Viviamo in due mondi. C’è il mondo che vediamo e poi c’è quello che percepiamo

They Liv Politician

JOHN CARPENTER, MOSTRI AUTORITARI E

DITTATURA SOTTO MENTITE SPOGLIE

Loro vivono

«“Li vedi per strada. Li guardi in TV. Potresti anche votarne uno questo autunno. Pensi che siano persone proprio come te. Hai torto.  Sbagliato.»


Viviamo in due mondi. C’è il mondo che vediamo (o siamo fatti per vedere) e poi c’è quello che percepiamo (e che occasionalmente intravediamo), l’ultimo dei quali è ben lontano dalla realtà guidata dalla propaganda prodotta dal governo e dai suoi sponsor aziendali, compresi i media.

In effetti, ciò che la maggior parte degli americani percepisce come la vita in America – privilegiata, progressista e libera – è molto lontana dalla realtà, dove la disuguaglianza economica sta crescendo, i veri programmi e il potere reale sono sepolti sotto strati di linguaggio ambiguo orwelliano e offuscamento delle aziende, e “libertà,” tale com’è, viene somministrato in piccole dosi legalistiche da polizia militarizzata e agenti federali armati fino ai denti.

Non tutto è come sembra.

Mostri dal volto umano camminano in mezzo a noi. Molti di loro lavorano per il governo degli Stati Uniti.

Questa è la premessa del  film di John Carpenter  The Live , uscito nel novembre 1988 e che rimane inquietante e agghiacciante appropriato per la nostra epoca moderna.

Meglio conosciuto per il suo film horror Halloween , che presume che esista una forma di male così oscura da non poter essere uccisa, il più ampio corpus di opere di Carpenter è intriso di una forte inclinazione antiautoritaria, anti-establishment e laconica che parla a le preoccupazioni del regista per il disfacimento della nostra società, in particolare del nostro governo.

Più e più volte, John Carpenter ritrae il governo che lavora contro i propri cittadini,  una popolazione fuori dal contatto con la realtà , la tecnologia impazzita e un futuro più orribile di qualsiasi film dell’orrore.

In Fuga da New York , Carpenter presenta il fascismo come il futuro dell’America.

In The Thing, remake dell’omonimo classico di fantascienza del 1951, Carpenter presuppone che stiamo diventando sempre più disumanizzati.

In Christine , l’adattamento cinematografico del romanzo di Stephen King su un’auto indemoniata, la tecnologia mostra una volontà e una coscienza proprie e va su tutte le furie omicida.

In  In the Mouth of Madness , Carpenter osserva che il male cresce quando le persone perdono “la capacità di conoscere la differenza tra realtà e fantasia”.

John Carpenter vorrebbe fare un nuovo film con Kurt Russell

E poi c’è They Live di Carpenter , in cui due lavoratori migranti scoprono che il mondo non è come sembra. In effetti, la popolazione è in realtà controllata e sfruttata da alieni che lavorano in collaborazione con un’élite oligarchica. Per tutto il tempo, la popolazione, beatamente inconsapevole della vera agenda al lavoro nelle loro vite, è stata cullata nell’autocompiacimento, indottrinata all’obbedienza, bombardata da distrazioni dei media e ipnotizzata da messaggi subliminali trasmessi dalla televisione e da vari dispositivi elettronici, cartelloni pubblicitari e simili.

È solo quando il vagabondo senzatetto John Nada (interpretato fino in fondo dal  compianto Roddy Piper ) scopre un paio di occhiali da sole ritoccati – lenti Hoffman – che Nada vede cosa si nasconde dietro la realtà inventata dell’élite: controllo e schiavitù.

Se vista attraverso la lente della verità, l’élite, che appare umana fino a quando non viene spogliata dei suoi travestimenti, si mostra come mostri che hanno ridotto in schiavitù i cittadini per depredarli.

Allo stesso modo,  i cartelloni pubblicitari esprimono messaggi nascosti e autorevoli : una donna in bikini in un annuncio sta effettivamente ordinando agli spettatori di “SPOSARSI E RIPRODURSI”. I portariviste urlano “CONSUME” e “OBEY”. Un mazzo di banconote da un dollaro nella mano di un venditore proclama: “QUESTO È IL TUO DIO”.

Se visti attraverso le lenti Hoffman di Nada, alcuni degli altri messaggi nascosti che vengono immessi nel subconscio delle persone includono: NESSUN PENSIERO INDIPENDENTE, CONFORME, INVIA, RIMANI A SONNO, ACQUISTA, GUARDA LA TV, NESSUNA IMMAGINAZIONE e NON FARE DOMANDA ALL’AUTORITÀ.

Questa campagna di indottrinamento ideata dall’élite in They Live  è dolorosamente familiare a chiunque abbia studiato il declino della cultura americana.

Una cittadinanza che non pensa da sola, obbedisce senza fare domande, è sottomessa, non sfida l’autorità, non pensa fuori dagli schemi e si accontenta di sedersi e divertirsi è una cittadinanza che può essere facilmente controllata.

In questo modo, il sottile messaggio di They Live  fornisce un’analogia appropriata della nostra visione distorta della vita nello stato di polizia americano, ciò che il filosofo Slavoj Žižek chiama la  dittatura nella democrazia , “l’ordine invisibile che sostiene la tua apparente libertà”.

Siamo alimentati da una serie di finzioni accuratamente inventate che non hanno alcuna somiglianza con la realtà.

Elimina i tentativi del governo di distrarci, deviarci e confonderci e sintonizzati su ciò che sta realmente accadendo in questo paese, e ti imbatterai a capofitto in una verità inconfondibile e sgradevole: ciò con cui abbiamo a che fare oggi è una bestia autoritaria che ha superato la sua catena e non sarà trattenuto.

