Nel giardino zoologico post umano il nemico pubblico numero uno è la realtà, contro la quale è in atto una guerra spietata: dalle sardine neo-sinistre “caso psichiatrico” di manifestazioni governative contro l’opposizione a Greta.


 

È uno di quei giorni in cui la malinconia ti prende e fino a sera non ti lascia più. La mia fede è troppo scossa ormai, ma prego e penso fra di me, proviamo anche con Dio, non si sa mai. Così cantava Ornella Vanoni nel 1979, con il bel testo di Giorgio Calabrese. Mi sento in catene, carcerato nel mondo Neo, troppo cambiato, troppo nuovo, troppo brutto per viverci. Non c’è alternativa, inutile sognare un’isola di Utopia abitata da esseri umani diversi da quelli che incontro per strada. Uomini, poi… Lupi e sciacalli, volpi e pecore, greggi, da ultimo anche sardine. Un giardino zoologico post umano in cui la realtà è in esilio chissà dove. Dice bene Marcello Veneziani: nell’epoca della neo sinistra post marxista, post tutto, ma sempre progressista, il nemico pubblico numero uno è la realtà, contro la quale è in atto una guerra spietata.

L’“immacolata contraccezione”

Se togliamo gli occhiali rosa e sputiamo le pillole rassicuranti prescritte in dosi omeopatiche dai cantori del migliore dei mondi possibili, l’Unico caleidoscopico, psichedelico, orgiastico, in cammino verso il Meglio, vediamo solo rovine. Macerie fumanti dappertutto; le ridicole sardine neo-sinistre (caso psichiatrico: manifestazioni governative contro l’opposizione) organizzano giornate per l’“immacolata contraccezione”, usando l’immagine della Madonna. Benevento Allah, se li ridurrà al silenzio per blasfemia e manifesta stupidità. La televisione pubblica, intenta ad officiare la messa laica della nuova fede neo progressista, eleva all’altare Nilde Iotti(1), comunista filo sovietica, amante di Togliatti, riciclata come esempio di femminismo, liberazione, democrazia, progresso eccetera eccetera.

Dal film Metropolis un film muto del 1927 diretto da Fritz Lang. Il robot progettato dal professor Rotwang

L’uomo nuovo, Neo, il cui precursore è stato l’uomo moderno, ignorerà completamente le istituzioni e i modi del vecchio. Neo non saprà mai che cosa ha perso e sarà convinto che ogni cambiamento è un profitto netto; sarà un perfetto progressista guidato da una tecnologia di cui egli stesso è l’opera ultima.

Dall’altro lato, pubblicità murali con il faccione di Matteo Salvini e il perentorio slogan “prima gli italiani”, invitano al “no tax day”. Sciagurati, non siete in grado di utilizzare la lingua degli italiani, proprio coloro che, assicurate, vengono “prima”. Siete passati dall’ampolla del dio Po alle stelle e strisce. Irritante ansia di colonizzazione: padroni a casa nostra, masters at our house, oh yes. Voglio tornare bambino, come il tormentone del comico Gabriele Cirilli, fare fagotto e fuggire in un Altrove qualsiasi. Ma non si può, non si deve. Camillo Sbarbaro(2), poeta troppo presto dimenticato, scrisse una lirica, Taci, anima stanca, che torna in mente quando lo scoramento sembra sopraffare il desiderio di combattere. Termina così: perduto ha la voce la sirena del mondo, e il mondo è un grande deserto. Nel deserto io guardo con asciutti occhi me stesso.

Occhi asciutti per non cedere, guardare avanti e, se possibile, lasciare il segno. Dire la propria, sfoderare la spada, sentirsi orgogliosamente l’anello debole di una catena. Osservava Ralph Waldo Emerson(3)che l’anello debole di una catena è in realtà l’anello forte, perché è quello che la spezzerà. Proviamo, allora, a denti stretti, a orientarci nel mondo nuovo, Neo, senza cadere in depressione.         

