Questo nuovo libro di Graeme MacQueen contiene una raccolta dei suoi articoli e saggi sugli attacchi dell’11 settembre 2001

IL FILM DI SERIE B DEL PENTAGONO: UNO SGUARDO DA VICINO

AGLI ATTACCHI DEL SETTEMBRE 2001

Un’introduzione all’ultimo libro di Graeme MacQueen


Questo nuovo libro di Graeme MacQueen (clicca qui per una copia elettronica gratuita) contiene una raccolta dei suoi articoli e saggi sugli attacchi dell’11 settembre 2001, i successivi attacchi all’antrace e analisi di altre operazioni sotto falsa bandiera. Sono profondamente importanti e mandano in frantumi le versioni ufficiali di quegli eventi.

clicca qui per una copia elettronica gratuita

Nessuno che legga questo libro può uscirne non convinto che il governo degli Stati Uniti sia uno stato terrorista. Le conclusioni di MacQueen non si basano sulla retorica ma su una profonda analisi empirica, fatti non propaganda.

Con questo volume, Graeme MacQueen prende il suo posto accanto a David Ray Griffin come profeta senza onore nel suo tempo. La storia lo dichiarerà un eroe. Scrivere la seguente introduzione è un grande onore, perché la mia stima per Graeme e per il suo lavoro è immensa.

***

Il lavoro di Graeme MacQueen è una testimonianza di un uomo dedito alla ricerca della verità, della libertà e della pace che derivano dalla sua scoperta. Penso che non sia certo un caso che sia uno studioso buddista e un ex professore di studi religiosi e sulla pace.

A questo proposito, mi ricorda altri due teologi ispirati che portano il messaggio di amore e di pace nell’ambito politico dove i loro straordinari scritti hanno dato grande speranza a coloro che aspirano alla verità e alla giustizia:  James W. Douglass  e  David Ray Griffin , il primo il grande studioso di JFK e il secondo l’autore di una dozzina di libri rivoluzionari sugli eventi dell’11 settembre 2001.

In questo libro, che è un’introduzione alla propaganda governativa, Graeme continua a insegnare come le illusioni debbano essere perforate e il velo della segretezza del governo scosso, lezioni raccolte dal nucleo delle religioni del mondo. Che la verità ci renderà liberi è l’essenza di questi insegnamenti. Eppure, la verità è un duro maestro e richiede grande coraggio, forza d’animo e determinazione, che Graeme possiede in abbondanza, sia nella sua persona che nella sua scrittura.

Smascherare le menzogne ​​delle versioni ufficiali dell’11 settembre 2001, gli attacchi con l’antrace, ecc. richiede coraggio, poiché provoca conflitti con la famiglia, gli amici e le autorità. Si definisce un “teorico della cospirazione” che ha perso la ragione. Nel caso di Graeme questo è esilarante, perché non troverai da nessuna parte uno scrittore meno dottrinario e che si attenga maggiormente alle prove. In effetti, io, un tipo impetuoso, a volte ho trovato il suo approccio un po’ troppo cauto, ma sono sempre riuscito a vederne il valore e a confidare che le sue conclusioni siano basate su una logica e prove rigorose.

A volte una fotografia può rivelare l’anima di una persona. Penso che la foto di Graeme che precede la sua prefazione, scattata nel 2006 quando iniziò a scrivere sulle bugie ufficiali dell’11 settembre 2001, mostri davvero il suo spirito. Anche se sulla cinquantina, sembra molto fanciullesco, un po’ libertino, ma con il volto di un uomo profondamente turbato da ciò che sta vedendo attraverso l’edicola della propaganda ufficiale. C’è una traccia sia di dolore che di determinazione nei suoi occhi. La sua testa beata suggerisce un uomo pronto a pescare la verità negli abissi più profondi di un oceano di bugie.

In qualità di studioso buddista che sa da tempo che la scrittura creativa e la parola provengono liberamente da uno stato mentale diverso e superiore al normale, penso sia evidente che la sua scrittura ispirata in questo libro sia il risultato di una mente chiarito dalla consapevolezza che l’interno e l’esterno non possono essere separati, che la vita e la morte sono una cosa sola e che guardare fuori implica guardare dentro.

