Nel chiostro del convento delle Dame della Croce a Parigi, ove Rossana s’è ritirata dopo aver appreso della morte di Cristiano…

NONOSTANTE IL SACCHEGGIO

 

Cyrano da un disegno di Stelio Fenzo

Nel chiostro del convento delle Dame della Croce a Parigi, ove Rossana s’è ritirata dopo aver appreso della morte di Cristiano, quel “mio amico”, fedele e irriverente, che è  s’appoggia all’albero fronzuto al centro della scena, come da testo, tirando di spada alle ombre della sera, “Che dite?… è vana… so… la resistenza adesso, ma non si pugna nella speranza del successo! No, no: più bello è battersi quando è invano – Qual fosco drappello è lì? – son mille… ah sì vi riconosco vecchi nemici miei, siete tutti colà! La Menzogna? Ecco, prendi!… ecco, ecco la Viltà ed ecco i Compromessi, i Pregiudizi! Che io venga a patti? Mai! – Ed eccoti anche te, Stoltezza! – Io so che alfine sarò da voi disfatto; ma non monta: io mi batto, io mi batto, io mi batto…”

(da bambino, al cinema all’aperto Zanarini, i lacrimoni il groppo in gola le mani serrate ai braccioli in legno e l’inespressa promessa, inconsapevole ancora, che egli sarebbe stato al mio fianco con il Corsaro Nero e il Don Chisciotte e per sempre, come tanti “eroi” della mia infanzia fra i cespugli di bambù nel giardino di viale Maria Ceccarini e poi, in una giovinezza forse amara e certo trasognante, per le strade d’Europa. Essi, e immoti e fedeli e presenti, io di meno – e me ne dolgo assai – all’ombra con cui cercavano di preservarmi proprio da quel “fosco drappello”).

Io stesso, più volte, ho detto e l’ho scritto come la vita volga all’inesorabile tramonto quando la mente ed il cuore si affollano, non richiesti, di ricordi e questi divengono e s’impongono ben più d’immagini e voci del quotidiano esperire. E, però, tramontare e perire non sono la medesima cosa, come insegnava Martin Heidegger perché nel tramonto si raccoglie e si protegge l’aurora a venire. Così i ricordi possono trainare oltre il contingente e divenire patrimonio oltre colui che li rammemora e assumere, in qualche modo, valore di testimonianza e di riflessione.

A causa di polmonite Il 25 agosto del 1900 moriva, dopo oltre undici anni di assenza del gesto e della parola e d’ogni pensare, muta presenza di sé medesimo, “l’ospite più inquietante” fra i filosofi, Friedrich Nietzsche. E questo “nostro” Maestro – e sarei tentato e, forse, a volte ho avuto tanto ardire da collocarlo fra gli “amici” più cari – ci ha educato a metter in ogni nostro scritto qualcosa di noi stessi. Senza la carne e le ossa e il sangue cosa sarebbe il nostro dire se non vanità e vacuità da fantasmi? Tanti i suoi aforismi, tanti ove ciascuno di noi può ritrovarsi e condividere, forse un di più e di troppo per chi vuole saccheggiarne. Socrate nulla volle lasciare di scritto e Platone avrebbe voluto che nulla dei suoi dialoghi restasse – i greci sapevano come il fraintendimento fosse in agguato. Nel 2006, pubblicando Strade d’Europa, Rodolfo ed io apponemmo in quarta di copertina l’aforisma: “ecco nuvole temporalesche: ma è questo un buon motivo perché noi, spiriti liberi, eterei, giocondi, non dobbiamo procurarci una buona giornata?”. Appunto. Nella stagione ove domina il colore grigio della vergogna – pandemia dello spirito – datevi, dunque, alla rapina – non possiedo il rimpianto o rimorso o rancore e alcun rinnegamento così ben poco potete prendervi – e, con voi e con la Stupidità in testa, quel “fosco drappello” potrà forse averla vinta. Magro bottino. (e mi rivolgo a te, Mario) “Voi mi strappate tutto, tutto: il lauro e la rosa! Strappate pur! Malgrado vostro, c’è qualche cosa ch’io mi porto (e stasera quando in cielo entrerò, fiero l’azzurra soglia salutarne io potrò;) ch’io porto meco, senza piega né macchia, a Dio, vostro malgrado…”.

Bastian Contrario

 

 

Fonte: Il Pensiero Forte del 1 Settembre 2021

  • «Se tornasse Cicerone… Hic manebimus optime»

    ”Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare…
Carica ulteriori articoli correlati
  • «L’ISOLA DEL NAUFRAGO»

    ”Nelle innumerevoli vignette del naufrago, costui ci si propone a vegliare in attesa di un…
  • «ALL’INIZIO FU IL MITO»

    ”Il mito, ormai sappiamo, non è la favola da raccontare ai bambini perché prendano sonno, …
  • «DONNE, ANCORA DONNE»

    ”Il Fascismo e il Nazionalsocialismo avevano la concezione della donna quale “angelo del f…
Carica altro Bastian Contrario
Carica altro CULTURA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«L’ISOLA DEL NAUFRAGO»

”Nelle innumerevoli vignette del naufrago, costui ci si propone a vegliare in attesa di un…