La percezione di un profondo oscuramento del mondo può essere l’effetto di una vita sfortunata o di malinconia patologica. Di fronte alla prospettiva esistenziale ridotta all’individuo alla ricerca del nuovo, il Neo, l’eziologia del disturbo è il disagio sociale, i sintomi la malattia collettiva che si riflette nella vita. Si tratta di capire se la percezione di un mondo oscuro risponde a uno stato collettivo.  

Lotta contro i cambiamenti climatici

Una delle fascinazioni, costruite oggi a tavolino nelle officine del potere benevolo e soavemente totalitario, ha un nome e un volto, quello dell’adolescente malata Greta; quella ossessionata dal cambiamento climatico!

Qui inizia il problema, perché la percezione negativa non è integrale se non in casi terminali, prossimi alla disperazione e al suicidio. Là fuori c’è ancora un universo di bellezza abbagliante. Basta ascoltare la voce del vento, guardare negli occhi di una persona amata, osservare i giochi visionari dei bambini. Sono spettacoli quotidiani sempre più difficili da contemplare. Respiriamo l’aria putrida del mondo postindustriale e non troviamo uno sguardo pulito in cui cercare accoglienza e comprensione. Ripenso a una riflessione di Nicolàs Gòmez Dàvila(4)“la saggezza di questo secolo si riduce all’osservare il mondo con lo sguardo amaro e sporco di un adolescente depravato”.

La speranza non può essere vincente in queste condizioni, ma sopravvivono oasi di resistenza testarda in cui l’incontro e la comunicazione sono possibili e l’atmosfera si fa respirabile. Sono sempre spazi in rovina, residui, vestigia antiche di un ordine abitabile. Solo a parlarne, si attirano tutti i demoni del Neo mondo. Si trovano negli angoli non sporcati dal respiro torbido del Mercato, hanno resistito chissà come, custoditi da qualche anima buona. Dove le leggi, i burocrati e il mercato si ritirano dopo aver eseguito il loro sporco lavoro, non rimane granché, l’incontro diventa immediatamente una sanguinosa battaglia. Sono gli spazi della vita umana che non hanno conosciuto il trattamento distruttivo della politica o dell’economia e sono stati in grado di preservare la loro architettura tradizionale. Taverne e case di campagna, modesti edifici, chiese in rovina, vestigia, residui delle comunità in cui vissero generazioni di gente nostra di cui rimangono resti in alcuni avatar contemporanei deformati.

Italia selvaggia – val di Fumo

Là fuori c’è ancora un universo di bellezza abbagliante. Basta ascoltare la voce del vento, guardare negli occhi di una persona amata, osservare i giochi visionari dei bambini!

La prossima catastrofe, la crisi e la guerra sono così temibili perché non ci sono più i resti del vecchio campo di battaglia, trasformato in teatro di operazioni, in grandezza economica e tecnica, statistica, spazio per la sperimentazione e lo sterminio. L’uomo nuovo, Neo, il cui precursore è stato l’uomo moderno, ignorerà completamente le istituzioni e i modi del vecchio. Neo non saprà mai che cosa ha perso e sarà convinto che ogni cambiamento è un profitto netto; sarà un perfetto progressista guidato da una tecnologia di cui egli stesso è l’opera ultima. Sarà un uomo libero da ideologie, figlio di questa epoca “senza alternative”, annunciata decenni fa dalla signora Thatcher. Vedremo, infine, che la grande trasformazione non ha avuto nulla di ideologico. Ciò che causò l’esplosione della cellula familiare asfissiante e obsoleta non furono né lobby né dottrine; Erano gli smartphone. Quelle macchine sofisticate e miniaturizzate si infiltrarono progressivamente senza problemi nelle case più chiuse, e tutti potevano sbarazzarsi dei legami della carne e dell’angustia del luogo. Così si esprime in un recente testo Fabrice Hadjadj(5).