Perché mi sembra evidente che coloro che si oppongono alla realtà consensuale di un ordine sociale crudele e violento stiano anche cercando di riscattarsi dai profondi scherzi che l’ego gioca su tutti noi, mentre sondano gli inganni della propaganda ufficiale. E mentre Graeme non afferma esplicitamente le connessioni tra la sua scrittura e ricerca religiosa e le analisi politiche in questo libro, è evidente che il suo lavoro rende manifesto che la “Realtà” è un tutto e che il sé individuale isolato che separa il personale dalla politica ha portato a un mondo gravemente distrutto.

Circa un decennio fa, ho avuto il privilegio di essere invitato a  recensire il suo brillante libro ,  The 2001 Anthrax Deception , che costituisce la base per alcuni dei capitoli di questa raccolta. Siamo diventati grandi amici. E se devo ancora dire qualcosa sul contenuto del B-Movie del Pentagono, è perché mentre è ovvio che i libri sono scritti da esseri umani (anche se questo sta cambiando con l’intelligenza artificiale), chi sono veramente quegli autori è spesso eliso.

“I grandi uomini non fanno scherzi da palcoscenico con le dottrine della vita e della morte: solo i piccoli uomini lo fanno”, ha scritto John Ruskin. In qualità di convincente esponente di trucchi ufficiali sul palco, Graeme è fantastico, ma non lo sentiresti mai da lui.

È umile e autoironico all’estremo. La sua risata e il suo senso dell’umorismo sono contagiosi, anche se la sua scrittura lo riflette solo in una frase qua o là. Ma ho imparato che non ci si deve fidare di chi non ha il senso dell’umorismo o la capacità di ridere di se stesso. Gli ego bloccano la porta alla verità. E anche se negli ultimi anni ha combattuto una malattia molto grave, la risata di Graeme sul tema della morte è per me un segno di un uomo puro di cuore e grato per la sua vita in tutta la sua complessità.

Gli articoli di questa raccolta sono stati scritti nell’arco di sedici anni. Divisi in tre sezioni, si intersecano per formare una critica devastante di molteplici questioni, come gli omicidi governativi di JFK e MLK, vari eventi sotto falsa bandiera, ma soprattutto l’11 settembre 2001 e i successivi attacchi all’antrace. È impossibile leggerli in sequenza e non essere convinti della loro verità. Ognuno a sua volta rafforza l’adagio che “l’imperatore non ha vestiti”. Inoltre, eliminando passo dopo passo ogni affermazione delle narrazioni ufficiali, vediamo anche l’imperatore senza pelle, uno scheletro colto a morte con le sue letali bugie definitivamente smascherate.

Per molti versi, il capitolo di apertura, “9/11: The Pentagon’s B-Movie”, un tour de force, serve a prefigurare molti dei temi che seguono, concludendo con “Il trionfo della narrativa ufficiale: come la TV Networks Hid the Twin Towers Explosive Demolition on 9/11” con il coautore Ted Walter.

Graeme chiarisce fin dall’inizio che sono le immagini in movimento della televisione e del cinema a essere centrali nella propaganda ufficiale. Questa è l’allegoria della caverna di Platone aggiornata in cui le ombre sul muro sono usate per ingannare le persone facendole non vedere cosa sarebbe successo se si fossero girate verso la luce. Come  scrive :

La natura filmica degli eventi dell’11 settembre

«Questo “film sull’11 settembre” si rivela agli attenti investigatori come sceneggiato, diretto e prodotto dallo stato di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Il film non rappresenta il mondo reale. Viola le regole operative nel mondo reale, comprese le leggi della fisica. Il pubblico rimarrà schiavo dello spettacolo e della violenza della guerra al terrore solo finché rimarrà ipnotizzato dal film di serie B dell’11 settembre.»

