La dittatura dell’educazione sessuale? E’ chiaro come tutto faccia parte di un sistema imponente e ramificato radicato da decenni nel tessuto sociale e istituzionale di cui gli epigoni emiliani sono solo uno degli esiti deteriori.

 

La dittatura dell’educazione sessuale (e la possibilità di ribellarsi)

 

Dedicato a coloro che sostengono che l’educazione sessuale nelle scuole è cosa buona e giusta. A quelli che «tutto dipende da come la si fa», che «si sa che i ragazzi fanno sesso: tanto vale che sia un “esperto” a dare loro le istruzioni», che «l’importante è la prevenzione»; a coloro che «a noi forse fanno un certo che determinati dettagli, ma i giovani di oggi sono molto più scafati»; a quelli che «sanno già tutto, che problema c’è?»; a quelli che «fin da bambini i nostri figli sono bombardati da messaggi a sfondo sessuale, bisogna che la scuola li aiuti a gestire tutti questi stimoli»; o ancora, alle anime pie, che «le malattie sessualmente trasmissibili sono in vertiginoso aumento» e «ci sono ragazze che, minorenni, hanno già vari aborti alle spalle» e quindi vanno tutti aiutati «a prendere le dovute precauzioni».

 

IL VERO SCOPO DELL’EDUCAZIONE SESSUALE

   Partiamo dal fondo. Che il sesso vorace, precoce e promiscuo eletto a riempitivo di vuoti siderali e a diversivo di disagi diffusi distrugga vite e spappoli cervelli non è revocabile in dubbio. Del resto, l’apparato ludico-mediatico e l’industria dell’intrattenimento di massa sono schierati in assetto da guerra per scatenare le pulsioni animalesche dei suoi fruitori compulsivi attraverso un martellamento di sollecitazioni sessuali più o meno esplicite, spesso pornografiche. Alla fine, la patologia dilaga al punto – tale è la dimensione della tragedia – che si tende a scambiarla per normalità, secondo la nota teoria per cui un fenomeno in espansione diventa via via prima consueto, in seguito accettabile e poi persino buono, a prescindere da qualsiasi giudizio di valore. Ci hanno abituati a pensare che la statistica sia il metro per misurare la moralità e noi, da bravi, usiamo gli strumenti che ci sono forniti in dotazione.

Il fatto è – non ci si deve stancare a ribadirlo, a costo di apparire molesti – che il danno che si pretenderebbe di prevenire e curare attraverso l’educazione sessuale è proprio l’effetto preordinato dell’educazione sessuale, disciplina concepita e propagata con una ben precisa finalità dissolutoria della interiorità, della moralità e dell’identità dei soggetti in via di formazione. Storicamente è nata così, e non c’è molto da discuterci sopra: è un fatto ed è incontrovertibile. I giovani e giovanissimi vanno rastrellati a tappeto per ridurli ad altrettante monadi ripiegate sui propri genitali e schiave degli istinti inferiori, galleggianti nel non luogo del presente indifferenziato e dello sballo permanente. Li si cattura facilmente con la narrativa della centralità delle emozioni, parola magica che ha conquistato il monopolio della pedagogia aggiornata.

Il lemma “affettività” serve invece, col suo suono rassicurante, da edulcorante onomastico per una ricetta cucinata apposta per essere monogusto e unifunzionale, sul presupposto ideale che il consumatore in erba debba fare sesso, farlo presto, farlo con chiunque, farlo senza tabù. L’importante è “prevenire” le malattie veneree, ridefinite in linguaggio evoluto (onusiano) “sessualmente trasmissibili”: la formuletta salutista funziona da esca per i genitori evoluti, che abboccano voraci e sentitamente fieri di sé. Il primo rischio da scongiurare, si capisce, è la gravidanza, il più grave in assoluto, ormai catalogato in via definitiva come fenomeno sessista retaggio della cultura patriarcale, insieme a quell’altra storica iattura che va sotto il nome di famiglia (si intende: “tradizionale”, ché le sue parodie vanno bene).

