La Germania sta ora cercando di razionare la sua fornitura di elettricità per stabilizzare la sua rete elettrica verde

Il centro sul cambiamento climatico fornisce la struttura di cui abbiamo bisogno per affrontare la sfida climatica con l’urgenza e la determinazione che merita

(Neo-primitivi al potere)

La Germania sta ora cercando di razionare la sua fornitura di elettricità per stabilizzare la sua rete elettrica verde. Il paese europeo ha soppesato la misura tra i blackout incombenti a causa del suo approvvigionamento energetico instabile.

Le questioni energetiche del paese hanno anche minacciato la stabilità della più ampia rete dell’Unione europea.

Un tempo la Germania aveva una delle reti elettriche più stabili e affidabili al mondo quando l’attività di generazione di energia era nelle mani di ingegneri ed esperti. Poi  l’ascesa dell’allarmismo climatico negli anni ’90 ha consentito agli attivisti e ai loro alleati politici di spingere per l’“energia verde”. La fornitura di energia fluttuante e intermittente potrebbe essere facilmente gestita a basso costo, hanno insistito.

EEG 2014: l’Ue approva la legge tedesca per le rinnovabili

I militanti hanno portato all’approvazione della legge sulle fonti energetiche rinnovabili (EEG 2014) nel 2000. Come si è scoperto, l’efficacia dell’EEG ha causato più danni che benefici all’approvvigionamento energetico della Germania. Attualmente ha i prezzi dell’elettricità più alti al mondo, costringendolo a fare più affidamento sulle importazioni. Inoltre ha costantemente fallito nel raggiungere i suoi obiettivi di emissioni.

Ironia della sorte, il parlamento tedesco ha affrontato questi problemi facendo ancora più affidamento sull’energia verde. Ha ordinato la chiusura delle centrali a carbone e nucleari più stabili e produttive. I politici nel paese hanno anche approvato una legislazione per limitare la quantità di energia consumata da aziende e individui.

Il ministro tedesco degli Affari economici propone una legge che limita la potenza delle stazioni di ricarica dei veicoli elettrici e interrompa temporaneamente l’alimentazione di ricarica

Finalmente rivivi

La rivista Tichys Einblick ha riferito che il ministro federale tedesco dell’Economia e dell’Energia Peter Altmaier ha proposto una legge che consente il “livellamento

Peter Altmaier

del picco” per i fornitori di energia. La legge di livellamento dei picchi di Altmaier consente alle utility di “interrompere temporaneamente l’alimentazione di ricarica per le auto elettriche” quando l’elettricità disponibile è insufficiente. Le aziende elettriche hanno richiesto leggi simili a quanto proposto dal ministro dell’Energia, vista l’instabilità delle fonti di energia eolica e solare.

Il progetto di legge di Altmaier indicava che “gli impianti di consumo controllabili” potevano avere interruzioni dell’alimentazione per un massimo di due ore al giorno. Queste strutture, che includono stazioni di ricarica e pompe di calore, potrebbero essere scollegate completamente dall’alimentazione se ci fosse il rischio di sovraccarico della rete. La proposta è stata successivamente richiamata al momento della scrittura.

Tuttavia, il paese ha annunciato che farà una grande spinta alla mobilità elettrica, con una vasta espansione prevista in futuro. La Germania ha solo 33.000 stazioni di ricarica elettrica che servono 50 milioni di veicoli. Il previsto aumento del numero di auto elettriche servirà solo a sostenere i picchi di domanda di elettricità.

(Correlato:)

Il grande veicolo elettrico BUGIA: Le auto elettriche non sono “a zero emissioni” e il loro impatto ecologico è in realtà più sporco dei camion diesel

Parlando della questione della rete elettrica tedesca, Tichys Einblick ha osservato: “La situazione nelle reti elettriche è diventata troppo critica. L’unica cosa che aiuta sono idee astruse come: (Non ti è permesso [ricaricare] la tua auto dalle 10:00 alle 20:00 tutti i giorni!)”

Affidarsi al 100% di energia verde è buono in teoria, ma cattivo in pratica
Esempi di energie rinnovabili (dall’alto a sinistra, in senso orario)- energia eolica, geotermica, idroelettrica e solare (Wikipedia)

Secondo Tichys Einblick , un certo numero di industrie sono state oggetto di sforzi per il “livellamento del picco” da qualche tempo. Le celle frigorifere e le fonderie di alluminio devono sopportare di essere scollegate dalle loro fonti di alimentazione per periodi limitati. Tuttavia, la pubblicazione osservava: “È un gioco pericoloso [per le fonderie di alluminio] perché dopo tre ore, il metallo fuso si è solidificato e la fabbrica è rovinata”.

Tichys Einblick ha proseguito: “Il governo tedesco ha riconosciuto che nel futuro sistema elettrico non sarà più possibile soddisfare ogni richiesta in ogni momento. Pertanto, il controllo del lato consumatore dovrebbe essere posto in termini legali “.

