Dalle piattaforme che sfornano canzoni con due righe di testo a voci artificiali sempre più realistiche

INTELLIGENZA ARTIFICIALE E MUSICA COMMERCIALE


Del Bigtree ha recentemente dedicato un segmento del suo popolare programma, The Highwire, all’avvento dell’intelligenza artificiale nella musica commerciale. Del ha creato una sigla per The Highwire su uno dei tanti siti web di creazione di intelligenza artificiale, quello che ha scelto è Suno.com. Vedi questo segmento  qui . (1)

Allora, cosa ne pensate? Abbastanza impressionante, eh? Sono rimasto piuttosto colpito dalla recente lista di geni dell’intelligenza artificiale: ChatGPT e ora Suno.com. Anch’io sono un compositore, quindi questo genere di cose sarebbe molto angosciante se fossi ancora nel mondo della creazione musicale. Ora non è davvero minaccioso per me, è solo triste. È triste come lo sviluppo umano di un’abilità, che spesso richiede una vita intera, sia ridotto a pochi secondi di calcolo computerizzato. Naturalmente, senza gli anni di produzione umana davanti all’algoritmo informatico, non ci sarebbe nulla di cui rimanere impressionati. Le scimmie vedono le scimmie fanno.

Ma comunque. È un peccato. Ma qual è il fascino dell’arte, e in questo caso della musica pop? Non credo che sia mai esistita una canzone di successo senza un artista popolare dietro di essa. Ricordo quando  ero  nel mondo della musica e sentivo giorno dopo giorno: “Se vuoi avere un disco di successo o una carriera redditizia, devi andare in tournée”. In altre parole, devi essere presente come essere umano per vendere dischi. Nessuno compra un disco solo per la musica. Qualcuno di voi può nominare i veri creatori della musica pop che è entrata nelle classifiche? Gli autori dei tuoi brani preferiti nel corso degli anni? Probabilmente non è così, a meno che l’artista che canta la canzone non l’abbia scritta da solo, il che ovviamente è comune, ma in caso contrario non è tipico che le persone conoscano il vero compositore/cantautore: potrebbe anche essere Suno.com o qualsiasi essere umano, chi se ne frega.

Tuttavia, questo significa che gli artisti famosi andranno ora su Suno.com per farsi cantare e promuovere il loro ultimo successo? Ne dubito. Ma chi sa cosa ci aspetta? Finché gli esseri umani saranno tali, penso ancora che le persone avranno bisogno di dare un volto alle loro canzoni preferite, un volto umano, non quello del computer.

Tuttavia, la frase chiave qui è “finché gli esseri umani sono umani”. Se gli esseri umani rimangano umani è discutibile. Forse saranno i cyborg del futuro a scegliere le loro canzoni da ascoltare, preferibilmente create dal loro cugino high-tech Suno in un futuro non troppo lontano.

Chi lo sa . . .

Penso che, per quanto riguarda la minaccia per la musica popolare, la creazione di brani pop tramite intelligenza artificiale probabilmente svanirà proprio come fa una moda passeggera. L’industria discografica sta già soffrendo il dilemma “transumano” con altre tecnologie di produzione musicale che disumanizzano il processo. Per quanto riguarda la musica commerciale, tutto questo potrebbe essere solo un altro chiodo nella bara, quindi potrei condividere la preoccupazione di Del. E, naturalmente, una volta che le persone perderanno interesse per gli altri esseri umani che fanno cose creative, il giorno in cui la musica morirà potrebbe essere proprio dietro l’angolo. La morte della musica (e la morte dell’arte umana in generale) avverrà per molte ragioni, non ultima la scomparsa degli esseri umani, a cui non frega nemmeno di chi o cosa crea.

In realtà, questo è il vero problema. Insieme a questa mania dell’intelligenza artificiale arrivano un gruppo di esseri umani che sono stati desensibilizzati su cosa sia l’arte. La musica che Del ha fornito come campione era totalmente priva di anima o di evidente integrazione umana. Non dubito che la maggior parte delle persone non noterebbe nemmeno questo deficit. Del no (beh, forse solo un po’). Questo è stato spesso il caso della musica commerciale, anche quando la producevano gli esseri umani, ed era anche ben accetta (mancanza di anima). La musica commerciale, creata per scopi commerciali, non ha realmente bisogno di un volto umano. Ha una funzione utilitaristica, e finché svolge quella funzione, allora a chi importa? A meno che, naturalmente, non sia completamente sintetico, senza alcun essere umano dietro, forse non sarà disfunzionale a livello subliminale. C’è sempre qualcosa in cui sperare: che gli esseri umani notino a livello subliminale la mancanza di anima.

Ciò che oggi generalmente consideriamo “vera arte” probabilmente non sarà così influenzata da tutta questa follia dell’intelligenza artificiale. Almeno non nella misura in cui Del è preoccupato. Ha ragione riguardo ai posti di lavoro persi per quanto riguarda gli artisti commerciali. Non solo nella musica, ma ovunque si crei un prodotto che fino ad oggi richiedeva l’intervento dell’uomo. Cita anche avvocati, scrittori di ogni tipo e altri professionisti che potrebbero soccombere per primi a questa sostituzione dell’“intelligenza artificiale”. È la rivoluzione intellettuale rispetto alla rivoluzione industriale.