Quel progressista assoluto, ignaro del principio di precauzione, convinto che c’è guadagno senza perdita, si condanna a un sofisticato silenzio orientato a inibire qualsiasi aspirazione metafisica. Nel momento in cui lo sfiorerà il bordo ghiacciato della solitudine, troverà il vuoto inconsistente della sua esistenza artificiale. La tecnologia che lo abbrutisce gli consentirà di prolungare le sue giornate, si chinerà sullo schermo come il bimbo chiamava sua madre dalla finestra. Ma la voce che grida è distante e severa, proviene da oltre la superficie elettronica, più reale di un fantasma. Il mondo Neo, l’uomo Neo ha bisogno più del suo antenato di ieri di fascinazioni collettive, eventi, festival dell’oblio mascherate da nobili cause nel territorio del senso smarrito.

Nel giardino zoologico post umano: dalle sardine neo-sinistre, “caso psichiatrico” di manifestazioni governative contro l’opposizione, a Greta l’adolescente malata, ossessionata dal cambiamento climatico!

Una di queste fascinazioni, costruita a tavolino nelle officine del potere benevolo e soavemente totalitario, ha un nome e un volto, quello dell’adolescente malata Greta ossessionata dal cambiamento climatico. Si svolge a Madrid un’eccitata conferenza mondiale sul clima, una di quelle fiere globali delle parole e della demagogia offerta a tonnellate che tanto incantano il Neo umano globale. Servono sogni senza risveglio, tipo la chimera della natura intatta opposta all’orizzonte apocalittico che ci minaccia. È vietato – un segno dei tempi- discutere i dieci comandamenti del clima e dell’ambiente. La voce di Greta risuona nell’affollatissimo deserto. Quello del clima è l’unico cambiamento che dispiace all’uomo Neo, prigioniero dell’idea fissa di muoversi, correre, cambiar pelle.

Il mondo Neo di cui Greta è l’accigliata, vulnerabile profetessa, più che suscitare allarme, genera un insormontabile disprezzo quanto l’evidente propaganda, lo scenario ridicolo e sentimentale che lo circonda. La contraddizione tollerabile ha un limite che è stato superato dai capitani dell’esercito del clima. Predicatori di virtuosa austerità, instancabili viaggiatori preoccupati per la crescita economica, utenti compulsivi delle tecnologie che la loro profezia richiede di abolire, conducenti dei veicoli vietati dalle loro prognosi, vendicatori del colonialismo e del patriarcato in nome di un’era di pienezza consapevole e armonia, di pace beata e salvifica fratellanza (e sorellanza, perbacco!). Un’indigestione di parole, mere parole.

Greta e il Neo mondo concorderanno con i visionari di domani un governo, anzi una governance globale che ci porterà, nonostante l’opposizione di pochi nostalgici, all’ordine di infinite possibilità: senza patria, senza famiglia, senza Dio, senza storia: saremo tutti fratelli e parleremo la neolingua più o meno anglo-americana, mangeremo verdure crude ed insetti, berremo acque cristalline, simbolo di pensieri chiari, puri, trasparenti!

Non vogliono sentir parlare del mondo contadino, della vita circolare legata i ritmi naturali delle epoche oscure pre-tecnologiche, dei costumi tradizionali, del silenzio e della parsimonia di una vita offline. Affermano di lottare per la salvezza del pianeta: una battaglia elegante, igienica e profumata. Molto Neo. Soltanto la loro universale futura umanità realizzerà il sogno di un individuo sano e libero dalle vecchie determinazioni storiche e dal loro carico distruttivo. Senza alcuna identità, il nuovo uomo prenderà ciò che vuole e – sovranamente libero – sarà di qui e di lì, questo o quello, senza l’aggravio di alcuna tradizione, senza la pressione delle forme ancestrali di dominio a definirlo. Greta, simbolo inconsapevole e malato del Neo, ci mostra la strada per l’animale superiore post-umano, come i potenti che la ospitano e fingono di inchinarsi alla sua ossessione di ragazzina affetta da sindrome di Asperger suggeriscono la strada per nazioni trascese nell’Unico finanziario, tecnico e consumistico.

