Siamo esseri umani…

LA TECNOLOGIA DI UN CANE


Siamo esseri umani. Siamo creature brillanti e adattive che hanno vagato per il pianeta per molto tempo; mangiare, bere ed evolversi al punto da diventare la tecnologia del nostro cane.

Lo sapevi, vero?

Mentre noi esseri umani premiamo i pulsanti per fare le cose, i cani si sono evoluti in modo esponenziale. Sono così intelligenti ora che devono semplicemente guardarci (creature tristemente inferiori quali siamo) con grandi occhi marroni e liquidi e noi daremo loro un pezzo del nostro toast.

Vagheranno pigramente in cucina e inizieranno a far rotolare la ciotola dell’acqua sul pavimento e noi ci precipiteremo a riempirla. Non puoi menzionare nessuna delle seguenti parole: passeggiata, deambulazione, uscita, guinzaglio, gioco o poobleducks, in qualsiasi normale conversazione (al telefono o di persona) quando un cane è nei paraggi altrimenti verrai immediatamente attaccato con leccate oltraggiose ed entusiasmo canino esagerato. Questa attività ti porterà inevitabilmente a strisciare miseramente nell’oscurità, nella pioggia battente, ventosa e selvaggia con il guinzaglio e il cane attaccato perché è così che il cane lo vuole. E se questo è ciò che il cane vuole, allora questo è ciò che riceverà.

I cani hanno questo tipo di potere, perché sono superiori a noi in ogni senso.

Noi, assolutamente sciocchi umani quali siamo, non ci siamo resi conto di quanto terribilmente evoluti stiano diventando i cani. Li porti a casa in una piccola cassa e passi settimane a spargere carte e convincerli a sedersi e ad agitare una zampa. In queste piccole dimostrazioni di talento poco dignitose, inevitabilmente ti asseconderanno… per un po’… almeno finché non avranno circa sei mesi. Anche quando li porti alla scuola dei cuccioli, osservano attentamente tutti i trucchi e le tecniche su come addestrare il tuo essere umano mentre fingono di andare a prendere le coperte e di tallonarsi prontamente.

Di solito è durante questo periodo che iniziano un lento e sottile periodo di indottrinamento in cui tu, essere umano, sei programmato in modo appropriato per i loro bisogni. Questo perché stanno parlando con gli altri cani della classe quando pensi che stiano solo sbuffando, tirando su col naso e piagnucolando. È il codice per dogpeak.

All’inizio potresti dormire fino a tardi nel fine settimana, con il cane rannicchiato che russa scandalosamente ai tuoi piedi, ma poi il cane inizia a voler uscire… sempre prima. Presto ti alzerai alle 5:00 ogni mattina sostenendo di essere un’allodola mattutina. Ma sappiamo che non lo sei. È il cane. Alla fine, corri a casa dal lavoro sostenendo che adori stare a casa. Ma sappiamo che è perché devi dare da mangiare al cane.

A volte dai da mangiare al cane e lui ti guarda e basta. Non ha fame in questo momento, ma forse lo sarà più tardi. Ha pianificato il futuro. Sono davvero così astuti.

Poi ti metterà la zampa in grembo mentre cerchi di mangiare perché non è più solo il tuo cibo. È il cibo del cane e guarda caso l’hai preparato tu. Presto ti ritrovi a guardare i Teletubbies perché al cane piacciono di più della CNN. Il cane ovviamente prende il divano.

Se possiedi un cane molto intelligente e diventi ben addestrato, il cane verrà con te quando andrai a fare shopping. Il cane di solito reclamerà il sedile anteriore. Alla fine, ti ritrovi sempre più spesso a fare acquisti nei negozi di animali perché puoi portare lì il cane. Comprerai le cose del cane perché è ciò che ti ha programmato a fare. Non puoi farci niente. È il cane.

Pensavi che raccogliere la cacca sui binari fosse una legge comunale, ma non è così. È il cane. È una cospirazione. I cani lo vogliono così. Li fa sentire superiori. Noi siamo la tecnologia del cane.

Ferma il cane!

Silvia Shawcross

 

 

 

 

Sylvia Shawcross vive in Canada. Visita il suo sottostack .

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Silvia Shawcross
Carica altro CULTURA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«NELLA CAVITÀ DELLA ROCCIA»

Di notte fa di nuovo freddo e i procioni allungano le loro manine fino alla ciotola del ci…