Una lingua “morta” che però  continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

Ingnoràtia lègis non excùsat. 

L’ignoranza della legge non giustifica. In altre parole, si è obbligati a rispettarla anche quando non la si conosce. Precetto sensato là dove si fanno poche leggi, chiare e non contradittorie. Ma quando la produzione legislativa raggiunge il ritmo d’una catena di montaggio, quel precetto diventa crudele. Con la differenza che nell’industria l’alta produttività è indice di buona salute, in politica le troppe leggi denunciano il contrario. Diceva Tacito: in uno Stato corrottissimo, moltissime leggi.

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«IL SENSO DELLA GUERRA NEL XXI SECOLO»

”In Europa, eccetto che in Jugoslavia, la pace regna dalla fine della seconda guerra mondi…