Esselunga, lo spot della “pesca” fa discutere

LE FAMIGLIE “NORMALI”? QUELLE CON FIGLI PRODOTTI DA AFFITTAUTERO.

ESSELUNGA SI ADEGUI


Ed ora le anime belle del politicamente corretto imporranno a Esselunga di realizzare un nuovo spot, in linea con il non-pensiero woke. Un bambino vestito da bambina (o viceversa) corre incontro ai due padri chiamandoli genitore uno e genitore due e chiede di inviare su whatsapp una canzone di Rosa Chemical all’affittautero che lo ha messo al mondo.

Perché, evidentemente, per questa piccola porzione di Italia la normalità è solo ed esclusivamente la loro.

“Non c’è una spesa che non sia importante”. E’ questo il messaggio dell’ultimo spot Esselunga che oggi, 26 settembre 2023, sta facendo discutere i social. Si tratta di un piccolo cortometraggio di due minuti dal titolo ‘La Pesca’ con protagonisti una bambina e due genitori separati. Una scelta che ha fatto schizzare l’hashtag con il nome del supermercato dei Caprotti tra i trend di ricerca su X. Ecco perché.

La trama

La piccola, al supermercato con la mamma, scappa per andare a scegliere con grande attenzione una pesca. Quindi torna a casa dove, più tardi viene a prenderla il papà. Quando la bimba sale in auto con il padre, gli regala il frutto, fingendo che sia stata la mamma a comprare la pesca per lui, con l’intento di farli riappacificare.

Lo spot che fa discutere

 

 

 

 

 

Indubbiamente la famiglia italiana media non è quella raccontata dallo spot. Esistono addirittura famiglie che non si sono separate. Ma loro avevano già avuto lo spot del Mulino Bianco, cancellato per l’orrore provocato nelle famiglie arcobaleno. Però, adesso, anche le famiglie separate provocano sconcerto nelle fila dei sedicenti intellettuali ed opinionisti.

D’altronde nelle pubblicità delle auto compaiono, inesorabilmente, famiglie multietniche. Vuoi mica promuovere l’immagine di un padre e una madre bianchi, eterosessuali e con figli del medesimo colore? Un oltraggio inaccettabile. Scatterebbero immediatamente le proteste di Scanzi, le lamentele di Saviano, le richieste di manifestazioni antifasciste da parte di Berizzi e Trocino.

Dunque, anche una pesca di Esselunga può diventare fonte di scontro. Perché non tutti i figli di coppie separate sarebbero felici di una riconciliazione tra madre e padre; perché esistono situazioni di violenza; perché ci sono casi e casi. Tutto vero, certo. Ma esiste anche una realtà fatta di bambini che sognano una famiglia unita o riunita. Sono la normalità?  Di sicuro più di quella delle famiglie con bambini acquistati sul catalogo degli uteri a disposizione. Più di quella delle famiglie multicolori. Più di quella delle società di comodo con genitore 1 e genitore 2. Ma per quegli spot nessuno protesta.

Andrea Marcigliano
Ala.de.granha

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Ala de Granha
Carica altro ATTUALITÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«NUOVO DRAMMA ITALIANO DOPO I FERRAGNEZ: AMADEUS LASCIA LA RAI…»

La guerra in Ucraina? Uffa...! …