Le elezioni del Parlamento europeo del 9 giugno rappresentano una scelta cruciale tra guerra e pace

ORBÁN: LE ELEZIONI EUROPEE SONO UNA

SCELTA TRA GUERRA E PACE


Le elezioni del Parlamento europeo del 9 giugno rappresentano una scelta cruciale tra guerra e pace, il futuro dei nostri figli e le opportunità di vita in generale per l’Ungheria, ha affermato il primo ministro ungherese Viktor Orbán.

Lo riferisce l’agenzia ungherese MTI.

Viktor Orbán ha espresso la sua preoccupazione per il tentato omicidio del primo ministro slovacco Robert Fico durante un’intervista sul canale YouTube Patrióta. Innanzitutto, ha espresso preoccupazione per la sicurezza dei suoi colleghi. Ha anche espresso il timore di ritrovarsi isolato a Bruxelles con la sua posizione sulla guerra, con l’imposizione di “nuove regole di sicurezza”.

Riguardo alla guerra, Orbán ha criticato la percezione dei politici europei che vedono le armi nucleari principalmente come un “deterrente tattico” piuttosto che come qualcosa da utilizzare effettivamente.

Ha ricordato che durante la Seconda guerra mondiale nessuno credeva che gli americani avrebbero effettivamente usato la bomba nucleare. Secondo lui, le discussioni sulle armi nucleari sono di cattivo auspicio. E l’espressione “La missione della NATO in Ucraina fa rizzare i capelli”, ha aggiunto il primo ministro ungherese.

Bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki. Perdite civili: 90 000 – 166 000 vittime a Hiroshima. 60 000 – 80 000 vittime a Nagasaki. Sono seguite altre vittime ammalatesi negli anni per varie patologie tumorali.

Orbán ha descritto le conversazioni sulle armi nucleari tattiche, sulle munizioni all’uranio impoverito, sulla guerra mondiale e sull’invio di truppe difensive oltre i propri confini come “orribili”. Egli ha sottolineato che la resistenza a queste idee è più forte tra gli ungheresi che tra le popolazioni dei paesi occidentali, aggiungendo che attualmente ci troviamo “nel mezzo di un processo che potrebbe essere visto tra dieci anni come il preludio alla Terza Guerra Mondiale”..

Ha accusato l’Europa di irresponsabilità di fronte al suo coinvolgimento nel conflitto ucraino, senza valutare quanto ciò le costerebbe. “L’Europa si sta lanciando in una guerra senza nemmeno valutare i costi e i mezzi necessari per raggiungere gli obiettivi militari prefissati. Non ho mai visto una tale irresponsabilità in vita mia”, ha concluso Viktor Orbán.

Blondet & Friends. Maurizio Blondet 30 Maggio 2024

 

 

 

 

 

fonte: Osservatore continentale

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Maurizio Blondet
Carica altro ATTUALITÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«LA GIOVENCA ROSSA, IL TERZO TEMPIO E IL SIONISMO ESCATOLOGICO»

Chi segue il genocidio in corso a Gaza trascura in genere gli aspetti teologici sottesi ag…