Quali azioni sta preparando l’Occidente per Mosca e con quale politica possiamo opporci?

Vladimir Putin Nikolai Patrushev

INTERVISTA A NIKOLAI PATRUSHEV, POTENZIALE SUCCESSORE DI VLADIMIR PUTIN


Quali azioni sta preparando l’Occidente per Mosca e con quale politica possiamo opporci? Nikolai Patrushev, ex direttore dell’FSB e attuale segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, ne ha parlato a Vitaly Tseplyaev all’inizio di gennaio 2023.

Vitaly Tseplyaev: Nikolai Platonovich, come valuta la situazione nel mondo che si è sviluppata all’inizio del nuovo anno?

Nikolai Patrushev : La situazione nel mondo è estremamente complessa e ha un carattere turbolento. Molti paesi in diverse regioni stanno attraversando contemporaneamente una crisi politico-militare, economica, sociale e spirituale. Speriamo che quest’anno ci siano cambiamenti positivi.

VT : Una volta hai detto che i leader dei paesi occidentali non stavano facendo nulla per migliorare la situazione, non solo nel mondo, ma anche nel loro stesso paese. Spiega cosa c’è in gioco.

NP : I politici occidentali non hanno la forza e la capacità di cambiare in meglio la vita dei loro stati, perché non sono più personalità indipendenti. Tutti hanno alle spalle legami con grandi imprese, lobbisti e fondazioni. Non nascondono nemmeno questi fatti. Ci sono esempi molto recenti. Si è scoperto che decine di eurodeputati erano controllati dalle strutture di George Soros e che la Commissione europea, su richiesta di una delle più grandi aziende farmaceutiche americane al mondo, ha creato una serie di schemi di corruzione per l’acquisto di vaccini del valore di decine di miliardi di euro. È chiaro che il vero potere in Occidente è nelle mani di clan intraprendenti e multinazionali.
VT : Rockefeller e Rothschild?
NP : In realtà, ci sono molte altre corporazioni e clan simili. Pertanto, il fatturato totale delle 500 più grandi aziende del mondo, secondo dati non ufficiali, ha raggiunto quasi 38 trilioni di dollari nel 2021. La maggior parte delle multinazionali sono società con sede negli Stati Uniti. Le loro entrate hanno portato a circa $ 16 trilioni con un utile netto di $ 1,8 trilioni.

Il capitale di un certo numero di società multinazionali supera il PIL della maggior parte delle economie mondiali e i fondi da esse creati per un ulteriore arricchimento affermano di essere un meccanismo sovranazionale per la gestione dell’umanità. La stessa Fondazione Soros è diventata quasi il principale centro mondiale per la pianificazione e l’attuazione di “rivoluzioni colorate”.

La proposta di bilancio degli Stati Uniti per il 2023 è la migliore prova dei piani di Washington di iniziare nuove guerre a scapito del benessere dei propri cittadini.

VT : Vuoi dire che anche le autorità americane non svolgono una politica indipendente?

NP : In effetti, lo stato americano è solo un guscio per un agglomerato di enormi società (corporation) che gestiscono il paese e cercano di dominare il mondo. Per le multinazionali anche i presidenti americani sono solo comparse che possono essere messe a tacere, come Trump. I quattro omicidi di leader statunitensi sono collegati al percorso delle grandi corporation. Non è un caso che un numero crescente di analisti americani affermino che repubblicani e democratici sono solo due attori di una commedia che non ha nulla a che fare con la democrazia.

Le autorità statunitensi, fuse con le grandi imprese, servono gli interessi delle multinazionali, compreso il complesso militare-industriale. Anche la politica estera assertiva della Casa Bianca, l’aggressività sfrenata della NATO, l’emergere del blocco militare AUKUS e altri sono una conseguenza dell’influenza delle multinazionali.