Greta e il Neo mondo concorderanno con i visionari di domani un governo, anzi una governance globale che ci porterà, nonostante l’opposizione di pochi nostalgici, all’ordine di infinite possibilità: senza patria, senza famiglia, senza Dio, senza storia. Senza dominio, dicono senza vergognarsi. Saremo tutti fratelli e parleremo la neolingua più o meno anglo-americana, mangeremo verdure crude ed insetti, berremo acque cristalline, simbolo di pensieri chiari, puri, trasparenti. I reazionari di ieri saranno aboliti per legge, convertiti o rinnegati, dimenticati dal nuovo ordine di salute e armonia. Finalmente avremo raggiunto lo scopo descritto da Mallarmé(6): “puliamo le parole della tribù”. Una volta abolita la tribù, la lingua sarà purificata secondo i principi di una neo-lingua libera da vestigia comunitarie, ancestrali e perverse.

Vivremo, infine, una vita senza contraddizioni, la politica sarà trasformata in etologia superiore, il cibo nell’esercizio della nutrizione consapevole, il sesso in sana espansione ricreativa, l’amore in un atto contrattuale di scambio libero e gratuito. Sarà il giorno della grande equanimità, il tempo senza macchia di grande solidarietà cosmica e non dovremo più occuparci di destra e sinistra, connazionali e stranieri. La repubblica delle repubbliche – tante quanti sono gli individui – sarà la Neo società integrata in una natura verginalmente restaurata.

Da sinistra) Alfred Abel, Brigitte Helm e Rudolf Klein-Rogge, a Metropolis , diretto da Fritz Lang, 1927.

Taci, anima stanca e capisci finalmente che Greta è Gesù Cristo, una salvatrice laica che pronuncia a comando mille discorsi della montagna: cominciamo a pensare che nel mondo Neo, Greta rappresenti il bisogno di Dio fatto carne e televisione!

Nel Regno di Man, il Neo uomo, tutte le tracce della storia, della grammatica binaria e patriarcale, del dominio nelle vecchie forme della comunità e della violenza saranno state cancellate. Saremo individui traslucidi, i parlanti di una lingua esatta, benedetti dall’aria intatta di un paradiso in terra, la nostra ultima e più riuscita impresa. Taci, anima stanca e capisci finalmente che Greta è Gesù Cristo, una salvatrice laica che pronuncia a comando mille discorsi della montagna. Cominciamo a pensare che nel mondo Neo, Greta rappresenti il bisogno di Dio fatto carne e televisione. Non è un fenomeno da interpretare in chiave di agenda politica. Non è la lotta tra chi è incline a controllare le emissioni inquinanti e chi è più sensibile agli interessi produttivi con effetti dannosi sull’ambiente. Sarebbe semplice e prosaico: si tratta di religione e millenarismo.

La questione del clima è in fondo aneddotica, secondaria. Il detonatore avrebbe potuto essere diverso. Ciò che è sostanziale nel fenomeno Greta non è la ragazza o il messaggio ambientalista, ma l’inconscia fame di religione dei credenti inconsapevoli che richiama sulla sua strada in tutto il mondo. Credenti a torto considerati in maggioranza atei o agnostici. Le masse audiovisive che Greta muove, ciò che le galvanizza non è l’angoscia per il deterioramento dell’ambiente ma la nostalgia inconsapevole di Dio. Sentono oscuramente il vuoto lasciato da quel Dio lontano e severo della Bibbia, la cui morte certificò con disperata lucidità Nietzsche(7) alla fine del secolo diciannovesimo, progressivo, scientifico, positivista, adulto.

Greta, simbolo inconsapevole e malato del Neo, ci mostra la strada per l’animale superiore post-umano, come i potenti che la ospitano e fingono di inchinarsi alla sua ossessione di ragazzina affetta da sindrome di Asperger suggeriscono la strada per nazioni trascese nell’Unico finanziario, tecnico e consumistico!