Il vero traguardo, dunque, è disinibirli tutti, disinibirli completamente, renderli monomaniaci e possibilmente fluidi: nuovi consumatori crescono, le catene di sexy shop li aspettano, devono vedere sesso dappertutto, come zio Paperone con il dollaro oculare, devono filtrare la realtà attraverso le lenti a contatto della libidine permanente.

 

L’ILLUSIONE RIFORMISTA

   Ecco perché appaiono ridicole le anime belle che, pur rigettando a parole (ma neanche troppo, per carità) la versione corrente di educazione sessuale dettata dagli organismi ufficiali, a partire dall’OMS, pretenderebbero di avanzare proposte alternative, cioè di promuovere (dal loro punto di vista) una educazione sessuale “buona”. Secondo il manuale delle anime belle, infatti, bisogna essere per principio propositivi, mai disfattisti. Eccerto. Imbracciamo le armi che sono state fabbricate per annientarci e spariamoci da soli: i bravi neocat sono specialisti del fai-da-te e lo spacciano per amore. Come se uno strumento concepito a tavolino per un preciso obiettivo di carattere eversivo fosse suscettibile di venire snaturato su iniziativa uguale e contraria di qualche zelante parrocchiano di mondo. Come se avesse un senso provare a raddrizzare una malapianta di dimensioni planetarie.

La dipendenza dal sesso e dai suoi surrogati – repetita iuvant – è indotta su vasta scala e resa endemica delle élite dominanti a fini di controllo delle masse che, arrapate e rimbecillite, diventano manovrabili a piacimento in qualsivoglia direzione, compresa quella del proprio autoannientamento. Suicidarsi godendo, ecco dove deve portare l’epidemia. Nell’abisso della solitudine e del totale vuoto spirituale.

I soldatini del sistema, inghiottiti dalle sue logiche perverse, si mettono al servizio di un disegno di cui hanno rinunciato a chiedersi la ratio. Eseguono. Stanno agli ordini di quattro guru messi al comando del bastimento e diventati nel settore oracoli trasversali: trasversali nel senso che battono indifferentemente ambienti laici ed ecclesiastici, ormai indistinguibili sotto ogni punto di vista. Col sussiego tipico dei benefattori, si appropriano dei sintomi già sviluppati e li sparpagliano dappertutto, estendendo senza limite la magnitudine del contagio. Per ottimizzare il risultato, si usa la rete già stesa della imponente struttura scolastica per la quale tutti devono obbligatoriamente passare, sì che nessuno sfugga al trattamento.

 

I DIFENSORI D’UFFICIO CANTANO A ORECCHIO

   Accade spesso, a margine delle conferenze su educazione sessuale e gender, che si manifesti il tipo umano della mamma progredita o dell’insegnante aggiornata e che, l’una o l’altra, si autoinvestano del ruolo di difensore d’ufficio dell’educazione sessuale: essa sarebbe necessaria, dicono, molti ragazzi hanno dei problemi e ne traggono giovamento e comunque anche gli altri, lungi dall’esserne pregiudicati, imparano a vivere bene e liberamente la propria sessualità.

Non sono nemmeno sfiorate dall’idea, le signore, che non sia quello il compito della scuola, alla quale non compete insegnare il sesso, i suoi teoremi e i suoi corollari, e nemmeno assumersi d’ufficio il ruolo di terapeuta erga omnes. La scuola non è una clinica psichiatrica, ha un fine formativo in incertam personam, che corrisponde a quello di strutturare il bagaglio culturale degli studenti, e la cultura è sempre servita da antidoto strutturale alle imposizioni esogene. L’intimità di ciascuno, per contro, resta uno spazio inviolabile, legato alla sensibilità personale e perciò stesso non standardizzabile secondo criteri arbitrari per definizione e il più delle volte tarati sui parametri dell’erotomane di turno.

