Una grande inchiesta di Andrew Joyce  su  Occidental Observer

LA CORRUZIONE EBRAICA IN UCRAINA

Ho voluto fare un sunto dell’articolo in quanto mi era parso molto lungo. Per chi volesse leggerlo nella sua totalità lo può trovare a fondo pagina.


Gli ebrei” rappresentano “solo lo 0,5% circa della popolazione ucraina”.  […] Cinquanta famiglie ebraiche possiedono l’80% di tutta la ricchezza. Dove vede un oligarca ucraino? Non ne conosco. Sono tutti ebrei. Rolls Royce, aerei, castelli, hotel, casinò di proprietà a Monte Carlo. Aerei e yacht con bandiere straniere. E, naturalmente, non pagano le tasse. E impianti e fabbriche sono stati acquistati da loro non a un prezzo reale, ma rubati all’intero popolo ucraino.” (Serhiy Ratushniak, ex sindaco di Uzhhorod)

***

Con la Russia che sta lentamente intensificando la sua “operazione militare speciale” contro l’Ucraina alla vigilia del suo primo anniversario, mi ritrovo ancora una volta attratto dal complesso ma crudo fenomeno dell’estrema corruzione ebraica in questa nazione.  È consueto far notare l’ebraismo di Volodymyr Zelensky; un po’   meno quello di Volodymyr Groysman, il primo Primo Ministro che ha servito sotto Zelensky, non ho ancora letto una discussione dettagliata dei principali attori ebrei nella saga in corso dell’oligarchia ucraina e dei suoi affiliati politici. Semmai, l’attuale conflitto è un’enorme distrazione dal fatto che, per decenni, la più grande minaccia per l’Ucraina non è stata la Russia, ma i finanzieri e gli speculatori che operano impunemente all’interno dei confini ucraini per sfruttare l’etnia ucraina e saccheggiare le sue risorse. […]

L’Ucraina è, a più livelli, uno Stato profondamente imperfetto e tormentato e, come ogni carcassa insanguinata, ha attirato la sua parte di iene. Ritengo tuttavia che la corruzione ebraica in Ucraina, nonostante gli ebrei rappresentino solo lo 0,5% circa della popolazione ucraina, abbia un carattere abbastanza significativo da meritare un’attenzione particolare. Nel seguente saggio intendo esplorare alcuni degli attori principali e le loro interconnessioni, nonché offrire alcune riflessioni sulle ragioni per cui gli atteggiamenti antiebraici non hanno preso piede in Ucraina e perché è improbabile che lo facciano in futuro. […]

Secondo i dati del 2015, le imprese legate alla politica, che rappresentano meno dell’1% delle aziende ucraine, possiedono oltre il 25% di tutti i beni e hanno accesso a oltre il 20% dei finanziamenti del debito. Nei settori minerario, energetico e dei trasporti, ad alta intensità di capitale, le imprese collegate politicamente rappresentano oltre il 40% del fatturato e il 50% degli asset. […]

Come è ormai noto, l’ascesa politica di Zelensky è cominciata dopo il suo ruolo di protagonista nella satira politica “Servo del popolo”, che ha iniziato ad andare in onda sulla rete 1+1 di Kolomoisky nel 2015. Il canale 1+1 era stato fondato da un altro ebreo, Alexander Rodnyansky. Servant of the People vedeva Zelensky nei panni di un insegnante di scuola il cui discorso contro la corruzione in classe viene filmato da uno studente, diventa virale e gli vale la presidenza. Zelensky è passato alla politica del mondo reale, ha sfruttato la diffusa rabbia dell’opinione pubblica per la corruzione e ha finito per vincere facilmente la presidenza solo tre anni e mezzo dopo il lancio dello show.     Zelensky è interamente una creazione dei media, una tela bianca su cui si può proiettare qualsiasi cosa. […]

