È stato annunciato pochi giorni fa un mega congresso di satanisti negli Stati Uniti

Due seguaci di Cadmo divorati da un drago, Cornelis van Haarlem (1562-1638)

IL DIABOLICO DELLA POST-MODERNITÀ


È stato annunciato pochi giorni fa un mega congresso di satanisti negli Stati Uniti, luogo per altro confacente a simili consuetudini, date le cronache nere – appunto – che hanno caratterizzato la quotidianità americana.

“Mascherina e vaccino”. Il raduno mondiale dei satanisti non ha dubbi. Ecco le regole

Satana esiste, o un’invenzione superstiziosa come Dio, da relegare nella notte dei tempi trionfalmente rischiarata dalla razionalità illuminista e dal materialismo progressista? Questa è la domanda fondamentale da porsi.
Certo, se si pensa all’antro polveroso, al pentolone bollente, ai pipistrelli, ai corvacci e qualche teschio e osso sparsi qua e là secondo l’iconografia fiabesca, allora tutto è finito, ammesso che con queste premesse sia mai cominciato.
Se invece pensiamo a Satana come una simbolica intelligenza del male, illusionista di un’altra realtà, signore di un potere alternativo che fa finta di non esistere, allora il satanismo è vivo e vegeto, e magari la Grande Opera nefasta è sufficiente tradurla nel Grande Reset moderno. Delocalizziamo – va di moda questo termine – anche le diverse chiese delle tenebre, da Bel-Air di Charles Manson o (1934-2017) da San Francisco di Anton Szandor LaVey, (1930-1997) ad esempio nella Davos svizzera di Klaus Schwab. (ancora in vita)

Un azzardo? Ragioniamoci sopra.
Diabolico, in senso etimologico deriva da dia-bàllein, «Il verbo greco dia-bàllein, da cui deriva il moderno termine diavolo, significa separare, porre una barriera o una frattura, che in senso figurato significa calunniare. Il suo contrario è il verbo syn-bállein che significa unire, armonizzare, rimettere insieme come in un puzzle. Da syn-ballein deriva il termine “simbolo”. Siate simboli, non diavoli. F.d.b.»

syn-bállein

Ciò che si assiste a livello metastatico nel mondo attuale è esattamente questo processo: separazione delle persone da ogni legame, perversione delle leggi di natura, disgregazione della famiglia naturale, conflitto tra genitori e figli, antagonismo tra studenti e insegnanti, deformazione della storia, contrapposizione tra Stato e cittadini, manipolazione delle coscienze e via via elencando.
Paragoniamo questa situazione a quella intesa dal termine “simbolico”, da syn-bállein, ciò che unisce, mette insieme, armonizza, equilibra, che trascende il contingente per una realtà più grande, e scopriamo che questa visione corrisponde con precisione all’idea di comunità organica, luogo simbolico e concreto in cui tutte le persone, per funzioni, competenze e capacità cooperano al bene comune e ad un destino condiviso.

Vediamo così, superando le limitazioni del pensiero concretista e attivando, invece, la massima abilità di astrazione e simbolizzazione, che la nostra valutazione non era per nulla azzardata.
Il Grande Reset(P.I.) del caos post-moderno è, allora – a tutti gli effetti – un’operazione diabolica di sovvertimento metafisico dell’ordine delle cose come da sempre inteso e conosciuto. La dissimulazione che Satana applica per rendersi inesistente è la stessa tecnica mistificatoria che pongono in essere i padroni della nuova riorganizzazione globalista, essenzialmente antiumana e contronatura.
Schwab, a ragione, diventa il Gran Sacerdote, con i vari chierichetti e sacrestani della setta satanica.
Quindi, riassunto: se, come annota Richard Cavendish nel secondo volume de La magia nera, “satana” è la derivazione ebraica di “avversario”, noi siamo i suoi nemici in questa strategia di degradazione dell’umano e, tanto per essere chiari, ne andiamo fieri.

Adriano Segatori

 

 

 

 

Potrebbe Interessarti

«IL GRANDE RESET PER PRINCIPIANTI»

PROTESTE A DAVOS “Davos 2023”: Big Oil nel mirino delle proteste degli attivisti per il clima

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Adriano Segatori
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«CHI HA UCCISO LA GIOVINEZZA?»

Il desiderio rivoluzionario venne sedato dalla gratificazione delle voglie …