Tra i luoghi comuni che modellano la visione del mondo degli abitanti dell’era contemporanea, il più equivoco è quello della secolarizzazione. In Europa la religione uscì dalla porta nel diciottesimo secolo per rientrare nella finestra poco dopo, coperta da altri mantelli, molto più grossolani e privi del fascino del mistero cristiano. Uno fu il culto della scienza e del progresso. Il comunismo, sebbene i giovani non lo sappiano più, fu lo stesso: una religione secolare chiamata a stabilire il regno di Dio sulla Terra, il Dio della giustizia sociale. Poi il culto della Razza, del Piacere, del Denaro, Mammona negli infiniti travestimenti che celano il ghigno di Mefistofele. Oggi è l’ora del culto neo-pagano e panteista incarnato nell’aspetto allarmato, sinceramente sofferente di una povera ragazza sfruttata da pescecani. Non è altro che il volto, l’ennesimo, dei sostituti, i surrogati che cercano di colmare il vuoto di Dio. Quel vuoto desolato che lo spettatore può vedere ogni sera in ogni canale televisivo, online e ovunque, un ben organizzato saloon con musica e balli, in realtà una bisca per bari intenti ai loro sordidi affari che ridono della solitudine interiore delle loro vittime.

Non è politica, Greta, né ambientalismo. È un Dio minore, un idoletto postmoderno, il Dio Neo apparso in mondovisione di un’umanità orfana. Taci, anima stanca.

 

