I Dinosauri, che hanno dominato la terra per 150 milioni di anni, saranno spazzati via

L’ESTINZIONE DEI DINOSAURI

FEMMINISMO-DOGMATISMO SCIENTIFICO [2]

La tabella delle estinzioni

Nel 1980, due Paleontologi, David Raup e Jack Sepkowski, scrissero uno studio molto importante sull’estinzione delle specie viventi della terra: questi scienziati sconosciuti al grande pubblico, stilarono una tabella dove hanno calcolato tutte le probabili estinzioni avvenute sulla terra: quello che scoprirono è che durante le fasi geologiche della terra, ogni circa 26 milioni di anni, si è verificata una importante estinzione; ciò è dovuto al fatto che ogni circa 26/27 milioni di anni, la terra entra nell’orbita della fascia degli asteroidi e comete , chiamata La nube di Oort.

Rappresentazione artistica della Fascia di Kuiper (sopra) e della nube di Oort (sotto) Wikipedia p.d.

Quando attraversa questa fascia, la terra viene bombardata dalle comete che entrano nell’atmosfera terrestre, causando in ogni ciclo una grande estinzione: Nell’ Ordoviciano, nel Permiano e nel Giurassico. Ma queste sono ancora delle ipotesi, perché come detto prima, i fattori che possono causare una grande estinzione possono essere molteplici.

La storia della vita è punteggiata da molteplici estinzioni, a loro volta causate da molteplici motivi. Penso che uno dei motivi fondamentali per il quale i dinosauri non riuscirono più ad adattarsi ai nuovi climi, fu perché erano diventati troppo complessi per i nuovi ambienti. Il loro comportamento biologico e ambientale/sociale era un modello ormai superato e obsoleto. Della stessa opinione è Michael Crichton nel suo romanzo Il mondo perdutosequel di Jurassic park.

A questo punto, i lettori si chiedono: ma perché nel titolo di questo saggio, compaiono i termini Femminismo e Dogmatismo Scientifico, se fino ad adesso si è parlato di dinosauri? Un po’ di pazienza e spiegherò il nesso

Il Dogma femminista

Se uno dei più grandi dogmi scientifici è che l’estinzione dei dinosauri è avvenuta a causa di un impatto con un meteorite, il dogma femminista è che le società siano maschiliste e patriarcali. Questa concezione della donna, giusta e pura, vista come vittima e oppressa dalla storia, considerata violenta e autoritaria, affonda le radici in numerosi fonti.  Di conseguenza, i mass media cercano di mettere gli uomini e le donne gli uni contro gli altri. Anche la religione cattolica cristiano/ortodossa ha contribuito nel costruire l’immagine di una donna pura e superiore al maschile, in quanto Madre di Dio. Ma questo deve farci capire come sia falso ciò che affermano le femministe, cioè che la cultura cristiana è una cultura patriarcale e oppressiva: come fa ad essere patriarcale una religione che eleva la donna a Madre di Dio: Theotókos?

Il concetto di dogma

Come sappiamo è nel Concilio di Efeso del 431, che si realizza il dogma mariano. Ma cosa è un dogma?  

Secondo la definizione della Treccani, con il temine Dogma si intende una Verità fondamentale e indiscutibile e accettata come tale. Lo stesso si può dire per il termine Assioma: “una verità o un principio che si ammette senza discussione”. I Dogmi possono essere religiosi, sociali, scientifici e ideologici. 

Quando il femminismo incomincia ad apparire nei dibattiti culturali di tutta Europa, erano tematiche legate al ruolo delle donne nella società. Ma con il tempo, si trasformò in un vero e proprio dogma religioso e sociale inattaccabile e indiscutibile: se non sei femminista, sei una persona che non ha valori. Il dogma femminista, per il quale le donne sono solo delle vittime della storia, è ormai entrato nell’inconscio collettivo di quasi ogni popolazione.

Inoltre, questo movimento ideologico ha assorbito anche altre realtà di pensiero deviato, come una certa parte della Teosofia, e del pensiero new age, che hanno come perno il culto del femminile e della sua presenza nel mondo. Il dogma femminista che afferma la presunta superiorità femminile, è un culto religioso, modellato sul concetto di razza prescelta e superiore, già incontrata con il movimento politico Nazista. Chi non è credente in questo dogma, non è un essere umano intelligente, così come chi non crede all’ipotesi dell’asteroide, non può definirsi scienziato. 

