Il sole era tramontato. Le strade erano deserte e silenziose. Fino all’alba vigeva il coprifuoco

Il sole era tramontato. Le strade erano deserte e silenziose. Fino all’alba vigeva il coprifuoco. Dick correva. Non era più giovane, il fiato gli mancava. Le voci dei Sanificatori erano sempre più vicine. Ne sentiva i comandi rabbiosi, confusi con l’abbaiare dei cani. Fra poco lo avrebbero raggiunto. Non aveva più di due o tre minuti per raggiungere il rifugio, forse meno. Scivolò rapidamente tra i muri grigi delle CAC, case anti contagio. Scuri alveari di cemento. A quell’ora era proibito accendere luci nelle abitazioni civili. L’edificio aveva subito da poco la quotidiana sanificazione e i muri emanavano l’acre odore del disinfettante. Dick pensò ai lussuosi palazzi in cui vivevano i Pantocrati, gli Arconti, i Contabili, i Sanitarchi, con i loro funzionari-maggiordomi. Si aprì una finestra. Nell’oscurità della sera una sagoma si sporse e lo fissò. La mascherina d’ordinanza le celava il volto. Il suono acuto di un fischietto lacerò l’aria. Poi “è qui! è qui!” urlò con voce vecchia e stridula una donna. Dick imboccò la strada che dai QUD, quartieri deviralizzati, portava nella zona proibita della città, tra le case evacuate. Era esausto, le gambe gli dolevano. L’abbaiare dei cani si faceva sempre più vicino. Non c’era più tempo. Doveva nascondersi.

Era stato imprudente spingersi così lontano. Ma aveva fame. Probabilmente qualcuno l’aveva visto frugare tra i rifiuti e aveva chiamato l’Ombra, la Polizia Sanitaria. Segnalare la presenza di un sospetto RAV, un renitente al vaccino, era il primo dovere di ogni buon cittadino. Inutile pensarci ora. Vide una villetta con un giardino ormai ricoperto di cespugli ed erbacce. Provò a immaginare come doveva essere un tempo, prima che tutti fossero obbligati a trasferirsi nei QUD. Forse vi abitava una famiglia, con dei bambini, un gatto, dei fiori. La porta di casa era scardinata. Dentro v’erano mobili rovesciati e vari oggetti sparsi sul pavimento. Qualcuno era già entrato. “Sciacalli” pensò Dick.

Il latrare eccitato dei cani e le urla dei Sanificatori lo fecero sobbalzare. Calcolò che al massimo entro due minuti avrebbero cominciato a ispezionare le case disabitate. Si guardò intorno, il cuore gli pulsava forte in gola. Scese rapidamente la scala che portava in cantina, chiudendosi la porta alle spalle. Si trovò in una camera piccola e buia. Avanzando urtò un enorme baule. Lo aprì. Conteneva libri. Ai ladri non interessava quella roba. A nessuno interessava più. Cercando di agire rapidamente Dick buttò i libri per terra e si accovacciò nel baule. Richiuse il coperchio sopra di sé e si sforzò di reprimere il respiro affannato. Dopo un paio di minuti sentì un rumore di passi nella casa. “Cerca, cerca!” urlava qualcuno. Un cane rispose abbaiando. Dick lo immaginò fiutare la pista. Avrebbe certo seguito la traccia che portava in cantina. “Quel bastardo deve essere qui da qualche parte!” urlò un sanificatore.

I CRI, cani per la ricerca degli infetti, erano attirati dal caratteristico odore umano che solo i RAV avevano conservato. Era in trappola. Cosa gli avrebbero fatto? L’avrebbero ultimato? Meglio morire che venir rinchiuso in un CRES, in un centro di rieducazione sanitario, a far da cavia. O l’avrebbero deviralizzato? Avrebbero innestato anche a lui il VU-29, il vaccino universale. Una sorta di parassita bio-elettronico che controllava il corpo e la mente. Aveva visto i vaccinati. Molti erano morti per anafilassi o avevano subito danni irreversibili al cervello. Gli altri erano ridotti a schiavi, automi passivi. Il sensore sottocutaneo registrava ogni loro azione, parola, movimento, forse anche i pensieri. Il Partito li costringeva a spossanti ritmi di lavoro. In cambio dava loro miseri SOS, sussidi ordinari di sussistenza. Secondo gli Arconti questo era l’unico modo per riparare i danni provocati dalla pandemia.