La rivista insinuava che i blackout sarebbero stati all’ordine del giorno. “I consumatori controllabili come le pompe di calore, i riscaldatori elettrici e le scatole a muro, ovvero le stazioni di ricarica per i cellulari elettrici, a volte vengono spenti in modo variabile”, ha affermato.

Downtown Los Angeles California. Se l’energia verde è così sorprendente, perché la rete elettrica della California sta per colassare?

Non è necessario guardare oltre l’Oceano Atlantico per vedere il problema dell’affidarsi alle energie rinnovabili. Nel luglio 2018, lo stato della California ha chiesto ai residenti di limitare l’uso dell’elettricità durante le ore di punta. Il suo richiamo è arrivato in mezzo a una “cupola termica” che si è stabilita nella parte sud-occidentale del paese, portando più californiani a utilizzare i loro condizionatori d’aria. Due mesi prima, la North American Reliable Energy Corporation (NERC) aveva avvertito che lo stato correva un “rischio significativo di incontrare condizioni operative che potrebbero comportare carenze di riserve operative”.

La dipendenza della California dall’energia eolica e solare le ha dato un vantaggio sulla lotta contro il “riscaldamento globale”, a scapito della sua fornitura di energia elettrica che non soddisfa la domanda. (Correlato: Grande shock: Newsom ammette che l’energia “verde” è il motivo per cui la California soffre di blackout .)

PowerGrid.news ha di più sulla spinta per l’energia “verde” causata dall’allarmismo climatico .

Le fonti includono:

Layout generale delle reti elettriche. Le tensioni e le raffigurazioni delle linee elettriche sono tipiche della Germania e di altri sistemi europei

Quando arriverà il blackout? Con suggerimenti per sopravvivere senza elettricità, siamo preparati per lo scenario peggiore: il blackout. Spegnere l’elettricità per le aziende e le famiglie è ciò che la poesia politica di camuffamento e inganno chiama “livellamento del picco”. Oggigiorno, il 98 percento della nostra elettricità proviene da centrali a carbone e nucleari perché l’energia solare e le turbine eoliche non producono nulla nelle stagioni buie dell’anno. Nel prossimo anno, la situazione peggiorerà con ulteriori chiusure delle centrali elettriche e la pianificazione di emergenza di Peter Altmaier diventerà letteralmente sempre più importante per la nostra sopravvivenza

 

 

Sapevi che venerdì 8 l’Europa era a un capello da una massiccia mancanza di corrente?

Era vicino: il blackout è stato appena evitato venerdì con enormi disagi

Venerdì scorso, l’intera rete europea era al margine di una massiccia mancanza di corrente. Come risultato della transizione energetica, l’incertezza sull’approvvigionamento energetico e il rischio di blackout stanno aumentando notevolmente in Germania.

Secondo Henrik Paulitz della Bergstrasse Academy for Resource, Democracy and Peace Research ,

Venerdì scorso, 8 gennaio 2021, la rete elettrica europea ha appena  mancato  un collasso su larga scala. Intorno alle 13:04 c’è stato un forte calo di frequenza che avrebbe potuto paralizzare l’Europa. La causa apparentemente era un’interruzione di corrente in Romania. Secondo l’esperto austriaco di blackout Herbert Saurugg, è stato il secondo incidente più grave nella rete europea fino ad oggi. Secondo la classificazione ENTSO-E, è stato raggiunto il terzo dei quattro livelli di allarme (Emergenza – Rischio più elevato per i sistemi vicini. I principi di sicurezza non sono soddisfatti. La sicurezza globale è in pericolo).

Il fornitore di energia elettrica della Bassa Austria EVN ha parlato di un “quasi blackout”. Alcuni importanti clienti avevano riferito “perché le macchine sensibili hanno già avvertito il calo di frequenza. Se le fluttuazioni sono troppo elevate, le macchine si spengono per proteggersi”.  Questo potrebbe accadere anche nelle centrali elettriche, “e poi diventa critico”.

L’evento è discusso intensamente dai media austriaci. Numerose centrali elettriche hanno dovuto fornire immediatamente ulteriore energia per stabilizzare la rete. Le centrali elettriche ad accumulo di pompaggio e le centrali a gas ancora disponibili dovevano essere mobilitate. “Questi ultimi, tuttavia, sono combattuti in maniera massiccia dagli ambientalisti”, ha osservato acutamente la Kronen Zeitung.

 In Francia, nonostante l’operazione di salvataggio dall’Austria, i grandi clienti elettrici hanno dovuto essere scollegati dalla rete.

La rete di sicurezza ha funzionato, “ma tali operazioni da pompieri  non sono un modello di business praticabile a lungo termine”, ha avvertito Michael Strebl, amministratore delegato di Wien Energie. “Grazie a Dio è andata di nuovo bene”, ha affermato Werner Hengst, amministratore delegato di Netz Niederösterreich GmbH. “Stimiamo che la situazione peggiorerà nei prossimi anni”.

Il motivo è la forte espansione della generazione volatile di elettricità rinnovabile e l’eliminazione di grandi centrali elettriche di riserva in Europa. La produzione di 50 gigawatt offline in Europa corrisponde a “più di duecento centrali elettriche del Danubio”. Secondo Wien Energie, le reti elettriche sono esposte a fluttuazioni sempre maggiori. Il numero di operazioni di emergenza è aumentato da circa 15 a 240 all’anno negli ultimi anni.

