C’è un giorno per tutto, anche per la gratitudine. Grazie

LA PAROLA “GRAZIE”


Più volte su Electomagazine è stato fatto cenno al concetto di comunità come derivazione da cum munus, dunque legata al “dono”. Ed allora è vero che il dono è gratuito, però non esime dalla gratitudine. Soprattutto quando non è neppure reciproco. Ma se manca anche un semplice “grazie”, la comunità inizia a sgretolarsi. Perché viene incentivata la cancellazione del dono e, di conseguenza, viene meno il senso di appartenenza. Si diventa estranei e si passa al puro e semplice scambio commerciale che prescinde da qualsiasi condivisione.

Forse, però, è proprio questo il vero obiettivo di chi si è impegnato per cancellare ogni forma di “buona educazione” che non sarà alla base della comunità ma lo è almeno della convivenza civile. Invece, per il politicamente corretto e la cancel culture, le “buone maniere” sono diventate una dimostrazione di totale ipocrisia, di atteggiamenti piccolo borghesi, di falsità. “Piemontesi falsi e cortesi”, un detto che si è fatto strada in Italia come se la cortesia – a sua volta legata alla vita di corte che è ben altro dal concetto abituale e negativo di “cortigiano” – fosse qualcosa di brutto, come se i modi gentili e signorili fossero deprecabili.

E se è comprensibile la famosa “cacca dei contadini” che, durante la Rivoluzione russa, defecarono nei grandi e preziosi vasi dei palazzi dello zar, è molto meno accettabile la maleducazione di chi non è impegnato a fare la rivoluzione ma soltanto la spesa al supermercato.

Eppure, è proprio nella vita quotidiana che il “grazie” è sparito. Lasci passare, in una strettoia del marciapiede, una signora con la borsa della spesa e lei non si degna di ringraziare. Apri la porta a qualcuno carico di pacchi e non gli sfugge un “grazie” neppure per sbaglio. È la logica dei diritti individuali. Nessun dovere. Neppure di attraversare sulle strisce o di passare con il verde. Non si rispettano le file in nome di una presunta furbizia. Ci si fa raccomandare per un posto di lavoro e poi non solo non si ringrazia chi si è fatto garante, ma lo si critica perché il lavoro non piace, perché lo stipendio non è pari alle attese, perché bisogna lavorare nonostante la raccomandazione.

È come una palla di neve che si trasforma in valanga. Si cancella il “grazie”, si cancella il saluto quando ci si incontra su un sentiero di montagna, si è sordi alle richieste di aiuto, si litiga per un parcheggio, ci si accoltella per uno sgarbo in una discoteca. Certo, si è eliminata l’ipocrisia piccolo borghese. Ma non si è fatta la rivoluzione. Si sono soltanto rispettate le strategie di un potere nemico di ogni comunità perché ha bisogno di monadi incapaci di collaborare tra loro. Singoli individui da manipolare. E l’odio del potere nei confronti di ogni aspirazione autonomista o indipendentista delle “piccole patrie” è semplicemente una forma di odio per ogni tipo di comunità.

Augusto Grandi

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Augusto Grandi
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«AMICHETTISMO E FAMILISMO ADDIO. PREVALE LA SOLITUDINE»

Amichettismo o familismo? …