Nel voler offrire a tutti lo stesso becchime, peraltro il più piccante possibile, è insita una dose inaccettabile della più subdola forma di violenza. Anche qui, lo stratagemma per giustificare l’omologazione forzata è una costante del formulario didattico-pedagogico, e coincide con la nota retorica del “fare gruppo”, ovvero con la ricerca obbligata della coesione e del benessere del “gruppo classe”, per cui l’elemento non conforme, consenziente o non compiutamente integrato nell’idem sentire dominante diventa un problema, un caso umano, un’escrescenza da far rientrare nei ranghi.

Accade anche, tuttavia, che la replica più convincente all’elogio della educazione sessuale provenga proprio da chi abbia avuto modo di sperimentarne gli effetti e, come sempre, nessuna argomentazione teorica risulta più efficace della testimonianza di vita vissuta. Non possono che lasciare ammutoliti le reazioni di certi bambini, rimasti schifati dal sesso così come gli è stato raccontato in classe, o traumatizzati dai contenuti illustrati dagli “esperti” nelle loro lezioni, in ossequio alle linee-guida di categoria.

 

LA VOCE DEGLI “EDUCATI”

   Recentemente, al termine di una di queste conferenze, dal pubblico si è alzato un ragazzo, chiedendo di esporre la propria esperienza.

Ho ventitré anni, racconta. Quando avevo circa dieci anni, ero ancora alle elementari, ho assistito a scuola a un corso di cosiddetta educazione sessuale. Sono entrati in classe alcuni “esperti” e ci hanno intrattenuto sul tema, indugiando su dettagli a noi completamente sconosciuti ed elargendo consigli ovviamente non richiesti.

Parecchie mie compagne sono rimaste scosse da ciò che è stato detto, certe – ricordo – hanno pianto. Altri hanno reagito in maniera diversa, hanno vissuto gli incontri un po’ come un gioco. Ai toni leggeri e forzatamente scherzosi degli “esperti”, infatti, molti di noi hanno risposto con altrettanta leggerezza, cercando di vincere la vergogna attraverso il gioco. Ricordo che c’era chi faceva a gara nel dire parole sconce e volgari, delle quali chiedeva il significato agli “esperti”. Questi alla fine, imbarazzati pure loro, non sapevano più come gestire la situazione che si era creata. Noi maschi in gran parte ci siamo sentiti solleticati all’idea della trasgressione. Fatto sta che ci siamo trovati nel pomeriggio nella palestra della scuola a simulare atti sessuali con dei manichini.

Da quella volta per alcuni di noi, me compreso, il sesso ha cominciato a diventare un’ossessione, ci siamo messi a frequentare siti a luci rosse e ad acquistare riviste e materiali pornografici. Stavo male, ero cambiato, e mio padre e mia madre se ne sono accorti. Io stesso mi rendevo conto di non essere più io, di essere diventato dipendente e di avere perso il controllo delle mie azioni. Non mi riconoscevo più. Così, ho accettato l’aiuto dei miei genitori. È stata dura uscire dal gorgo, bonificarsi.

C’è voluto del tempo, soprattutto ci sono voluti tutta la determinazione e l’amore della mia famiglia. Alla fine ce l’ho fatta, ne sono completamente uscito e ora posso parlare di quel periodo con sollevato distacco, ricordarlo come una brutta storia a lieto fine. Sono felicemente sposato e mia moglie mi sta dando il nostro primo figlio. Ma per alcuni miei compagni è stato diverso. Non hanno avuto la mia stessa fortuna, cioè una famiglia attenta e pronta a intervenire per aiutarmi con la tempestività necessaria, prima che certi comportamenti si cronicizzassero. Loro sono tuttora calati in quell’inferno e non so se mai ne usciranno.

