In una tavola rotonda al Forum economico mondiale, l’ex vicepresidente degli Stati Uniti John Kerry e il capo dell’UE Ursula von der Leyen hanno espresso commenti entusiasti sul Grand Reset.

In una tavola rotonda al Forum economico mondiale, l’ex vicepresidente degli Stati Uniti John Kerry e il capo dell’UE Ursula von der Leyen hanno espresso commenti entusiasti sul “Grand Reset”.Signore e signori, la necessità di una collaborazione globale e questa accelerazione del cambiamento saranno entrambi i motori del Grande Reset. E la vedo come un’opportunità senza precedenti”, ha affermato von der Leyen. (T.P.I.)

Eccezionale articolo da DWN:

EU-Chefin Ursula von der Leyen outet sich als Unterstützerin des „Great Reset“

Durante una tavola rotonda al Forum economico mondiale  (“Il grande ripristino: costruire la futura resilienza ai rischi globali”) il 17 novembre, l’ex vicepresidente degli Stati Uniti John Kerry ha affermato che gli Stati Uniti torneranno all’accordo di Parigi. Ha anche chiarito di essere un sostenitore del “Great Reset”. The Great Reset: Building Future Resilience to Global Risks (filmato)

“L’idea di un ripristino è più importante che mai. Personalmente, penso (…) che siamo all’inizio di un periodo estremamente emozionante”, ha detto Kerry. Kerry ha anche ammesso che l’ascesa del movimento nazionalista-populista nel mondo “è un riflesso dell’incapacità dei governi democratici in molte parti del mondo di risolvere i problemi” affrontati dai loro cittadini. È rimasto sorpreso dal fatto che 71 milioni di americani abbiano votato per Trump. Avresti votato per il “caos” e per la “violazione della legge e dell’ordine”. Alla tavola rotonda ha preso parte anche la leader dell’UE Ursula von der Leyen.

“Da dati e infrastrutture a sicurezza e democrazia, tecnologia e tasse eque: tutti questi sono argomenti sul tavolo del cambiamento digitale. Signore e signori, la necessità di una collaborazione globale e questa accelerazione del cambiamento saranno entrambi i motori del Grande Reset. E la vedo come un’opportunità senza precedenti. È bello avere un amico alla Casa Bianca. Non dovremmo dimenticare che tipo di forza possiamo sviluppare. Abbiamo bisogno di una nuova agenda e, naturalmente, dobbiamo iniziare con la questione più urgente, COVID-19”, ha affermato von der Leyen.

Secondo le loro stesse dichiarazioni, i membri d’élite del World Economic Forum stanno pianificando una fusione di capitalismo e socialismo allo scopo di prosperità per tutte le persone. Ma i critici dicono che dietro il “Great Reset” c’è in realtà un piano completamente diverso (maggiori informazioni qui).

Masterminds des „Great Reset“ planen eine Verschmelzung von Kapitalismus und Sozialismus

20 gennaio 2020, Davos: Klaus Schwab, fondatore del World Economic Forum, accoglie fra le sue braccia Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Europea, prima dell’inizio della conferenza annuale del WEF. Guardate la faccia di lei: umile allieva del Gran Maestro. L’incontro del forum sarà dal 21 gennaio 2020 al 24 gennaio 2020. (Foto: dpa)

Il fondatore del World Economic Forum, Klaus Schwab, ha recentemente affermato che la quarta rivoluzione industriale nell’ambito del “Great Reset” avrebbe “portato a una fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica” 

António Guterres

“Il ‘Great Reset’ è una gradita consapevolezza che questa tragedia umana (pandemia corona, ndr) deve essere un campanello d’allarme. Dobbiamo costruire economie e società più equilibrate, inclusive e sostenibili che siano più resilienti di fronte a pandemie, cambiamenti climatici e molti altri cambiamenti globali che stiamo affrontando”, ha affermato António Guterres, Segretario generale delle Nazioni Unite a New York.

Il principe Carlo aveva precedentemente affermato che la pandemia della corona offriva una grande opportunità per “resettare” l’economia globale, secondo il Guardian.  Per il 2021 è stato annunciato un “vertice gemello” di incontri personali e virtuali.

 “The Great Reset“: Eine Schocktherapie soll die Welt verbessern – hilft aber nur den Eliten all’insegna del motto “The Great Reset”

“The Great Reset“: Wie die Eliten der Welt eine neue Wirtschaftsordnung planen

Il tema centrale dell’evento, di cui il principe Carlo sarà mecenate, sono le conseguenze della Quarta Rivoluzione Industriale, in particolare lo sviluppo dell’intelligenza artificiale Digitale Transformation: Die neue Weltordnung ist längst Realität e l’utilizzo dei robot 5G und Nano-Roboter: Neue Technologien zur Kontrolle der Menschheit nel mondo del lavoro.

Maurizio Blondet

 

 

Fonte: Maurizio Blondet del 21 novembre 2020 del

 

Ti Potrebbe Interessare

«UOMINI E TOPI»

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Maurizio Blondet
  • «IL BUIO A MEZZANOTTE»

    ”L’epidemia è il detonatore di una tempesta perfetta: non abbiamo avuto bisogno del pipist…
  • «A NATALE ANCHE IL COVID DIVENTÒ BUONO»

    ”Tutto era nato quasi per caso da un curioso esperimento clandestino fatto da un ristorato…
  • «IL TEMPO DELLA NOVIDA»

    ”Come definire i giorni che stiamo attraversando sotto l’incubo della pandemia? Il tempo d…
Carica altro Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«IL G20 SPIEGATO DA SHAMIR»

”L’OMS al G20 ha preconizzato che questo virus non sarà l’ultimo; ci saranno più pandemie …