Zelensky e Serhiy Shefir

Oltre a fornire sostegno finanziario durante le elezioni ucraine del 2019, Kolomoisky ha fornito auto a Zelensky, e la Mercedes a prova di proiettile che Zelensky ha usato per la campagna elettorale era di proprietà di Timur Mindich, socio di Kolomoisky, che fa parte del consiglio di amministrazione della Comunità ebraica di Dnipropetrovsk, un ente di cui Kolomoisky era presidente. Sebbene Zelensky abbia continuato a negare che il suo rapporto con Kolomoisky fosse tutt’altro che professionale, il Kyiv Post ha riferito nell’aprile 2019 che Zelenskiy ha viaggiato in totale 11 volte a Ginevra e altre due volte a Tel-Aviv, in periodi precisi in cui Kolomoisky si trovava in queste località. Tra i compagni di viaggio di Zelensky durante questi viaggi c’erano l’oligarca j e stretto collaboratore di Kolomoisky Gennadiy (Zvi Hirsch) Bogolyubov e i fratelli Hryhoriy Ihor Surkis, entrambi accusati di grave corruzione. Sono tra le persone più ricche dell’Ucraina e sono ebrei attraverso la madre Rima Gorinshtein. […]

Il carattere molto ebraico di questi viaggi non deve sorprendere, dato che, ove possibile, Zelensky ama circondarsi di collaboratori ebrei. All’indomani dello scoppio della guerra, ad esempio, è emerso che ha chiesto consigli sulle pubbliche relazioni a due israeliani sostenitori del Likud, Srulik Einhorn e Jonatan Urich. […]

Ihor Kolomoisky – Parassita supremo

 

Ihor Kolomojs’kyj

Kolomoisky, che ha anche la cittadinanza israeliana e cipriota, è probabilmente uno dei peggiori ladri che abbiano mai camminato sulla terra, e non c’è stato parassita più grande che si sia nutrito di ucraini. Nominato dal Center for Corruption and Organized Crime Research (OCCRP) tra i primi quattro individui più corrotti del pianeta, Kolomoisky ha usato la sua proprietà di PrivatBank per frodare i clienti di circa 5,5 miliardi di dollari in depositi, pari al 40% di tutti i depositi privati in Ucraina. Anche se ora gli è stato vietato di entrare negli Stati Uniti, dove possiede numerosi beni, Kolomoisky non è mai stato arrestato in Ucraina e Zelensky non mostra alcuna intenzione di consegnarlo alla giustizia. Considerato un criminale da quasi chiunque abbia un cervello, Kolomoisky è un eroe della comunità ebraica internazionale. Nel 2008 Kolomsoisky è stato eletto presidente della Comunità ebraica unita dell’Ucraina e nel 2010 è stato eletto presidente del Consiglio ebraico europeo. […]

Menorah – Il più grande centro comunitario ebraico del mondo

Invisibilità degli ebrei in Ucraina

La mancanza di clamore per il denaro ucraino destinato alle tasche degli ebrei potrebbe sembrare sorprendente agli osservatorii occidentali, ma è perfettamente spiegabile. Gli ebrei che hanno agito in modo parassitario in Ucraina non sono certo mancati. Oltre a Kolomoisky e agli altri già citati, Hennadiy Kernes, Pavel Fuks, Andriy Yermak (ora capo dell’Ufficio del Presidente dell’Ucraina), Hennadiy Korban, Vadim Rabinovich, Alexander Feldman e Victor Pinchuk si sono impegnati in frodi, corruzione e nell’accumulo di grandi quantità di ricchezza e potere a spese del popolo ucraino. In Ucraina, tuttavia, esempi evidenti di corruzione e oligarchia si trovano anche tra altri gruppi etnici minoritari come i tatari musulmani (ad esempio Rinat Akhmetov) e tra gli stessi ucraini etnici. Il Paese è talmente corrotto che anche chiari esempi di coesione etnica, come la sovrapposizione dei circoli ebraici di Zelensky e Kolomoisky, sfumano in un quadro più ampio di decadenza socio-politica. […]

Uno stato ebraico in Ucraina- il progetto c’è davvero

Quale tipo di Ucraina emergerà dalle rovine è ancora da vedere.

Quello che sembra certo è che le case di lusso in Florida, a Londra, a Ginevra e a Tel Aviv continueranno ad ospitare coloro che si sono arricchiti con il denaro ucraino e che continuano ad accumulare i loro profitti rubati mentre decine di migliaia di sacchi per cadaveri continuano il loro cupo transito verso i cimiteri di Kiev e Mosca.

Redazione Inchiostronero

La fonte originale: Corruzione ebraica in Ucraina

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Redazione Inchiostronero
Carica altro ATTUALITÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«GLI ANIMALI PENSANO?»

Dal momento che posseggono un cervello, pensano? …