Il sistema sanitario mondiale dipendeva dal Mivir, Ministero del virus, e aveva come unico compito di prevenire nuovi contagi. I controlli erano continui e inflessibili. Ogni caso dubbio veniva posto in quarantena in apposite celle di isolamento. Tutti dovevano indossare le PAC, protezioni anti-contagio e rispettare la DAC, distanza anti-contagio. Nessuno poteva circolare senza l’AUT, autorizzazione di uscita temporanea rilasciata dalle autorità. Per lavorare, comprare del cibo o qualsiasi altra cosa, dovevano esibire l’AVE, l’attestato di vaccinazione elettronica, e i successivi RAP, richiami antivirali periodici. I Vigilanti e gli Ordinatori fermavano spesso i cittadini per strada e facevano improvvise irruzioni nelle case per controllare i documenti vaccinali. Le irregolarità erano punite con pene severissime. I recidivi rischiavano l’ultimazione.

La gente era stretta nella morsa di un doppio terrore: da una parte l’invisibile virus dall’altra la feroce sorveglianza poliziesca.  L’Arconte Generale aveva aumentato la paga agli Ordinatori e ai Vigilanti, per garantirsi la loro fedeltà. Anche l’OGI, ordine dei giornalisti indipendenti, era sul libro paga del PUS, Partito Unico per la Salute. Chiunque esprimesse critiche o dubbi era messo a tacere. Alcuni venivano corrotti, altri minacciati o più spicciamente eliminati. L’OS, l’Ordine dei Sanitarchi, forniva al Governo i pretesti scientifici per la sua politica di repressione e censura. Molti scienziati non allineati al Regime erano morti in circostanze misteriose. Alcuni erano stati internati nei famigerati CRES. Tutto questo, si diceva, era per il bene comune.***

Il mondo si era diviso in Deviralizzati, o Sanificati, e in RAV. Qualcuno li definiva ‘i convergenti’ e ‘i divergenti’. Questi ultimi erano meno dell’1% della popolazione, ma il PUS li considerava un pericolo mortale. Il virus mutava e i RAV creavano nuovi focolai, vanificando gli sforzi del Governo e dei Sanitarchi. Tipi asociali, con sindromi psicotiche, tendenze persecutorie e fantasie paranoiche, così erano descritti. Irresponsabili che rifiutavano di sottostare ai decreti arcontici, mettendo a repentaglio la vita degli altri. Diffondevano falsità anti-scientifiche, deliranti teorie di complotti.

Per il Regime era colpa dei RAV se il virus ancora circolava, se la gente ancora si ammalava e moriva, se il mondo rischiava la catastrofe. Era necessario eliminarli. Ogni buon cittadino si sentiva in dovere di indicare agli Ordinatori un tipo strano, di riferire frasi sospette. I RAV erano braccati come pericolosi criminali e ogni giorno qualcuno di loro cadeva nelle mani dei Sanificatori. La gente si rallegrava quando leggeva sui giornali di questi folli ‘untori’ stanati, sanificati o ultimati. I pochi RAV rimasti si nascondevano in rifugi segreti, cercavano cibo nei cassonetti. La stampa li chiamava ‘i topi’. I divergenti si credevano dei ribelli ma erano pedine del Regime.

Dick lo sapeva. Era stato un biologo famoso. Aveva collaborato alla creazione del VU-29. Se la sua coscienza fosse stata più malleabile non si sarebbe trovato in un baule ma in una lussuosa residenza da Sanitarca. Lavorando al progetto VU-29 aveva capito che pandemia, contagi, vaccino, erano un iperbolico stratagemma per creare uno stato d’emergenza permanente. Gli Arconti se ne servivano per arrivare al GUM, governo unico mondiale, un regime totalitario in cui informazione, lavoro, salute, vita privata, tutto era controllato da pochi oligarchi.

Un giorno Dick se n’era andato sbattendo la porta. Aveva perso il lavoro. Proprietà confiscate, conti bancari bloccati, reputazione rovinata. Colleghi, familiari e amici avevano troncato i rapporti con lui. Aveva conosciuto altri divergenti e cercato di organizzare una resistenza, una rete di contro-informazione. Tutto inutile. Non potevano competere col potere dei media arcontici. E il PUS aveva occhi e orecchie dappertutto. Infiltrava ovunque spie, delatori, traditori. I divergenti erano additati come nemici del popolo. Ma Dick sapeva bene che i RAV erano solo un alibi per protrarre indefinitamente l’allarme sanitario. Il Governo aveva bisogno di una pestilenza. Quindi aveva bisogno di topi.

