Gli incendi boschivi, o incendi boschivi, sono un fenomeno perfettamente naturale e una parte vitale dell’ecosistema

IN CHE MODO GLI INCENDI IN CANADA STANNO TRASFORMANDO

IL CAMBIAMENTO CLIMATICO IN UNA “EMERGENZA SANITARIA PUBBLICA”


Gli incendi boschivi annuali hanno colpito e, come al solito, ciò significa allarmismo climatico e tentativi di ostacolare un’agenda di controllo sociale.

Gli incendi canadesi sono su tutti i titoli dei giornali, ma quest’ultima dose di pornografia della paura legata al clima è solo un’altra fase di una campagna di propaganda che mira a “passare dal covid al clima” .

Ora, per prima cosa, discutiamo degli incendi stessi.

Gli incendi boschivi, o incendi boschivi, sono un fenomeno perfettamente naturale e una parte vitale dell’ecosistema, consentendo una nuova ricrescita e immettendo sostanze nutritive nel suolo.

Sono avvenuti per centinaia di milioni di anni prima che esistessero gli esseri umani e continueranno ad accadere molto tempo dopo che avremo percorso la via del Dodo.

Questi incendi attuali sono particolarmente gravi? O particolarmente diffuso?

Non lo sappiamo. Sappiamo, dalla nostra copertura della “crisi” dell’Amazzonia del 2019 , che i media hanno precedentemente fatto affidamento su statistiche manipolate per far sembrare gli incendi peggiori di quanto non fossero .

Sappiamo anche che ci sono sforzi per associare gli incendi boschivi annuali con presunti cambiamenti climatici causati dall’uomo, anche quando è ammesso liberamente che la colpa potrebbe essere di altri fattori .

Sappiamo anche che questa storia non sarebbe sulle prime pagine se non servisse a qualche ordine del giorno. Quindi qual è questo programma? Qual è la storia dietro la storia?

Bene, parte di esso è la narrativa della “qualità dell’aria”.

Ricordi le chiacchiere sui fornelli a gas di qualche mese fa? I Blues volevano bandirli e i Reds no, ma la vera storia dietro quella storia era una spinta propagandistica per regolare la qualità dell’aria interna : ho scritto all’epoca:

Suggerirei che stia arrivando una nuova tecnologia “intelligente” che monitorerà la qualità dell’aria e le emissioni di C02 indoor. Come i contatori intelligenti dell’elettricità e dell’acqua, ma per la tua aria.

Si scopre che avevo ragione… beh, in realtà la tecnologia esisteva già.

 

Monitoraggio della qualità dell’aria Amazon Smart | Conosci la tua aria, funziona con Alexa, dispositivo certificato per gli esseri umani

Lo “Smart Air Monitor” di Amazon è connesso ad Alexa e attiva gli allarmi se la qualità dell’aria è scadente. Ovviamente, hai bisogno di Alexa attivo per usarlo. Ciò significa che devi accettare che Amazon raccolga i tuoi dati e ascolti le tue conversazioni.

In un attimo, l’UE ha lanciato la propria app per il monitoraggio della qualità dell’aria . E, proprio negli ultimi giorni, molte pubblicazioni pubblicano sfacciatamente annunci e “recensioni” per “monitor dell’aria intelligenti” o filtri HEPA .

Ma questo ha probabilmente a che fare con l’opportunismo e l’avidità aziendale come qualsiasi altra cosa.

La vera agenda qui è il cambiamento climatico – non solo la solita diffusione del panico, o anche la costruzione di false prove della sua esistenza – ma il suo rebranding.

Trasformare il cambiamento climatico da un problema ambientale, in un problema di salute pubblica.

Questa non è un’idea nuova, è iniziata quasi non appena è arrivato il Covid  ed è passata alle prime pagine quando abbiamo visto la prima “diagnosi del cambiamento climatico” alla fine del 2021. Ma negli ultimi mesi ha chiaramente guadagnato slancio.

A marzo, il Council on Foreign Relations ha pubblicato un articolo su “Managing the Health Risks of Climate Change” , che si apre con:

Il cambiamento climatico è salito in cima all’agenda sanitaria globale, minacciando gli individui e le popolazioni attraverso molteplici percorsi di esposizione, attraverso uno spettro completo di condizioni di salute fisica e mentale e determinanti sociali della salute.