Ci sono ora richieste per una “tavola rotonda” nel settore elettrico austriaco. Durante la riunione di tutte le parti interessate, dovrebbero essere trovate soluzioni pragmatiche per la prevenzione dei blackout, ha affermato l’amministratore delegato di NÖ-Netz Werner Hengst in una discussione online sul background del forum sulla sicurezza dell’approvvigionamento. “Abbiamo bisogno di reti stabili per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento”.

In Germania, l’Associazione delle industrie energetiche e industriali (VIK) ha reagito con preoccupazione al blackout quasi europeo. “L’incidente di venerdì non è purtroppo il primo del genere, ma deve essere un monito per tutti noi a non perdere di vista la questione della stabilità della rete e della sicurezza dell’approvvigionamento. La Germania non può presumere che siamo in qualche modo riforniti da altri Paesi europei, se non avessimo abbastanza elettricità “, afferma l’amministratore delegato VIK Christian Seyfert.

Conseguenze della transizione energetica: una società altamente sviluppata non può essere costruita sul “principio della speranza”

Secondo Christian Seyfert, come risultato della “progressiva eliminazione dell’energia nucleare e del carbone”, una quantità considerevole di produzione assicurata verrà interrotta “senza sostituzione” in Germania nei prossimi anni. Ciò comporta notevoli sfide in termini di sicurezza dell’approvvigionamento a livello regionale e in tutta la Germania, a cui devono essere trovate anche risposte politiche.

Christian Seyfert

Il “principio della speranza” non è sufficiente. Un’alimentazione elettrica economica, rispettosa del clima ma anche sicura è un fattore di localizzazione decisivo, soprattutto per le aziende industriali che sono in concorrenza internazionale. Se è dubbio, danneggerà la Germania come sede commerciale, ha affermato Seyfert.

Pala eolica 20kW made in Italy, torre da 30 metri. La produttività stimata per questa tipologia di impianto mini eolico è di circa 50.000 kWh annui. Consumi medi per faglia di ¾ persone annui 2.700 KWh. Ogni pala riesce a soddisfare 18 famiglie.

Il VIK sottolinea che c’è stato un collo di bottiglia energetico “contemporaneamente” al quasi blackout in Francia perché 13 unità di centrali nucleari non sono collegate alla rete. “Non ci sono interruzioni di corrente”, ha assicurato giorni fa l’operatore della rete di trasmissione francese RTE, ma allo stesso tempo ha fatto appello alla popolazione francese per risparmiare elettricità: le luci dovrebbero rimanere spente tra le 7:00 e le 13:00, le lavatrici non dovrebbero funzionare e l’accesso a Internet inutilizzato dovrebbe essere interrotto. Chi esce di casa dovrebbe abbassare il riscaldamento a 17 gradi.

Molti media francesi sollevano la questione se il paese sia minacciato da un blackout se l’ondata di freddo continua. “Non siamo in Unione Sovietica, vero?”, Ha chiesto una giornalista dell’emittente televisiva BFM, il ministro dell’Ambiente Barbara Pompili [è francese]. La sua risposta ha rassicurato il pubblico solo in misura limitata: “Se rimaniamo a temperature medie, dovrebbe funzionare. Altrimenti dobbiamo regolare”.

Come ultima risorsa, la società elettrica francese EDF prevede interruzioni di corrente locali di “un massimo di due ore”. Ciò avrebbe lo stesso effetto per le persone colpite in questo momento di un collasso generale della rete, ma secondo la Frankfurter Rundschau, Pompili afferma: “Non dobbiamo spaventare i francesi, non ci sarà il blackout”. Ma il pericolo non è stato ancora scongiurato: settimane fa RTE prevedeva un “febbraio difficile”.

Gli eventi mostrano che la questione della sicurezza dell’approvvigionamento sta entrando con forza nell’agenda politica europea. Non solo la Germania, ma l’intera Europa è minacciata da un’economia della carenza di energia in cui le interruzioni di corrente stanno diventando sempre più la norma e possono verificarsi interruzioni di corrente su larga scala in qualsiasi momento.

Maurizio Blondet

 

 

 

Maurizio Blondet  25 Gennaio 2021  27 commenti

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Maurizio Blondet
  • «DRAGOCRAZIA»

    ”È davvero prematuro rinfacciare al governo Draghi di essere la riedizione del governo Con…
  • «LA PREVALENZA DEL VIGLIACCO»

    ”Come definire quegli storici e accademici che assistono allo scempio continuo della ricer…
  • «DOTTOR JEKYLL E MISTER GATES»

    ”Carne artificiale? Lo strano caso del dottor Jekyll e Mister Gates. Tra vaccini e carne a…
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«YOUTUBE CANCELLA GLI ABBONATI DI BYOBLU»

”Mi rivolgo a tutti i cittadini che ancora credono in un futuro democratico, dove le pari …