mio punto di riferimento.. Maestoso.. Lo ritengo il miglior filosofo contemporaneo.

    rispondere

  2. Francesca Rita Rombolà

    2 Maggio 2019 a 19:00

    Dunque, l’Occidente è divenuta veramente la terra o il luogo metaforico del tramonto?

    Eppure il tramonto non può che preludere l’alba, anzi al tramonto segue l’alba con certezza.

    L’alba di un nuovo Occidente” depurato di tutte le scorie tossiche delle varie ideologie e filosofie che lo avvelenano da secoli.

    rispondere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

MANGIARE UOVA È DA FASCISTI

”Greta e le lobby travestite di verde: fascista è chi mangia uova, assassino chi si gusta …