Una lingua “morta che però  continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

 Qualis pater talis filius

Quale il padre tale il figlio. Pregi e difetti si trasmettono per via ereditaria. Ma la frase viene usata preferibilmente, e con accenti di riprovazione, nel secondo caso. Nel Veneto si dice el sangue no xe aqua quando il figlio d’un ladro di biciclette si adegua al progresso tecnologico e assalta il caveau d’una banca, munito di lancia termica. Naturalmente la legge dell’ereditarietà subisce qualche deroga e addirittura provvidenziale è quella che, da un padre di modeste qualità, fa nascere un genio. Il genio è destinato a non essere capito dai contemporanei, figuriamoci dai genitori mediocri, che vorrebbero figli sempre a loro immagine e somiglianza. Il padre del Petrarca, notaio, desiderava che Francesco si avviasse come lui agli studi giuridici, e quando scoprì che perdeva tempo a leggere libri dei poeti latini, glieli bruciò. Il padre di Blaise Pascal gli nascose tutti i volumi di matematica, ma lui, giovanissimo, chiuso in camera, ri-scoprì da solo la geometria di Euclide.

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro LETTERATURA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«IL SENSO DELLA GUERRA NEL XXI SECOLO»

”In Europa, eccetto che in Jugoslavia, la pace regna dalla fine della seconda guerra mondi…