Una volta ho condotto un seminario sul tema: “La musica da film è arte commerciale e non vera arte?” Questo accadeva a metà degli anni ’80. La mia tesi era che la musica da film fosse in realtà uno sforzo collaborativo, non solo guidato dal mezzo visivo con cui il compositore non aveva nulla a che fare, ma anche influenzato creativamente da altri artisti del mezzo, come il regista del film. È anche fortemente influenzato (molto ai miei tempi come compositore cinematografico) da non artisti come produttori, contabili e le loro famiglie. Come potrebbe allora essere vera arte? (A proposito, credo che sia vera arte.)

Quando ci addentriamo in attività ancora più commerciali, come le sigle e gli spot di Fried Chicken, l’“artista” si allontana ancora di più dall’efficacia del prodotto finale. Naturalmente, alle persone piace lavorare con le persone più che lavorare con le macchine, ma questo svanirà presto, proprio come ogni altra situazione simile in cui in passato esseri umani e umani lavoravano insieme per creare qualcosa. Via col vento.

Per quanto riguarda la “vera arte”. Ebbene, neanche questi uomini e donne sono completamente protetti. Non tanto perché le persone sarebbero altrettanto felici di andare al MOMA di New York per osservare l’arte generata dal computer (certamente come una novità che è già accaduta), ma perché la “vera arte” semplicemente non sarà attraente per gli zombi non umani. che è la direzione verso cui è diretta l’umanità. Fino ad allora, tuttavia, l’intelligenza artificiale di Suno potrebbe non influenzare Taylor Swift o Beyonce ancora per un po’ di tempo (anche se è discutibile se uno di questi artisti, o la loro musica, sia umana).

Ascoltando attentamente la sigla generata dall’intelligenza artificiale di Del, è piuttosto facile capire che è un po’ fuori dal comune, il testo in particolare. Anche lo stile musicale che ha scelto (penso che sia semplicemente uno stile rock classico) è piuttosto facile da ricreare. Considerando che quasi due decenni di musica pop degli anni ’50 e ’60 si limitavano a poche facili progressioni di accordi. La maggior parte delle canzoni sono piuttosto stereotipate nella costruzione di strofe, ritornelli e ponti. I ritmi della batteria sono simili, anche i riff e i riempimenti della strumentazione sono molto stereotipati.

La musica commerciale non è difficile da emulare (falsificare) meccanicamente (la grande arte commerciale è determinata da quanto bene vende o si adatta al prodotto per cui è stata progettata, il che secondo me richiede anche grande talento e capacità umana). Prima un compositore impiegava molto tempo per mettere insieme tutti questi elementi. E ai vecchi tempi il creatore di tale musica faceva affidamento anche su molti altri artisti per produrre la musica, come batteristi, chitarristi e bassisti, per non parlare dei cantanti. Non fraintendetemi, la musica pop può essere arte (così può esserlo anche la musica commerciale, semplicemente non è necessario che lo sia, per avere successo, almeno non consapevolmente). E i compositori e gli artisti pop/rock possono essere artisti. Il fatto è che i blocchi per la costruzione della musica possono essere assemblati senza che sia necessaria molta abilità artistica.

Questo è vero per qualsiasi arte, in realtà. Ciò che la persona comune ormai definisce “arte” può essere facilmente emulabile. La vera arte non può. Anche la musica pop è considerata da molti semplicemente commerciale. Mi viene in mente una famosa citazione dell’eminente compositore e direttore d’orchestra Pierre Boulez. È stato citato una volta (dal suo biografo, Joan Peyser) paragonando un “grande successo” sentito alla radio come “merda di massa”.

Ancora una volta, sono più preoccupato che l’agenda creerà, attraverso il transumanesimo, una sottospecie di esseri privi di qualsiasi qualità dell’anima, rendendo così la musica “non umana” perfettamente adatta all’uso in applicazioni commerciali. Naturalmente, è logico che il progetto finale di disumanizzazione creerà esseri umani incapaci di connettersi a qualsiasi tipo di arte, indipendentemente dal suo creatore. Ma questo è uno sviluppo finale. Forse abbiamo qualche anno prima che l’obiettivo finale venga raggiunto: qualche anno in cui a noi zombi resterà ancora un piccolo frammento di umanità, quanto basta per goderci un ritmo e una melodia decente. Quando smettiamo di ballare, possiamo dire che finalmente siamo riusciti a raggiungere l’oblio.

Todd Hayen

 

 

 

 

Approfondimenti del Blog

Come l’intelligenza artificiale sta cambiando la musica

(1)

 

 

 

 

 

 

 

 

Todd Hayen PhD è uno psicoterapeuta registrato che esercita a Toronto, Ontario, Canada. Ha conseguito un dottorato di ricerca in psicoterapia del profondo e un master in studi sulla coscienza. È specializzato in psicologia junghiana, archetipica. Todd scrive anche per il suo substack, che puoi leggere qui

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Todd Hayen
Carica altro SCIENZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«GUARDANDO AVANTI AL FUTURO»

Penso che la natura “estrema” dell’incidente Covid abbia svegliato molte persone (me di si…