Poteva evitare un commento che dimostrasse la sua obbedienza pronta, cieca ed assoluta alla guerra di Biden e Zelensky?

MELONI TRISTE: L’AMERICA LATINA HA RIFIUTATO ZELENSKY

AL VERTICE CON L’UE. E LEI SBARELLA SUL GRANO UCRAINO


Poteva evitare un commento che dimostrasse la sua obbedienza pronta, cieca ed assoluta alla guerra di Biden e Zelensky? Certo che no. E, infatti, lady Garbatella si è subito lanciata a bollare come “offesa all’umanità” la decisione di Putin di non confermare l’accordo sull’export del grano ucraino. Ci è o ci fa, Giorgia Meloni? Probabilmente “ci fa”, perché è difficile credere che non sia informata dalla realtà confermata pure dalle agenzie dell’Onu: l’accordo ha permesso le vendite di 32,8 milioni di tonnellate di cibo ucraino ma Zelensky ha consegnato solo il 2,5% ai Paesi poveri di Africa ed Asia.

E allora di quale emergenza alimentare parla, lady Garbatella? In ottima compagnia delle piangine dei TG e dei quotidiani atlantisti. Una disinformazione indecente. D’altronde bisogna criminalizzare la Russia e nascondere le porcate di Zelensky che le derrate alimentari le ha trasportate in Europa dove il mais è stato spesso utilizzato per gli animali mettendo in crisi gli agricoltori di Polonia, Ungheria, Slovacchia, Romania. Ma su questo, lady Garbatella, è assolutamente muta. Le basterebbe leggere Rampini sul Corriere della sera per scoprire che anche gli atlantisti sanno che i Paesi poveri non avranno carenze di cibo per questo blocco. Ma lei, niente. Zelensky ha detto e lei si trasforma in megafono.

Forse è arrabbiata perché al vertice tra Unione europea e America Latina non era presente il suo amichetto ucraino. Eppure, il folle di Kiev aveva chiesto di essere invitato. Aveva insistito, aveva protestato, aveva fatto i capricci. Niente da fare. I latinoamericani non lo hanno voluto. Chicos malos!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E gli egiziani hanno condannato Zaki a 3 anni di carcere e lei ha subito espresso la sua contrarietà. Quella che manca a proposito di Assange che i suoi amichetti angloamericani hanno sepolto in galera.

O forse è irritata perché dopo il suo show a Tunisi sono subito arrivati mille clandestini a Lampedusa. Denaro in cambio del blocco delle partenze? Per ora solo denaro, nostro, in cambio di poche promesse. Perché la Tunisia, oltre a non aver fermato i clandestini, si è giustamente impegnata a riprendersi esclusivamente i migranti tunisini. Dunque, basta che, al momento dello sbarco, dichiarino di essere norvegesi o congolesi e bisognerà tenerseli e mantenerli, visti i grandi successi ottenuti sul fronte dei rimpatri dal governo di dilettanti allo sbaraglio.

Adele Piazza
ALA.DE.GRANHA

 

 

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Ala de Granha
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«I SALDI FINISCONO CON UN CROLLO DELLE VENDITE: È IL MIRACOLO ECONOMICO ITALIANO…»

Effetto annuncio …