C’erano una volta in una terra lontana e in un periodo di abbondanza due ricchi e prosperi Padroni di casa…

LA STORIA DI DUE AVIDI PADRONI DI CASA


C‘erano una volta in una terra lontana e in un periodo di abbondanza due ricchi e prosperi Padroni di casa che possedevano ciascuno grandi e spaziosi edifici attigui in cui vivevano molte persone.

 

Gli appartamenti erano caldi e confortevoli e ogni settimana c’era un mercato dove veniva portato grano dalla terra del padrone di casa B e frutta, carne e verdura da quello del padrone di casa A. Mentre la legna dei boschi del padrone di casa B teneva la catasta di legna comunale rifornita di tronchi stagionati.

Tutti erano felici.

I proprietari erano entrambi amici di un banchiere.

Il banchiere era più ricco di entrambi i proprietari messi insieme e infatti possedeva le loro case e la loro terra e osservava attentamente cosa ne facevano.

E un giorno li invitò a una sontuosa cena a casa sua e disse che “le cose potrebbero andare meglio”.

“Come potrebbero le cose andare meglio, amico banchiere?” chiese il padrone di casa B, “c’è cibo nei nostri granai e denaro nelle nostre casse, e tutti sono felici”.

“La tua gente paga troppo poco per troppo lusso. Si aspettano carburante per i loro fornelli e cibo nei loro mercati e non ti sono mai abbastanza grati per la tua gentilezza.

I due proprietari si guardarono e si resero conto che poteva essere vero, poiché raramente erano in disaccordo con il banchiere.

“Sì”, disse il padrone di casa A, scuotendo tristemente la testa, “la nostra gente è dei bambini inetti che non ringraziano mai abbastanza per la nostra generosità, ma ahimè, cosa possiamo fare?”.

“Hanno bisogno di imparare il loro posto”, ha detto il banchiere. “Devono pagare un prezzo adeguato per ciò che offri e imparare a essere grati. Dovresti triplicare il prezzo del cibo delle tue fattorie e del carburante della catasta di legna comunale”.

I due padroni di casa si guardarono con apprensione. Erano avidi e amavano molto il suono di questo, ma erano anche codardi.

“Ma” , disse il padrone di casa B, ” ma se lo facciamo potrebbero semplicemente infastidirsi e potrebbero rifiutarsi di pagare o rompere le nostre finestre o le nostre ossa e allora staremo peggio, non meglio!”

Questo era vero. E fece scuotere la testa con rammarico ai Padroni di casa.

Ma il banchiere era più intelligente di entrambi. Si limitò a sorridere.

“Sono bambini”, ha detto, “e i bambini hanno bisogno di storie per conoscere le dure verità della vita. Quindi racconterai loro una storia”.

I due Padroni di casa lo guardarono, ma non capirono.

“Dirai loro che c’è una nuova e terribile piaga che ha rotto la catena di approvvigionamento e di conseguenza carburante e cibo sono tre volte più costosi!”

“Ma… ma non c’è una nuova e terribile piaga”, balbettava il padrone di casa A.

“Certo che c’è”, sorrise il banchiere, “perché altrimenti dovrebbero morire centinaia di persone?”

“Ma centinaia di persone non stanno morendo”, balbettava il padrone di casa B.

“Certo che lo sono “, sorrise il banchiere, “come potrebbero non quando c’è una nuova e terribile piaga?”

Lo guardarono a lungo prima che sorgesse una graduale comprensione, e i loro cipigli perplessi si trasformarono in sorrisi.

“Certo!” dissero all’unisono, “cosa faremmo senza il banchiere a guidarci!?”

Così il giorno dopo, con toni dolorosi, i due avidi Padroni di casa annunciarono ai rispettivi inquilini che era iniziata una nuova e terribile piaga e molte persone stavano morendo e questa tragedia aveva spezzato la filiera e di conseguenza cibo e carburante sarebbero stati tre volte più costosi.

La maggior parte degli inquilini credeva a questa bugia, perché si fidava dei Padroni di casa che si erano sempre presi cura di loro, e quindi pagavano volentieri tre volte di più per cibo e carburante perché sapevano che una nuova e terribile piaga l’aveva reso inevitabile.