La proposta di bilancio degli Stati Uniti per il 2023 è la migliore prova dei piani di Washington di iniziare nuove guerre a scapito del benessere dei propri cittadini. Dei $ 1,7 trilioni di spesa pianificati dal governo federale, la metà è per la difesa, ovvero più di $ 850 miliardi. Solo per il proseguimento delle ostilità in Ucraina e il prolungamento del conflitto si prevede di stanziare 45 miliardi.

Questo nonostante il fatto che gli stessi Stati Uniti e i suoi scagnozzi stiano scivolando senza speranza in un buco del debito. Il debito pubblico degli Stati Uniti ha superato i trentuno trilioni di dollari. Il debito dell’Inghilterra di 2,4 trilioni di sterline è il più alto dalla seconda guerra mondiale, superando il 101% del prodotto interno lordo. Il record mondiale del rapporto debito/PIL – più di 2,6 volte – è stato stabilito dal Giappone con un debito pubblico di quasi dieci trilioni di dollari. Solo i paesi che si considerano padroni del mondo non ripagheranno questi debiti.

In precedenza, l’Occidente aveva raggiunto la prosperità e il dominio del mondo attraverso le conquiste coloniali. Questo è esattamente il modo in cui si comportano oggi le multinazionali, che preferiscono aumentare il proprio capitale pompando risorse da altri paesi. Allo stesso tempo, stanno usando il loro sistema di lavaggio del cervello delle masse per imporre in ogni modo possibile alla popolazione del pianeta l’idea di certe regole che loro stessi hanno inventato e che non rispettano la legge internazionale.

VT : Quindi, pensi davvero che quando operano in vari paesi del mondo, le multinazionali influenzino seriamente i processi politici e socio-economici locali?

P.N .: Esattamente. Da un lato, introducono nuove tecnologie attraverso investimenti diretti esteri e aumentano la produttività del lavoro. Solo la popolazione non può trarre profitto da questi risultati, poiché le aziende spiazzano permanentemente il produttore locale, diventando monopoli. Esportando la maggior parte dei profitti, privano i paesi della possibilità di aumentare il proprio benessere nazionale.

Per risolvere questo problema, la regolamentazione legale nazionale non è sufficiente. L’attuale regolamentazione giuridica internazionale delle attività economiche delle multinazionali si forma nell’interesse delle stesse corporazioni e con la loro diretta partecipazione. La sua svolta a favore degli interessi nazionali dei paesi è silurata.

Nelle condizioni di cambiamenti cardinali nel mondo, l’obiettivo delle aziende è preservare il sistema operativo globale. Questo sistema è gestito da un’élite di uomini d’affari che non si associano a nessuno stato. Di seguito sono riportati i cosiddetti paesi sviluppati del mondo, nonché il “miliardo d’oro”. E poi – il resto dell’umanità, chiamato con disprezzo “Terzo Mondo”.

VT : Secondo questa logica, a quanto pare, la Russia in questa gerarchia non è il posto più invidiabile.

NP : Non c’è posto per il nostro paese in Occidente. La Russia infastidisce un gruppo di leader mondiali perché ha ricche risorse, un vasto territorio, persone intelligenti e autosufficienti che amano il proprio paese, le sue tradizioni e la sua storia.

Le multinazionali sono turbate dalla visione del mondo e dalla divergenza ideologica tra la Russia e i paesi controllati dal capitale occidentale. Le aziende mirano ad arricchire e sviluppare la società dei consumi. La Russia, invece, mantiene un ragionevole equilibrio tra valori spirituali e morali e sviluppo socio-economico.

A questo proposito, l’Occidente cerca di indebolire il nostro Paese, di smembrarlo, di distruggere la lingua russa e il mondo russo. Hanno da tempo sviluppato la tecnologia per minare i loro rivali dall’interno e dividerli in stati più piccoli. È così che hanno agito prima, quando, ad esempio, Londra, a seguito dei risultati della prima guerra mondiale, ha fatto crollare gli imperi e ne ha eliminato dozzine di paesi. Ecco come funzionano oggi. Un ottimo esempio è la Jugoslavia. Avendo una voce indipendente sulla scena internazionale, lo stato è diviso in sei.