Ma come sa, i film di serie B sono spesso popolari, soprattutto quando sono del genere horror con la loro capacità di traumatizzare gli spettatori, anche quando potrebbero sospettare di essere presi in giro. Si entra in un film di mostri con la convinzione sospesa e spesso se ne esce dimenticando che era un’illusione, perché il film è penetrato in profondità nella propria psiche. “Solo quando le persone avvertono il vero pericolo”, ci dice, “e si lasciano alle spalle la finzione e gli effetti speciali saranno in grado di affrontare il vero mostro che ci attende”. Ciò richiede di vedere l’oligarchia malvagia e spietata responsabile dell’11 settembre per i mostri che sono.

Tale verità può essere distinta dalle ombre solo quando il pubblico lascia il teatro dell’assurdo, esce alla luce e scatta fuori dallo stato ipnotico. Molti non lo fanno mai, soprattutto perché i film non sono più confinati nelle sale cinematografiche. Sono parte integrante della moderna vita quotidiana sullo schermo. Le immagini in movimento nella testa delle persone spesso soppiantano la realtà, come  chiarisce Graeme:

«Ma immagina cosa accadrebbe se il pubblico rimanesse convinto dalla sospensione delle leggi della fisica dopo aver lasciato il teatro? Questo, mi sembra, è quello che è successo con gli eventi dell’11 settembre 2001. Molte persone sono ancora ingannate dagli effetti speciali. Sono ancora catturati dal film dell’11 settembre.»

E poiché l’unico modo per uscire da tali orrori è mentale, spesso è necessaria una guida saggia. Graeme è quella guida.

Questo libro ti riporterà alla realtà con i suoi capitoli conclusivi in ​​​​cui i notiziari televisivi vengono utilizzati per mostrare come la narrativa ufficiale è stata rapidamente modellata dopo che i primi servizi televisivi hanno mostrato chiaramente che gli edifici sono stati fatti saltare in aria dall’interno. MacQueen ancora [corsivo mio]:

«La nostra conclusione è stata che le affermazioni prive di prove, combinate con la ripetizione e un filodrammatico, erano i principali meccanismi utilizzati. Abbiamo anche scoperto che l’evidente precisione e coordinazione dimostrano l’esistenza di – sì, dobbiamo riconoscerlo – un complotto estremamente ambizioso e dettagliato.»

In conclusione, sarei negligente se non menzionassi come Graeme utilizzi il concetto di immaginazione come sonda per capire come possa essere utilizzato per manipolare le immagini dai propagandisti, in particolare attraverso le immagini in movimento, ma anche come possa essere utilizzato come primo passo per minare quelle narrazioni ufficiali. A questo proposito il suo castigo della sinistra – Noam Chomsky Alexander Cockburn, Chris Hedges, et al. – e media di sinistra per la loro accettazione delle bugie ufficiali dell’assassinio di JFK e dell’11 settembre, è significativo. Queste persone, con il loro sostegno palese o nascosto alla propaganda del governo, sono stati gli ingranaggi chiave del suo successo. Graem scrive :

«In effetti, gran parte della leadership della sinistra occidentale e dei media associati non solo si è fidata dell’FBI ignorando Furtado, Chavez, l’Assemblea nazionale venezuelana e Fidel Castro; inoltre, attraverso il silenzio e il ridicolo, hanno lavorato per impedire una seria discussione pubblica sulla controversia sull’11 settembre.»

Tra i media di sinistra statunitensi che hanno mantenuto il silenzio, parzialmente o totalmente, ci sono:

Rassegna mensile
Sogni comuni
Huffington Post
Counterpunch
La nazione
La vera notizia
Democracy Now!
Z Magazine
The Progressive
Mother Jones
Alternet.org
MoveOn.org

Quindi tutti questi uomini di sinistra, qualunque cosa dicano in loro difesa, hanno una grande responsabilità morale per la cosiddetta Guerra al Terrore, il Patriot Act, l’invasione dell’Iraq, la morte di musulmani, ecc. attacchi dall’interno dell’11 settembre e i successivi attacchi all’antrace. Con uomini di sinistra come questi, il corteggiamento da parte della CIA della “sinistra compatibile” (termine coniato da Cord Meyer della CIA), iniziato negli anni ’50, ha raggiunto il suo massimo successo. La pacificazione della borghesia liberale/di sinistra ha avuto un enorme successo e continua fino ai giorni nostri.