E così come oggi, chi non crede alla versione ufficiale del virus e del falso vaccino, è tranquillamente un eretico, ignorante, che non ha studiato e che non conosce la scienza. In regalo ti cancellano anche dall’albo dei medici, se sei medico, oppure ti escludono se sei impiegato o professore. Succede questo, quando non si crede ai nuovi culti religiosi che si affacciano sulla società contemporanea. Quello che non vogliono comprendere le istituzioni che hanno accolto e assorbito i dogmi senza critiche, è che il comportamento umano, sia di ogni popolo o nazione, che di ogni persona uomo o donna che sia, non è classificabile e prevedibile, e di conseguenza è impossibile impacchettarlo in uno standard fisso. Il pensiero dogmatico non tiene conto che il comportamento umano, animale e sociale, le scoperte scientifiche, il cambiamento climatico, e anche la natura degli animali e delle piante, sono come la geometria Frattale: imprevedibili e plastici. Il mondo è in continua trasformazione, come un’artista che modella l’argilla nelle sue mani; è anche vero ovviamente che esistono insite nella natura e nei suoi esseri viventi, dei codici fissi per vivere nel mondo, che è un modo dove ha spinto ogni specie vivente, ha sviluppare ed evolvere numerose strategie di sopravvivenza. 

La Teosofia di Alice Bailey

Secondo la Teosofia new age di Alice Bailey, la nostra epoca sta passando da una vecchia era, quella dell’età dei Pesci a quella dell’Età dell’Acquario: questa epoca è definita dal movimento femminista new age, come un periodo di rinascita dopo tanti secoli di oscurantismo e di oppressione della donna. La tiritera new age colpisce ancora. Anzi, la nostra epoca, il Terzo millennio, sarebbe, per la concezione del tempo new age, l’era dell’età dell’Acquario. Ma è qui che incontriamo il pericolo: il dogmatismo odia la vita in tutte le sue forme; e uno degli obiettivi della filosofia new age di stampo femminista, è proprio eliminare più della metà della popolazione dalla faccia della terra.

Il movimento New Age e le sue radici teosofiche

Alice Bailey era una femminista new age: faceva parte del Movimento Teosofico femminista e massone, fondato dalla Madame Helena Petrovna Bavatsky (1831- 1891). Ma ne fecero parte altre femministe Teosofiche come Annie Besant (1847 – 1933), che fu una nota femminista, libertina, liberista, abortista: caratteristiche e qualità molto apprezzate nella nostra società moderna; e la già vista Alice Bailey. L’agenda del loro progetto fa parte del Nuovo ordine mondialeun progetto politico che si è radicato nelle istituzioni di ogni sorta: dall’arte alla musica, dalla medicina alla scuola e università. A me dispiace affermare che le istituzioni scolastiche sono oggi le più promotrici di questo progetto malvagio, ma è la verità.

Geopolitica del contagio e nuovo ordine mondiale (Una strada di New York durante la pandemia)

Con una falsa istruzione che viene introiettata fin dall’infanzia, il Nuovo ordine mondiale, che comprende anche il femminismo tossico e l’agenda femminista della Bailey, stuzzica le parti malvagie della mente umana, facendo pressione sul lato narcisistico di ogni individuo, maschio o femmina che sia, sul loro orgoglio del sentirsi superiore (nelle femmine), e sulla componente distruttiva della psiche. Infatti, sono bastati nemmeno due anni di tempo, per modificare la percezione del prossimo: adesso siamo tutti infetti, malati e ci dobbiamo vaccinare, perché chi non si vaccina è un nemico del popolo.