VT : Alla fine di dicembre è stato celebrato il 100° anniversario della formazione dell’URSS. Come pensi che il crollo dell’Unione nel 1991 abbia influenzato le politiche degli Stati Uniti e dei suoi alleati?

PN: nell’area dell’ex Unione sono emersi 15 nuovi soggetti di diritto internazionale. Certo, nessuno di loro può essere paragonato all’URSS in termini di livello di influenza, ad eccezione della Federazione Russa, che, avendo conservato per secoli la meritata autorità internazionale, è membro permanente del Consiglio di sicurezza dell’ONU, gioca un ruolo cruciale nel mondo, la difesa degli interessi nazionali. Pertanto, nei piani degli occidentali, resta da continuare a separare la Russia e, alla fine, cancellarla semplicemente dalla mappa politica del mondo.
Ancora oggi gridano pubblicamente che la Russia non deve rimanere unita, che deve essere respinta nel quadro della Moscovia del XV secolo. Per fare questo, non disdegnano nulla, compreso inventare una storia completamente falsa del nostro paese.

L’intera storia con l’Ucraina è iniziata a Washington per sviluppare le tecnologie per delimitare e giocare con un solo popolo. A milioni di persone è proibito parlare russo, la loro lingua madre fin dalla nascita, sono costretti a dimenticare le proprie origini. L’Occidente, in nome delle sue ambizioni, sta praticamente distruggendo il popolo ucraino, costringendo la generazione lavoratrice a morire sul campo di battaglia e portando il resto della popolazione alla povertà.

Non siamo in guerra con l’Ucraina perché, per definizione, non possiamo provare odio per gli ucraini ordinari. Le tradizioni ucraine sono vicine al popolo russo, così come l’eredità del popolo russo è inseparabile dalla cultura degli ucraini.

Gli eventi in Ucraina non sono uno scontro tra Mosca e Kiev, è uno scontro militare tra la NATO, e in particolare Stati Uniti e Inghilterra, con la Russia. Temendo il contatto diretto, gli istruttori della NATO conducono gli ucraini a morte certa. Con l’aiuto di un’operazione militare speciale, la Russia libera le sue regioni dall’occupazione e deve porre fine al sanguinoso esperimento dell’Occidente volto a distruggere il fraterno popolo ucraino.

VT : Ma nel mondo, al contrario, la Russia è accusata di impadronirsi del territorio dell’Ucraina, di attacchi contro le sue infrastrutture…

NP : Non siamo in guerra con l’Ucraina, perché per definizione non possiamo nutrire odio verso i comuni ucraini. Le tradizioni ucraine sono vicine al popolo russo, così come l’eredità del popolo russo è inseparabile dalla cultura degli ucraini. Si noti che in Crimea la lingua ucraina è conservata come una delle lingue di stato. Centri culturali ucraini, gruppi di canto e danza ucraini continuano a funzionare in molte città. Nell’Estremo Oriente meridionale, data l’elevata percentuale di migranti dell’era Stolypin, un numero significativo di locali considera la cultura originaria del popolo ucraino.

E prima i cittadini ucraini si renderanno conto che l’Occidente sta combattendo contro la Russia con le loro mani, più vite saranno salvate. Molti lo hanno capito da tempo, ma hanno paura di dirlo, temendo rappresaglie. L’Occidente non ha intenzione di salvare la vita di nessuno a scapito dell’arricchimento e di altre ambizioni. Allo stesso tempo, americani, britannici e altri europei spesso creano l’illusione di proteggere la civiltà dalla barbarie.

VT : Si riferisce agli eventi in Afghanistan, dove gli Stati Uniti hanno dichiarato guerra al terrorismo e poi se ne sono andati piuttosto ignominiosamente?

