Un cambiamento antropologico radicale, di cui pare l’essere umano non si sia accorto

Un futuro distopico

IL NUOVO MONDO


Il mondo sta cambiando e cambia radicalmente e non è solo la cosiddetta scienza e neanche la tecnologia a cambiarlo perché sta mutando proprio antropologicamente. È stato un cambiamento radicale ma graduale, è cambiato grazie ai condizionamenti indotti dovuti a profondi studi di psicologia e sociologia e modernissime tecniche di condizionamento mediante propaganda e comunicazione e l’estromissione del pensiero alto e profondo, del pensiero filosofico (il pensiero forte per antonomasia). (1)

Un cambiamento antropologico radicale, di cui pare l’essere umano non si sia accorto, ma che genera malessere e disorientamento e il tutto non è casuale; c’è una regia precisa che punta alla completa disumanizzazione attraverso il cambiamento e la confusione dei ruoli, l’abbandono delle leggi naturali e la loro forzatura, come se l’uomo si sentisse dio, la relativizzazione di tutto e la dissacrazione totale della realtà.

Molte delle cose che vediamo oggi e che ci spacciano per modernità e che purtroppo accettiamo tutti come normali sono frutto di una precisa strategia di potere che ci vuole portare ad un futuro aberrante.

Ora racconterò delle cose che ho visto sui giornali di oggi e che, purtroppo, stanno diventando normalità ma che sono in totale antitesi con quanto esisteva 50 anni fa; e, probabilmente, alcune delle mie osservazioni mi esporranno agli attacchi di chi è ormai irrimediabilmente perso in questa falsa illusione di modernità.

Caricature Schlein & Meloni

Vedevo, proprio sui quotidiani odierni, il confronto tra i due personaggi politici emergenti della politica di oggi e sono due donne, la Meloni, presidente del consiglio, e la Schlein, capo dell’opposizione. La cosa in sé non è disdicevole ma è sicuramente in contrasto con una visione naturale ed ordinata della vita e fa il paio con le centinaia di film e telefilm dove l’eroe o il protagonista sono immancabilmente di sesso femminile, con ruolo sicuramente mascolino di duri. È proprio su questa non casuale coincidenza che si può parlare di condizionamento e una regia e questo vale per tutti gli altri esempi che farò.

Infatti, sugli stessi giornali c’è pure un maschio, per di più carabiniere, che si “sposa”, in divisa, con un altro maschio e, non solo pomiciano in prima pagina, ma passano sotto la galleria di sciabole sguainate dei commilitoni del carabiniere.

Nozze gay nel Brindisino, carabiniere sposa il compagno in alta uniforme: picchetto d’onore per la coppia

È la visione plastica dell’inversione dei ruoli cui siamo arrivati e viene tutto prospettato come normalità, anche da istituzioni che un tempo avevano un senso, come l’Arma dei Carabinieri e come la Chiesa cattolica, completamente assente.

Elisabeth Ohlson Wallin avvezza alla blasfemia verso e solo alla religione cristiana

Assente anche rispetto ad altri fatti come l’oscena e blasfema mostra di fotografie fatta al parlamento europeo con a tema il Cristo lgbt… Indegna e volgare esposizione fatta in locali di una pubblica istituzione. Una cosa che da fastidio a me che sono sì battezzato ma sicuramente non osservante. Nessuno ha il diritto di oltraggiare ed offendere le religioni altrui.

Mostra blasfema all’Ue- ecco il Gesù omosex (tra apostoli sadomaso)

Per questa assenza di reazione delle gerarchie ecclesiastiche ci troviamo in una crisi totale di vocazioni, perché i valori religiosi della fede non possono andare appresso ai tempi ed alle mode ma devono restare baluardo dei significati profondi della dottrina.

Potremmo continuare a parlare per ore delle grandi conquiste della modernità anche nelle cose più banali, dalla farina con i grilli alla carne sintetica, dall’assessore femmina che si fa scrivere sulla porta della sua stanza assessora e, per fortuna, ancora nessun maschio ha chiesto di scrivere assessoro. (Devo segnalare che il correttore di Google ha segnalato assessoro come errore mentre non ha segnalato assessora. È anche questo un indice dei tempi e di chi ci sta dietro.)

È un mondo che piace agli sconfitti, ai rassegnati ma il malessere è grande e i segni di risveglio iniziano ad essere importanti. L’essere umano deve tornare in simbiosi con la natura che ci circonda e approfondire la spiritualità propria traendo spunto dai riferimenti interiori e naturali e tutelare la sacralità della vita e di tutto ciò che le è funzionale.

Adriano Tilgher

 

 

Approfondimenti del Blog

«L’INUTILITÀ DELLA FILOSOFIA»

 

10 maggio 2023

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Adriano Tilgher
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«UN MONDO COMODO»

Ce lo prospettano come un mondo comodo …