La sperimentazione del vaccino e la truffa del covid

Tutto questo fa parte di un progetto organizzato decenni fa dalle potenti multinazionali e case farmaceutiche, che hanno comprato i governi. L’Italia è uno dei paesi scelti dalle case farmaceutiche e dalle multinazionali del Big Pharma, per rendere lo stato un laboratorio di sperimentazioni dei loro falsi vaccini che sono in realtà delle terapie geniche sperimentali. In un articolo pubblicato nella rivista Nature Bimedical Engineering il 3 maggio del 2019, vengono riportati i dati e i risultati dei vaccini realizzati con la tecnologia a mRNA da parte della Pfizer, Moderna, Astrazeneca e la Johnson&Johnson. 

Nel citato studio pubblicato in lingua inglese: “Visualitiation of early events in mRNA vaccine delivery in non – human Primates via PET . Come suggerisce il titolo la prima sperimentazione venne effettuata su dei mammiferi non umani: si possono comprendere quali siano questi mammiferi. Nei laboratori di tutto il mondo, le Cavie per gli esperimenti più utilizzate sono il Topo da laboratorio e i Primati. Il Topo da laboratorio (Mus musculus), è l’animale più usato per le sperimentazioni farmacologiche e genetiche di tutto il mondo. Spesso è di colore bianco, ma può essere anche del tipico colore marroncino o grigio. Ma anche gli Scimpanzé e i Macachi vengono molto utilizzati per le sperimentazioni farmacologiche. Il motivo per il quale vengono utilizzati questi due mammiferi placentari, è perché la loro genetica è molto vicina nell’albero evolutivo della specie umana.

Proprio i Macachi (Macaca Fuscata), vennero utilizzati per la prima sperimentazione dei vaccini contro il presunto coronavirus: il team della Georgia Institute of Technology di Atlanta, composto da vari ricercatori come Kevin Lindsay,  Sushma Bohlse, Chiara Zurla e altri, ha rilevato quasi un anno prima della falsa pandemia, che i vaccini e i loro effetti collaterali, furono sperimentati sui Macachi: attraverso una speciale Tac ai Raggi X, si è potuto osservare il percorso che fa il vaccino una volta entrato nel corpo: esso rimane a proliferare in alcune zone del corpo come la zona sotto i fianchi e altri parti corporee. Inoltre, crea dei coaguli sanguigni nella vena principale del cuore o nella zona dei polmoni.

Inoltre, si è scoperto che una sola dose di vaccino, da qualunque casa farmaceutica proviene, può essere ancora eliminabile dal corpo umano, ma con seconde e terze dosi, diventa quasi impossibile; questo perché le sostanze presenti nel vaccino si annidano di prepotenza all’interno del sistema linfatico. È proprio la ricercatrice Chiara Zurla, che mi ha fatto comprendere una volta per tutte, che il vaccino era già preparato, e il terrorismo mediatico legato al presunto Coronavirus, un comune Virus influenzale, serviva per fare accettare alle masse il vaccino:

In una intervista/articolo rilasciata a Eleonora Dusi, intitolata Vaccini: il covid è solo l’inizio, dall’Rna arriveranno quelli del futurola ricercatrice, alla domanda “che storia ha l’Rna?”, risponde: “Moderna aveva un vaccino in fase due, ma senza il Covid questo metodo sarebbe rimasto fermo sulla rampa di lancio per chissà quanto tempo. La pandemia ha messo in fila tutte le condizioni affinché potesse affermarsi”.  Ora è   tutto chiaro: si chiarisce il sospetto che mi ha accompagnato per molto tempo: le case farmaceutiche avevano un progetto farmacologico, ma per metterlo in pratica ci volevano tanti anni; di conseguenza, desiderose di maggiore guadagno , hanno accelerato l ‘ introduzione nel mercato di questi vaccini; ma per farlo serviva una scusa, e la scusa era l’influenza stagionale che arriva ogni anno, ingigantita per terrorizzare le masse: mascherine, lockdown e altre assurdità, sono serviti per convincere le  popolazioni che la messa in scena era vera .

Ricordiamo che un vaccino per essere approvato, necessita anche di dieci anni di sperimentazioni; infatti, i cinque macachi utilizzati come cavie, sono morti tutti, dopo la sperimentazione di quattro dosi per ciascuno. Il vaccino, quindi, doveva essere ancora sperimentato su altre cavie, fino all’approvazione finale; solo quando una cavia non muore, un prodotto farmacologico può ritenersi sicuro. Ma attualmente la sperimentazione è in corso, ed è fatta sugli esseri umani. E le numerose morti per malori improvvisi, lo dimostrano. Il mondo intero è diventato un laboratorio di sperimentazioni illegali con l’appoggio dei governi pagati dalle case farmaceutiche. I virus e i batteri sono sempre esistiti ed esisteranno sempre, e non sono certo dei vaccini sperimentali a sconfiggerli; fanno parte della vita, come le piante e gli animali.