HANSEL, GRETEL, L’ORCO. E IL LIETO FINE

   Questa storia, che ha colpito tutta la sala quella sera per la spontaneità e il coraggio con cui è stata raccontata, mi è tornata alla mente ora mentre seguo la vicenda di Reggio Emilia e, dalle informazioni reperibili, cerco di ricostruire il puzzle dell’orrore con i tasselli che mano a mano la cronaca fornisce, nonostante sia già partito il contrordine compagni e l’apparato stia facendo tutti gli sforzi per riassorbire l’urto mediatico e spostare i riflettori su altri obiettivi.

Si chiariscono via via, comunque, i profili dei soggetti coinvolti nell’affare degli affidi gonfiati e pilotati a fini di lucro e, soprattutto, a fini ideologici. L’auctoritas psico-pedagogica del giro è tale Claudio Foti, perno della Onlus “Hansel e Gretel”, già passata miracolosamente indenne dal coinvolgimento dei fatti terribili emersi lustri or sono dall’inchiesta “Veleno”. Piemontese, collezionista di cariche di rilievo anche presso blasonate istituzioni clericali (gruppo “Abele” di don Ciotti, Pontificia Facoltà di scienze dell’educazione “Auxilium” di Roma, “Famiglia Cristiana”), giudice onorario stabile del Tribunale dei minori di Torino, Foti si qualifica come “esperto” cacciatore di abusi infantili, sempre «dalla parte dei bambini e delle vittime contro l’adultocentrismo, contro la cultura patriarcale, contro il negazionismo della violenza che si consuma ai danni dei soggetti più deboli come i bambini e come le donne…».

Torneremo sul suo interessante curriculum, ma ci preme qui sottolineare come questo signore sia un accanito promotore e sostenitore dell’educazione sessuale precoce e obbligatoria nelle scuole di ogni ordine e grado. Nel suo pensiero è distillato tutto il repertorio del modello di indottrinamento sessuocentrico e ipererotizzato predisposto nelle centrali sovranazionali per annientare l’identità delle giovani generazioni e presentato al riparo dello scudo scientista, umanitario e assistenziale.

Dopo quanto abbiamo detto sulla teoria e sulla pratica della educazione sessuale, nella cornice dell’industria del sesso e del mercato di carne umana, vale dunque la pena di gustarsi per intero una illuminante intervista di Foti che mette a tema proprio questa disciplina. Al netto dei toni e degli argomenti suggestivi, funzionali alla captatio di un uditorio già privato dei suoi anticorpi, appare chiaro come tutto faccia parte di un sistema imponente e ramificato, radicato da decenni nel tessuto sociale e istituzionale, di cui gli epigoni emiliani sono solo uno degli esiti deteriori. Dentro questo sistema intrinsecamente distorto e distorsivo, la storia di un ragazzo che, ferito dai suoi istitutori, risale la corrente con l’aiuto della sua famiglia e, a ventitré anni, ne costruisce una di propria, rappresenta agli occhi degli “esperti” un baco del sistema e un pericoloso focolaio di insubordinazione. È viceversa un bellissimo esempio di resistenza, di libertà e di vita agli occhi di chi è ancora capace di credere nelle favole e nella verità.

 

Per gentile concessione:  

Fonte: Accademia Nuova Italia

  • Salone del libro. La democrazia totalitaria.

    ”Salone del libro di Torino, l’editrice Altaforte è stata espulsa: è la sedicente “d…
Carica ulteriori articoli correlati
  • LGBT AL POTERE?

    ”Lgbt e potere una mappa per capire cosa accade con vista sul Vaticano. Per far funzionare…
Carica altro Elisabetta Frezza
Carica altro Saggi

Un commento

  1. Francesca Rita Rombolà

    29 Agosto 2019 a 10:45

    Proprio un bell’articolo. La scuola deve occuparsi dell’educazione della persona e dello sviluppo della personalità… il sesso sì lasciamolo alla sfera intima alla quale appartiene.

    Complimenti all’autrice dell’articolo Elisabetta Frezza.

    rispondere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

LGBT AL POTERE?

”Lgbt e potere una mappa per capire cosa accade con vista sul Vaticano. Per far funzionare…