Il banchiere comprò entrambi i cappelli d’oro dei Padroni di casa per aver gestito le cose così bene.

Un mese dopo, alcuni degli inquilini di entrambe le case hanno cominciato a notare che, anche se c’era una nuova e terribile piaga che aveva spezzato la catena di approvvigionamento, nessuno di loro conosceva sembrava morire per essa.

Questo li ha lasciati perplessi. E dopo un altro mese hanno tenuto una riunione congiunta degli inquilini della Casa A e della Casa B, dove hanno espresso le loro preoccupazioni e hanno deciso di inviare una delegazione congiunta ai Due Padroni di casa per indagare sul motivo.

Cosa che hanno debitamente fatto.

La delegazione congiunta di inquilini della Casa A e della Casa B ha affrontato i loro proprietari. Questo non era mai successo prima.

“Come può essere che uno di noi non stia morendo?” ha chiesto la delegazione ai proprietari. “Perché la nuova e terribile piaga non ha ucciso molte centinaia di persone e quindi spezzato la catena di approvvigionamento?”

“E, visto che ci siamo”, ha aggiunto un delegato particolarmente attento, “come mai ora abbiamo meno cibo mentre sembra che entrambi abbiate nuovi cappelli d’oro?”

“Sì”, hanno gridato tutti, ” perché abbiamo fame mentre tu hai nuovi cappelli d’oro?” I due padroni di casa si guardarono sgomenti.

“Err…” disse il padrone di casa A.

“Ummm…” disse il padrone di casa B.

“Buona domanda!” disse il padrone di casa A, “torna domani e ti spiegheremo tutto!”

La delegazione acconsentì, ma mormorava cupamente mentre tornavano alle loro case.

I due Padroni di casa si guardarono l’un l’altro e, come uno, si voltarono e corsero dove sedeva il banchiere sognando sogni di sofferenza umana.

“Non funziona più!” gridò il padrone di casa A.

“Ci stanno addosso!” gridò il padrone di casa B.

” Hanno chiesto dei cappelli d’oro!”, urlò il padrone di casa A.

“Quando scopriranno che la peste non sta davvero accadendo, ci linceranno!”, piansero entrambi insieme, prima di crollare a terra, la testa tra le mani.

Ma il banchiere si limitò a sorridere.

“Dimentichi che le persone sono bambini”, ha detto, “si sono semplicemente stancati della storia e ne hanno bisogno di un’altra. Vai da loro e dì loro che la nuova e terribile piaga è appena peggiorata e ora ucciderà chiunque faccia una domanda, poi digli di andare a casa e chiudere le porte, questo risolverà il tuo problema.

I due Padroni di casa gli sbatterono le palpebre.

“Questo non ha nemmeno senso”, ha detto il padrone di casa A.

“Non cadranno mai per quello”, ha detto il padrone di casa B.

“Sì, lo faranno”, ha detto il banchiere, “perché sono bambini e vogliono storie, non senso”.

Quindi il giorno successivo gli inquilini del padrone di casa A e del padrone di casa B si sono trovati di fronte a due grandi cartelli che recitavano: a grandi lettere rosse e con una dicitura identica…

Ciò creò grande paura e panico tra gli inquilini, inclusa la delegazione congiunta che stava per affrontare i proprietari e chiedere una risposta al motivo per cui avevano meno cibo mentre i proprietari avevano nuovi cappelli d’oro. In preda al terrore hanno abbandonato questo piano e sono corsi a casa senza fare domande per paura di morire.

I due avidi padroni di casa osservavano dalle loro finestre gli inquilini che correvano spaventati e sospiravano di sollievo.

Poi ridacchiarono insieme alla credulità dei loro inquilini, si congratularono per la loro intelligenza e tennero un altro banchetto celebrativo, quindi si comprarono delle scarpe d’oro.

Passò un altro mese e gli inquilini cominciarono a notare che la piaga ancora più nuova e terribile non sembrava far morire le persone più della precedente, anche quando aprivano le porte e uscivano.

Così un giorno i più coraggiosi di loro hanno osato fare una domanda.

“Perché la nuova e terribile piaga non sta uccidendo nessuno di noi?” chiese.

