Dentro o fuori del vostro corpo, ne avete bisogno

Illustrazione di copertina- Suzy Parker

NON LASCIATE CHE LA PANDEMIA

VI FACCIA ODIARE I MICROBI


Circa 10 anni fa, sembrava che ovunque si guardasse, c’era qualcuno che parlava dell’importanza del microbioma umano. Nel 2003, lo Human Genome Project ha terminato la mappatura e il sequenziamento di tutto il DNA umano e il National Institutes of Health ha rivolto l’attenzione allo studio dei geni non umani che abitano in noi, quelli dei trilioni (migliaia di miliardi) – trilioni! – di batteri, virus, funghi e altri microrganismi che vivono sopra e dentro i nostri corpi. Tra il 2007 e il 2016, il NIH ha assegnato 170 milioni di dollari allo Human Microbiome Project per studiare la nostra relazione con il nostro microbiota.


Illustrazione del corpo umano con i batteri predominanti nelle diverse parti del corpo. W/p.d.

Questo progetto e altre ricerche hanno dimostrato che è impossibile sopravvalutare la nostra dipendenza dal microbiota. Diversi studi hanno dimostrato che il microbioma è parte integrante della regolazione sia del nostro sistema immunitario che degli organi interni. Nella loro interezza, il microbiota rappresenta qualche kg del corpo umano medio, ma circa la metà del numero totale di tutte le cellule. Questi microbi, collettivamente soprannominati “organo virtuale“, esprimono da 2 milioni a 20 milioni di geni, superando di oltre 100 volte i geni umani. Questi organismi digeriscono il nostro cibo; mantengono il pH di microambienti come saliva, bile, acido gastrico e dotti lacrimali; e rimuovono le cellule morte in modo che quelle vive possano prendere il loro posto. Colonizzano la nostra pelle, i capelli e le ascelle e ricoprono ogni nostro singolo angolo e fessura dentro e fuori di noi. La presenza di una sana gamma di microbiota è fondamentale per mantenere quasi tutti i processi fisiologici e per contrastare la crescita dei patogeni che ci fanno ammalare.

Ma non è solo il nostro microbioma ad essere importante. Anche agenti patogeni che potrebbero sembrare potenzialmente dannosi possono essere importanti per la nostra salute. In effetti, molti biologi evoluzionisti ritengono che la singola forza trainante più importante dell’evoluzione sia la corsa per superare in astuzia i nostri agenti patogeni in continua evoluzione. Secondo questa ipotesi (chiamata ipotesi della Regina Rossa), senza questa competizione potremmo essere ancora organismi a otto cellule che nuotano in uno stagno.

Con il proliferare della ricerca sull’importanza del microbioma e dell’esposizione ai microbi esterni, sembrava che i giornalisti e il pubblico fossero aperti a questo messaggio. Nel 2013, il fedele sostenitore del New York Times, Michael Pollan esaltava le glorie della vita in modo da mantenere la propria diversità microbica. Un articolo nel 2015 da Bloomberg ha sottolineato che cercare di evitare i batteri era sia inutile che sbagliato. Il popolare Let Them Eat Dirt del 2016 è stato definito nientemeno che dal guru dei genitori e autore di bestseller William Sears come “Una lettura obbligata per genitori, insegnanti e qualsiasi operatore sanitario per bambini”.

Entro il 2019, l’accettazione pubblica stava crescendo sul fatto che l’esposizione ai microbi – e, sì, anche agli agenti infettivi – fosse inevitabile e, di fatto, per lo più benefica.

E poi il COVID-19 ha colpito.