Così come il Nazismo e il Comunismo, ha potuto attuare il suo piano, perché entrambe le ideologie trovarono appoggio nei medici e negli scienziati ideologizzati, anche questo nuovo regime sanitario e terapeutico, ha trovato appoggio nei medici, che purtroppo si sono rilevati ignoranti e incapaci di capire il meccanismo biologico, oltre che corrotti e collusi. Ma non soltanto la classe medica appoggia il nuovo regime sanitario, ma anche attorucoli e attricette, presentatori e presentatrici, attori e attrici porno; insomma, tutta una classe di personaggi pagati dai poteri forti.

Il dogmatismo Scientifico

Tutto questo è il dogmatismo Scientifico: quando una disciplina viene elevata agli altari della sacralità, diventa un dogma contro il quale non puoi discutere, perché vieni bandito per legge. La scienza, la biotecnologia, la medicina, il femminile e il femminismo, sono ormai rituali sacri delle streghe e degli stregoni che si sono impadroniti delle istituzioni mondiali. Il movimento teosofico femminista e ambientalista ha nella sua agenda, il progetto di ridurre la popolazione mondiale attraverso la pillola contraccettiva e i vaccini. Dietro l’apparente bellezza dell’ambientalismo, con le battaglie per salvare l’ambiente (ve la ricordate la piccola strega Greta?), si nasconde un pericoloso odio per la specie umana, così come i Nazisti odiavano gli Ebrei. È anche vero che la specie umana non è buona, ed è molto distruttiva, ma non spetta a noi il compito di eliminare: la nature se lo ritiene necessario farà il suo corso.  Ogni specie nasce, si evolve e si estingue, e la nostra specie non è da meno. 

Il culto dei dogmi

Attraverso tutti i media moderni, come la televisione, la radio, i concerti, i video musicali, la pornografia (soltanto che non riesco a capire se sono più pornografici i programmi televisivi o la pornografia in sé, ma comunque), i dogmi della scienza, del femminismo e della medicina, vengono introiettati alle masse passive che vivono solo per il quotidiano, e non conoscono nulla di ciò che avviene sotto il loro naso. Attraverso i programmi ministeriali, scolastici e culturali ogni tipo di dogma citato prima, viene introdotto nelle nostre case, nelle nostre menti e nelle nostre vite: criticare il femminile o il femminismo è un vero e proprio sacrilegio, viene offesa Artemide; mentre sputare fango sulla figura di Gesù o di Maria, è considerato un gesto da moderni e da persone libere. Così come criticare il regime sanitario, è un gesto da ignoranti. Così ragiona il pensiero dogmatico.

Le scienze e le tecnologie sono oggi utilizzate dalle forze del male, e sono contro la natura e la bellezza della vita sulla terra; nel Novecento, un proliferare di racconti fantascientifici, di opere cinematografiche e di animazione che trattano questi temi, ne sono la dimostrazione. Oggi, ci sono le possibilità nei laboratori di creare forme mostruose, la tecnologia è utilizzata per modificare la genetica e ogni cosa è stravolta.

La vittoria ci sarà

La vita comunque vincerà, la natura del mondo troverà un modo per liberarsi dal male che affligge il nostro tempo. Chi è saldo nelle proprie radici, non verrà travolto dal male, perché i viandanti non sono perduti, chi è senza corona diventa re, e le radici profonde non gelano.

Fabrizio Manco

 

Fonte: Idee&Azione  del 25 settembre 2021

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Fabrizio Manco
Carica altro STORIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«L’ESTINZIONE DEI DINOSAURI: FEMMINISMO-DOGMATISMO SCIENTIFICO [prima parte]»

”I Dinosauri, che hanno dominato la terra per 150 milioni di anni, saranno spazzati via …