NP : Non solo in Afghanistan, ma anche in altre regioni. Loro stessi hanno creato organizzazioni terroristiche, come Al-Qaeda, il movimento talebano o l’ISIS, per raggiungere i loro obiettivi e li hanno combattuti loro stessi. Mentre organizzavano una manifestazione per liquidare leader terroristi, come Osama bin Laden, un centinaio di nuovi terroristi sono stati addestrati e armati da istruttori statunitensi..

La presenza americana in Afghanistan si è rivelata non essere la lotta al terrorismo, ma la creazione di programmi di corruzione multimilionari e un aumento multiplo della produzione di droga. Si è scoperto che l’improvvisa partenza degli americani da questo paese era in gran parte dovuta alla loro attenzione per l’Ucraina, dove, secondo loro, la preparazione del regime fantoccio di Kiev per azioni offensive anti-russe stava andando bene. Per inciso, ciò è stato confermato anche dal Segretario di Stato americano Blinken, il quale ha affermato che se l’esercito americano non avesse lasciato l’Afghanistan, Washington non sarebbe stata in grado di stanziare così tanti soldi per l’Ucraina. Inoltre parte del materiale esportato dal suolo afghano è stato trasferito in Europa, principalmente in Polonia,

VT : Il 24 febbraio dello scorso anno, la Russia ha definito gli obiettivi dell ‘”operazione speciale” la “smilitarizzazione” e la “denazificazione” dell’Ucraina. Sei ancora convinto che questi obiettivi saranno raggiunti?

NP : I criminali neonazisti che si sono scatenati in Ucraina negli ultimi anni saranno inevitabilmente puniti. Tuttavia, è possibile che i loro curatori cerchino di salvare i più odiosi con l’obiettivo di utilizzarli in altri paesi, anche per inscenare colpi di stato e svolgere compiti di sabotaggio.

Tale schema è stato sviluppato durante la sconfitta della Germania nazista. Dopo il 1945, le autorità americane, britanniche e della Germania occidentale da loro controllate denunciarono la denazificazione della loro zona di occupazione della Germania, mentre i nazisti salvati dalla punizione furono usati per creare le forze armate della RFG, nonché la rete di agenti di americani e Servizi segreti britannici, anche per operazioni segrete contro i paesi del campo socialista.

La CIA, che fino al 1948 si chiamava Direzione dei servizi strategici degli Stati Uniti, utilizzò attivamente ex dipendenti dell’Abwehr e della Direzione della sicurezza del Reich nazista imperiale per creare nuovi servizi di intelligence tedeschi.

Negli anni del dopoguerra, gli americani hanno coinvolto attivamente i criminali nazisti nello sviluppo di nuovi tipi di armi, comprese le armi di distruzione di massa e i loro mezzi di consegna. Lo stesso vale per l’uso da parte di criminali di guerra americani e giapponesi che hanno sviluppato e utilizzato armi chimiche e batteriologiche.

VT : Torniamo al tema dell’influenza delle multinazionali sulla politica dei diversi paesi. Dici che è virtualmente illimitato. E quali metodi pensi che le multinazionali abbiano nel loro arsenale?

PN: Questi metodi sono i più cinici. Alcuni di questi sono esperimenti con agenti patogeni e virus pericolosi nei laboratori biologici militari supervisionati dal Pentagono. Senza tante cerimonie impegnato nel decadimento morale e psicologico della società. L’Occidente ha dominato la zombificazione delle persone con l’aiuto della propaganda di massa, e ora cerca di usare armi cognitive, influenzando ogni persona su base ad hoc usando la tecnologia dell’informazione e metodi neuropsicologici. Promuove i valori neoliberisti e di altro tipo, alcuni dei quali sono intrinsecamente direttamente opposti alla natura umana. Agiscono consapevolmente e chi li circonda non nasconde che l’agenda LGBT è uno strumento per ridurre gradualmente il numero di “persone in più” che non rientrano nel famoso “miliardo d’oro”. Ieri hanno pubblicizzato gli OGM, incuranti delle conseguenze sulla salute di tali prodotti, e oggi esortano le donne a non avere figli per combattere il cambiamento climatico. La scienza d’oltremare propone di valutare le persone in base alla quantità di carbonio che si lasciano alle spalle. L’umanità viene misurata e contata più o meno allo stesso modo in cui gli scienziati nazisti una volta misuravano i crani alla ricerca di criteri per dividere “razze superiori” e “razze inferiori”.