Tutti lo guardavano in silenzio, aspettando che cadesse morto.

Ma non lo fece. Invece parlò di nuovo.

“E perché siamo in difficoltà quando hanno nuovi cappelli d’oro e ora anche nuove scarpe d’oro?”

Gli inquilini si guardarono ancora un po’. Turbato e turbato. E poi l’interrogante parlò di nuovo.

“Penso che ci stiano mentendo”, ha detto. “Penso che abbiano inventato la nuova e terribile piaga e la catena di approvvigionamento interrotta in modo da poter aumentare il prezzo del nostro cibo e carburante e comprarsi nuovi cappelli d’oro e nuove scarpe d’oro”.

All’inizio gli altri inquilini liquidarono queste parole come folli e risero dell’uomo in coro.

Ma poi prima uno, poi un altro, smise di ridere e cominciò a pensare…

“Penso che abbia ragione”, disse uno.

“Anch’io”, disse un altro.

“Anche io”, disse un terzo.

E lentamente cominciò ad albeggiare su di loro. Erano stati ingannati.

Né la nuova e terribile piaga né la nuova e ancora più terribile piaga che ti ha ucciso quando hai fatto una domanda sono mai esistite!

Seguì un grande trambusto e un dibattito.

Alcuni inquilini hanno detto che avrebbero dovuto avere nuovi proprietari che non li avrebbero ingannati.

Altri hanno chiesto perché avevano bisogno dei proprietari, dal momento che tutto ciò che facevano era prendere soldi e raccontare bugie.

“Possiamo essere i nostri padroni di casa”, è diventato il grido. “Possiamo mantenere la nostra catasta di legna comunale, coltivare il nostro cibo nelle fattorie. Possiamo riprenderci i cappelli d’oro e le scarpe d’oro comprate con i NOSTRI soldi. Possiamo essere liberi!”

Il banchiere poteva sentire il trambusto crescente dal suo attico che copriva l’ultimo piano di entrambi gli edifici adiacenti, e chiamò a sé i tremanti e terrorizzati Padroni di casa.

“Gli inquilini sembrano aver visto attraverso il nostro piano e si rendono conto che li abbiamo ingannati “, ha detto.

“Ci uccideranno!” Il padrone di casa strillato B.

“Ci porteranno via tutta la nostra roba”, gridò il padrone di casa A.

“Dobbiamo pensare a qualcosa”, urlò il padrone di casa B, “prima che vengano e ci uccidano e prendano i nostri cappelli d’oro e le nostre scarpe d’oro e smettano di fare come diciamo loro”.

Ma il banchiere si limitò a sorridere.

“Possiamo dire loro che la nuova e terribile piaga è diventata ancora più terribile”, ha detto il padrone di casa A, “e devono andare a casa, chiudere a chiave le porte e non fare domande o moriranno tutti definitivamente questa volta”.

“No”, disse il banchiere, “sono troppo saggi ora con la peste e non ti crederanno”.

“Possiamo dire loro che spareremo a chiunque tenti di prendere i nostri cappelli d’oro e le nostre scarpe d’oro”, ha detto il padrone di casa A.

“No”, disse il banchiere, “ce ne sono troppi e sono troppo arrabbiati”.

“Stanno venendo a prenderci!” gridò il padrone di casa B in preda al panico, ” dobbiamo fare qualcosa!”

Il banchiere sorrise un po’ di più.

«Ricordate, signori, la vostra vecchia disputa sui confini di anni fa, quando entrambi sostenete che il vecchio appezzamento di ortiche era dalla vostra parte del recinto?»

“Sì, ma a che serve adesso?”, gridò il padrone di casa A in agonia di terrore.

E poi il banchiere gliel’ha detto.

Poco dopo, mentre gli inquilini protestavano e lanciavano sassi contro le finestre dei proprietari, videro il padrone di casa B all’improvviso uscire a grandi passi nel cortile, oltre gli inquilini arrabbiati che si radunavano fuori, e piantare i suoi piedi calzati d’oro nell’ortica contesa e piangere ad alta voce “Rivendico questo orticaria per l’edificio B!”

Seguì un silenzio sconvolto mentre gli inquilini di entrambe le case lo fissavano sconcertati.

