Per me è stata una delusione…

GRANDE BARRIERA CORALLINA, GRANDE TRUFFA CLIMATICA


Non so quanti di voi ricordino il mitico Attenborough,(1) orami canuto e incerto che nell’ennesimo documentario della BBC fa la predica sul cambiamento climatico e sul destino della barriera corallina minacciata dall’aumento della temperatura dell’acqua. Per me è stata una delusione perché proprio si vedeva che recitava un mantra obbligatorio: se voleva apparire ancora tra le meraviglie della natura doveva accettare la pochezza degli uomini. Ovviamente si trattava di cazzate perché i coralli si sono adattati a moltissimi climi e di certo qualche frazione di grado in un secolo non li danneggia di certo, anzi gli avvantaggia. La presunta morte delle barriere coralline viene ripetutamente utilizzata come segnale del riscaldamento globale diffondendo l’idea che i responsabili della morte e dello sbiancamento sono l’aumento delle temperature che tuttavia sono ancora inferiori a quelle degli ultimi due periodi caldi in periodo già storico, l’epoca romana e quella medioevale.

Ma per un po’ di tempo, tanto per variare il menù delle sciocchezze, i coralli avevano lasciato il posto alla presunta estinzione degli orsi  polari o alla scomparsa della calotta artica, ma siccome queste previsioni non si sono verificate e persino i ghiacci si stanno estendendo, ecco che si è ritornati all’allarmismo color corallo nonostante la grande barriera corallina non sia mai stata così in forma, manto chi se ne frega, basta che ci siano i titoli sui giornali e milioni di persone ci cascheranno. Figurarsi si è arrivati a dire che con il riscaldamento globale in Europa farà più freddo; quindi, si tratta di gente ormai rotta a qualsiasi narrazione pur di raggiungere lo scopo politico che i loro finanziatori si aspettano. Adesso anzi si alza la posta e un ripido idiota di nome Tim Lenton, professore da qualche parte ha spiegato che il riscaldamento globale sta “innescando la morte delle barriere coralline che sostengono mezzo miliardo di persone”.

Ma ecco invece i dati che si riferiscono alle tre aree della Grande barriera corallina australiana:

Come si può facilmente vedere non esiste alcun pericolo, anzi la barriera gode di ottima salute : si tratta di dati che vengono dall’ Istituto australiano di scienze marine (AIMS) che come tutte le istituzioni finanziate dagli stati è pienamente impegnato nell’estremismo climatico e nel fornire messaggi politicamente corretti per promuovere la soluzione zero emissioni che un obiettivo scientificamente impossibile, ma politicamente prezioso per la tirannia globalista. Infatti, sebbene l’AIMS riporti ora una significativa ripresa pluriennale, sostiene che il futuro porterà “ondate di caldo marino più frequenti, più intense e di più lunga durata, nonché la continua minaccia di epidemie di stelle marine corona di spine e cicloni tropicali”. Che meraviglia questa scienza fondata sulla lettura dei fondi del caffè e che regolarmente fallisce: basta ricordare  un articolo del 1999 di George Monbiot uno dei profeti e dei pionieri di Net Zero che odiava il capitale internazionale senza accorgersi di servirlo in cui diceva ai lettori che “l’ incombente distruzione totale delle barriere coralline del mondo non è una storia spaventosa, ma un dato di fatto”.  Chissà cosa intende questa gente per fatti, probabilmente le loro fantasie.

Redazione

 

 

 

Approfondimenti del Blog

David Attenborough potrebbe andare in pensione. E con lui i suoi viaggi

(1)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Redazione Inchiostronero
Carica altro CLIMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«SESSO E LO SPAZIO»

Il viaggio di nozze si rivelò presto una straordinaria realtà …