Più di dieci persone al giorno, in Italia, si tolgono la vita, soprattutto al nord. Una media di quattromila all’anno

NON CERCATE MANDANTI A OGNI SUICIDIO

Il suicidio di Seneca, 1871, di Manuel Dominguez Sanchez. Olio su tela. Museo del Prado, Spagna.

Non cercate l’assassino di Orlando Merenda, il ragazzo gay torinese che si è tolto la vita. Non cercate l’assassino di Said Visin, il calciatore dalla pelle scura che si è ucciso a Milano. Un suicidio non è un omicidio delegato o collettivo, non ha un killer, un mandante e non è nemmeno colpa della società. Altrimenti quasi tutti i suicidi hanno un sicario, salvo chi si uccide perché è un malato terminale o sofferente. Chi si ammazza per l’amore deluso o tradito, è stato ucciso da colui o da colei che lo ha lasciato? Chi si suicida perché è stato licenziato è stato ucciso da chi lo ha licenziato? Chi si suicida perché la sua impresa ha chiuso, è stato ucciso da chi ha determinato la situazione di crisi?

Quanti suicidi nascono a causa di chi ha instillato in un ragazzo la convinzione che puoi avere tutto quel che desideri, che i sogni sono realtà, che non ci sono limiti né confini, che la felicità è a portata di mano, di clic, di trasgressione, di vestito e di polvere. Quanti suicidi nascono da istigazione a sentirsi dei, mitici, eccezionali, e soprattutto liberi, senza freni senza inibizioni. Dovremmo dunque spiccare un mandato d’arresto contro i cattivi maestri?

Più di dieci persone al giorno, in Italia, si tolgono la vita, soprattutto al nord. Una media di quattromila all’anno, anche se a volte i suicidi sono mascherati o negati, per pietà, per riserbo, per salvare le apparenze, la famiglia o l’anima di chi si è suicidato. Per i ragazzi il suicidio è la seconda ragione di morte; la prima sono gli incidenti dovuti a velocità, alcol e droga; cioè per la patologia dell’illimitato, per la libertà senza freni, senza misura.

L’Europa è il continente in cui ci sono più suicidi al mondo, soprattutto nel nord. C’è un nesso tra sole e depressione, tra oscurità e malinconia, suggeriscono pure le statistiche, oltre che gli psicologi e perfino i virologi; e i giovani che vivono più di notte che di giorno anche per questo sono perciò più esposti. Ma la causa principale dei suicidi, si sa, non è climatica, non è colpa del sole o della pioggia: è la loro fragilità, la forbice tragica tra aspettative e realtà, tra desideri e risultati, tra narrazione e situazione autentica; ma è anche per l’assenza di figure, motivazioni e punti saldi di riferimento, l’abbandono o la perdita degli affetti principali, lo smarrimento del confine tra la realtà e la percezione, tra il reale e il virtuale, tra ciò che immagini o ti fanno immaginare e ciò che è davvero nella vita. E per l’inattitudine al sacrificio, il mancato confronto con i bisogni primari, la fame, la sete, la miseria nera; il benessere ci rende più fragili e meno vitali. La comodità spegne la vita, accarezzandola.

Non è possibile assistere ogni volta che un ragazzo si suicida alla caccia all’assassino ideologico e alla trasfigurazione del suicida in martire e vittima di qualcuno o di ciascuno: l’episodio, il messaggio, il whatsapp, il filmino in cui qualcuno lo ha deriso, insidiato o insultato perché nero, gay, ragazza. Chi si uccide quasi mai si uccide per così poco; c’è sempre un movente cupo e profondo, l’episodio sgradevole o amaro di uno sconosciuto o di un conoscente non è mai la fine del mondo. Intendiamoci, in casi limite può capitare che sia un episodio del genere la causa scatenante, ma non si può ridurre la vita, e ogni vita negata, a quel triste schemino.

La depressione ha radici più lunghe, più oscure e più ramificate; nessuno è così inconsistente e superficiale da uccidersi per una battuta o per un apprezzamento sentito al passaggio. E se scavate tra i ragazzi omosessuali che si sono suicidati, e cercate un nesso con il loro orientamento sessuale, troverete tormenti meno banali e superficiali di un episodio di bullismo: risalgono alla loro identità tormentata, alla difficoltà di vivere le loro contraddizioni, una volontà divisa tra voglia di famiglia, di “normalità” e richiamo sessuale o erotico in altra direzione. Il problema risale alla propria condizione umana e non semplicemente al teatrino dei social, agli spogliatoi di una palestra o agli aperitivi al bar; è un problema che risale alla propria vita e alle sue lacerazioni e non si risolve additando un colpevole, magari di passaggio. O a norma di legge.

Abbiate più rispetto per i loro drammi, per la loro personalità, per la loro storia e per il loro tragico gesto; non si risolve scaricando la colpa su uno, magari ottuso, o su un piccolo fatto; o facendo una legge ad hoc che punisce ogni opinione, giudizio e sguardo gettato sugli omosessuali. Una persona è un intreccio di piani, di affetti e mancanze, di ricordi e rimpianti, di paragoni e di vite mancate, subite o deviate. Ha una storia interiore e una esteriore, ed è vero, in media, che gli omosessuali hanno una sensibilità più acuta o più acuita dalla loro diversità, che sono i primi ad avvertire, più degli altri che sono intorno. Non siamo marionette trafitte dalla prima marionetta che ci sfiora con la sua lingua o le sue mani.

Il gesto estremo di Said non deriva da episodi di razzismo”, furono costretti a precisare i genitori del ragazzo “per mettere fine alla strumentalizzazione”. Un genitore sa o magari intuisce quanti drammi, quanta fragilità, quante dolorose velleità e quanti abissi di depressione attraversano suo figlio. E se non lo sa, allora probabilmente il mancato rapporto di loro con lui rientra tra le cause del suo gesto terribile e insano.

Insomma, capisco una madre che cerca colpevoli, o cattivi compagni che hanno traviato il loro figlio; ma non può il Tribunale Permanente dei Media subito aprire la caccia per trovare il mandante dell’assassinio. So che voi in gran parte non ci credete, ma il killer, il mandante, è dentro quell’involucro misterioso che un tempo si chiamava anima, e che oscura la mente, incrina il cuore e arma la mano per il gesto mortale. Abbiate pietà di lui e di chi lo piange, anziché cercare vendetta e spargere odio intorno.

 

 

Fonte: MV, La Verità (29 giugno 2021)

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Marcello Veneziani
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«BATTIATO, TRA IL CINICO E IL SAPIENTE»

”Battiato è davvero un unicum nella musica leggera …