Poi, sommessamente ma inesorabilmente, gli inquilini dell’edificio B iniziarono a esultare.

Quindi il padrone di casa A, che lo aveva seguito a distanza di sicurezza, alzò il braccio e lo indicò in accusa e proclamò “Il padrone di casa B sta infrangendo l’ordine basato sulle regole ed è un tiranno!”

E con altrettanta calma e sicurezza gli inquilini dell’Edificio A iniziarono a fischiare.

“Oh no, non lo sono”, disse il padrone di casa B con la sua migliore voce tonante.

“Oh sì lo sei!” esclamò il padrone di casa A nel modo più stridulo possibile.

E si strinsero i pugni l’un l’altro mentre gli applausi e i fischi si alzavano e si gonfiavano intorno a loro. I cappelli sono stati lanciati in aria. I piedi sono stati calpestati per terra. Gli inquilini dell’edificio B erano gioiosi, gli inquilini dell’edificio A indignati. Perché all’improvviso tutti si sono ricordati che l’ortica contesa apparteneva a loro.

“Aspetta”, gridò uno degli inquilini, “che dire delle bugie che ci hanno detto entrambi? E i prezzi triplici, i cappelli d’oro e le scarpe d’oro?»

“Quello era tutto il padrone di casa A, il mascalzone”, ha detto qualcuno dell’edificio B.

“Era tutto padrone di casa B, il diavolo”, ha detto qualcuno dell’edificio A.

E poi si sono presi a pugni a vicenda.

E subito dopo gli inquilini di entrambi gli edifici erano un nodo di rabbia che si contorceva a terra, prendendosi a pugni e calci l’un l’altro.

Alcuni inquilini dell’edificio A stavano effettivamente litigando dalla parte del padrone di casa B perché erano sicuri che le sue scarpe d’oro fossero più piccole di quelle del padrone di casa A.

Alcuni inquilini dell’edificio B stavano effettivamente litigando dalla parte del padrone di casa A perché erano certi che il suo cappello d’oro costasse meno di quello del padrone di casa B.

Nei giorni successivi le persone pubblicarono persino proclami che provavano queste affermazioni con diagrammi e argomenti complicati.

Si prendevano gioco di quelli dall’altra parte le cui convinzioni erano ovviamente assurde.

Ognuno aveva un’opinione decisa. Quindi, quando qualcuno ha bruciato nove decimi della catasta di legna comunale e non c’era quasi più legna comune per riscaldare le stufe degli inquilini, ovviamente entrambe le parti sapevano esattamente a chi dare la colpa.

E si sono combattuti con ancora più ferocia perché ora era in gioco ancora di più.

Invece di portare parole e pugni al combattimento, portarono bastoni, mazze e coltelli e iniziarono a uccidersi a vicenda perché ora avevano freddo e paura.

Nel frattempo, mentre il sangue scorreva, i due avidi Padroni di casa tennero un altro banchetto celebrativo, con un posto a capotavola per il Banchiere.

Poi, e con sembianze lugubri, hanno aumentato di tre volte il prezzo del cibo e razionato il carburante ai più meritevoli, perché la tragica, inevitabile guerra in corso e amara per l’Orticaria aveva finalmente spezzato irreparabilmente la catena di approvvigionamento e qualcuno aveva tragicamente, inevitabilmente bruciato nove decimi della catasta di legna comunale.

E questa volta non ci sono state proteste, solo le urla di battaglia che echeggiavano per sempre.

 
Catte Black
 

 

 

 

   JR Leach (illustrazioni) è un autore fantasy e grafico il cui romanzo d’esordio The Farmer and the Fald è stato pubblicato all’inizio di quest’anno. Puoi seguirlo su Twitter o Substack e vedere altri suoi lavori sul suo sito web

 

 

 

 

 

  • «PARTE L’ESPROPRIO IMMOBILIARE»

    ”L’ingresso delle multinazionali nella proprietà d’un bene primario, permetterà ai grandi …
  • «E INTANTO CRESCE UN NUOVO SCHIAVISMO»

    ”Noi barricati in casa, intenti a barattare la libertà con la salute, e intanto prende pie…
Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Catte Black
Carica altro RACCONTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *