C’era una volta la destra stracciona

Massimo D’Alema sulla sua barca a vela

LA DESTRA INDIGNATA PER LA BARCA DI D’ALEMA

SI ECCITA PER LA PISCINA DI GIORGIA


C’era una volta la destra stracciona, che si vantava della propria povertà. Una destra che si indignava di fronte alle immagini di Massimo D’Alema sulla sua barca a vela e, mentre c’era, criticava anche le scarpe del leader della sinistra: troppo costose, fatte a mano, in pelle. Una ostentazione che stonava con lo stile sobrio che caratterizzava i vertici missini prima, aennini dopo e della destra fluida di governo ora.

Avrà anche un bunker antiatomico?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Indubbiamente uno stile incentrato su sobrietà e non ostentazione. Come nel caso della casa di Montecarlo, ereditata dal partito e finita, guarda caso, nella disponibilità del cognato di Fini. Un caso, certo. Un caso isolato. O forse no. Perché l’allieva prediletta di Fini, assurta alla presidenza del consiglio, ha deciso che anche lei doveva essere premiata. E si è fatta, in Roma, una villa con piscina. Legittimo, ovviamente, ciascuno con i propri soldi fa ciò che vuole. E la differenza con la vicenda di Montecarlo è abissale.

Però è molto meno netta la differenza con la barca di D’Alema, tra l’altro molto meno costosa rispetto alla villa meloniana con 18 stanze. Perché l’ex capo del governo non poteva indossare scarpe di alto prezzo e l’attuale presidente del consiglio può indossare capi firmati e costosi?

Massimo Fini a processo

 

 

 

 

 

 

 

 

Sarà l’effetto Berlusconi. Dopo aver frequentato, per anni, le residenze del leader di Forza Italia è scattata l’emulazione. E poi si può forse negare ad una bambina il diritto ad una piscina privata a Roma? Certo, d’ora in poi l’immagine di Giorgia come “donna del popolo” ne risentirà un pochino. Ma i suoi fedeli saranno pronti a difenderla spiegando che fa il bagno in acqua e non nel latte d’asina. E si può chiedere al ministro delle cerimonie partenopee chi era il personaggio che si immergeva nel latte: Leonardo da Vinci? Achille? Paolina Bonaparte?

Redazione Electo
Ala.de.granha

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Ala de Granha
Carica altro POLITICA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«MUSUMECI, MINISTRO DELLE CATASTROFI: “ARRANGIATEVI!”»

Imbarazzante l’esternazione di Nello Musumeci …