Ora tutti quei progressi sono stati messi sotto le ruote dei protocolli di pulizia e abbandonati per le fantasie di un ambiente sterile. Abbiamo confuso sporco e sudiciume, e persino “germi” nel senso tradizionale, cioè microbi diffusi da un essere umano all’altro, con agenti patogeni mortali, e ora stiamo cercando disperatamente di evitarli tutti. Il risultato è che alcune persone portano i loro cani fuori da soli indossando una mascherina N95, applicano spesso e generosamente un disinfettante per le mani e parlano di come “non vogliono mai più prendere il raffreddore”. L’autorità di transito di New York City ha un’intera pagina web dedicata ai suoi protocolli di pulizia, inclusa l’applicazione di “biostatici antimicrobici” dopo aver condotto un intero protocollo di disinfezione. I bambini sono esclusi dalla scuola perché hanno il naso che cola, quando è proprio l’esposizione dei bambini ad altri bambini con il naso che cola che crea un robusto sistema immunitario quando raggiungono l’età adulta.

L’esposizione regolare a microbi e allergeni in giovane età e critica per raffinare il sistema immunitario e addestrarlo a discriminare tra invasori e se stessi, un concetto noto come ipotesi dell’igiene. Gli studi dimostrano che i bambini piccoli che vivono nelle fattorie o con animali domestici sviluppano allergie e asma meno frequentemente rispetto a quelli che non sono esposti agli animali e al loro ambiente. Allo stesso modo, i bambini che hanno l’abitudine di succhiarsi i pollici e mangiarsi le unghie, abitudini che introducono un’ampia varietà di microbi nella cavità orale – e quindi nel resto del corpo – hanno anche una maggiore protezione contro le malattie allergiche rispetto a quelle che non lo fanno.

Tuttavia, i microbi non sono solo buoni per allenare il sistema immunitario. Sono anche fondamentali per la nostra salute generale e il nostro benessere. Gli adulti che vivono nelle fattorie hanno anche un microbiota intestinale più diversificato, così come le persone che hanno interazioni sociali più frequenti e più strette rispetto a quelle che non le hanno. La mancanza di diversità microbica intestinale è associata a una vasta gamma di problemi di salute tra cui obesità, ansia e depressione. (È per questo che l’intestino viene talvolta definito “il secondo cervello“). Il microbiota intestinale media sia la digestione che l’immunità superando gli agenti patogeni per i nutrienti e lo spazio e stimolando le risposte immunitarie innate. Il microbiota intestinale svolge anche un ruolo importante nel mantenimento e nella regolazione del microbiota in altri organi, come i polmoni e il cuore, e uno squilibrio può peggiorare le malattie respiratorie, compreso il COVID-19. Il microbiota cutaneo, spesso la prima linea di difesa contro un’infezione, può stimolare specifiche firme di espressione genica nei linfociti T, che proteggono dalle infezioni e accelerano la guarigione delle ferite. Non sorprende che la mancanza di diversità nel microbiota sia associata a  malattie polmonari e cardiovascolari, malattie autoimmuni come diabete e distrofia muscolare, ma anche cancro e disturbi mentali.

La diversità microbica ha subito un duro colpo negli ultimi decenni, anche molto prima della pandemia, probabilmente a causa degli onnipresenti protocolli di pulizia e sanificazione, diete ricche di alimenti industriali e vita più sedentaria e indoor. Ma le mitigazioni del COVID-19 implementate negli ultimi due anni, come blocchi, mascheratura, distanziamento e uso diffuso di disinfettanti, possono solo aver aggravato il problema. Ironia della sorte, stare all’interno dove siamo esposti a meno microbi e meno persone, che per molte persone hanno anche contribuito a un maggiore consumo di alcol e all’aumento di peso, probabilmente contribuisce alla scarsa immunità che ostacola la nostra capacità di combattere SARS-CoV-2.

Potremmo già vedere gli effetti di queste politiche di isolamento pandemico sull’immunità. Una possibile spiegazione per la recente ondata di epatite grave nei bambini piccoli è che, dopo due anni in cui sono stati al riparo da altri esseri umani, il sistema immunitario dei bambini è meno abile nel combattere agenti patogeni precedentemente lievi come gli adenovirus. (Finora non ci sono prove che la stessa SARS-CoV-2 stia causando direttamente l’epatite.) Un fenomeno correlato, il debito immunitario, in cui la mancanza di esposizione ad altre persone provoca un elevato carico di malattie infettive al termine dell’isolamento. Questo probabilmente ha contribuito a Focolai di RSV nei neonati e nei bambini la scorsa estate e autunno.

