c’è una corsa spasmodica verso la dissoluzione dell’Italia…

Un vespasiano e il suo cliente

I COLPI DI CODA DI UN SISTEMA IN AGONIA


C’è una corsa spasmodica verso la dissoluzione dell’Italia e i protagonisti sono sempre gli stessi: sono i partecipanti di una partitocrazia agonizzante, asservita e specularmente identica a sé stessa. Destra e sinistra sono identici, tutti tesi ad attuare l’agenda 20/30 (leggere attentamente i loro traguardi solidali) per soffocare gli ultimi aneliti di libertà di un popolo, quello italiano, che continua a fare paura per le sue capacità culturali, per il suo spirito critico, per le sue attitudini che lo portano ancora a produrre crescita economica, nonostante i numerosi ostacoli che un apparato burocratico di struttura mafiosa pone alla portentosa arte di arrangiarci di noi italiani.

UNO DEGLI OBIETTIVI DELL’AGENZA – PACE , GIUSTIZIA E ISTITUZIONI SOLIDE. 16.4 Entro il 2030, ridurre in modo significativo i flussi finanziari e di armi illeciti, rafforzare il recupero e la restituzione dei beni rubati e combattere tutte le forme di criminalità organizzata. (f.d.b.)

Riserve russe bloccate dalle sanzioni

Anche le ultime elezioni amministrative hanno mostrato l’intercambiabilità dei partiti in lizza, le foto dei vari candidati sono le stesse: personaggi che ieri erano da una parte, oggi si trovano in quella opposta, non un’idea politica nei programmi, non un progetto alternativo, cambiano solo i volti, forse anche i caratteri delle persone, ma non certo la gestione fallimentare delle nostre comunità grandi o piccole che siano

In questi giorni stanno facendo di tutto per farci vergognare di essere italiani. È veramente indecente lo spettacolo delle nostre più alte istituzioni che si sono permesse, contro la volontà della maggioranza del popolo italiano, di ricevere quell’individuo che, per interessi terzi, sta facendo massacrare il popolo ucraino. Hanno ricevuto ed ospitato con tutti gli onori tal Zelensky che, anche nell’abbigliamento e nei comportamenti, ha oltraggiato le più altre autorità dell’Italia e queste, dimenticandosi di essere i rappresentanti di tutto il nostro popolo, invece di invitarlo a vestirsi in modo più decorso o di cacciarlo a calci nel sedere, come si conviene a chi ti manca di rispetto, l’hanno esaltato, gli hanno promesso ulteriori armi per far massacrare quel popolo e soprattutto hanno ottenuto da quegli altri cialtroni che conducono, senza averne titolo, la UE di spendere una cospicua parte dei soldi del PNRR, con cui stanno indebitando pesantemente le future generazioni italiane, nella produzione di proiettili da inviare in Ucraina.

Ancora più vergognoso il comportamento dei grandi soloni del giornalismo italiano nel cosiddetto salotto buono (se quello è il salotto buono, povera Italia!) di Porta a Porta dove i vari Vespa, Porro, Mentana, Maggioni, De Bellis e accoliti vari hanno sprecato oltre un’ora del nostro tempo (dato che la Rai dovrebbe essere la televisione del popolo italiano e non dei servitori di altri poteri) a manifestare tutta la loro piaggeria e capacità adulatoria nei confronti del personaggio di cui sopra.

La Storia li giudicherà

Sempre più grave l’offesa subita e patita dal Pontefice, anche lui dimentico di essere il più alto rappresentante della Chiesa Cattolica, che ha acconsentito a ricevere, in quegli strani abiti, quel signore che avrebbe potuto benissimo vestirsi da militare, ammesso che il ruolo ricoperto glielo consentisse, ma almeno in alta uniforme o, forse, voleva far pesare il suo ruolo di più importante rappresentante di interessi altri, che non sono solo quelli di Biden, ma sono anche quelli di Soros e di un certo tipo di finanza antiumana ed anti nazionale che gioca con la vita e la pelle di interi popoli, che sradica dai propri territori naturali e li trasferisce in altre latitudini, per attuare il loro progetto criminale. Poteva essere quella la sede dove far valere il proprio potere spirituale, ammesso che gli sia consentito di farlo.

A questi elementi di seria preoccupazione vanno anche aggiunte le azioni sconsiderate di quegli attivisti che sacrificano le loro attività di protesta per i dettami del sistema, confondendo la scienza pilotata con la vera ricerca scientifica, seguendo quelli che sono gli orientamenti mistificatori dell’agenda 20/30, confondendo l’emergenza climatica, che è vera ma non attribuibile all’uomo, con l’emergenza ecologica che è altrettanto vera e sicuramente attribuibile all’uomo.

Anche in questo caso però bisogna capire che o si attacca nella sua totalità la concezione della società termo industriale, o si cade nella trappola di estremizzazione della tecnica per giungere alla limitazione delle libertà fondamentali e al controllo totale delle persone, come stanno dimostrando in questi giorni le scellerate scelte che stanno cercando di attuare il sindaco Gualtieri a Roma e il sindaco Sala a Milano.

Ne parleremo meglio un’altra volta, ora basta renderci conto di quanto stiano accelerando, destra e sinistra, per servire il più possibile i loro padroni anti italiani, che stanno mostrando il fiato corto. È giunto il momento di unirci e di costruire progetti alternativi, senza cadere nelle trappole del nemico. Ce la possiamo fare; ce la faremo.

Adriano Tilgher

 

 

 

Immagine: https://www.ilmessaggero.it/

17 maggio 2023

 

 

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Adriano Tilgher
Carica altro ATTUALITÀ

4 Commenti

  1. Fantignoli Paola

    19 Maggio 2023 a 13:53

    Sono molto delusa soprattutto dalle “voci di pace” cioè da tutti i Travaglio, i Di Battista, i Gracis, i Santoro ecc. per finire con voi che non sono riusciti a organizzare uno straccio di dimostrazione contro l’arrogante burattino Zelensky! Io speravo e credevo in loro/voi ma come al solito si tratta solo di blablabla. Tutto fumo e niente arrosto! Non si puo’ sperare proprio in nessuno!

    rispondere

    • Riccardo Alberto Quattrini

      19 Maggio 2023 a 14:09

      Carissima Paola, noi siamo semplicemente un blog culturale pertanto diffondiamo notizie e approfondimenti, lei potrebbe aiutarci a divulgarli sui social, ai parenti e agli amici. Un caro saluto.

      rispondere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«UN MONDO COMODO»

Ce lo prospettano come un mondo comodo …