 

Dal baule Dick sentì qualcuno entrare in casa urlando ordini. Si rannicchiò, contraendo ogni muscolo, trattenendo il fiato. Dopo due minuti, che gli sembrarono eterni, qualcuno scese le scale della cantina. Lo scricchiolio degli stivali si faceva sempre più vicino. Un cane fiutò il baule scodinzolando. Un Sanificatore illuminò con la torcia i libri sul pavimento. “Che roba è?”. Un altro si chinò, ne raccolse un paio. “Don Chisciotte … Guerra e pace. Solo libri di merda”.  Il cane continuava ad annusare il baule. Ne usciva quell’odore di umanità che tanto gli aveva scaldato il cuore, in altri tempi. “Che c’è lì?”. Uno dei Sanificatori stava per aprire il baule quando al piano di sopra si scatenò un’improvvisa baraonda. “L’abbiamo preso! Il topo è qui!”. I Sanificatori che erano in cantina risalirono in fretta. Il cane prima esitò, poi si rassegnò e li seguì.

Per alcuni minuti ci fu un vociare concitato, colpi, imprecazioni. Dick non capiva. Forse un altro divergente si era nascosto in quella casa. O un vagabondo. Ascoltò le voci che si allontanavano. Quando si fece assoluto silenzio provò a muoversi, ma era come paralizzato. Restò così per alcuni minuti. Poi, sforzandosi, riuscì a sollevare il coperchio del baule e a uscire. Non c’era nessuno. Cautamente guardò fuori, in giardino. Il cielo s’era incupito e vi luccicavano le stelle. Nel giardino vicino un grande albero frusciava mosso dalla brezza notturna. “Credevo li avessero tagliati tutti”, pensò. Decise che avrebbe dormito lì. Era stremato, affamato, ma era ancora un uomo libero.

Livio Cadè

 

Fonte: Ereticamente del 24 gennaio 2021

 

LE SIGLE DELLA REPRESSIONE

      • CAC: case anti contagio
      • QUD:  quartieri deviralizzati
      • OMBRA: Polizia Sanitaria
      • RAV: renitente al vaccino
      • SANIFICATORI
      • CRI: cani per la ricerca degli infetti
      • CRES:  centro di rieducazione sanitario
      • VU-29: vaccino universale
      • MIVIR: Ministero del virus
      • PAC:  protezioni anti-contagio
      • DAC:  distanza anti-contagio
      • AUT: autorizzazione di uscita temporanea
      • AVE: attestato di vaccinazione elettronica
      • RAP: richiami antivirali periodici
      • VIGILANTI
      • ORDINATORI
      • ARCONTE GENERALE
      • OGI: ordine dei giornalisti indipendenti
      • PUS: Partito Unico per la Salute
      • OS: Ordine dei Sanitarchi
      • DEVIRALIZZATI
      • SANIFICATI
      • GUM: governo unico mondiale

Copertina: Danza dei topi (1690) di Ferdinand von Kessels

  • «UOMINI E TOPI»

    ”Spesso inattese scoperte nascono attingendo a fiori nascosti, lungo sentieri inesplorati …
  • «IL PIFFERAIO MAGICO»

    ”Un’antica fiaba teutonica del XIII sec., rielaborata dai fratelli Grimm, narra d’una citt…
  • «AIACE»

    ”La vestizione si svolgeva ogni volta in un silenzio sacrale. Nella lattigine al neon degl…
Carica ulteriori articoli correlati
  • «UOMINI E TOPI»

    ”Spesso inattese scoperte nascono attingendo a fiori nascosti, lungo sentieri inesplorati …
  • «ELOGIO DELL’OZIO»

    ”«Sedendo quietamente, senza fare nulla, la primavera giunge, e l‘erba cresce da sé» …
Carica altro Livio Cadè
  • «EPILEPSĬA»

    ”…quando il suo migliore amico partì in guerra c’era la neve, anche quando ebbe il p…
  • «BASTIGLIA»

      ”Il nonno con quella rosa di pallini ben assestata era diventato l’eroe di tutti i …
  • «LE FORMICHE ROSSE»

    ”Piave non era solo un allenatore, ma un punto di riferimento, un maestro di vita. Non era…
Carica altro RACCONTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«UOMINI E TOPI»

”Spesso inattese scoperte nascono attingendo a fiori nascosti, lungo sentieri inesplorati …