Per fortuna, molte delle nostre mitigazioni iniziali sbagliate per prevenire la diffusione del COVID-19, come pulire i generi alimentari, riempire gli skateboard park con la sabbia e avvolgere le altalene per bambini in un involucro di plastica, sono state gradualmente eliminate. Ma ne restano ancora troppi. Ci sono, ancora oggi, contenitori per penne “puliti” nelle banche e negli studi medici, menu a codici QR nei ristoranti e barriere di plexiglass in alcune scuole, negozi di alimentari e studi medici. I bambini stanno ancora pulendo i banchi con candeggina, Lysol e altri prodotti tossici e vanno a scuola con i disinfettanti per le mani attaccati agli zaini. Anche il CDC ha mantenuto un protocollo dettagliato per la pulizia profonda sul proprio sito web nonostante l’ormai consolidato consenso su tale rischio di trasmissione superficiale di SARS-CoV-2 è infinitamente piccolo. C’è ancora un forte stigma sull’uscire anche con un lieve colpo di tosse o tirando su col naso, così come leggiamo articoli che dicono che tutti dobbiamo ripensare la stretta di mano come una norma culturale e, nel mezzo della stagione delle allergie, lo starnuto è visto come una trasgressione sociale .

I virus che ci hanno resi umani

È probabile che misure come la separazione delle penne continuino a esistere perché considerate innocue. A chi fa davvero male una vaschetta di penne “pulite”? Ma mentre individualmente questi protocolli possono essere relativamente insignificanti, la combinazione di tutti loro e il loro inserimento apparentemente infinito nella vita quotidiana potrebbe effettivamente fare del male contribuendo a un ambiente che è “iperpulito” e promuovendo l’idea che incontrare eventuali microbi è dannoso per la salute.

Dopo due anni di restrizioni COVID-19 che ci hanno tenuti lontani dagli altri, oltre al messaggio costante che la diffusione di germi può essere mortale, è comprensibile che molte persone trovino attraente la fantasia della sterilità. Tuttavia, mentre usciamo dalla fase pandemica, dobbiamo ripristinare parte della nostra equanimità nei confronti del mondo microbico e riguadagnare un apprezzamento di quanto siano integrali questi organismi per la nostra sopravvivenza. I vaccini, non le salviette Lysol, sono la nostra migliore difesa contro i danni di SARS-CoV-2. E i microbi non sono il nemico. Sono parte integrante di ciò che siamo: l’8% del nostro DNA è in realtà resti virali e si pensa che un altro 40% abbia origini virali, compresi i geni che danno origine alla placenta, l’organo che ci definisce mammiferi e che mantiene tutti noi vivi per nove mesi nell’utero.

Faremmo bene a ricordare che la natura detesta il vuoto: quando i microbi che hanno convissuto con noi per centinaia di migliaia di anni vengono spazzati via, altri peggiori potrebbero prendere il loro posto. Dobbiamo permettere a noi stessi di scambiare microbi con altre persone e con i nostri ambienti di nuovo. È letteralmente il modo in cui siamo usciti dalla palude e siamo diventati umani.

Prof. Ugo Bardi

 

 

Fonte: Theunconditionalblog del 20 maggio 2020

 

di Leslie Bienen e Margery Smelkinson (articolo originale su Slate Magazine)

Traduzione a cura del Prof. Ugo Bardi per The Unconditional Blog

Illustrazione di copertina: Suzy Parker

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Ugo Bardi
Carica altro SOCIETÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«COS’È SUCCESSO AL PROGRESSISMO?»

”Dove sono finiti i progressisti? …