Arriva una nuova previsione sul PIL italiano

IL GOVERNO DEI FAFIUCHÉ DÀ LA COLPA AD HAMAS

PER LA NUOVA FRENATA DEL PIL ITALIANO


Arriva una nuova previsione sul PIL italiano che, secondo il Fondo monetario internazionale, crescerà quest’anno dello 0,7% (cioè piena stagnazione e nessuno sviluppo) e, subito, la banda di Fafiuchè (si riferisce ai bevitori di vino pomeridiano a Roma) al governo scarica la responsabilità su Hamas.(1) Come se quello che sta succedendo nel Vicino Oriente avesse un’influenza sul nulla che è stato predisposto nei mesi precedenti per il rilancio dell’economia italiana.

 

 

 

 

 

 

Prima era colpa di Putin e non del servilismo del governo che, per compiacere RimbanBiden, ha sprecato i soldi dei contribuenti per mantenere la banda del malaffare a Kiev. Ora è colpa di Hamas, ignorando il silenzio del governo di fronte al furto della terra palestinese da parte dei coloni israeliani o i bambini e le donne uccise dai bombardamenti israeliani come “effetti collaterali”. Ma, essendo effetti collaterali, la tenera lady Garbatella non si può commuovere. Mentre speculare sui bambini israeliani assassinati è utile per nascondere l’aumento della povertà delle famiglie italiane.

Ora, però, l’operazione di Hamas può giustificare il fallimento della non politica economica meloniana. “Con tutto ciò che può succedere dopo”. Già, che cosa può succedere per gli inetti ministri economici romani? Assolutamente nulla. Certo, magari aumenterà per qualche giorno il prezzo del petrolio che era calato anche se gli automobilisti italiani non se n’erano accorti. Algeri solidarizza con Hamas ma non chiude i rubinetti del gas. Riad blocca il processo di normalizzazione con Israele ma non per questo rinuncia agli affari con Tel Aviv. E, soprattutto, le Borse sono in rialzo, smentendo i racconti dei ministri economici meloniani.

Nella Striscia di Gaza tra macerie e persone in fuga

Insomma, gli israeliani entreranno a Gaza, un immenso campo di concentramento chiuso dal muro della vergogna, ammazzeranno migliaia di palestinesi, compresi bambini, anziani e donne, e l’Occidente sarà felice per il sangue versato. Fine delle conseguenze immediate con cui nascondere i fallimenti di Giorgetti e Urso.

Quanto alle conseguenze future, la prova di forza occidentale servirà a ribadire il doppiopesismo atlantista. Che può permettere di massacrare decine di migliaia di donne e bambini in Iraq per una guerra scatenata sulla base della menzogna su inesistenti armi chimiche. Ma che non tollera che siano i propri civili ad essere assassinati.

Colin Powell nel 2003 all’ONU Dalla parte sbagliata della storia. Colin Powell e le prove false per giustificare la guerra in Iraq

Forse servirà a mettere nuovi controlli e nuove limitazioni in Europa, visto che la minaccia del Covid non funziona più come terrorismo mediatico. E certamente rafforzerà l’idea del Sud globale che è necessario costruire delle strutture e delle alleanze per difendersi dall’arroganza degli esportatori sani di democrazia.

Usa guerrafondaia

Ma tutto questo rappresenta il futuro. E non basta per creare un alibi agli incapaci dispensatori di mance inutili che rappresentano un costo e non permettono investimenti per la crescita. Loro, i Fafiuchè, però utilizzeranno i morti in Palestina per distrarre l’attenzione degli italiani. I sudditi si erano stancati di Zelensky? Bene, ora tocca ad Hamas come arma di distrazione di massa. Perché loro, gli incapaci di governo, avrebbero anche rilanciato l’economia nazionale, ma poi sono arrivati i terroristi ed il Pil italiano si è fermato.

Andrea Marcigliano
Enrico Toselli

 

 

 

Approfondimenti del Blog

L’orrore di Gaza e l’altra faccia della verità

(1)

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Enrico Toselli
Carica altro ATTUALITÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«RISTRUTTURAZIONE ECOLOGICA DELLE ABITAZIONI? L’ULTIMO CHIODO SULLA BARA DEL CETO MEDIO»

Chi paga? Se lo sono chiesto un po’ tutti, in Italia …