NOTE

  • (1) Nilde Iotti, all’anagrafe Leonilde Iotti (Reggio nell’Emilia, 10 aprile 1920 – Poli, 4 dicembre 1999), è stata una politica italiana, prima donna nella storia dell’Italia repubblicana a ricoprire una delle tre massime cariche dello Stato, la presidenza della Camera dei deputati, incarico che detenne per tre legislature tra il 1979 e il 1992, che rappresenta il più lungo mandato come presidente della Camera dall’istituzione della Repubblica. Figlia di un ferroviere e sindacalista socialista, Egidio, licenziato a causa del suo impegno politico, visse gli anni dell’adolescenza in un contesto di forti difficoltà economiche. Rimase orfana del padre nel 1934, e poté proseguire gli studi grazie a borse di studio che le permisero di iscriversi all’Università Cattolica di Milano, ove ebbe tra i suoi professori Amintore Fanfani, laureandosi in lettere nel 1942. Dal 5 ottobre 1942 risultò iscritta al Partito Nazionale Fascista presso la Federazione dei Fasci Femminili di Reggio Emilia, poiché era una condizione necessaria per svolgere l’attività di insegnante ed esercitò l’insegnamento in alcune scuole tecniche della sua provincia natale, concludendo la sua esperienza professionale nel 1946.
  • (2) Camillo Sbarbaro (Santa Margherita Ligure, 12 gennaio 1888 – Savona, 30 ottobre 1967) è stato un poeta, scrittore e aforista italiano; con Maria Cengia Sambo, è stato anche il lichenologo italiano di maggior rilievo della prima metà del Novecento. «Padre, se anche tu non fossi il mio/padre, se anche fossi a me un estraneo/per te stesso egualmente t’amerei.» (Camillo Sbarbaro, Pianissimo)
  • “Ora che sei venuta,
  • che con passo di danza sei entrata
  • nella mia vita
  • quasi folata in una stanza chiusa –
  • a festeggiarti, bene tanto atteso,
  • le parole mi mancano e la voce
  • e tacerti vicino già mi basta”. (Sbarbaro, da “Ora che sei venuta” (“Rimanenze”, 1955)
  • (3) Ralph Waldo Emerson (Boston, 25 maggio 1803 – Concord, 27 aprile 1882) è stato un filosofo, scrittore, saggista e poeta statunitense. Il critico letterario Harold Bloom lo considerava «la figura centrale nella cultura americana», e il filosofo di Harvard Stanley Cavell lo ritieneva uno dei filosofi americani più sottovalutati in assoluto.
  • (4) Nicolás Gómez Dávila (Bogotà, 18 maggio 1913 – Bogotà, 17 maggio 1994) è stato uno scrittore, filosofo e aforista colombiano. Scrittore e moralista, portatore di un pensiero reazionario sul piano socio-politico, Gómez Dávila era uno dei massimi critici della modernità. La sua opera, costituita per la maggior parte da aforismi, fu riconosciuta a livello internazionale solo pochi anni prima della morte, in seguito alla pubblicazione in tedesco di alcune sue opere.
  • (5) Fabrice Hadjadj (Nanterre, 1971) è uno scrittore e filosofo francese, di origine ebraico-tunisina, convertitosi al cattolicesimo nel 1998. Figlio di genitori maoisti, attivisti rivoluzionari nel maggio francese, in gioventù Hadjadj è stato ateo e anarchico, e ha mantenuto un approccio nichilistico per più di venti anni. Nel 1998 si è convertito al cattolicesimo di fronte ad una statua della Vergine Maria, nell’église Saint-Séverin, nel Quartiere latino, nel centro storico di Parigi. Battezzato all’abbazia di Solesmes, dal cattolicesimo prendono slancio la sua indagine filosofica e il lavoro letterario.
  • (6) Stéphane Mallarmé (Parigi, 18 marzo 1842 – Valvins, 9 settembre 1898) è stato un poeta, scrittore e drammaturgo francese.
  • «Del sempiterno azzurro la serena ironia
  • Perséguita, indolente e bella come i fiori,
  • Il poeta impotente che maledice il suo genio
  • Attraverso un deserto sterile di Dolori.» (S. Mallarmé, L’Azur)
  • (7) Nietzsche è colui che ha catturato meglio di tutti l’essenza della grecità: la tragedia. La tragedia è quindi al centro del pensiero greco e serve ad indicare che l’uomo è mortale e in nulla è diversificato dagli animali o dalle piante poiché ogni cosa muore. Intorno alla morte di Dio annunciata da Nietzsche, secondo il quale Dio è morto perché oggi gli uomini vivono e si comportano prescindendo dalla sua esistenza, costruendo un mondo che si lascia comprendere anche senza ricorrere all’idea di Dio. Non è stato sempre così. Nel medioevo, per esempio, dove la letteratura parlava di inferno, purgatorio e paradiso, dove l’arte era arte sacra, dove persino la donna era donna-angelo, nulla di quella cultura poteva essere compreso se si prescindeva dall’idea di Dio. Quindi Dio esisteva e faceva mondo. Oggi il nostro mondo può benissimo essere compreso senza ricorrere all’idea di Dio, mentre difficilmente sarebbe leggibile senza l’idea di “mercato” o l’idea di “tecnica”. Oggi quindi Dio è morto. Intorno al suo nome non accade un mondo, perché il mondo che viviamo non ha bisogno dell’idea di Dio per essere compreso. Ma se togliamo le parole “mercato” e “tecnica”, non potremmo comprenderlo.

 

Fonte Wikipedia

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Roberto Pecchioli
  • «IL BUIO A MEZZANOTTE»

    ”L’epidemia è il detonatore di una tempesta perfetta: non abbiamo avuto bisogno del pipist…
  • «A NATALE ANCHE IL COVID DIVENTÒ BUONO»

    ”Tutto era nato quasi per caso da un curioso esperimento clandestino fatto da un ristorato…
  • «IL TEMPO DELLA NOVIDA»

    ”Come definire i giorni che stiamo attraversando sotto l’incubo della pandemia? Il tempo d…
Carica altro Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«IL BUIO A MEZZANOTTE»

”L’epidemia è il detonatore di una tempesta perfetta: non abbiamo avuto bisogno del pipist…