Attraverso i suoi atti di presa di potere, brutalità, meschinità, disumanità, immoralità, avidità, corruzione, dissolutezza e tirannia, il governo è diventato quasi indistinguibile dal male che afferma di combattere, indipendentemente dal fatto che quel male prenda la forma di  terrorismo , tortura, malattia ,  traffico di droga ,  traffico sessuale , omicidio, violenza, furto, pornografia,  sperimentazioni scientifiche  o altri mezzi diabolici per infliggere dolore, sofferenza e servitù all’umanità.

Abbiamo lasciato che le malefatte e gli abusi del governo continuassero per troppo tempo.

Siamo alimentati da una serie di finzioni accuratamente inventate che non hanno alcuna somiglianza con la realtà.

Nonostante il fatto che abbiamo 17.600 volte più probabilità di morire per malattie cardiache che per un attacco terroristico; 11.000 volte più probabilità di morire per un incidente aereo che per un complotto terroristico che coinvolge un aereo; 1.048 volte più probabilità di morire per un incidente stradale rispetto a un attacco terroristico e  8 volte più probabilità di essere uccisi da un agente di polizia che da un terrorista  , abbiamo ceduto il controllo delle nostre vite a funzionari governativi che ci trattano come un mezzo per un fine: la fonte del denaro e del potere.

Come avverte l’uomo barbuto in They Live  , “Stanno smantellando la classe media addormentata. Sempre più persone stanno diventando povere. Siamo il loro bestiame. Siamo stati allevati per la schiavitù”.

Abbiamo accettato l’illusione e ci siamo rifiutati di afferrare la verità.

Dal momento in cui nasciamo fino a quando moriamo, siamo indottrinati a credere che coloro che ci governano lo fanno per il nostro bene. La verità è molto diversa.

I poteri forti vogliono che ci sentiamo minacciati da forze al di fuori del nostro controllo (terroristi, pandemie, sparatorie di massa, ecc.).

Vogliono che abbiamo paura e dipendiamo dal governo e dai suoi eserciti militarizzati per la nostra sicurezza e benessere.

Vogliono che siamo diffidenti l’uno dell’altro, divisi dai nostri pregiudizi, e che ci perseguitano a vicenda.

Soprattutto, vogliono che continuiamo a marciare al passo con i loro dettami come zombi paurosi, controllati e pacificati.

Questo mi riporta a They Live , in cui i veri zombi non sono gli alieni che chiamano i colpi ma la popolazione che si accontenta di rimanere controllata.

Quando tutto è stato detto e fatto, il mondo di They Live  non è così diverso dal nostro. Come fa notare uno dei personaggi, “I poveri e la sottoclasse stanno crescendo. La giustizia razziale ei diritti umani sono inesistenti. Hanno creato una società repressiva e noi siamo i loro complici inconsapevoli. La loro intenzione di governare si basa sull’annientamento della coscienza. Siamo stati cullati in trance. Ci hanno reso indifferenti a noi stessi, agli altri. Siamo concentrati solo sul nostro guadagno”.

Anche noi siamo concentrati solo sui nostri piaceri, pregiudizi e guadagni. Anche i nostri poveri e sottoclassi stanno crescendo. L’ingiustizia sta crescendo. La disuguaglianza sta crescendo. La preoccupazione per i diritti umani è quasi inesistente. Anche noi siamo stati cullati in trance, indifferenti agli altri.

Ignari di ciò che ci aspetta, siamo stati manipolati nel credere che se continuiamo a consumare, obbedire e avere fede, le cose funzioneranno. Ma questo non è mai stato vero per i regimi emergenti. E quando sentiremo il martello che si abbatte su di noi, sarà troppo tardi.

Allora, dove ci lascia?

I personaggi che popolano i film di Carpenter forniscono alcune informazioni.

Dietro il loro maschilismo, credono ancora negli ideali di libertà e pari opportunità. Le loro convinzioni li pongono in costante opposizione con la legge e l’establishment, ma sono comunque combattenti per la libertà.

Quando, ad esempio, John Nada distrugge il trasmettitore ipnotico alieno in They Live , lancia un campanello d’allarme per la libertà. Come dichiara in modo memorabile Nada, “Sono venuto qui per masticare gomme da masticare e prendere a calci in culo. E ho finito la gomma da masticare.

In altre parole: dobbiamo essere attivi e prendere posizione per ciò che è veramente importante.

Smetti di lasciarti distrarre facilmente da inutili spettacoli politici e presta attenzione a ciò che sta realmente accadendo nel paese.

Come chiarisco nel mio libro  Battlefield America: The War on the American People  e nella sua controparte immaginaria  The Erik Blair Diaries , la vera battaglia per il controllo di questa nazione si sta svolgendo ai bordi delle strade, nelle auto della polizia, sui banchi dei testimoni, al telefono linee, negli uffici governativi, negli uffici aziendali, nei corridoi e nelle aule delle scuole pubbliche, nei parchi e nelle riunioni del consiglio comunale e nelle città di tutto il paese.

Tutti gli ornamenti dello stato di polizia americano sono ora in bella vista.

Svegliati, America.

Se vivono (i tiranni, gli oppressori, gli invasori, i padroni), è solo perché “noi popolo” dormiamo.

John W. Whitehead

 

 

 

 

 

L’avvocato costituzionale e autore John W. Whitehead è fondatore e presidente del Rutherford Institute. Il suo libro Battlefield America: The War on the American People (SelectBooks, 2015) è disponibile online su www.amazon.com. Whitehead può essere contattato all’indirizzo john@rutherford.org

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro John W. Whitehead
Carica altro CINEMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *