È la notte che ti frega. Troppo silenzio, e i pensieri si sentono di più. Non sei sola, ti fanno compagnia i ricordi. Silenzio, pensieri e ricordi. E non dormi più”

Federica Maneli

 

 

LE NOTTI INSONNI

Caspar David Friedrich, Viandante sul mare di nebbia, 1818, Hamburger Kunsthalle.

Il sentiero di sassi si diparte dalla strada asfaltata che congiunge Sezze a Bassiano ed oltre per arrivare e disperdersi là dove sorge un rustico abbandonato – qualcuno mi ha detto, credo, fosse un

Filippo II Augusto di Louis-Félix Amiel, 1837

centro di osservazione, forse della Guardia forestale – un fontanile dove si abbeverano i cavalli al pascolo e uno spazio ampio e sterrato. Poco oltre il bivio sorge una

Jacques de Molay in una cromolitografia ottocentesca di Chevauchet

sorta di eremo e la leggenda narra che vi si erano rifugiati dei cavalieri templari in fuga dopo il bando emanato dal re di Francia Filippo il Bello e lo scioglimento dell’Ordine, per incamerarne le ricchezze, il supplizio del Gran Maestro (Giacomo di Molay e con lui Goffredo di Charnay e Aycelin di Troyes), arso vivo alle porte di Notre-Dame (il 18 marzo 1314) la dispersione.

Giacomo di Molay a Notre-Dame

Una mattina, molti anni sono trascorsi, scavalcai la recinsione e discesi nel sotterraneo ove, alla parete e ormai quasi del tutto rovinato, s’intravedeva un rozzo dipinto che, è sempre la leggenda che

Baphomet, di Eliphas Lévi. Sulle braccia appaiono le parole latine SOLVE (sciogli) e COAGULA (unisci).

lo vuole, rappresenti il Bafometto(1) su cui i monaci guerrieri avrebbero giurato e compiuto riti idolatrici. Spesso chiazze bianche di neve, l’aria pungente, il cielo un

Pierre Drieu La Rochelle

trionfo di stelle, abbiamo celebrato qui il Solstizio d’inverno intorno ad un cerchio di legna messa ad ardere, seri e compiti, a cantare e attendere il sorgere del sole. Gli dei che muoiono e che rinascono, così scriveva Drieu la Rochelle, incessantemente (ultima pagina di Gilles).

Una comunità viveva, allora, i suoi riti e le sue speranze e i sogni e gli ideali che ci si illudeva fossero fonte sorgiva di eterna giovinezza. E, a giugno, il Solstizio d’estate a partecipare del rigoglio della natura con i nostri sensi resi un sol brivido di gioia, a riaffermare la potenza della carne. E con noi, il più assorto silente e coinvolto, Salvatore. Con l’arma in spalla il basco con il fregio della Legione, in una radura fra folta vegetazione (in Gabon, mi sembra di ricordare) la foto incorniciata alla parete fra i miei libri. Mi faceva da guida lungo i monti Lepini, al Semprevisa, quando ancora il mio passo era svelto e sicuro. Se ne andò un giorno a cercare uno spazio ove misurare le proprie forze e tradurre in armi i sogni d’avventura o forse soltanto per non cedere alla noia alla rinuncia ad una vita priva d’affanni. Tornò, infine, dentro una cassa di legno chiaro e grezzo il tricolore francese adagiato sopra il chepì e le decorazioni. Poca cosa, ma ciò che conta rimane nel cuore nella mente. Oggi ci imponiamo di rimanere fedeli alla consegna di non rinnegare gli ideali dei nostri vent’anni. E, muta la domanda, se la scelta di Salvatore di mettere anzitempo a terra lo zaino sia stata la più felice rispetto a tante nostre notti insonni…

Bastian Contrario 

 

Note

(1) Bafometto è un idolo pagano, della cui venerazione furono accusati i cavalieri templari. Ricorrente nella letteratura occultista del XIX secolo, ne esistono varie descrizioni ed iconografie: un idolo con un teschio umano, una testa con due facce, un idolo-gatto e una testa barbuta. Il nome fu poi ripreso, nello stesso secolo, dai sostenitori dell’occultismo. L’etimologia del nome, controversa, è ancora oggi incerta. Il nome di Baphomet, come suggerisce anche l’illustrazione di Eliphas Levi, è stato inoltre associato col tempo alla figura di Satana e, da alcuni, quello del Dio buono sumero-babilonese Enki, protettore dell’umanità e il cui simbolo era una capra, rivale del Dio ebraico Yahweh considerato il crudele demiurgo gnostico. Le corna sarebbero mascheramenti dei raggi del volto di Enki, disegnati per celarlo alla Chiesa.

Fonte

Fonte Il Pensiero Forte dell’11 marzo 2020

 

Immagine Caspar David Friedrich, Viandante sul mare di nebbia, 1818, Hamburger Kunsthalle.

Carica ulteriori articoli correlati
  • «DONNE, ANCORA DONNE»

    ”Il Fascismo e il Nazionalsocialismo avevano la concezione della donna quale “angelo del f…
  • «IL TRIONFO DELLA VOLONTÀ»

    ”Si racconta, l’ho letto di recente, come il cantante David Bowie, detto il Duca Bianco, s…
  • «SONO SOLO CANZONETTE»

    ”Nietzsche, che amava la città di Genova, riteneva come fosse Cristoforo Colombo il suo ge…
Carica altro Bastian Contrario
Carica altro Cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«DONNE, ANCORA DONNE»

”Il Fascismo e il Nazionalsocialismo avevano la concezione della donna quale “angelo del f…