Da sempre eliminare la disinformazione dalle informazioni reali è sempre stato un lavoro del governo

I VANTAGGI DI UN MONDO CAOTICO


Sembra che ci sia un chiaro sforzo globale per rendere l’informazione uniforme e, in particolare, per rendere uniforme la scienza: una scienza, sotto una regola singolare, per il bene di tutti… non me lo sto inventando (beh, mi sono appena inventato quella frase, ma non ne sto inventando l’essenza centrale). Ecco una citazione da un articolo sulle Nazioni Unite che afferma di “possedere la scienza” sul substack di Robert Malone :

«Il fatto è che, quando ascolti l’intera tavola rotonda collegata sopra, l’oratrice delle Nazioni Unite – Ms. Fleming non sta solo dicendo che le Nazioni Unite stanno censurando il discorso sul cambiamento climatico. Suggerisce inoltre che l’ONU con il WEF stia censurando molte discussioni scientifiche, come l’argomento del COVID-19, e che l’ONU stia predisponendo gli strumenti per censurare TUTTA la disinformazione che l’ONU ritiene inutile per una “stabile, mondo pacifico, armonioso e unito.

Lasciatemelo ripetere: “mondo stabile, pacifico, armonioso e unito”.

Sai, il buon senso (ci sono di nuovo quelle due parole fastidiose) mi dice che non c’è mai stato un momento in cui tutti gli umani fossero tutti d’accordo su una cosa. Questo è sempre stato considerato salutare: dibattito, discussione, smontare idee opposte, nuovi modi di vedere le cose vecchie, ecc. ecc.

Quindi, come diavolo qualcuno pensa che censurare informazioni che “l’ONU ritiene inutili” in modo che esista solo una verità “armoniosa”, per un “mondo unito” singolarmente, sia una buona cosa? Le persone stanno davvero comprando questo?

Questo è ciò che voleva Hitler, Lenin voleva, Stalin voleva, Mao, Saddam Hussein voleva, Osama bin Laden, solo per citarne alcuni recenti (e forse non sono preciso qui perché ciò che questi uomini volevano davvero avrebbe potuto essere facilmente manipolato dai media … ma hai capito il mio punto, ne sono sicuro).

Da quando eliminare la disinformazione dalle informazioni reali è sempre stato un lavoro del governo, e usare la censura non meno… cioè, non ci è permesso nemmeno VEDERE cosa stanno risolvendo. Se ci dicessero semplicemente “questo è buono, questo è brutto” ma dobbiamo comunque vederlo, il che sarebbe una cosa (ancora non una buona idea, ma in pratica lo hanno sempre fatto: “Suggeriamo, o consigliamo, o approvare, o altro”).

Ma censurare?

Le persone sono davvero così sciocche da pensare che sia meglio che ci si debba fidare di un organismo autorevole per dirci cosa è buono e cattivo e lasciarci completamente fuori da esso? Quale sarebbe l’incentivo del governo (o, in questo caso, dell’ONU) nel farlo? Duh, davvero? Controllo? Dominio? Pensi?

Quando dico che c’è uno sforzo concertato per appiattire il mondo in un pancake di un pensiero, non intendo dire che nessuna delle persone che fa questo pensi che sia una buona idea per le persone che abitano in gran parte il pianeta. Non è un “modo perfetto” ideologico per tutti noi. È invece molto simile al mantra Great Reset “in futuro non possiedi nulla e sarai felice”.

Verso l’abolizione della proprietà privata

Il punto è mettere quante più persone possibile sulla stessa pagina in modo che siano facili da manipolare e gestire… una verità, una medicina, una scienza, una valuta, una religione, un modo per essere umani, un modo per tutti. Facile, eh? Nessuno deve pensare, nessuno ha a che fare con molto di niente. Saremo tutti un clone l’uno dell’altro e come tali seguiremo una regola, un governo, un ideale.

È divertente come tutto questo sia ammantato da una stronzata “diversità, equità, inclusione”. Non vogliono “diversità e inclusione” più di quanto vogliono che noi “siamo felici”. Proprio come non vogliono che il clima si stabilizzi così possiamo goderci un pianeta sano. Niente di tutto questo è come sembra; ciò che stanno spingendo non ha alcun beneficio per le masse.

La dichiarazione delle Nazioni Unite è la stessa, non vogliono un mondo stabile, armonioso, unito, vogliono un mondo controllabile, un mondo in cui le persone sono come numeri, senza volto, uniformi, NON diversi, NON unici, NON inclusivi. Non vogliono piantagrane, non vogliono pensatori, non vogliono menti diverse, interessanti e creative.

Ancora una volta ti indico il brillante 1984 di Orwell. Dai un’occhiata a QUELLA cultura se vuoi vedere cosa “vogliono”. È un buon esempio.

Il mondo dovrebbe essere caotico, pieno di diversità, specie diverse, modi diversi di prendere gli elementi essenziali della realtà fisica e farne qualcosa in modo diverso e speciale.

C’è unità nella diversità, poiché tutte le creature viventi cercano un’espressione della vita spesso in modi davvero unici, ma hanno tutte un obiettivo comune per esprimere la vita. Gli esseri umani, in particolare, hanno una varietà di espressioni ancora maggiore.

Questa è una delle cose uniche di noi come specie. Creiamo al di fuori dei limiti del nostro istinto. Creiamo musica, arte, danza, cucina, architettura…infatti la varietà della nostra creazione è illimitata. Abbiamo menti critiche attive che pensano e pensano a ogni sorta di cose. Prendiamo decisioni su ciò che è bene per noi, individualmente e collettivamente, mettendo in azione le nostre menti con pochissime limitazioni.

Possiamo creare una vita quasi perfetta se lasciati fare questo con le nostre risorse senza alcuni criteri d’élite da soddisfare stabiliti da un individuo o da un piccolo gruppo di individui che beneficiano solo loro.

Questa è tirannia. Senza tirannia viviamo in un mondo caotico, ma un mondo in cui il caos stesso è ciò che porta mistero, scopo e significato alle nostre vite e genera creatività. La confusione caotica non può essere inchiodata, non può essere facilmente controllata né è facile esercitare su di essa la nostra volontà singolare, unificante. Ha uno spirito tutto suo.

Carl Jung, l’eminente psicologo svizzero, ha affermato più volte nel suo lavoro che la vita veramente espressiva è vissuta nella tensione degli opposti .

Il “tra due chiare posizioni oggettive”. È qui che risiede il mistero: caos, incertezza e non conformità. Questa è l’area grigia, l’ignoto. Questa è l’antitesi della singolarità, l’antitesi della «certezza stabile della vita unilaterale».

Lo sforzo di distruggere la nostra unicità e la nostra diversità di pensiero e di prospettiva è la cosa peggiore in assoluto che potrebbe accadere all’umanità: non possiamo respingere le nostre menti pensanti e la nostra coazione individuale a trovare un significato in un mondo che può sembrare caotico e disarmonico a causa del suo rifiuto di essere controllato.

Todd Hayen

 

 

 

 

Todd Hayen è uno psicoterapeuta registrato che esercita a Toronto, Ontario, Canada. Ha conseguito un dottorato di ricerca in psicoterapia approfondita e un master in studi sulla coscienza. È specializzato in junghiano, archetipico, psicologia. Todd scrive anche per il suo substack, che puoi leggere qui

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Todd Hayen
Carica altro ATTUALITÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«GIUSTO O SBAGLIATO, MI ATTENGO A CIÒ IN CUI CREDO»

Cos’è questa risposta stranamente stoica dal “lato ovino” di questo dibattito? …