Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina? 

Gratis.

Senza esborso di denaro. È il contrario di “a pagamento”, e per un ingannevole parallelismo molti dicono e scrivono, sbagliando, «a gratis». Gratis è ablativo plurale di gràtia, grazia, favore (forma contratta da gratiis). Quindi significa «per le grazie», «per i favori», «graziosamente». In tono scherzoso, si dice gratis et amòre Dèi, gratis e per l’amore di Dio. Conviene sempre diffidare  delle cose offerte gratis, o a basso prezzo. Nel secondo caso possono essere di provenienza furtiva e si rischia l’incriminazione per incauto acquisto. Nel primo caso, si rischia di pagarle, a tempi lunghi, molto più del loro valore. Diceva Sacha Guitry: «Ci sono delle donne che protestano “Io non mi vendo” e giurano di non accettare un centesimo. Sono proprio quelle che ti rovinano».  

Carica ulteriori articoli correlati
  • «Il re di fiori»

    ”Agatha Christie non andò mai a scuola, eppure è diventata la più grande scrittrice di gia…
  • «FUOCO AL CIELO»

    ”Nel 1957 i villaggi intorno a Čeljabinsk vengono contaminati, gli abitanti si ammalano, m…
  • «La cintura di Ippolita»

    ”Agatha Christie non andò mai a scuola, eppure è diventata la più grande scrittrice di gia…
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«Il re di fiori»

”Agatha Christie non andò mai a scuola, eppure è diventata la più grande scrittrice di gia…