Ripensi alle promesse sfiorite: io volevo diventare non so cosa, cantava una canzone stupida e veggente della tua pubertà. Tu volevi diventare non so cosa, ma poi ecco quel che resta. Nulla, o poco

 

NON CI RESTA CHE L’ANIMA

 

Ripensi alle promesse sfiorite: io volevo diventare non so cosa, cantava una canzone stupida e veggente della tua pubertà. Tu volevi diventare non so cosa, ma poi ecco quel che resta. Nulla, o poco. Le vedi appassite le promesse che ti schiudevano alla vita. Inveisci contro la malasorte, ti senti derubato dal futuro, la sorte ingiusta non ha riconosciuto quel che meritavi, e poi quegli infami… invochi insperati risarcimenti. È più o meno la storia di tutti, più o meno è quel che tutti pensano in cuor loro, salvo coloro che si consegnarono sin da ragazzi al fatalismo automatico della vita e passarono subito all’anonimato, come se clandestinamente si vivesse meglio o più indisturbati. Abbassarono il tasso delle aspettative per abbassare il tasso delle frustrazioni.

Nel tempo riconquisti scampoli di serenità, assapori qualche piacere della sera. Ma poi quando gli altri se ne vanno, o quando la catena s’interrompe, ti risale una domanda: ma oltre a conservare la mia pelle, cioè a tardare l’impatto e a renderlo più mite, oltre i feticci, una tana, una polizza, che cosa posso mettere in salvo di tutto quel che fui, che vissi, che feci? Cosa resta o merita di restare? La domanda presuppone che la fede religiosa sia ormai nella migliore delle ipotesi ridotta a un presepe: il ricordo di una bella tradizione dell’infanzia, un racconto favoloso che ti teneva attaccato come davanti a un film e riuniva la famiglia, una serie di personaggi noti quanto inerti che sono al loro posto nei giorni comandati, insomma la riproduzione di un evento che non ti dice nulla oltre la vita domestica e i suoi ricordi di casa, che non è la chiave della vita e del mondo, ma solo la rappresentazione mitologica di un’infanzia perduta.

Il Cosmo

Se pensi l’eterno e l’infinito, se vedi scampoli del cosmo o senti le distanze siderali che spariscono nell’universo, ti sembra tutto così piccolo, così domestico: la tua religione, il tuo dio, le tue certezze, i suoi duemila anni su uno spicchio della terra in confronto ai miliardi d’anni luce sperduti tra le infinite galassie dell’universo. La religione rientra nel tuo guscio, magari le vuoi bene, come a

una mamma invalida o una bambina ignara; vai a visitarla, osservi alcuni riti, comandamenti e liturgie. Ma la domanda di prima resta senza una risposta vera e ultima, decisiva: cosa si salverà di tutto quel che fui, che fummo, che furono e che saranno? Qual è la scintilla che resterà accesa quando tutto sarà spento, ci sarà una briciola che non si disperderà nel nulla?

E allora ti sovviene una parola che è forse uno spiraglio: anima. Una parola che non è un’astrazione perché come altro definire il punto reale dove si esprime e si coagula tutto ciò che pensi, vivi, ami, nel corpo e nella mente e nelle tue emozioni? Anima, è quel luogo. Se l’anima è un’illusione, allora è un’illusione tutta la vita tua, tutto il pensare e l’agire della vita che nell’anima trova il suo punto di raccolta. L’anima è la cripta di tutto quel che fu la nostra vita, il punto focale dove trova coscienza, memoria e sensibilità l’intero racconto in cui siamo immersi e che chiamiamo vita. Alla fine quel che resta di noi è un alone dove si riassume l’immagine di un volto e, più sfocata, la sembianza di un corpo, il lume di uno sguardo, l’eco di una voce, più l’impronta di un carattere che è la traccia più cospicua, somma di mente e cuore riflessi nell’esistenza. Quel timbro di una vita lo chiamiamo anima. Non è illusione se non a patto di considerare illusorio tutto quel che ci circonda e ci sostanzia, la vita intera. Anima.

Libri Citati

 

  • Anima e corpo. Viaggio nel cuore della vita
  • Marcello Veneziani
  • Editore: Mondadori
  • Formato: EPUB con DRM
  • Testo in italiano
  • Cloud: Sì Scopri di più
  • Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
  • Dimensioni: 987,6 KB
  • Pagine della versione a stampa: 157 p.
  • EAN: 9788852050558.   Acquista € 8,99

 

 

Descrizione

Alla fine, ridotti all’essenziale, non siamo che anima e corpo. Il corpo è diventato la nostra ossessione vitale, sessuale e sanitaria. E l’anima è il nostro rifugio leggiadro nella vaghezza, testimonial di dediche e canzoni, ombra emotiva, ottimo titolo per CD, libri e terapie. Il corpo viene “alla” luce, l’anima viene “dalla” luce. L’anima è il nostro cielo, il corpo è la nostra terra. In queste pagine, leggerai una breve storia di ambedue, una sarà universale e impersonale, l’altra sarà intima e puerile. Poi entrerai nel cuore dell’anima e delle sue passioni e t’inoltrerai come un visitatore nel tuo corpo, raccontando dal vivo la sua scoperta e i suoi ricordi. Quindi cercherai nell’amore la sintesi di anima e corpo e avrai eros come guida. Viceversa troverai nella morte la loro separazione, quando verranno a prenderci i nostri cari perduti. La connessione anima la vita, la separazione la spegne. Tornando alla vita di ogni giorno, affronterai questa diffusa stanchezza di vivere, questa sfiducia nel mondo, nel futuro, in Dio, negli altri e in noi stessi… Questa perdita di luce e d’incanto, questo scivolare nella china dell’epoca e questo incenerire continuo di vita, progetti e passioni. Se tutto fuori crolla, muta, si spaesa, l’ultima casa che ci resta, la più esile e la più duratura è l’anima, rifugio estremo, spalancato sul precipizio dello svanire. Queste pagine s’interrogano su quel che resta di ciò che vivi e che fai, e cosa portare in salvo…

 Fonte Marcello Veneziani del 9 giugno 2020

 

Ti Potrebbe Interessare

 

L’ATTO DI MORTE DELLA FILOSOFIA, dopo l’anima, via la coscienza.

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Marcello Veneziani
Carica altro Cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«PER NON FERMARSI COL ROSSO PASSANO COL VERDE»

”Dopo le Sardine verranno le Zucchine. La sinistra cerca un nuovo travestimento per le com…