Il G7 del ‘Miliardo d’Oro’ non può competere con i Grandi Otto del ‘Sud del mondo

VT : Dipingi un quadro piuttosto cupo. Come se la fine dell’umanità non fosse lontana…

PN: Il potenziale dell’umanità è lungi dall’essere esaurito. Esistono strutture progettate per influenzare positivamente questa situazione. Queste sono le Nazioni Unite e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Associazioni come SCO, BRICS, ASEAN e altre sono sempre più popolari. Tuttavia, l’Occidente non è interessato all’efficacia del loro lavoro. Gli anglosassoni stanno cercando ossessivamente di spingere la comunità globale a pensare che queste istituzioni siano generalmente sopravvissute alla loro utilità, ma dobbiamo vivere secondo le regole che hanno inventato. Coloro che non sono d’accordo con la loro egemonia sono etichettati come “stati canaglia”, “paesi terroristi” o stati che rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale. Allo stesso tempo, i paesi occidentali non si rendono conto che essi stessi stanno gradualmente rimanendo in minoranza, di fronte ai cabiamenti nello scenario internazionale.

VT : In che modo i leader russi costruiranno la loro strategia tenendo conto delle questioni di cui sopra?

NP : Il nostro paese è sulla buona strada per creare un’economia forte, moderna e indipendente per raggiungere la sovranità economica. La Russia ha tutte le risorse per questo. Abbiamo bisogno di una cultura del loro uso, di un atteggiamento attento e attento nei confronti dei nostri tesori – non solo naturali, ma anche immateriali. Le aziende russe dovrebbero essere orientate al paese. Il capitale privato, così come le autorità, devono pensare allo sviluppo a lungo termine del Paese.

L’indipendenza finanziaria è importante per la Russia, così come la sovranità tecnologica. Abbiamo molti dei nostri Lomonosov e Kulibin. Il problema è notarli in tempo. Non dobbiamo solo sviluppare la scienza e l’istruzione, ma riaccendere il vero culto dello scienziato, dell’ingegnere, dell’operaio. Le giovani generazioni dovrebbero essere ispirate dalle idee del lavoro creativo a beneficio della nostra patria e non sedersi negli uffici delle aziende occidentali.

La forza invincibile della Russia risiede nel suo popolo laborioso, il cui vantaggio risiede, tra l’altro, nelle diverse visioni della vita, nella sua multinazionalità e multiconfessionalità. È importante capire che abbiamo una cultura unica e originale, che la Russia non è l’Europa, non l’Asia, e ancor meno “anti-occidentale”. Questa è la nostra differenza fondamentale. Per un russo l’odio, per definizione, non può essere un principio unificante. Solo gli occidentali sono pieni di odio, che ci chiamano apertamente oppositori. Ma bisogna ricordare loro le loro infruttuose operazioni militari in Vietnam, Afghanistan e altri paesi… Ma di fronte all’emergere di nuove minacce militari…….

Traduzione: Luciano Lago

 

fonte: 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Luciano Lago
Carica altro ATTUALITÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«I CABLOGRAMMI DI WIKILEAKS RIVELANO CHE LA NATO INTENDE ATTRAVERSARE TUTTE LE LINEE ROSSE RUSSE»

Per circa tre decenni, le amministrazioni statunitensi consecutive sono state esplicitamen…