Avanti, allineatevi tutti alla Restaurazione dell’Occidente, e guai a chi non ci sta

LA RESTAURAZIONE DELL’OCCIDENTE

Avanti, allineatevi tutti alla Restaurazione dell’Occidente, e guai a chi non ci sta. In principio fu la spartizione di Jalta e la nascita dalle ceneri della seconda guerra mondiale di un mondo bipolare, dominato a ovest dagli Stati Uniti e a est dall’Unione Sovietica; Usa e Urss, nomi in codice per indicare l’America e la Russia. Quella dominazione planetaria e binaria, tra intese e guerre fredde, sembrava destinata all’eternità, per chi la viveva o la subiva. E invece non durò neanche mezzo secolo. Perché nel 1991, giusto trent’anni fa, cadde l’Unione sovietica e il mondo apparve dominato da una sola superpotenza, gli Stati Uniti. L’americanizzazione del mondo coincideva con l’occidentalizzazione del pianeta, anche per quanto concerne i consumi, la tecnologia, i modelli di vita. Fu allora che l’apoteosi dell’Occidente trionfante coincise con la sua fine. L’Occidente finì sconfinando, facendosi globalizzazione. L’antagonista era sparito, il comunismo non c’era più in Russia e si era modificato in Cina, attraverso un’ibridazione col capitalismo. La storia è finita, esultarono al tempo del primo Bush. Apparve un mondo uniforme, con alcune sacche di resistenza e un “nemico” giurato: il fanatismo islamico, le sue rivoluzioni, il terrorismo. Intanto, in Occidente, cominciarono a serpeggiare movimenti e poi nazioni che riprendevano la loro identità, ora approfittando del crollo sovietico, ora cavalcando la riunificazione tedesca e l’unificazione europea, ora emergendo in varie parti del mondo.

Churchill, Roosevelt e Stalin a Jalta.

Col nuovo millennio, l’egemonia planetaria americana cominciò a perdere colpi: simbolicamente profanata dall’attacco alle Due Torri, insidiata dal sorgere di nuovi soggetti, dall’Unione europea alle tigri asiatiche, ma soprattutto insidiata dalla crescita smisurata della Cina. Un declino indorato da leadership “telegeniche” e “correct” come quella di Obama, ma irreversibile. Al punto che quel declino si fece collasso, e dal collasso nacque il fenomeno Trump. L’America che ha promosso la globalizzazione ora si deve difendere dalla globalizzazione, perché il dragone cinese è più invasivo e globale. Così l’America decide di chiudersi in casa, di pensare a se stessa e non sentirsi più gendarme del mondo. Un fenomeno che sarebbe facile liquidare come neo-isolazionista: ma come Trump anche in altre parti del pianeta sorgono leader definiti di volta in volta nazionalisti, populisti, sovranisti. Dal Brasile all’India, dalle Filippine all’Europa dell’Est, per non dire di Putin in Russia. Il mondo cambia volto, e si delineano sullo scenario globale due spinte contrapposte: una verso la globalizzazione e le migrazioni, l’altra verso le sovranità territoriali, nazionali, popolari. Il mondo si riapre a più scenari, la storia non va più a senso unico. Ma all’insorgenza di outsider popolari reagisce l’Apparato mondiale, l’Establishment tecno-finanziario-multinazionale e le caste politico-culturali-manageriali dei singoli paesi. E il tempo per la spallata agli outsider diventa propizio con la pandemia mondiale e con le accuse che rimbalzano dalla Cina agli Usa di Trump, dal Brasile alla Gran Bretagna.

Così, in un’elezione assai travagliata e discutibile, un esponente, più che un leader, del Partito Democratico, Joe Biden, viene insediato alla guida degli Stati Uniti. Ma la globalizzazione non è più il suo obiettivo, come per i predecessori; perché significherebbe accettare l’espansione cinese e la sua egemonia. E allora rinasce l’Occidente, oltre il suo storico tramonto; si riparte dall’Ovest. Ecco la Nato rilanciata a Bruxelles e in Cornovaglia, ecco l’asse euro-atlantico, la restaurazione del mondo sull’asse est-ovest. L’Europa si allinea, anche perché tramonta la sua ultima regina, Angela Merkel; e in questo vuoto di potere, la Nato, i supervertici degli ultimi giorni, le intese per le campagne vaccinali, fanno il resto.

Insomma l’Amministrazione americana non punta a ripristinare l’assetto global, ma il canone occidentale. E lo mostrano due indizi, la preoccupazione di Biden per la Cina e quella della sua vice Kamala Harris per i flussi migratori. L’Occidente ripristina le sue mura di cinta a partire dagli Usa.

In questo riarmo dell’Occidente e del suo canone c’è però una duplice semplificazione: l’Occidente non è solo il patto euro-atlantico ma c’è anche la popolosa e agitata America del centro-sud. Ma soprattutto l’Altro rispetto all’Occidente non è solo la Cina, c’è la Russia di Putin e c’è il colosso demografico dell’India. E oltre l’Asia, c’è l’Africa, c’è il Medio Oriente. Rialzare il Muro dell’Occidente significa non vedere queste differenze e magari spingere Russia e Cina, e poi le altre potenze del mondo a coalizzarsi in funzione antioccidentale. E significa tornare a calpestare le sovranità nazionali e di area, ma anche a mortificare l’autonomia sovrana dell’Europa.

E da noi, nella piccola e ridente periferia italiana? La corsa ad allinearsi al nuovo obbligo vaccinale euroatlantico è massiccia e da Draghi prosegue su tutti i versanti della politica. È la restaurazione dell’Occidente anche a casa nostra. Poi ci sono le varianti del residuo partito filocinese che ha in Beppe Grillo il suo scalmanato mandarino, e in Massimo D’Alema la sua ultima guardia rossa, nel nome inconfessato del vecchio comunismo.

E se al ripristino dell’Occidente si debba preferire un mondo multipolare di aree sovrane che trovano punti di accordo? E se il destino italiano ed europeo fosse quello di interagire in autonomia con l’America e la Russia, senza schiacciarsi su una delle due?

 

 

Fonte: MV, Panorama (n.27)

  • «I FALÒ DELL’OCCIDENTE»

    ”Bruciate, bruciate. Fate presto. L’Occidente che cancella se stesso procede gaio e sicuro…
  • «IL TRAMONTO DELL’OCCIDENTE»

    ”Spengler il tramonto dell’Occidente. Egli esercitò un’influenza rilevante su numerose cor…
  • «OCCIDENTE? IL CANONE INVERSO»

    ”Occidente contro Europa: “Il canone inverso”. L’equivoco sta nella parola …
Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Marcello Veneziani
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«DRAGO I RE D’ITALIA»

”Viva il Re, è tornato il Regno d’Italia. Dopo settantacinque anni ingloriosi e rissosi di…