Ad aprile il Guardian ha pubblicato un articolo d’opinione intitolato:

L’emergenza climatica è la più grande crisi sanitaria del nostro tempo, più grande del Covid

Poi, alla fine di maggio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità – dopo aver appena dichiarato conclusa la “fase di emergenza” del Covid – ha lanciato “un appassionato appello per un’azione urgente per il clima” , con il presidente Tedros Adhanom Ghebreyesus che ha detto [enfasi aggiunta]:

Le ragioni più urgenti per un’azione urgente per il clima sono gli impatti non in futuro, ma in questo momento, sulla salute […] La crisi climatica è una crisi sanitaria, alimenta focolai, contribuisce a tassi più elevati di malattie non trasmissibili e minaccia di sopraffare la nostra salute forza lavoro e infrastrutture sanitarie”.

Proprio la scorsa settimana, la Cairo Review of Global Affairs – una pubblicazione dell’Università americana del Cairo – ha pubblicato un’intervista con Omnia El Omrani, inviata per i giovani della COP27, intitolata semplicemente “Cambiamenti climatici: un’emergenza sanitaria globale  .

L’articolo usa la parola “salute” più di cinquanta volte e sottolinea che dobbiamo “mantenere la salute al centro dei negoziati sui cambiamenti climatici”, afferma che la politica sui cambiamenti climatici non è “[una] risposta a incentivi politici o economici, ma in anticipazione di una crisi sanitaria in evoluzione” e, forse in modo più significativo, traccia un parallelo diretto con Covid:

abbiamo visto con COVID-19, che era un’emergenza sanitaria, i paesi stavano rispondendo e stavano mobilitando risorse e finanziamenti per questo. Il cambiamento climatico deve essere lo stesso. È emergenza sanitaria.

Nel frattempo, e apparentemente per pura coincidenza, la Royal Netherlands Academy of Arts and Sciences (KNAW) ha appena pubblicato un rapporto sull’ “impatto del cambiamento climatico sulla salute, avvertendo delle terribili conseguenze se il mondo non dovesse agire per frenare il riscaldamento globale” :

Se il cambiamento climatico continua a riscaldare la terra senza sosta, miliardi di persone potrebbero sperimentare “stress da calore, malattie infettive, malnutrizione, inondazioni e problemi di salute mentale”.

(So ​​che ti stai stancando di me che dico “te l’avevo detto”, ma in realtà l’anno scorso avevo previsto che tutti i tipi di malattie, dalle malattie trasmesse dall’acqua ai problemi di salute mentale, sarebbero stati riclassificati come “salute legata al clima problemi”.)

Ad accompagnare le dichiarazioni politiche ad ampio spettro c’è la solita spolverata di aneddoti e BS di interesse umano per aggiungere sapore all’insalata di propaganda. Storie come “Il cambiamento climatico sta danneggiando la mia salute mentale” dalla BBC proprio oggi.

… e così torniamo agli incendi in Canada e alla scarsa qualità dell’aria di cui tutti parlano. La stampa ci tiene a sottolineare che gli incendi sono stati causati dal cambiamento climatico , che quindi l’aria cattiva è dovuta al cambiamento climatico , e che l’aria cattiva è un enorme rischio per la salute pubblica .

Ergo, cambiamento climatico = dannoso per la salute pubblica.

Le persone vengono incoraggiate a “mascherarsi” in tutti gli Stati Uniti orientali, ai newyorkesi viene detto di rimanere in casa . Questo è più di un’ulteriore normalizzazione di mascherine e blocchi, è un trucco psicologico che induce le persone ad associare “cambiamento climatico” e “covid” nelle loro menti.

Come ho scritto l’anno scorso:

Il Covid ha funzionato e il clima no. Hanno alimentato la paura pubblica di “una nuova era glaciale”, delle piogge acide e del buco nello strato di ozono e di una miriade di altri disastri climatici presumibilmente incipienti per decenni letterali, e non hanno mai toccato un decimo del livello di isteria creato dal Covid19 “pandemia”. Da qualche parte, qualche dirigente di pubbliche relazioni non particolarmente brillante ha deciso che il modo per spingere il “perno dal Covid al clima” è cercare di trasformare il disastro ambientale a lungo previsto in un problema di salute pubblica.

…ed è quello che stanno facendo. Perché? Perché hanno bisogno del giusto tipo di paura.

Si tratta di prendere la vaga ansia di fondo del cambiamento climatico – che la maggior parte delle persone ha semplicemente iniziato a ignorare – e trasformarla nella paura primordiale per il sé che ha travolto il mondo durante la “pandemia”.

Il tipo di isteria in preda al panico che ha visto le persone spruzzare spray al pepe su estranei e fissare teli di plastica in tutta la casa .

Questo è il tipo di follia di cui avranno bisogno nella popolazione generale se vogliono far passare il Great Green Reset.

Kit Cavalleresco

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Kit Cavalleresco
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«“COLTIVARE LE PROPRIE VERDURE FA MALE AL PIANETA”»

Hai mai fatto una previsione e vorresti averla registrata? …