Non c’è bisogno che vi dica di più sul materiale di questo grande libro. Basta leggerlo. In aggiunta al libro fondamentale di Graeme, The 2001 Anthrax Deception, questo lavoro strappa il velo di bugie che è diventato l’ordine normativo per così tanti negli ultimi decenni.

Indipendentemente dal fatto che questo lavoro liberi molti dalle bugie ufficiali o meno, è chiaro che Graeme ha compiuto il suo destino di liberarci tutti, se lo desideriamo.

Non tira pugni e mostra come l’11 settembre 2001 e gli attacchi all’antrace siano un lavoro interno integrato, che serve a rafforzarsi a vicenda. Non puoi chiedere di più a nessuno.

È un esempio di un bellissimo essere umano e uno scrittore di profonda importanza.

Questa raccolta lo conferma.

Edward Curtin
 
 
 

Edward Curtin è uno scrittore indipendente il cui lavoro è apparso ampiamente nel corso di molti anni. Il suo sito web è  edwardcurtin.com  e il suo nuovo libro è  Seeking Truth in a Country of Lies .

Approfondimenti del Blog

 

 

 

 

 

Descrizione

Gli attacchi con lettere all’antrace del 2001 negli Stati Uniti hanno ucciso cinque persone e dozzine di feriti. Sono stati ampiamente attribuiti ai musulmani estremisti e ai loro sostenitori e utilizzati per sostenere le invasioni dell’Afghanistan e dell’Iraq. Sono stati anche utilizzati per giustificare e accelerare l’approvazione dell’USA PATRIOT Act, che è stato presentato al Congresso proprio quando la prima vittima di antrace si è ammalata. Nell’ottobre 2001, una delle ipotesi che ha preso piede è stata quella del Double Perpetrator, l’affermazione che al-Qaeda stesse compiendo gli attentati con l’appoggio dell’Iraq. Sono state avanzate molte prove a sostegno dell’ipotesi del doppio colpevole, ma scienziati indipendenti hanno presto scoperto che le spore di antrace provenivano da un laboratorio domestico negli Stati Uniti al servizio delle comunità militari e di intelligence, non da al-Qaeda o dall’Iraq. gli attacchi e ha iniziato a cercare rumorosamente questo “lupo solitario”. Nel 2008 l’Ufficio di presidenza ha nominato il dottor Bruce Ivins dell’Istituto medico per le malattie infettive dell’esercito americano come il “killer dell’antrace”. Sebbene l’FBI rimanga fedele all’ipotesi Ivins, il caso si è disintegrato negli ultimi tre anni. Attualmente, è giustamente disprezzato non solo dagli scienziati che hanno lavorato con Ivins, ma anche da molti giornalisti e da diversi senatori statunitensi. Ma questo solleva la domanda: se Ivins non ha commesso questo crimine, chi è stato? seguenti punti: (a) Gli attacchi all’antrace sono stati effettuati da un gruppo di autori, non da un “lupo solitario”. Gli attacchi erano, quindi, il risultato di una cospirazione, per definizione un piano di due o più persone, realizzato in segreto e risultante in un atto immorale o illegale. (b) Il gruppo che ha realizzato questo crimine era costituito, in tutto o in parte, di insider all’interno dell’apparato statale degli Stati Uniti. (c) Questi insider erano le stesse persone che pianificarono gli attacchi dell’11 settembre (d) Gli attacchi all’antrace avevano lo scopo di facilitare la presa del potere da parte del ramo esecutivo del governo attraverso l’intimidazione del Congresso e dei civili statunitensi società. Sono stati anche progettati per ottenere l’acquiescenza pubblica e il sostegno alla ridefinizione della politica estera degli Stati Uniti, sostituendo la Guerra Fredda con un nuovo e aggressivo quadro di conflitto globale, la Guerra Globale contro il Terrore.

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Edward Curtin
Carica altro ATTUALITÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«UN ALTRO PSEUDO-DIBATTITO E RITROVO LIMITATO SULL’ASSASSINIO DI JFK MAGICO»

John F. Kennedy fu assassinato il 22 novembre 1963 …